T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio
Ti piace il nuovo stile del T-Forum?
Sì, meglio questo nuovo
46% / 32
No, era meglio quello vecchio
54% / 37
Ultimi argomenti
HelP! DAC!Oggi alle 0:39Snap
POPU VENUS Ieri alle 23:37kalium
ALIENTEK D8Ieri alle 21:17nerone
DAC fatto in casaLun 27 Mar 2017 - 23:17Calbas
preamplificatoreLun 27 Mar 2017 - 22:38Sandrogall
Consiglio cuffia chiusaLun 27 Mar 2017 - 22:08carlo.bat
...and Kirishima for all!Lun 27 Mar 2017 - 16:03giucam61
Cambio Amplificatore Lun 27 Mar 2017 - 15:25Lele67
I postatori più attivi della settimana
13 Messaggi - 19%
12 Messaggi - 18%
12 Messaggi - 18%
5 Messaggi - 7%
5 Messaggi - 7%
4 Messaggi - 6%
4 Messaggi - 6%
4 Messaggi - 6%
4 Messaggi - 6%
4 Messaggi - 6%
I postatori più attivi del mese
288 Messaggi - 22%
255 Messaggi - 19%
144 Messaggi - 11%
142 Messaggi - 11%
113 Messaggi - 9%
87 Messaggi - 7%
82 Messaggi - 6%
70 Messaggi - 5%
68 Messaggi - 5%
66 Messaggi - 5%
Migliori postatori
Stentor (20392)
20392 Messaggi - 15%
DACCLOR65 (19630)
19630 Messaggi - 15%
schwantz34 (15499)
15499 Messaggi - 12%
Silver Black (15438)
15438 Messaggi - 11%
nd1967 (12803)
12803 Messaggi - 10%
flovato (12509)
12509 Messaggi - 9%
10260 Messaggi - 8%
piero7 (9854)
9854 Messaggi - 7%
wasky (9229)
9229 Messaggi - 7%
fritznet (8857)
8857 Messaggi - 7%
Chi è in linea
In totale ci sono 30 utenti in linea :: 0 Registrato, 0 Nascosti e 30 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

Vedere la lista completa

Flusso RSS

Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
zorba
Novizio
Novizio
Data d'iscrizione : 07.05.12
Numero di messaggi : 13
Località : Parma
Impianto : Marantz nr1602 + AK series System m300

affaticamento uditivo

il Lun 7 Mag 2012 - 22:21
nella ricerca della coppia di diffusori perfetta study ho scoperto l'esistenza dell'affaticamento uditivo, ovvero del fastidio provocato da un diffusore magari perchè mal progettato.
Da cosa può dipendere questo fenomeno? Esistono diffusori con membrane realizzate nei più diversi materiali, dal metallo ai materiali plastici. Esiste una correlazione ed è possibile fare una scelta basata su qualche criterio?
Ad esempio un diffusore come il monitor audio RX1 che mi è sembrato avere le frequenze medie e acute in evidenza può risultare alla lunga più fastidioso di un diffusore come il MA BX2 che mi è parso in generale un po' più opaco?
L'Indiana line tesi 240 mi è sembrato invece molto ma molto morbido (almeno ad un ascolto in negozio), anche se naturalmente meno ricco di bassi.
avatar
sasachess
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 23.04.09
Numero di messaggi : 1214
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Consulente informatico
Provincia (Città) : Mah, non saprei definirlo
Impianto : Panta rei

Re: affaticamento uditivo

il Lun 7 Mag 2012 - 22:36
Eheheh, benvenuto in questo fantastico mondo!

In bocca al lupo... Very Happy
avatar
pktgod
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 08.03.11
Numero di messaggi : 641
Località : Parma
Provincia (Città) : Parma (Noceto)
Impianto :
Spoiler:

-

Re: affaticamento uditivo

il Lun 7 Mag 2012 - 22:57
Per esperienza ti posso dire solo... Occhio alle Klipsch Wink
Io le avevo, ora vivo felice senza mal di testa con le ProAc!
Credo in questo caso dipenda dal tweeter a tromba che 'spara' parecchio rendendo il suono aperto di grande impatto...ma che alla lunga a mio avviso, risulta un pò affaticante.
C'è comunque chi ama questo tipo di suono... Quindi il mio consiglio è di ascoltare molti diffusori per farti una idea tua!! Buona fortuna Hello
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore
Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15438
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Software developer - Istruttore di Muay Thai
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro





http://www.silvercybertech.com

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 0:54
Consideriamo anche la realtà, per una volta: è affaticante oppure no? Non crediamo che un concerto dal vivo, infatti, sia sempre "riposante", anzi. Spesso anche senza andare nei concerti rock, più di 1 h di ascolto può affaticare parecchio.

Siamo quindi portati erroneamente a credere che l'ascolto hifi, che ricordo dovrebbe essere la riproduzione quanto più fedele alla realtà possibile, sia "perfetto", quindi piacevole, riposante, con bassi presenti, alti sempre presenti e tintinnati, parole del cantante intelligibili, dettagli esasperati fino a sentire i respiri dei musicisti, ecc.

Ovviamente sto un po' usando esagerando, ma è per dire che non sempre questo è vero! Anzi, spesso un concerto live, anche di musica classica, mostra asprezze alla lunga molto affaticanti. Per non parlare di concerti rock, genere musicale assai congeniale alle Klipsch che quindi lo riproducono nel migliore dei modi. Affaticanti? Sì, ma è questo il rock. Se prendo dei diffusori che mascherano la musica rendendola più piacevole all'ascolto è appunto un mascheramenteo, ossia non è hifi perchè colorano il suono, allontanandosi dalla realtà.

Non confondiamo la vera hi-fi con ciò che più ci piace, perchè al contrario quest'ultima è my-fi.

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il forum di Fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.lucegrafia.net
avatar
MDT360
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 01.05.11
Numero di messaggi : 708
Località : av
Impianto : GIRADISCHI : TECHNICS SL-1200 MKII
PRE PHONO : LEHMANN AUDIO BLACK CUBE
AMP STEREO : AERON A-160
DIFFUSORI : MONITOR AUDIO RX6

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 2:00
ah ecco quindi per avere la vera hi fi dovrei spendere 20 mila euro non per avere un ascolto piacevole ma per farmi venire il mal di testa/orecchi dopo mezz'ora?

torno di corsa al compattone logitech allora Laughing
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore
Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15438
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Software developer - Istruttore di Muay Thai
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro





http://www.silvercybertech.com

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 2:19
@MDT360 ha scritto:ah ecco quindi per avere la vera hi fi dovrei spendere 20 mila euro non per avere un ascolto piacevole ma per farmi venire il mal di testa/orecchi dopo mezz'ora?

torno di corsa al compattone logitech allora Laughing

La vera hifi non puoi averla con nessuna cifra, perchè è un concetto utopico nemmeno definibile con precisione. Alta fedeltà rispetto a cosa? Alla realtà come ho per semplcità approssimato io nel mio esempio di prima? A un concerto dal vivo? Riprodotto nel nostro ambiente di ascolto o in un teatro o in un palasporto o dove? Oppure più propriamente alla sorgente utilizzata, o meglio alla registrazione? E a che volume?

Però puristicamente se si parla di "vera hifi" può essere più hifi un impianto che riproduce in modo più affaticante rispetto ad un altro più riposante (e come dicono nelle riviste audiofile, "più ruffiano"). Una chitarra elettrica non è riposante! Un assolo di batteria neppure.

A me piace sentire un suono suadente se il suono E' suadente, ma se la chitarra graffia allora voglio graffiarmi i timpani. Questo secondo me è ascoltare con fedeltà maggiore rispetto a impianti che colorano scaldando e addolcendo il suono di qualsiasi strumento venga riprodotto.
Ma sono solo gusti, torniamo alla my-fi.

In pratica, riassumendo il mio pensiero, dire che "il mio impianto è affaticante" POTREBBE non voler dire che l'impianto è sbagliato, con componenti di bassa qualità o male assemblato, anzi a volte POTREBBE voler dire proprio l'opposto.

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il forum di Fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.lucegrafia.net
avatar
flovato
UTENTE BANNATO
Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 7:15
Argomento molto, molto interessante anche se credo ci stiamo allontanando dal titolo del 3D, ne aprirei uno nuovo di tipo filosofico. Very Happy

Per come concepisco l'impianto stereo il mio mi deve regalare gioia ed emozioni.
É indiffirente se é mora, bionda o rossa basta che sia figa. Hehe

La vera MyFiga a qualcuno piace alta e a qualcuno piace bassa ma se alla fine hai la fortuna di provarne molte ti accorgi che non sono le carattereizzazioni l'elemento fondamentale e non é il riferimento alla razza ariana che rende piacevole una scopata.

Una sessione d'ascolto non puó e non deve essere affaticante ma l'esatto contrario.
Cosa me ne faccio di un manico di scopa biondo, occhi azzurri alta 1.80 se puoi quando gli accarezzo il seno lei si fa le unghie.

Certo, é proprio come dovrebbe essere ma non mi regala emozioni.

Il mio impianto é composto da alcuni elementi vintage che regalano non certo la perfezione acustica ma vi assicuro che ascolto per 6/7 ore e il tempo non mi basta, vorrei non fisisse mai proprio come quando hai la fortuna di incrociare la MyFiga giusta.

Laughing Laughing Laughing
avatar
alessandro1
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 31.01.12
Numero di messaggi : 3612
Provincia (Città) : PU
Impianto : Sorgente - Bristle Blocks 112
Ampli - Megablocks + Unico Plus -
Cavi - Duplo e play doh (DIY) su progetto Tony Wolf
diffusori - Stabilo 880 Woody
il resto è diy montessoriano

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 8:42
@pktgod ha scritto:
ora vivo felice senza mal di testa con le ProAc!

ci mancherebbe! Razz
Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante
Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 9:47
@flovato ha scritto:Argomento molto, molto interessante anche se credo ci stiamo allontanando dal titolo del 3D, ne aprirei uno nuovo di tipo filosofico. Very Happy

Per come concepisco l'impianto stereo il mio mi deve regalare gioia ed emozioni.
É indiffirente se é mora, bionda o rossa basta che sia figa. Hehe

La vera MyFiga a qualcuno piace alta e a qualcuno piace bassa ma se alla fine hai la fortuna di provarne molte ti accorgi che non sono le carattereizzazioni l'elemento fondamentale e non é il riferimento alla razza ariana che rende piacevole una scopata.

Una sessione d'ascolto non puó e non deve essere affaticante ma l'esatto contrario.
Cosa me ne faccio di un manico di scopa biondo, occhi azzurri alta 1.80 se puoi quando gli accarezzo il seno lei si fa le unghie.

Certo, é proprio come dovrebbe essere ma non mi regala emozioni.

Il mio impianto é composto da alcuni elementi vintage che regalano non certo la perfezione acustica ma vi assicuro che ascolto per 6/7 ore e il tempo non mi basta, vorrei non fisisse mai proprio come quando hai la fortuna di incrociare la MyFiga giusta.

Laughing Laughing Laughing

La MYFiga è bella quando la si cambia spesso ....stessa cosa con l'hifi ...come con le donne bisogna spendere Hehe Hehe Hehe Laughing
avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante
Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15499
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 9:53
@pktgod ha scritto:Per esperienza ti posso dire solo... Occhio alle Klipsch Wink
quali? ci sono quasi una sessantina di modelli nel catalogo attuale...

Io le avevo, ora vivo felice senza mal di testa ...
dipende sempre da cosa ci metti a monte...
Albers
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 25.10.10
Numero di messaggi : 2784
Località : ----
Impianto : ----

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 10:23
l'affaticamento uditivo io credo nella stragrande maggioranza dei casi dipenda fortemente dallo stato d'animo che si ha quando si accende l'impianto, dal peso dei problemi di vita comune che in quel particolare momento ci impegnano la mente ed il cuore

credo che solo in una minima quota sia addebitabile al complesso delle macchine e della musica in gioco

meno che mai poi la storiellina delle klipsch, e poi quali come si faceva giustamente notare, che sarebbero la causa prima di tutti i mali del secolo, ormai è stantìa su questi lidi, cambiare disco, prego ...

avatar
mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione
Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 10:47
Trovo il parallelo fatto da Flovato assolutamente calzante e completamente condivisibile... Razz

Forse si dovrebbe fare una premessa: se è vero che: "É indifferente se é mora, bionda o rossa basta che sia figa." è altrettanto vero che se è strabica, zoppa, sdentata, più larga che alta e semianalfabeta la probabilità che possa procurare emozioni mi pare abbastanza bassa... anche se... de gustibus...

Con questo voglio dire che un minimo di qualità di base deve pur sempre esserci per ricreare comunque una certa dose di "credibilità" all'evento riprodotto.

E qui, proseguendo nel parallelo... " se hai avuto la fortuna di provarne tante..." conta appunto una buona dose di esperienza d'ascolto per definire quale e quanta debba essere questa credibilità.

Alla fine poi personalmente preferisco una bella contadinotta ciociara, magari un po' abbondante e tracagnotta ma che "...ci mette l'anima..." ad una scultorea ma algida e distaccata vikinga... troppo perfetta per essere vera!

_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"
avatar
thepescator
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 26.12.10
Numero di messaggi : 1010
Località : Lombardia.
Occupazione/Hobby : dipende dai giorni / SAP, Moto, Hifi, pesca
Provincia (Città) : easy
Impianto : Lettore DVD economico
Bushmaster MKII
TK2050
cavi di qualità
Neat Motive 2

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 11:04
@mau749 ha scritto:Trovo il parallelo fatto da Flovato assolutamente calzante e completamente condivisibile... Razz

Forse si dovrebbe fare una premessa: se è vero che: "É indifferente se é mora, bionda o rossa basta che sia figa." è altrettanto vero che se è strabica, zoppa, sdentata, più larga che alta e semianalfabeta la probabilità che possa procurare emozioni mi pare abbastanza bassa... anche se... de gustibus...

Con questo voglio dire che un minimo di qualità di base deve pur sempre esserci per ricreare comunque una certa dose di "credibilità" all'evento riprodotto.

E qui, proseguendo nel parallelo... " se hai avuto la fortuna di provarne tante..." conta appunto una buona dose di esperienza d'ascolto per definire quale e quanta debba essere questa credibilità.

Alla fine poi personalmente preferisco una bella contadinotta ciociara, magari un po' abbondante e tracagnotta ma che "...ci mette l'anima..." ad una scultorea ma algida e distaccata vikinga... troppo perfetta per essere vera!


Ciao, io condivido a metà
Ci sono giorni in cui preferisco una vichinga e giorni in cui preferisco una contadinotta. Dipende dalla testa e dal cuore del momento. E' come quando si va in moto, ci sono giorni in cui la sintonia è perfetta, altri in cui non c'è verso di sentirla, e a volte alla moto preferisco il trattore di mio nonno Smile
avatar
flovato
UTENTE BANNATO
Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 12:00
@Albers ha scritto:l'affaticamento uditivo io credo nella stragrande maggioranza dei casi dipenda fortemente dallo stato d'animo che si ha quando si accende l'impianto, dal peso dei problemi di vita comune che in quel particolare momento ci impegnano la mente ed il cuore

credo che solo in una minima quota sia addebitabile al complesso delle macchine e della musica in gioco

meno che mai poi la storiellina delle klipsch, e poi quali come si faceva giustamente notare, che sarebbero la causa prima di tutti i mali del secolo, ormai è stantìa su questi lidi, cambiare disco, prego ...


Sempre serenamente e per il gusto di condividere (tornando in tema Smile ) ho avuto a casa per parecchio tempo le Heresy.
Se le abbini con ampli giusti (ad esempio con i McIntosch si acchiappano molto) sicuramente le ascolti con piacere.
Riempiono la casa di musica, le ascolti anche dall'altra stanza ma le mie Monitor Audio sono decisamente meno affaticanti.

Sullo stato d'animo non posso che quotarti, è vero, se non hai la predisposizione non c'è impianto che tenga ma è indubbio che ci siano diffusori più stancanti di altri.

Questo vale ad esempio anche per le automobili, non credo che un giro in Ferrari sia rilassante quando un giro in Lexus o Mercedes.
Non posso dire che la Ferrari non sia fantastica (magari) ma non facciamo passare il messaggio che i diffusori sono tutti uguali.

Chi preferisce farsi trapanare le orecchie per provare l'ebrezza di 20.000 Hz che ti penetrano e chi preferisce i toni rilassati di un vecchio tweeter in seta... de gustibus.
avatar
mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione
Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 14:24
Proprio per tornare serenamente in tema anche se l'argomento è molto vasto e forse in thread dedicato non ci starebbe affatto male, esprimo la mia personalissima opinione.

Innanzitutto credo che si dovrebbe estendere il problema, come già fra le righe espresso, non limitando o attribuendo la fatica d'ascolto ai soli diffusori.

A parer mio è tutta la catena a contribuire e spesso ponderalmente in maniera equivalente a questo fenomeno.

Non ne farei un problema di qualità intrinseca del singolo componente, con le dovute limitazioni evidentemente perché una scatola da scarpe difficilmente suonerà in modo diverso da una scatola da scarpe, quanto piuttosto di accoppiamenti più o meno felici o, se vogliamo, di simbiosi fra le varie componenti dell'intera catena.

Ho ancora nel cuore le emozioni di un ascolto THORENS/SME/SHURE/AUDIORESEARCH SP3/MARANTZ 9/DALQUIST DQ10, magari anche solo perché avevo vent'anni... mentre mi si rizzano ancora in testa i pochi capelli rimasti quando ripenso ad un altro impianto ORACLE/.../AUDIOTECNICA/KRELL/KRELL/APOGEE che non sono riuscito a sopportare per più di tre minuti.

Non si può negare la qualità di ciascun elemento ma sicuramente nel primo caso, considerando anche e soprattutto il gusto personale, questi erano decisamente meglio assortiti che non nel secondo e la conseguenza diretta di questo migliore o peggiore assortimento è proprio la fatica d'ascolto.

Aggiungiamo un'altra cosa, spesso trascurata ma, ritengo, assai importante.

Nel corso del tempo, soprattutto con l'avvento del digitale prima e della musica liquida nelle sue varie forme (MP3, ecc.) dopo si è persa man mano la cultura all'ascolto, causata in primis dalla quasi totale incompetenza di che sta seduto dietro al mixer in sala d'incisione ad al produttore che sta alle sue spalle che "impongono" per ragioni commerciali che solo loro conoscono che le incisioni "moderne" debbano essere sempre e comunque ricolme di "effetti speciali" con tutti i frizz... frizz... bum... bum... di un buon impianto da discoteca che si rispetti e questo anche quando si sta mixando un quintetto d'archi di Mozart...

Torniamo indietro gente... torniamo ad ascoltare "dal vivo", riascoltiamo un pianoforte "vero", un'orchestra sinfonica in teatro, un quartetto jazz in una fumosa cantina... solo allora sarà chiaro ed istintivo come costruirsi un buon impianto di riproduzione e vivere felici,... sia con la stangona dagli occhi azzurri che con la mora burrosa...

_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"
adriano gaddari
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 27.08.11
Numero di messaggi : 1245
Località : nuoro
Occupazione/Hobby : artigiano del vetro
Provincia (Città) : trasparente
Impianto : ANALOGICO -lenco l 78 se con plinto in vetro stratificato (avatar )-stanton 681 EE-goldring 2100
phono -- Graham Slee Amp 2 se
DIGITALE -- marantz cd 75II -macbook con audirvana - m2tech
hiface two - beresford bushmaster mk II alimentato zetagi
PRE--music first audio classic -- Itube di Ifi Audio FINALI--mono hypex ucd 180 hxl
DIFFUSORI--Dipole glass by Gaddari , prog R39 Audiojam2 modificato
ALIMENTAZIONE-furutek ( linea dedicata + ciabatta autocostruita )-- SEGNALE- saec - monster cable - Van Den Hul- Ramm Elite- Rj 142 POTENZA- tellurium blue
CUFFIE-- akg q 701

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 14:28
si ma col solo motore della ferrari non vai da nessuna parte , così come con i soli diffusori non fai un impianto .
cosi anche la Figa e l'Uccello , se non sono connessi a un cervello non servono a niente Laughing Laughing Laughing Laughing
la loro qualità è strettamente proporzionale alla qualità del cervello Laughing Laughing Laughing Laughing Laughing

scusate ma con tutte ste cazzate, alla fine si torna sempre sulla storiella delle Klipsch...... Hehe Hehe Hehe


Quoto in toto quanto afferma Albers. Oki
Albers
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 25.10.10
Numero di messaggi : 2784
Località : ----
Impianto : ----

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 15:17
@flovato ha scritto:
Sempre serenamente e per il gusto di condividere (tornando in tema Smile ) ho avuto a casa per parecchio tempo le Heresy.
Se le abbini con ampli giusti (ad esempio con i McIntosch si acchiappano molto) sicuramente le ascolti con piacere.
Riempiono la casa di musica, le ascolti anche dall'altra stanza ma le mie Monitor Audio sono decisamente meno affaticanti.

Sullo stato d'animo non posso che quotarti, è vero, se non hai la predisposizione non c'è impianto che tenga ma è indubbio che ci siano diffusori più stancanti di altri.

Questo vale ad esempio anche per le automobili, non credo che un giro in Ferrari sia rilassante quando un giro in Lexus o Mercedes.
Non posso dire che la Ferrari non sia fantastica (magari) ma non facciamo passare il messaggio che i diffusori sono tutti uguali.

Chi preferisce farsi trapanare le orecchie per provare l'ebrezza di 20.000 Hz che ti penetrano e chi preferisce i toni rilassati di un vecchio tweeter in seta... de gustibus.

su un’aliquota di responsabilità all’impianto, tutte le componenti incluse e secondo me con più o meno la stessa incidenza, se leggi sopra ne avevo già fatto cenno

quando però hai un po’ di ‘graffi’ al cervello e leggere ‘escoriazioni’ al cuore, hai voglia di far suonare impianti hifi !!

nel campo car;

credo tu abbia ricordi delle vecchie ferrari di una volta, ma direi di più, delle vecchie gt di un tempo, quelle senza servosterzo, col cambio che ti rompeva il polso ed il palmo della mano, che ti abbrustoliva la schiena, col motore scorbutico, la frizione da spingere con due piedi etc etc

ti aggiorno… ai tempi nostri le gt, anche quelle considerate più 'inguidabili' come porsche gt3, lotus 2 eleven etc , si guidano come le macchinine delle giostre, anche e direi soprattutto in città con coppia motore stellare e controlli elect step by step, hanno in media 3/4 programmi di handling, non parliamo poi di cambio, climatizzazione, etc etc … lasciati dire Very Happy

dopodiché sai, tutto è relativo, per un 50/60enne con n.ri portati male, affetto da pigrizia senile ed un po’ sovrappeso potrebbe apparire scomodo il fatto che la panza abbia qualche sussulto guidando una gt piuttosto che un berlinone lussuoso, ma per moltissimi altri, se non tutti gli altri, ti garantisco che rilassa di più stare al volante di una sportiva moderna over 350 cv*

goditi i tuoi tw in seta, flovato, ciao

* tranne che per le note 'supposte di sobrietà' che il 'medico becchino bocconiano' ci ha recentemente prescritto!! Twisted Evil
zorba
Novizio
Novizio
Data d'iscrizione : 07.05.12
Numero di messaggi : 13
Località : Parma
Impianto : Marantz nr1602 + AK series System m300

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 16:30
@flovato ha scritto:
Riempiono la casa di musica, le ascolti anche dall'altra stanza ma le mie Monitor Audio sono decisamente meno affaticanti.

che modello di monitor audio possiedi? Ho ascoltato in negozio delle RX1 e RX2 che mi sono sembrate molto presenti nelle frequenze medie (e forse acute). Non so però se questo sia dovuto al fatto che erano ancora da rodare o se è proprio una loro caratteristica.


Sullo stato d'animo non posso che quotarti, è vero, se non hai la predisposizione non c'è impianto che tenga ma è indubbio che ci siano diffusori più stancanti di altri.

ecco, mi sembra di capire che le Klipsch possano essere più affaticanti per via del tweeter a tromba e delle frequenze acute molto in evidenza.


Chi preferisce farsi trapanare le orecchie per provare l'ebrezza di 20.000 Hz che ti penetrano e chi preferisce i toni rilassati di un vecchio tweeter in seta... de gustibus.

Con quali materiali sono realizzati i tweeter? Mi sembra di aver letto che quelli della Indiana Line siano in tessuto (?): è questo che conferisce loro un carattere più morbido?
I tweeter delle monitor audio RX e BX in che materiale sono fatti?
avatar
mau749
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione
Data d'iscrizione : 08.01.12
Numero di messaggi : 987
Località : ROCCASECCA (FR)
Occupazione/Hobby : ingegnere progettista strutturale/musica e fotografia
Provincia (Città) : tendenzialmente ottimista
Impianto : dual mono SE 300B, dual mono PP 6B4G, dual mono PP EL34, fullrange Fostex Fe126 backhorn e tanto altro...

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 16:34
@Albers ha scritto:


......................

credo tu abbia ricordi delle vecchie ferrari di una volta, ma direi di più, delle vecchie gt di un tempo, quelle senza servosterzo, col cambio che ti rompeva il polso ed il palmo della mano, che ti abbrustoliva la schiena, col motore scorbutico, la frizione da spingere con due piedi etc etc

ti aggiorno… ai tempi nostri le gt, anche quelle considerate più 'inguidabili' come porsche gt3, lotus 2 eleven etc , si guidano come le macchinine delle giostre, anche e direi soprattutto in città con coppia motore stellare e controlli elect step by step, hanno in media 3/4 programmi di handling, non parliamo poi di cambio, climatizzazione, etc etc … lasciati dire Very Happy

dopodiché sai, tutto è relativo, per un 50/60enne con n.ri portati male, affetto da pigrizia senile ed un po’ sovrappeso potrebbe apparire scomodo il fatto che la panza abbia qualche sussulto guidando una gt piuttosto che un berlinone lussuoso, ma per moltissimi altri, se non tutti gli altri, ti garantisco che rilassa di più stare al volante di una sportiva moderna over 350 cv*

goditi i tuoi tw in seta, flovato, ciao

* tranne che per le note 'supposte di sobrietà' che il 'medico becchino bocconiano' ci ha recentemente prescritto!! Twisted Evil


io sono uno di quei (ultra) sessantenni che citi, sovrappeso ed affetto da pigrizia senile oltre che da presbiopia e calvizie ma, restando nel paragone, se voglio "sentire" davvero musica con tutte le emozioni che questa mi può dare preferisco di gran lunga le vecchie GT con i loro volantoni Nardi, la puzza di benzina, i loro motori che urlavano sopra i 5000 giri e con le quali dovevi litigare ad ogni curva per farle andare dove volevi tu e non dove invece volevano andare loro alle moderne gt che fanno tutto da sole con le loro centraline elettroniche supersofisticate (ma programmate da altri) e che ti dicono anche quando ti devi fermare a fare pipì...

... analogico, valvole e fullrange... tutta la vita...

_________________
Ciao, Maurizio
"... non è importante il colore del gatto... l'importante è che prenda i topi!"
avatar
Telstar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 26.02.09
Numero di messaggi : 1691
Località : Milano
Provincia (Città) : Incerto
Impianto : Living:
Fanless PC > Infrasonic Quartet > MSB MVC > Firstwatt F3 + Classé CAP-100
Open baffle 2 vie attive con Beyma e Hemp | Software XO | cavi vari Siltech, DNM, autocostruiti |
Studio:
W7 PC > emu 1212m (Amanero USB work in progress) > audio-gd DAC19DSP > CK2III con finali Rohm > AT W1000X |

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 17:44
@Albers ha scritto:su un’aliquota di responsabilità all’impianto, tutte le componenti incluse e secondo me con più o meno la stessa incidenza, se leggi sopra ne avevo già fatto cenno

Secondo me la causa dell'affaticamento di un impianto è da dividere 50% diffusori, 30% sorgente e 20% amplificazione.
Che guardacaso somiglia molto alle percentuali di spesa che andavano in voga una volta.
avatar
Telstar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 26.02.09
Numero di messaggi : 1691
Località : Milano
Provincia (Città) : Incerto
Impianto : Living:
Fanless PC > Infrasonic Quartet > MSB MVC > Firstwatt F3 + Classé CAP-100
Open baffle 2 vie attive con Beyma e Hemp | Software XO | cavi vari Siltech, DNM, autocostruiti |
Studio:
W7 PC > emu 1212m (Amanero USB work in progress) > audio-gd DAC19DSP > CK2III con finali Rohm > AT W1000X |

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 17:47
@zorba ha scritto:
Con quali materiali sono realizzati i tweeter? Mi sembra di aver letto che quelli della Indiana Line siano in tessuto (?): è questo che conferisce loro un carattere più morbido?
I tweeter delle monitor audio RX e BX in che materiale sono fatti?

Anche se fossero di memory foam le indiana sono inascoltabili comunque Hehe
avatar
alex79roma
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 16.06.09
Numero di messaggi : 235
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Software Designer / Smanettone
Provincia (Città) : Roma
Impianto : in firma

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 17:57
@Telstar ha scritto:
@Albers ha scritto:su un’aliquota di responsabilità all’impianto, tutte le componenti incluse e secondo me con più o meno la stessa incidenza, se leggi sopra ne avevo già fatto cenno

Secondo me la causa dell'affaticamento di un impianto è da dividere 50% diffusori, 30% sorgente e 20% amplificazione.
Che guardacaso somiglia molto alle percentuali di spesa che andavano in voga una volta.

Stiamo dimenticando l'ambiente...

Secondo me le responsabilità quando parliamo di fatica d'ascolto sono, in ordine di importanza decrescente, di:

  • ambiente
  • diffusori
  • sorgente
  • amplificatore


poi è chiaro che modificando uno di questi componenti puoi mitigare/compensare i difetti degli altri...
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore
Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15438
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Software developer - Istruttore di Muay Thai
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro





http://www.silvercybertech.com

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 18:04
@alex79roma ha scritto:Stiamo dimenticando l'ambiente...

Secondo me le responsabilità quando parliamo di fatica d'ascolto sono, in ordine di importanza decrescente, di:

  • ambiente
  • diffusori
  • sorgente
  • amplificatore


poi è chiaro che modificando uno di questi componenti puoi mitigare/compensare i difetti degli altri...

Sicuramente al primo posto l'ambiente, poi i diffusori e infine le elettroniche. Che poi rispecchia l'ordine di importanza dei componenti in una catena hifi. Quindi ovvio che se ciò che ha maggior rilevanza nella catena hifi ha delle pecche si rifletterà con maggior incidenza sul difetto avvertibile durante l'ascolto.

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il forum di Fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.lucegrafia.net
avatar
alex79roma
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 16.06.09
Numero di messaggi : 235
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Software Designer / Smanettone
Provincia (Città) : Roma
Impianto : in firma

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 18:23
@Albers ha scritto:l'affaticamento uditivo io credo nella stragrande maggioranza dei casi dipenda fortemente dallo stato d'animo che si ha quando si accende l'impianto, dal peso dei problemi di vita comune che in quel particolare momento ci impegnano la mente ed il cuore

credo che solo in una minima quota sia addebitabile al complesso delle macchine e della musica in gioco

meno che mai poi la storiellina delle klipsch, e poi quali come si faceva giustamente notare, che sarebbero la causa prima di tutti i mali del secolo, ormai è stantìa su questi lidi, cambiare disco, prego ...


Sono d'accordo, lo stato d'animo incide molto su quanto il cervello interpreta fastidiosi i suoni
zorba
Novizio
Novizio
Data d'iscrizione : 07.05.12
Numero di messaggi : 13
Località : Parma
Impianto : Marantz nr1602 + AK series System m300

Re: affaticamento uditivo

il Mar 8 Mag 2012 - 19:57
@Telstar ha scritto:
Anche se fossero di memory foam le indiana sono inascoltabili comunque Hehe

Eppure le tesi 240 che ho ascoltato mi sono piaciute molto. Ovvio che questa è una opinione personale e che dei diffusori da 3000€ dovrebbero (si spera) suonare meglio, però nella loro fascia di prezzo mi sembrano valide. Sugli altri modelli non posso pronunciarmi.

Concordo che l'ambiente con i suoi echi, rimbombi e rinforzi di frequenze possa influire molto sulla qualità dell'ascolto. È sicuramente vero che anche lo stato d'animo influisce molto.
Nella mia tormentata ricerca mi sono però chiesto quali aspetti del diffusore "in sé" possano influire sulla fatica d'ascolto: materiali utilizzati, progettazione, dimensione casse, tecnologie impiegate...
Ad esempio c'è chi ha sostenuto che un tweeter in seta possa essere più morbido e a questo punto mi sono chiesto, le attuali tecnologie/materiali in che modo influiscano.
Ad esempio l'utilizzo di membrane plastiche o metalliche che tipo di incidenza ha sul suono e sulla eventuale fatica?
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum