T-Forum, la vera HiFi alla portata di tuttiAccedi

Benvenuto nell'unico forum in cui 11776 utenti, con i loro 820029 messaggi, hanno scelto di ascoltare con le orecchie, con il cuore e un occhio al portafoglio!

Nuovo look del T-Forum, dai un'occhiata qui.
Il T-Forum ha bisogno del tuo aiuto! Controlla se hai i requisiti necessari e proponiti.
Hai trovato uno spammer nel forum? Segnalalo subito all'amministrazione o a un moderatore!
Diamo il benvenuto ai nostri nuovi moderatori.
Chi sono i top postatori di oggi? Clicca qui per scoprirli.

Controlla qui gli argomenti attivi del giorno.


Condividi

descriptionANNI ROSSI - Rockwell (2009)

more_horiz
http://www.sentireascoltare.com/recensione/1961/anni-rossi-rockwell.html

Nonostante la pessima copertina Smile è un bel disco



Polistrumentista di formazione classica, la ventitreenne americana Anni Rossi potrebbe benissimo essere l’anello di congiunzione tra Joanna Newsom e Carla Bozulich. Un’attitudine alla canzone e nello stesso tempo alla musica contemporanea, per un avant pop che mischia elementi sinfonico-orchestrali con dissonanze e destrutturazioni.
La viola è infatti il suo strumento di elezione, e questo le permette l’improvvisazione e la stratificazione tra gli elementi, per composizioni o meglio mini suite sempre sul punto di deflagrare, in un continuo saliscendi emotivo ed armonico. Una scrittura cinematica e molto free la sua, che le consente le massime variazioni, anche della voce, usata come un vero e proprio strumento aggiunto, modulando le armonie insieme alle progressioni armoniche strumentali.
Rockwell è compiutamente il biglietto da visita di Anni: alcuni dei suoi precedenti pezzi in repertorio sono stati, sotto la guida di Steve Albini, rivisitati e arricchiti strumentalmente, e rispetto all’anarchia e all’impeto delle prime prove, la sua energia incontenibile viene incanalata al servizio delle composizioni. Afflati sinfonico orchestrali (Deer Hunting Camp 17) che si uniscono alle variazioni e alle dissonanze (Wheelpusher), strutture canzoni contaminate (Machine), massiccio uso della viola, ma anche di organo (Ecology), clarinetto (Venice), violoncello, fiati e soprattutto percussioni. La controparte femminile dei Beirut o di Final Fantasy, una My Brightest Diamond meno “normalizzata”, una Carla Bozulich per il lato selvaggio e destrutturato, il John Cale che dal vivo percuote la sua viola, le coloriture Joni Mitchell della voce, questi gli immediati paragoni che ci vengono in mente. Una bella sorpresa davvero.
Teresa Greco
(7.3/10)

(da: sentireascoltare.com)

descriptionRe: ANNI ROSSI - Rockwell (2009)

more_horiz
Direi anche una bella voce, che non guasta. Smile

descriptionRe: ANNI ROSSI - Rockwell (2009)

more_horiz
De simone Biagio ha scritto:
Direi anche una bella voce, che non guasta. Smile

E tra l'altro il disco suona, almeno nel mio impianto, piuttosto bene Smile

descriptionRe: ANNI ROSSI - Rockwell (2009)

more_horiz
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum