T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» Trovatemi un DAC
Oggi alle 16:30 Da Egidio Catini

» SOS: Impianto AKAI 1980
Oggi alle 16:22 Da mikunos

» aiuto miglioramento sala d'ascolto
Oggi alle 16:09 Da dieggs

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Oggi alle 16:04 Da Alessandro Smarrazzo

» Cannucce nel condotto reflex
Oggi alle 14:32 Da Sestante

» Alimentatore Lineare Audiophonics per RaspBerry PI 3 B
Oggi alle 14:21 Da Adr2016

» Miglior Integrato usato per 500 euro
Oggi alle 13:29 Da Adr2016

» Ci risiamo
Ieri alle 22:42 Da zimone-89

» Consiglio sull usato
Ieri alle 20:34 Da giucam61

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Ieri alle 19:56 Da CHAOSFERE

» (PD) vendo m2tech Young prima serie
Ieri alle 17:00 Da alluce

» vendo: Focusrite, Scarlett 2I4 2Nd Gen, 2 In 4 Out Interfaccia Audio Usb
Ieri alle 15:38 Da mumps

» cd723 + SL PG200A
Ieri alle 15:32 Da arivel

» La mia opinione sul tpa3116
Ieri alle 13:02 Da fritznet

» Ciare PH 250 - Le contro Zu in stile italiano
Ieri alle 9:08 Da Tancredi76

» INDIPENDENTEMENTE DALLA CLASSE DI FUNZIONAMENTO ...
Dom 25 Giu 2017 - 23:30 Da uncletoma

» Collegamento tra sorgenti digitali
Dom 25 Giu 2017 - 23:28 Da giucam61

» Messaggi Privati
Dom 25 Giu 2017 - 21:00 Da lello64

» volumio
Dom 25 Giu 2017 - 20:57 Da pigno

» casse per PC
Dom 25 Giu 2017 - 17:53 Da Kha-Jinn

» Il mio angolo e non solo
Dom 25 Giu 2017 - 17:16 Da SubitoMauro

» Upgrade pre-phono
Dom 25 Giu 2017 - 15:35 Da Curelin

» POPU VENUS
Dom 25 Giu 2017 - 14:10 Da lello64

» Quali diffusori ?
Dom 25 Giu 2017 - 12:30 Da nerone

» consiglio cuffia chiusa di ogni marca
Dom 25 Giu 2017 - 11:33 Da iceman

» nad c326bee - opinioni
Dom 25 Giu 2017 - 10:21 Da giucam61

» LECTOR
Dom 25 Giu 2017 - 8:42 Da gigetto

» Bit non-perfect
Dom 25 Giu 2017 - 0:21 Da fritznet

» i misteri sono tanti: io ne ho uno nuovo penso!
Sab 24 Giu 2017 - 23:16 Da Calbas

» Dual1019 testina rotta
Sab 24 Giu 2017 - 20:00 Da solitario

Statistiche
Abbiamo 10866 membri registrati
L'ultimo utente registrato è mikunos

I nostri membri hanno inviato un totale di 789270 messaggi in 51244 argomenti
I postatori più attivi della settimana
giucam61
 
nerone
 
Alessandro Smarrazzo
 
Nadir81
 
Adr2016
 
fritznet
 
kalium
 
dieggs
 
mikunos
 
Gabrielefenu
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19630)
 
schwantz34 (15508)
 
Silver Black (15460)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10261)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9067)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 59 utenti in linea: 5 Registrati, 1 Nascosto e 53 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Adr2016, Alessandro Smarrazzo, Gabrielefenu, lello64, Nadir81

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


differenze di voltaggio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

differenze di voltaggio

Messaggio  fannaru il Dom 12 Apr 2009 - 22:15

Mi sto ponendo questo problema ( la differenza di voltaggio nei vari paesi ) perchè sto dando una occhiata all'usato su siti esteri ed ovviamente per apparecchi USA c'è una bella differenza... nel senso che la corrente elettrica quella americana va a circa la metà di quella nostrana. Ma innanzitutto per chiarire ....

1) in Italia la corrente è a 220 v ?? o a 230 v ??

2) per esempio ho visto apparecchi che funzionano con 240 v.... vista la poca differenza che succede se viene messo in funzione con la nostra corrente ??

3) si può ovviare acquistando un alimentatore universale come quello che mi hanno fornito col Virtue One ??

4) se si, acquistando un alimentatore a quali cose si deve badare per evitare problemi ?

5) ultima e più importante.... si perde in qualità del suono ??
avatar
fannaru
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 19.04.08
Numero di messaggi : 929
Località : Pompei
Occupazione/Hobby : art dealer
Impianto : Ampli: Ensemble Evocco - Passione , sorgente: Esoteric DV50S, diffusori: Merlin TSM MME, cavi segnale: Xindak FA Gold, cavi potenza: Cardas Golden Reference.

Tornare in alto Andare in basso

Re: differenze di voltaggio

Messaggio  Fabio il Dom 12 Apr 2009 - 23:09

@fannaru ha scritto:Mi sto ponendo questo problema ( la differenza di voltaggio nei vari paesi ) perchè sto dando una occhiata all'usato su siti esteri ed ovviamente per apparecchi USA c'è una bella differenza... nel senso che la corrente elettrica quella americana va a circa la metà di quella nostrana. Ma innanzitutto per chiarire ....

1) in Italia la corrente è a 220 v ?? o a 230 v ??

2) per esempio ho visto apparecchi che funzionano con 240 v.... vista la poca differenza che succede se viene messo in funzione con la nostra corrente ??

3) si può ovviare acquistando un alimentatore universale come quello che mi hanno fornito col Virtue One ??

4) se si, acquistando un alimentatore a quali cose si deve badare per evitare problemi ?

5) ultima e più importante.... si perde in qualità del suono ??



La tensione di rete è ufficialmente 220V, ma puo' oscillare di molto. Dipende dalla zona e dal carico della linea.
Di solito gli apparecchi a 240Volt funzionano regolarmente a 220V- 230V
Molti alimentatori switching accettano sia la tensione di rete americana che quella europea, vedi ad esempio quelli di molti portatili attuali
C'è da considerare che la corrente in ingresso è invresamente proporsionale alla tensione e molti di quesi alimentatori vanno meglio a 220V-230v, quando non ottimizzati appositmente per la 110v-115v.
Questo non è una regola ferrea, quindi nel tuo caso, accertati che sulla targhetta sia dichiarato un valore massimo compatibile, ma penso che per universale intendi appunto questa caratteristica.
Se uno switching è dichiarato a 240v di solito è un valore massimo e funziona egregiamente con la 220. Una volta che lo stadio di rettifica e pilotaggio a monte del trafo ad alta frequenza, riesce a gestire la tensione massima, si riesce anche ad avere in uscita la tensione costante di targa. In genere la tensione è "regolata" prima del trasformatore dall'oscillatore stesso e in uscita viene solo raddrizzata e filtrata.
Se invece l'alimentatore ha un trasformatore tradizionale, deve essere presente la possibilità di impostare la tensione di ingresso 110-220 con un selettore.
Nel caso non ci sia, o interponi un autotrasfomatore, o devi far riavvolgere il traformatore, o capire se esiste un ricambio apposito della casa.
Quando non hai una vaschetta IEC cambia anche la presa o comunque la spina del cavo.
Io eviterei di acquistare apparecchiature americane con trasformatori tradizionali, anche se a volte ci sono dei prezzi che mi hanno tentato non poco a sperimentare una modifica.
Se la tensione di rete è un po' più bassa ne puo' risentire la qualità quando all'ampli viene richiesto di erogare tutta sua potenza, in quanto l'alimentatore o in tensone o in corrrente (nelle due tipologie) diminuisce le sue capacità.
A bassi volumi di ascolto non me ne preoccuperei
I valori da tenere in considerazione sono la tensione alternata di ingresso, quella continua in uscita, e la corrente erogabile ( e qui dipende molto dall'onesta del costruttore ).
La tipologia invece puo' essere tadizionale, stabilizzata o non nelle sue varie implementazioni, oppure switching.
avatar
Fabio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.11.08
Numero di messaggi : 2516
Località : Roma
Occupazione/Hobby : informatico aziendale / ozio
Provincia (Città) : pessimo
Impianto : in firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: differenze di voltaggio

Messaggio  fannaru il Lun 13 Apr 2009 - 10:25

@Fabio ha scritto:
@fannaru ha scritto:Mi sto ponendo questo problema ( la differenza di voltaggio nei vari paesi ) perchè sto dando una occhiata all'usato su siti esteri ed ovviamente per apparecchi USA c'è una bella differenza... nel senso che la corrente elettrica quella americana va a circa la metà di quella nostrana. Ma innanzitutto per chiarire ....

1) in Italia la corrente è a 220 v ?? o a 230 v ??

2) per esempio ho visto apparecchi che funzionano con 240 v.... vista la poca differenza che succede se viene messo in funzione con la nostra corrente ??

3) si può ovviare acquistando un alimentatore universale come quello che mi hanno fornito col Virtue One ??

4) se si, acquistando un alimentatore a quali cose si deve badare per evitare problemi ?

5) ultima e più importante.... si perde in qualità del suono ??



La tensione di rete è ufficialmente 220V, ma puo' oscillare di molto. Dipende dalla zona e dal carico della linea.
Di solito gli apparecchi a 240Volt funzionano regolarmente a 220V- 230V
Molti alimentatori switching accettano sia la tensione di rete americana che quella europea, vedi ad esempio quelli di molti portatili attuali
C'è da considerare che la corrente in ingresso è invresamente proporsionale alla tensione e molti di quesi alimentatori vanno meglio a 220V-230v, quando non ottimizzati appositmente per la 110v-115v.
Questo non è una regola ferrea, quindi nel tuo caso, accertati che sulla targhetta sia dichiarato un valore massimo compatibile, ma penso che per universale intendi appunto questa caratteristica.
Se uno switching è dichiarato a 240v di solito è un valore massimo e funziona egregiamente con la 220. Una volta che lo stadio di rettifica e pilotaggio a monte del trafo ad alta frequenza, riesce a gestire la tensione massima, si riesce anche ad avere in uscita la tensione costante di targa. In genere la tensione è "regolata" prima del trasformatore dall'oscillatore stesso e in uscita viene solo raddrizzata e filtrata.
Se invece l'alimentatore ha un trasformatore tradizionale, deve essere presente la possibilità di impostare la tensione di ingresso 110-220 con un selettore.
Nel caso non ci sia, o interponi un autotrasfomatore, o devi far riavvolgere il traformatore, o capire se esiste un ricambio apposito della casa.
Quando non hai una vaschetta IEC cambia anche la presa o comunque la spina del cavo.
Io eviterei di acquistare apparecchiature americane con trasformatori tradizionali, anche se a volte ci sono dei prezzi che mi hanno tentato non poco a sperimentare una modifica.
Se la tensione di rete è un po' più bassa ne puo' risentire la qualità quando all'ampli viene richiesto di erogare tutta sua potenza, in quanto l'alimentatore o in tensone o in corrrente (nelle due tipologie) diminuisce le sue capacità.
A bassi volumi di ascolto non me ne preoccuperei
I valori da tenere in considerazione sono la tensione alternata di ingresso, quella continua in uscita, e la corrente erogabile ( e qui dipende molto dall'onesta del costruttore ).
La tipologia invece puo' essere tadizionale, stabilizzata o non nelle sue varie implementazioni, oppure switching.

Perfetto Fabio....grazie mille !!! Smile
avatar
fannaru
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 19.04.08
Numero di messaggi : 929
Località : Pompei
Occupazione/Hobby : art dealer
Impianto : Ampli: Ensemble Evocco - Passione , sorgente: Esoteric DV50S, diffusori: Merlin TSM MME, cavi segnale: Xindak FA Gold, cavi potenza: Cardas Golden Reference.

Tornare in alto Andare in basso

Re: differenze di voltaggio

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum