T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Oggi a 0:36 Da CHAOSFERE

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri a 23:58 Da CHAOSFERE

» Nuovo ADCOM GFA-565-SE, acquisto
Ieri a 23:58 Da sound4me

» Pioneer SA-706 non va d'accordo con Canton Quinto 520...
Ieri a 23:30 Da mauretto

» Chi ben comincia...consigli
Ieri a 23:23 Da p.cristallini

» Madame Butterfly
Ieri a 23:02 Da enrico massa

» upgrade 2500 max
Ieri a 22:50 Da Docarlo

» RCF Stereo Amplifier AF 6181
Ieri a 22:28 Da Aggeo

» Consigli per impianto 2.1
Ieri a 22:21 Da Docarlo

» cablaggio interno
Ieri a 21:46 Da Angel2000

» R.I.P GREG LAKE
Ieri a 20:49 Da Docarlo

» Cavo ad Y RCA per Subwoofer
Ieri a 18:39 Da Suono56

» (GE) Trasformatore toroidale 230 V~ 2 x 45 V 2 x 3.33 A 300 VA Sedlbauer.
Ieri a 14:44 Da scontin

» Antenna FM
Ieri a 13:37 Da fritznet

» Dac per Koss PortaPro?
Ieri a 13:22 Da mako

» TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 COMPLETO
Ieri a 12:39 Da Angel2000

» Una storia di cavi
Ieri a 12:25 Da Suono56

» El GORDO - una torre senza filtri, si può?
Ieri a 12:23 Da Angel2000

» Cuffie bestbuy 150€ no amplificatore
Ieri a 11:50 Da bob80

» Diffusore bookshelf a due vie con woofer caricato in doppio carico Asimmetrico a vista (DCAAV)
Ieri a 11:45 Da ricky84

» AudioNirvana Super 12" Cast Frame in cabinet 5.6MKII - risultato finale
Ieri a 11:01 Da giucam61

» Collegare più sorgenti al T-Amp
Ieri a 10:51 Da CHAOSFERE

» [NO] vendo pre+finale valvole classe A
Ieri a 8:23 Da gigetto

» Confronto tra Breeze full mod. vs Drok ta2024b pareri personali e riflessioni
Ieri a 0:33 Da RAMONE67

» Amplificatore per Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B, quale migliore?
Mer 7 Dic 2016 - 23:52 Da giucam61

» L'ho fatto, le ho distrutte :D
Mer 7 Dic 2016 - 21:08 Da zimone-89

» Daphile - Audiophile Music Server & Player OS
Mer 7 Dic 2016 - 20:53 Da dinamanu

»  il trends tamp è oggi un oggetto superato?
Mer 7 Dic 2016 - 19:18 Da alexandros

» Quale ampli per le mie Dynaudio M20
Mer 7 Dic 2016 - 18:13 Da dinamanu

» AUDIOLAB 8000SE
Mer 7 Dic 2016 - 16:31 Da Gabriele Barnabei

» Casse acustiche quali?b&w 684 o IL tesi 560?
Mer 7 Dic 2016 - 16:26 Da rx78

» impianto entry -level
Mer 7 Dic 2016 - 11:12 Da giucam61

» fissa lettore CD
Mer 7 Dic 2016 - 10:54 Da giucam61

» jbl lsr 305 vs krk rokit 6 g3
Mer 7 Dic 2016 - 8:41 Da luigigi

» CAIMAN SEG
Mer 7 Dic 2016 - 0:42 Da Zio

» (NA) Amplificatore Kingrex con DAC usb e uscita cuffie €270+ sped.
Mer 7 Dic 2016 - 0:20 Da sonic63

» Daphile in ram
Mar 6 Dic 2016 - 23:58 Da ghiglie

» Aiuto lenco L75s
Mar 6 Dic 2016 - 20:36 Da Angel2000

» Ho preso le grado sr80e e vi porto un po' di impressioni
Mar 6 Dic 2016 - 19:02 Da dinamanu

» Alimentatore Muse i25w Ta2021 quale connettore?
Mar 6 Dic 2016 - 18:22 Da Tasso

» Messaggio per Valterneri NAD90
Mar 6 Dic 2016 - 18:05 Da enrico massa

» [to]Vincent sp 997 finali mono
Mar 6 Dic 2016 - 14:51 Da krell2

» OLD AKG K141 MONITOR E LITTLE DOT MK II V3.0
Mar 6 Dic 2016 - 14:47 Da sportyerre

» [AN] Teac UD-H01
Mar 6 Dic 2016 - 14:27 Da Masterix

» Player hi fi
Mar 6 Dic 2016 - 11:38 Da santidonau

» ultimo nato (mau 749 R.I.P)
Mar 6 Dic 2016 - 6:01 Da Tommaso Cantalice

» Alternativa a Volumio: Moode Audio!
Lun 5 Dic 2016 - 22:40 Da eddy1963

» Vendo 2XFostex FE83EN Euro 110 con enclosures bookshelf
Lun 5 Dic 2016 - 22:14 Da potowatax

» Amplificatore per chiudere il cerchio
Lun 5 Dic 2016 - 21:05 Da Sistox

» Giradischi - quesiti & consigli
Lun 5 Dic 2016 - 19:25 Da dinamanu

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

76% 76% [ 148 ]
24% 24% [ 47 ]

Totale dei voti : 195

I postatori più attivi della settimana
CHAOSFERE
 
fritznet
 
lello64
 
dinamanu
 
rx78
 
giucam61
 
schwantz34
 
Angel2000
 
gigetto
 
sportyerre
 

I postatori più attivi del mese
CHAOSFERE
 
dinamanu
 
lello64
 
Angel2000
 
giucam61
 
fritznet
 
rx78
 
gigetto
 
natale55
 
R!ck
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15495)
 
Silver Black (15375)
 
nd1967 (12784)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10219)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8495)
 

Statistiche
Abbiamo 10371 membri registrati
L'ultimo utente registrato è pturci

I nostri membri hanno inviato un totale di 769499 messaggi in 50065 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 24 utenti in linea :: 0 Registrato, 0 Nascosti e 24 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Furl  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Gio 12 Lug 2012 - 19:04

ciao
questo circuito è stato elaborato(per ora solo simulato) con circuiti già esistenti e un po modificati,la necessità era quella di eliminare un po di cose che avevo in giro e nel frattempo provare qualcosa di inusuale e azzardato(almeno per me).
Quindi necessariamente alcune scelte sono state dettate proprio dal fatto di utilizzare le componenti che già avevo.
ecco le simulazioni:








Allora il giratore è usato per un carico anodico di 150 H il circuito che lo precede è in sostituzione alla resistenza che polarizza la valvola.
Il punto di lavoro è stato scelto a 12ma circa .
Il circuito che segue è un buffer con alimentazione doppia e fet 2sk389 in package doppio sperando così di evitare la selezione di due 2sk170 che erano previsti in origine.
gli assorbimenti del fet non credo siano reali..
Qualche commento?
grazie

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Gio 12 Lug 2012 - 21:56

niente?!?!

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Ven 13 Lug 2012 - 11:51

vabbè Very Happy
ho montato al volo un buffer come da progetto, sk389 con alimentazione duale 17v,con queste tensioni e con i rami ben bilanciati ho 0,005 V di offset in uscita..sembra ok Very Happy
il fet assorbe in realtà 15mA per ramo.
potrebbe non essere solo un progetto didattico ma magari ci tiro fuori qualcosa.
unico problemino è che il fet scalda un po,non molto ,però vedo se riesco ad adatare un dissipatore,del resto questo fet ha una dissipazione che è la metà di un 2sk170
saluti

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Sab 14 Lug 2012 - 11:09

piccolo aggiornamento,ho sostituito sk389 con una coppia di 2sk170 machati ed è tutta un'altra storia....ora l'offset è di 0,3mV in uscia che è ottimo.
ora la mia attenzione si sposta sul circuito a valvole....vediamo cosa ne esce

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  mau749 il Sab 14 Lug 2012 - 18:14

Scusa il ritardo della risposta ma proprio non avevo visto di avere un PM.

Lo schema che proponi l'ho provato al volo tempo fa con le 6C45P come driver per le 300B e sembrava promettere bene, almeno a livello strumentale mentre, in quel contesto (driver) e con quei tubi, non mi ha impressionato più di tanto a livello sonoro ma teniamo presente che doveva tirar fuori quasi 200 Vpp ed una discreta corrente per mandare in A2 le 300B

La sperimentazione è stata comunque troppo breve ed abbastanza superficiale per esprimere un giudizio definitivo.

Le 6N6P guadagnano un parecchio meno, hanno resistenza interna paragonabile e transconduttanza decisamente inferiore ma sono probabilmente i tubi giusti per un pre dalle eccellenti prestazioni.

Ma quel buffer in uscita è davvero necessario?

In quella configurazione l'impedenza d'uscita dalle 6N6P è di circa 1.5K, sufficientemente bassa per pilotare anche il finale più ostico.

Saluti

_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"

mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Sab 14 Lug 2012 - 18:38

@mau749 ha scritto:Scusa il ritardo della risposta ma proprio non avevo visto di avere un PM.

Lo schema che proponi l'ho provato al volo tempo fa con le 6C45P come driver per le 300B e sembrava promettere bene, almeno a livello strumentale mentre, in quel contesto (driver) e con quei tubi, non mi ha impressionato più di tanto a livello sonoro ma teniamo presente che doveva tirar fuori quasi 200 Vpp ed una discreta corrente per mandare in A2 le 300B

La sperimentazione è stata comunque troppo breve ed abbastanza superficiale per esprimere un giudizio definitivo.

Le 6N6P guadagnano un parecchio meno, hanno resistenza interna paragonabile e transconduttanza decisamente inferiore ma sono probabilmente i tubi giusti per un pre dalle eccellenti prestazioni.

Ma quel buffer in uscita è davvero necessario?

In quella configurazione l'impedenza d'uscita dalle 6N6P è di circa 1.5K, sufficientemente bassa per pilotare anche il finale più ostico.

Saluti
si scusa il disturbo....
quindi come idea (copiata spudoratamente dal camille:-D) può funzionare?
il buffer non va necessariamente usato , a me serve perche volevo provare a pilotare i trasformatori che uso come bilanciatori all'ingresso del finale(600 ohm),da qui l'idea del buffer senza complicazioni di usare un altro stadio a valvole.
ti rusulta che il CCS attui anche una stabilizzazione della tensione? perche con le simulazioni variando l'alimentazione in ingresso del CCS la tensione in uscita rimane sempre uguale.
alcune evoluzioni del circuito:
http://www.siteswithstyle.com/VoltSecond/c4s_cascading_in_psu/C4S_cascading_in_psu.html
grazie

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Dom 15 Lug 2012 - 10:43

altra piccola modifica:

ho aggiunto un ccs seguito da uno stabilizzatore a gas da 105v e un diodo zener da100v,poi la tensione così stabilizzata entra nel secondo ccs questo serve a polarizzare la valvola di segnale.
oltre a ciò ho notato chè se utilizzo una res verso massa(470k/220K) all'uscita del single ended ho più guadagno ma la distorsione aumenta:

se invece ometto questa res:

la distorsione è decisamente meno anche il guadagno però si abbassa:

credo perche l'imp di un fet è di qualche Mohm forse troppo per la valvola che di conseguenza riduce il guadagno.
Però la res ci vuole anche per permettere al condensatore d'uscita di caricarsi.
Ma comunque è meglio tirare conclusioni una volta montato un prototipo.

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  mau749 il Dom 15 Lug 2012 - 18:06

La resistenza in uscita serve a "caricare" lo stadio e a determinare univocamente il punto di lavoro per quel che riguarda l'impedenza d'uscita proprio perché ne definisce in modo preciso e soprattutto costante il valore.

Solo una domanda, anzi due: perché due CCS in serie e perché non utilizzare due tubi a gas per la stabilizzazione invece dell'ibrido tubo+zener?


_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"

mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Dom 15 Lug 2012 - 18:57

@mau749 ha scritto:La resistenza in uscita serve a "caricare" lo stadio e a determinare univocamente il punto di lavoro per quel che riguarda l'impedenza d'uscita proprio perché ne definisce in modo preciso e soprattutto costante il valore.

Solo una domanda, anzi due: perché due CCS in serie e perché non utilizzare due tubi a gas per la stabilizzazione invece dell'ibrido tubo+zener?

ok però come vedi dalle simulazioni la distorsione aumenta se metto una resistenza,solo che non mi sembra normale soprattutto perche con 1,5k di imp d'uscita mi sembra strano che ci siano problemi con 270k di resistenza d'ingresso..e anche il guadagno varia
hai qualche consiglio in merito?

poi hai visto il link che ho postato prima? c'è scritto che sembra essere utile mettere due CCS in serie ,anche l'inventore di questo circuito pare abbia detto che si può fare.
e uso la combinazione zener/tubo perche ho solo due regolartori e dato che l'alimentazione è singola per ogni canale o compro altre due stabilizzatrici(che si può fare) oppure uso uno zener per parte.

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  mau749 il Dom 15 Lug 2012 - 23:26

Innanzitutto vorrei capire dove e come hai misurato, in simulazione, la distorsione.

I valori indicati, in micro%, sono troppo bassi per essere reali: che segnale hai imposto in ingresso, o, meglio, per quale valore del segnale d'uscita stai misurando questa distorsione?

La cosa strana è che ho simulato anch'io questo circuito, nella prima versione e senza buffer d'uscita, ed ottengo risultati assolutamente diversi impostando V(in)= 141 mV (100 mV RMS) ed ottenendo in uscita V(out) circa 1.65V RMS (gain circa 24.5 dB).

In queste condizioni la distorsione assume un ragionevole valore di circa lo 0.075% e, soprattutto non varia al variare della resistenza di carico all'uscita, anzi, se mai, diminuisce leggerissimamente all'aumentare del valore della resistenza, il che è abbastanza ovvio.



La distribuzione poi è ideale avendo solo la seconda armonica.



Sicuro di aver fatto per bene la simulazione?

Per non sbagliare imponi delle labels (in, out, grid) e fai misurare i valori in corrispondenza delle stesse.

Per quanto riguarda il doppio CCS l'articolo l'ho letto anch'io ma non sono sicuro che una tale soluzione porti reali vantaggi; per limitare la corrente sul tubo stabilizzatore e lo zener è sufficiente una semplice resistenza e poi, se è vero che non mi scandalizzo più di tanto ormai ad utilizzare componenti a SS con i tubi è pur sempre vero che quando è troppo è troppo!

Ovviamente è una mia opinione e come tale prendila in considerazione.


_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"

mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Lun 16 Lug 2012 - 0:52

ciao
ho ricontrollato le simulazioni , ho impostato la tensione d'ingresso troppo alta,ora con una sinusoide a 141mv ho i tuoi risultati.
La tua considerazione è certamente lecita,e già con il giratore e il ccs avevo la sensazione di esagerare,però io non ho vincoli a livello di convinzioni e scuole di pensiero,e non ho nessun problema ad utilizzare diverse tipologie costruttive nello stesso circuito purche portino da qulache parte.
Comunque ogni aspetto è da valutare.
se ti va prova ad usare quel circuto ma mettere dopo il ccs e prima del giratore due zener per simulare le stabilizzatrici (100v e 30v per avere circa 122v sulla valvola),per il ccs r1 33 e r2 120 e vedere la risposta in frequenza.

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  gigi6c il Lun 16 Lug 2012 - 1:05

Vi seguo con molta attenzione, ed ammirazione.
Complimenti

gigi6c
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 22.10.10
Numero di messaggi : 1967
Località : MARINA DI GINOSA (TA)
Occupazione/Hobby : ASPIRANTE RIVOLUZIONARIO
Provincia (Città) : DIREI RU-MORE PIU CHE UMORE
Impianto : NU CASIN,
CASA=NON C'E' L'HO PIU'!!!!!!!!!
UFF.099-8495112(CHIAMATEMI TUTTI QUI COSÌ NON FACCIO UNA MAZZA)
scottiluigi@quipo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Lun 16 Lug 2012 - 8:39

@gigi6c ha scritto:Vi seguo con molta attenzione, ed ammirazione.
Complimenti
wow grazie Very Happy è un piacere sapere che mi leggi Smile
ogni tanto mi viene qualche idea in mente,e ,dato che adoro simulare e usare microcap(anche se come hai visto non sono ancora molto ferrato), sperimento.
A me interesserebbe più che altro imparare come si progetta correttamente un circuito a valvole,mi piacerebbe davvero tanto.
Per ciò sono sempre li a tediare il povero Mau Very Happy che ovviamente ringrazio,perche anche se non gli torna nulla è sempre disponibile,a proposito mau se mi posso sdebitare in qualche modo dimmi pure...

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  mau749 il Lun 16 Lug 2012 - 9:23

@Andrea Zani ha scritto:
.....................

Per ciò sono sempre li a tediare il povero Mau Very Happy che ovviamente ringrazio,perche anche se non gli torna nulla è sempre disponibile,a proposito mau se mi posso sdebitare in qualche modo dimmi pure...

Ma vogliamo scherzare? E perché mai dovresti sdebitarti, e di cosa?

Se sono qui con tutti voi a chiacchierare è perché mi piace e mi interessa, non è un lavoro da retribuire in qualche modo...

Un caro amico in altro forum scrive:
«Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno.
Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee.»


ed è una cosa che condivido in pieno...

_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"

mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Lun 16 Lug 2012 - 10:11

@mau749 ha scritto:
@Andrea Zani ha scritto:
.....................

Per ciò sono sempre li a tediare il povero Mau Very Happy che ovviamente ringrazio,perche anche se non gli torna nulla è sempre disponibile,a proposito mau se mi posso sdebitare in qualche modo dimmi pure...

Ma vogliamo scherzare? E perché mai dovresti sdebitarti, e di cosa?

Se sono qui con tutti voi a chiacchierare è perché mi piace e mi interessa, non è un lavoro da retribuire in qualche modo...

Un caro amico in altro forum scrive:
«Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno.
Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee.»


ed è una cosa che condivido in pieno...
già hai ragione,peter condividere il proprio sapere è gratificante, in altri campi ,dove sono più ferrato,cerco di essere il più disponibile possibile...

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  gigi6c il Lun 16 Lug 2012 - 11:45

@Andrea Zani ha scritto:Per ciò sono sempre li a tediare il povero Mau Very Happy che ovviamente ringrazio,perche anche se non gli torna nulla è sempre disponibile,a proposito mau se mi posso sdebitare in qualche modo dimmi pure...
Con Mau Sei nelle miglori mani.
Magari un giorno pubblica per tutti noi un Ampli Valvolare del T-FORUM, Laughing

gigi6c
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 22.10.10
Numero di messaggi : 1967
Località : MARINA DI GINOSA (TA)
Occupazione/Hobby : ASPIRANTE RIVOLUZIONARIO
Provincia (Città) : DIREI RU-MORE PIU CHE UMORE
Impianto : NU CASIN,
CASA=NON C'E' L'HO PIU'!!!!!!!!!
UFF.099-8495112(CHIAMATEMI TUTTI QUI COSÌ NON FACCIO UNA MAZZA)
scottiluigi@quipo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  ideafolle il Lun 16 Lug 2012 - 11:58

@mau749 ha scritto:
@Andrea Zani ha scritto:
.....................

Per ciò sono sempre li a tediare il povero Mau Very Happy che ovviamente ringrazio,perche anche se non gli torna nulla è sempre disponibile,a proposito mau se mi posso sdebitare in qualche modo dimmi pure...

Ma vogliamo scherzare? E perché mai dovresti sdebitarti, e di cosa?

Se sono qui con tutti voi a chiacchierare è perché mi piace e mi interessa, non è un lavoro da retribuire in qualche modo...

Un caro amico in altro forum scrive:
«Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno.
Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee.»


ed è una cosa che condivido in pieno...

mau sei un grande Ok Ok Ok Ok Clap Clap Clap Clap Clap come il nostro grande gigi Laughing Laughing condivido in pieno quello che ai detto .anche se io sono un praticone e mi piace condividere qul poco che so Embarassed Embarassed


ideafolle
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.02.12
Numero di messaggi : 5429
Località : vicini.... vIcini
Occupazione/Hobby : contare gli eu.
Provincia (Città) : SON CHI' ....NE'
Impianto : ......... VEDI AVATAR.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  mau749 il Lun 16 Lug 2012 - 12:59

@gigi6c ha scritto:
.................
Magari un giorno pubblica per tutti noi un Ampli Valvolare del T-FORUM, Laughing

Vado un po' OT
Per quel che mi riguarda, il problema di progettare un Tamp valvolare (che suoni bene) è tutto nel riuscire a "mettermi nei panni" di chi poi dovrà costruirlo ed utilizzarlo.

Mi spiego meglio: senza falsa modestia ho accumulato una discreta esperienza e quindi per me certe soluzioni sono scontate, ad esempio il realizzare il cablaggio in aria, cosa questa non sempre facilissima da mettere in pratica per chi pratica ne ha poca o addirittura nessuna.

Lavorare con tensioni di 300-400V pone parecchi problemi di sicurezza ad un neofita perché, anche se non letali, vi assicuro che prendere una "schicchera" a 400V non è certo piacevole...

Certamente si potrebbe fare una specie di corso "passo passo" per la costruzione ma anche questa soluzione presenta non poche difficoltà, se non altro in termini di tempo, che è sempre tiranno.

In più: nel corso degli anni il mio impianto si è evoluto verso i fullrange, che sono di solito piuttosto sensibili, e, di conseguenza, non ho problemi ad utilizzare amplificatori da 3 o 4 watt mentre la maggior parte degli amici del Forum sono indirizzati verso soluzioni più classiche e tradizionali che non hanno le stesse esigenze.

Il problema del cablaggio in aria si potrebbe risolvere con un PCB (e qui il sig. Antonio di Lesa HiFi potrebbe darci una grande mano) ma rimane comunque un altro problema: che potenza dovrebbe avere questo amplificatore?

In commercio esistono un'infinità di kit con le KT88/EL84/6L6 in SE che, al di la delle specifiche, spesso un po' troppo allegre ed ottimistiche, fanno onestamente il loro lavoro con schemi classici e collaudati per potenze d'uscita dai 6 ai 12-13 watt.

Se vogliamo qualche watt in più bisogna andare sui PP, sempre con i tubi prima citati, ma qui i cinesi la fanno da padrone proponendo onestissimi prodotti a prezzi tanto concorrenziali da dissuadere chiunque dall'idea di "farselo da se" anche perché alla fine, gira e rigira, gli schemi sarebbero sempre copie più o meno brutte del solito Williamson.

Esiste ovviamente una "terza via" ma non so quanto utile ed interessante per la maggior parte dei forumers che, mi pare, non prendano in considerazione nulla che non abbia almeno 30 o 40W a loro dire perché potenze inferiori "... limitano la dinamica... Shut up "

La terza via è quella di "superare" il SE e lavorare in PP non per ottenere più potenza ma per avere qualità almeno paragonabili a quelle dei migliori SE assemblati con tubi "seri" come i triodi DHT e non con pentodi a pseudotriodo o, peggio, in ultralineare.

Sto lavorando ad un PP di 6B4G russe (le 2A3 con i filamenti a 6.3V) che costano abbastanza poco (circa 60 euro la coppia, per un finale stereo ci vogliono ovviamente due coppie) e con un driver in parafase flottante per una potenza d'uscita di circa una decina di watt, 7 dei quali in classe A per poi commutare in classe AB1.

A vostro parere potrebbe essere quel Tamp valvolare ?



_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"

mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  gigi6c il Lun 16 Lug 2012 - 14:08

@mau749 ha scritto:
@gigi6c ha scritto:
.................
Ampli Valvolare del T-FORUM, Laughing

Sto lavorando ad un PP di 6B4G russe (le 2A3 con i filamenti a 6.3V) che costano abbastanza poco (circa 60 euro la coppia, per un finale stereo ci vogliono ovviamente due coppie) e con un driver in parafase flottante per una potenza d'uscita di circa una decina di watt, 7 dei quali in classe A per poi commutare in classe AB1.
A vostro parere potrebbe essere quel Tamp valvolare ?
Ottima idea la doppia classe di funzionamento, io ci sto alla grande.

gigi6c
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 22.10.10
Numero di messaggi : 1967
Località : MARINA DI GINOSA (TA)
Occupazione/Hobby : ASPIRANTE RIVOLUZIONARIO
Provincia (Città) : DIREI RU-MORE PIU CHE UMORE
Impianto : NU CASIN,
CASA=NON C'E' L'HO PIU'!!!!!!!!!
UFF.099-8495112(CHIAMATEMI TUTTI QUI COSÌ NON FACCIO UNA MAZZA)
scottiluigi@quipo.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Lun 16 Lug 2012 - 14:55

@gigi6c ha scritto:
@mau749 ha scritto:

Sto lavorando ad un PP di 6B4G russe (le 2A3 con i filamenti a 6.3V) che costano abbastanza poco (circa 60 euro la coppia, per un finale stereo ci vogliono ovviamente due coppie) e con un driver in parafase flottante per una potenza d'uscita di circa una decina di watt, 7 dei quali in classe A per poi commutare in classe AB1.
A vostro parere potrebbe essere quel Tamp valvolare ?
Ottima idea la doppia classe di funzionamento, io ci sto alla grande.
non è prorpio una "doppia classe di funzionamento" ma piuttosto un classe AB ad alta polarizzazione,per tanto i primi 7 watt sono in classe A i restanti il circuito passa in classe AB1 che comunque ha alta polarizzazione

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Lun 16 Lug 2012 - 15:03

@mau749 ha scritto:
@gigi6c ha scritto:
.................
Magari un giorno pubblica per tutti noi un Ampli Valvolare del T-FORUM, Laughing

Vado un po' OT
Per quel che mi riguarda, il problema di progettare un Tamp valvolare (che suoni bene) è tutto nel riuscire a "mettermi nei panni" di chi poi dovrà costruirlo ed utilizzarlo.

Mi spiego meglio: senza falsa modestia ho accumulato una discreta esperienza e quindi per me certe soluzioni sono scontate, ad esempio il realizzare il cablaggio in aria, cosa questa non sempre facilissima da mettere in pratica per chi pratica ne ha poca o addirittura nessuna.

Lavorare con tensioni di 300-400V pone parecchi problemi di sicurezza ad un neofita perché, anche se non letali, vi assicuro che prendere una "schicchera" a 400V non è certo piacevole...

Certamente si potrebbe fare una specie di corso "passo passo" per la costruzione ma anche questa soluzione presenta non poche difficoltà, se non altro in termini di tempo, che è sempre tiranno.

In più: nel corso degli anni il mio impianto si è evoluto verso i fullrange, che sono di solito piuttosto sensibili, e, di conseguenza, non ho problemi ad utilizzare amplificatori da 3 o 4 watt mentre la maggior parte degli amici del Forum sono indirizzati verso soluzioni più classiche e tradizionali che non hanno le stesse esigenze.

Il problema del cablaggio in aria si potrebbe risolvere con un PCB (e qui il sig. Antonio di Lesa HiFi potrebbe darci una grande mano) ma rimane comunque un altro problema: che potenza dovrebbe avere questo amplificatore?

In commercio esistono un'infinità di kit con le KT88/EL84/6L6 in SE che, al di la delle specifiche, spesso un po' troppo allegre ed ottimistiche, fanno onestamente il loro lavoro con schemi classici e collaudati per potenze d'uscita dai 6 ai 12-13 watt.

Se vogliamo qualche watt in più bisogna andare sui PP, sempre con i tubi prima citati, ma qui i cinesi la fanno da padrone proponendo onestissimi prodotti a prezzi tanto concorrenziali da dissuadere chiunque dall'idea di "farselo da se" anche perché alla fine, gira e rigira, gli schemi sarebbero sempre copie più o meno brutte del solito Williamson.

Esiste ovviamente una "terza via" ma non so quanto utile ed interessante per la maggior parte dei forumers che, mi pare, non prendano in considerazione nulla che non abbia almeno 30 o 40W a loro dire perché potenze inferiori "... limitano la dinamica... Shut up "

La terza via è quella di "superare" il SE e lavorare in PP non per ottenere più potenza ma per avere qualità almeno paragonabili a quelle dei migliori SE assemblati con tubi "seri" come i triodi DHT e non con pentodi a pseudotriodo o, peggio, in ultralineare.

Sto lavorando ad un PP di 6B4G russe (le 2A3 con i filamenti a 6.3V) che costano abbastanza poco (circa 60 euro la coppia, per un finale stereo ci vogliono ovviamente due coppie) e con un driver in parafase flottante per una potenza d'uscita di circa una decina di watt, 7 dei quali in classe A per poi commutare in classe AB1.

A vostro parere potrebbe essere quel Tamp valvolare ?


posso capire il tuo discorso,e comunque sono dell'idea che l'autocostruzione valvolare ha il suo perche in base allo scopo
si può voler costruire da soli perche è bello..
si può costruire da soli perche magari si risparmia qualcosa..
si può costruire da soli perche si è bravi ed è appagante provare cose particolari...
ma se si vuole eccellere bisogna spendere e parecchio.
se si rimane nella fascia media,come dice mau,i cinesi hanno come al solito prezzi più abbordabili.
poi è ovvio che le pontenze sono quelle e ci vogliono diffusori ad elevata efficenza.
Poi possiamo fregarcene del razionalismo e fare sto cavolo di ampli Laughing

PS: io mi accontenterei anche di un bel corso on-line heheh

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Lun 16 Lug 2012 - 18:48

ho trovato forse un compromesso:





utilizzo una res per limitare la corrente nelle stabilizzatrici 18ma
comprerò altre due stabilizzatrici da 75V che hanno in prezzo ridicolo
distorsione e tutto il resto vanno bene.
che ne dite?

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  mau749 il Lun 16 Lug 2012 - 20:01

Lo schema è sicuramente corretto ed altrettanto corretta mi pare la simulazione.

Ragionavo però sulla "filosofia progettuale" dell'aggeggio.

Il carico anodico induttivo, sia esso realizzato tradizionalmente che simulato con un giratore, ha una sua precisa ragion d'essere essenzialmente per un motivo: bassa resistenza intrinseca e quindi impedenza d'uscita dello stadio praticamente uguale alla resistenza interna del tubo, bassa caduta di tensione in virtù della bassa resistenza interna dell'induttore e pertanto possibilità di alimentare il tutto a tensioni ragionevolmente basse con correnti elevate ed infine lo sfruttamento dell'effetto "restituzione" dell'induttanza e quindi possibilità di erogare picchi di tensione quasi doppi di quelli possibili con uno stadio tradizionale a catodo comune con la classica resistenza come carico anodico.

La soluzione del carico induttivo normalmente si utilizza proprio quando i vantaggi sopra citati diventano importanti: nel caso ad esempio di driver "robusti" per pilotare finali "ostiche" in classe A2 quando lo swing di tensione diventa significativo ed altrettanto significativa diventa la corrente erogabile dallo stadio.

Io, in configurazione con induttore tradizionale da 80H, lo impiego con le 6C45P come driver delle 300B: alimentate a soli 175V erogano tranquillamente oltre 200Vpp e qualche decina di mA...

Orbene mi chiedo, al di la delle prestazioni sonore che sono tutte da valutare, ha senso far seguire ad un simile stadio un buffer a stato solido alimentato a "soli" 40V?

E' abbastanza probabile (?!!) che questo stadio saturi molto prima di quello a tubi mortificandone completamente le caratteristiche migliori.

Devi pilotare un carico di 600 ohm: ti basta uno stadio con impedenza d'uscita intorno ai 15 ohm?

Dai un'occhiata a questa possibile soluzione:



E poi, a ben pensarci, in un circuito così, basterebbe il CCS come carico anodico escludendo, per i motivi prima citati, il giratore simulatore di carico anodico induttivo.

Non "...mandarmi a quel paese...", come sempre la mia è solo un'opinione...

Saluti

_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"

mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  Andrea Zani il Lun 16 Lug 2012 - 21:27

il tuo discorso non fa una grinza,ed anche io avevo pensato ad un buffer a valvole,il white cathode follower è certamente ottimo,ma il problema è il trasformatore di alimentazione,ne posseggo uno con queste caratteristiche:
220-0-220-120mA
5v-3A
6,3V 2,5A
come vedi sono proprio tirato con i filamenti
però così mi metti in crisi Laughing e alla fine non concludo nulla Very Happy
l'utilizzo di quei due fet è giustificato proprio dal fatto che non posso comprare un altro trafo e ho bisogno di una bassa impedenza,ma volevo provare un SE

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Un Single Ended didattico(o forse no?!?)

Messaggio  mau749 il Mar 17 Lug 2012 - 0:59

Non era mia intenzione metterti in crisi, come ripeto la mia era ed è solo un'opinione.

Se sei "corto" con la corrente dei filamenti, anche se, almeno in teoria con 2.5A ci stai ancora dentro (750mA*3=2.25A) potresti sempre utilizzare per il white follower le classiche ECC88 che assorbono 375 mA di filamento con in più il vantaggio che l'impedenza d'uscita si ridurrebbe ulteriormente attestandosi a circa 10 ohm.

In questo caso ovviamente dovresti riferire ad un adeguato potenziale i filamenti per non sforare con le Vkf: circa 35-40V potrebbero essere un valore utilizzabile portando nel contempo la tensione sul catodo della 6N6P a circa 3V (un led blu ad alta luminosità) in luogo dei 4V di progetto.

In questo modo sul catodo della ECC88 alta del W.F. hai circa 100V e quindi con una Vkf reale di circa 60-65V ancora ben dentro le specifiche del tubo.

La mia perplessità non riguardava tanto (o solo) l'impiego del buffer in uscita a fet quanto piuttosto quella della reale necessità o convenienza di impiegare il carico induttivo nello stadio precedente: avere qualcosa a valle, sia esso a tubi o a SS non consente in ogni caso, a mio parere, di sfruttare appieno le potenzialità ed i vantaggi di questo caricamento.

Ti dico tutto questo perché sto molto lentamente assemblando un nuovo pre che utilizza una tipologia molto simile a quella che ti ho postato con il primo stadio di guadagno con le 6S2S (le equivalenti russe delle 6J5: triodo singolo molto simile ad una sezione della 6SN7) ma con il solo C4S sull'anodo (senza giratore quindi) e lo stadio in uscita con le 6SN7 in white follower alimentate a circa 300V.

L'impedenza d'uscita è ancora dell'ordine dei 15-16 ohm e le distorsioni praticamente non misurabili, dell'ordine dello 0.01% per più di 3V RMS in uscita.

_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"

mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum