T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio
Ti piace il nuovo stile del T-Forum?
Sì, meglio questo nuovo
46% / 31
No, era meglio quello vecchio
54% / 37
Ultimi argomenti
ALIENTEK D8Oggi alle 21:17nerone
POPU VENUS Oggi alle 21:10fritznet
topping tp 60Oggi alle 18:54giucam61
HelP! DAC!Ieri alle 23:46johnny99
SurplusIeri alle 10:06gubos
I postatori più attivi della settimana
12 Messaggi - 22%
9 Messaggi - 16%
8 Messaggi - 15%
5 Messaggi - 9%
4 Messaggi - 7%
4 Messaggi - 7%
4 Messaggi - 7%
3 Messaggi - 5%
3 Messaggi - 5%
3 Messaggi - 5%
I postatori più attivi del mese
288 Messaggi - 22%
252 Messaggi - 19%
142 Messaggi - 11%
142 Messaggi - 11%
113 Messaggi - 9%
86 Messaggi - 7%
82 Messaggi - 6%
70 Messaggi - 5%
68 Messaggi - 5%
65 Messaggi - 5%
Migliori postatori
Stentor (20392)
20392 Messaggi - 15%
DACCLOR65 (19630)
19630 Messaggi - 15%
schwantz34 (15499)
15499 Messaggi - 12%
Silver Black (15438)
15438 Messaggi - 11%
nd1967 (12803)
12803 Messaggi - 10%
flovato (12509)
12509 Messaggi - 9%
10260 Messaggi - 8%
piero7 (9854)
9854 Messaggi - 7%
wasky (9229)
9229 Messaggi - 7%
fritznet (8856)
8856 Messaggi - 7%
Chi è in linea
In totale ci sono 78 utenti in linea :: 10 Registrati, 2 Nascosti e 66 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

55dsl, Alessandro Asborno, alluminium, elenesther, franzfranz, Masterix, p.cristallini, savi, Smanetton, sportyerre

Vedere la lista completa

Flusso RSS

Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore
Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15438
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Software developer - Istruttore di Muay Thai
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro





http://www.silvercybertech.com

Stradivari - Lo sapevate che...

il Gio 14 Mag 2009 - 1:08
Stradivari ed il Minimo Solare del Seicento
Una teoria singolare lega la perfezione del suono dei violini fabbricati da Stradivari, alla presenza del grande freddo sulle Alpi nel periodo del "Minimo di Maunder", alla fine del XVII Secolo.



Non è facile tradurre in termini matematici oggettivi quella che è la bellezza e la perfezione del suono degli oggetti prodotti dal grande liutaio italiano Antonio Stradivari.

Si possono però rendere questi parametri in termini monetari: un suo strumento venne pagato 3,4 milioni di euro nel 2006, a Londra, ed i suoi violini vengono tuttora utilizzati dai più famosi concertisti.

Ma qual è il loro "segreto"?

Si ritiene che Antonio Stradivari abbia migliorato la tecnica di fabbricazione dei suoi strumenti, utilizzando delle particolari vernici in grado di riflettere perfettamente il suono indotto dalla vibrazione della corda del violino, ma anche la qualità del legno è stata molto importante per la costruzione di uno "strumento perfetto".

Antonio Stradivari sembra che avesse un intuito senza pari nello scoprire gli alberi più adatti alla costruzione dei violini tra le abetaie dell'Italia nord orientale.

A questo punto, notiamo una coincidenza singolare.

Antonio Stradivari è nato nel 1644, e costruì i suoi strumenti migliori tra il 1680 ed il 1730.

Contemporaneamente, l'Europa intera trascorreva uno dei periodi più freddi degli ultimi mille anni, la ben nota "Piccola Età Glaciale", che culminò proprio tra il 1645 ed il 1715 nel cosiddetto "Minimo di Maunder", un periodo caratterizzato dalla quasi totale assenza di Macchie Solari, e con attività ridotta ai minimi termini per la nostra Stella.

L'idea che i due fattori possano essere legati tra di loro per la realizzazione di strumenti così perfetti, è venuta in mente alcuni anni fa da ricercatori britannici e statunitensi, ed ha preso largamente piede negli ambienti scientifici e musicali.

In pratica, un abete cresciuto in condizioni di stress da freddo, presenta anelli di accrescimento piccoli, regolari, e con legno molto denso, sarebbe in grado di dare un tono ed una brillantezza di qualità superiore ai violini, mentre un legno cresciuto velocemente e ad anelli molto larghi avrebbe una scarsa risonanza.

Gli studi condotti hanno rilevato che, proprio tra la metà del Seicento, ed i primi due decenni del Settecento, i tassi di crescita degli alberi alpini sono stati i più bassi degli ultimi 500 anni.

Stradivari avrebbe dunque beneficiato di queste straordinarie condizioni climatiche tipiche di un prolungatissimo minimo solare?

La teoria è molto suggestiva ed ha preso largo piede, ma le prove a suo supporto non sono molte.

L'esame dei violini di Stradivari ha evidenziato effettivamente del legno di abete con anelli stretti e regolari, almeno per i primi strumenti, mentre, successivamente, veniva utilizzato legno con anelli molto più larghi ed irregolari.

Forse, dunque, la bravura del Liutaio è stata superiore anche alle condizioni climatiche favorevoli nelle quali viveva.


Marco Rossi
© Meteogiornale - http://www.meteogiornale.it/news/read.php?id=20133

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il forum di Fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.lucegrafia.net
QUALITY SOUND
Operatore Hi-Fi
Operatore Hi-Fi
Data d'iscrizione : 01.03.09
Numero di messaggi : 853
Località : NAPOLI
Impianto : Comunicazione non indispensabile

Re: Stradivari - Lo sapevate che...

il Gio 14 Mag 2009 - 9:40
interessante sta' cosa...........bravo sergio!!...........................
avatar
Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3940
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70
http://www.forart.it/

Re: Stradivari - Lo sapevate che...

il Gio 14 Mag 2009 - 10:34
Mauro Corona ha scritto:Stradivari dove prendeva il legno? Prendeva nel bosco del Cansiglio le sue essenze, e non era la vernice che faceva suonare il violino, suonava perché tagliava il legno in una notte di maggio quando il bosco cantava.
Mmm

avatar
somian929rr
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 12.02.09
Numero di messaggi : 1064
Località : CATANIA
Occupazione/Hobby : casalingo-mammo!!!
Impianto : Il mio.

Re: Stradivari - Lo sapevate che...

il Gio 14 Mag 2009 - 12:58
Egli sceglieva personalmente gli abeti, che servivano per la tavola armoniva dei suoi violini, recandosi nella val di Fiemme dove appunto si dice questa piccola era glaciale abbia permesso la crescita di abeti più sani rispetto ad altre zone.

anche un altro liutaio ebbe la stessa reputazione Giuseppe Guarneri del Gesù.
avatar
audioman
Appassionato
Appassionato
Data d'iscrizione : 27.04.09
Numero di messaggi : 431
Località : Arzano (NA)
Impianto : .

Re: Stradivari - Lo sapevate che...

il Mer 2 Set 2009 - 20:50
Le macchie solari sono l'attivita del sole, che ha un ciclo di undici anni, gli scienziati nell'ultima fase di questo ciclo ne hanno misurate poche, temono pertanto l'inizio di un altro "Minimo di Maunder"


http://www.repubblica.it/2009/08/sezioni/scienze/sole-anomalo/sole-anomalo/sole-anomalo.html
ikigen
UTENTE DISISCRITTO
Data d'iscrizione : 17.04.10
Numero di messaggi : 330
Località : apolide
Impianto : JVC XV-N452, Muse TDA1543, Denon PMA-510AE, Klipsch F-1

Re: Stradivari - Lo sapevate che...

il Sab 7 Ago 2010 - 20:40
C'è da dire che gli strumenti di Stradivari e di tutti gli altri violinai di quel periodo,
sono stati pesantemente modificati a partire dall'inizio dell'Ottocento, per venire incontro alle mutate esigenze musicali. Manico e tastiera venivano segati via e sostituiti , mantenendo solo il riccio, si cambiava lo zocchetto, la catena, l'anima, il ponticello con altri componenti di diverse dimensioni. Frequentissime le "doppiature" di piano armonico, fasce e fondo, per ovviare ai danni e all'usura causate dall'utilizzo. Tra l'altro gli stradivari oggi vengono suonati con le corde in acciaio accordate a 440 hz mentre nel 700 si usavano corde in budello accordate a diapason inferiori. L'unico stradivari al quale non è stato mutato l'assetto è la viola "medicea" che si è salvata grazie alle sue misure di viola tenore, caduta in disuso nel 700. Quindi tutte le discussioni sui "segreti" utilizzati dal buon Antonio secondo me hanno poco senso, visto che del suo lavoro originario è rimasto ben poco. Il vero mistero è come facciano questi strumenti a suonare bene dopo tutte le porcherie che hanno subito!
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum