T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio
Ti piace il nuovo stile del T-Forum?
Sì, meglio questo nuovo
46% / 37
No, era meglio quello vecchio
54% / 43
Ultimi argomenti
DAC o CDOggi alle 13:24Luca Marchetti
ALIENTEK D8Oggi alle 10:53nerone
HelP! DAC!Oggi alle 0:07RAMONE67
POPU VENUS Ieri alle 7:23gigetto
Vendo cavo HDMI G&BLMar 28 Mar 2017 - 23:03wolfman
I postatori più attivi della settimana
24 Messaggi - 18%
23 Messaggi - 17%
15 Messaggi - 11%
14 Messaggi - 10%
13 Messaggi - 10%
11 Messaggi - 8%
10 Messaggi - 7%
9 Messaggi - 7%
8 Messaggi - 6%
7 Messaggi - 5%
I postatori più attivi del mese
306 Messaggi - 22%
267 Messaggi - 19%
147 Messaggi - 11%
142 Messaggi - 10%
121 Messaggi - 9%
95 Messaggi - 7%
88 Messaggi - 6%
73 Messaggi - 5%
68 Messaggi - 5%
68 Messaggi - 5%
Migliori postatori
Stentor (20392)
20392 Messaggi - 15%
DACCLOR65 (19630)
19630 Messaggi - 15%
schwantz34 (15499)
15499 Messaggi - 12%
Silver Black (15440)
15440 Messaggi - 11%
nd1967 (12803)
12803 Messaggi - 10%
flovato (12509)
12509 Messaggi - 9%
10260 Messaggi - 8%
piero7 (9854)
9854 Messaggi - 7%
wasky (9229)
9229 Messaggi - 7%
fritznet (8857)
8857 Messaggi - 7%
Chi è in linea
In totale ci sono 60 utenti in linea :: 9 Registrati, 0 Nascosti e 51 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

antbom, fabsal, gigihrt, rai63, Seti, Silver Black, stan7.3, sudokus, valterneri

Vedere la lista completa

Flusso RSS

Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8857
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Dom 6 Mag 2012 - 15:28
Vic, se puoi e hai tempo, prova a fare un ascolto del gira in cuffia, credo sia un buon inizio per capire dove è il miglioramento dato dal piatto, se in cuffia è assente del tutto o quasi, è una risonanza indotta da feedback, se il miglioramento è netto anche in cuffia, si tratta di risonanze proprie del piatto.
Io ho provato sia a basso volume che a volume sostenuto, avendo l'impressione che pur essendo meno evidente, il miglioramento c'è anche a basso volume, il che mi fa pensare che il piatto in vetro stratificato abbatta di peso le risonanze sia esogene (generate esternamente, dai diffusori e dalle risonanze ambientali) che endogene (generate internamente dal motore, e che si propagano via base a tutto il resto, e dal sistema testina /braccio/vinile).
Albers
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 25.10.10
Numero di messaggi : 2784
Località : ----
Impianto : ----

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Lun 7 Mag 2012 - 11:02
@fritznet ha scritto:O sono timidi, o non ci legge nessuno, Adriano! Very Happy
Stavo pensando a come quantificare, misurare la differenza tra i due piatti Adriano, come minimo ci vuole un disco di test.
Stavo anche pensando che i dischi di test dovrebbero avere incise , tra le altre cose, delle frequenze sinusoidali statiche , mentre la mia convinzione personale è che il tuo piatto incida sul tempo di decadimento dei transienti, o meglio influisce molto meno del piatto originale in vetro, che presumo tenda (risuonando) ad allungare il tempo di decadimento.
Quindi forse potrebbe essere misurabile anche una differenza usando dischi normali, con programmi musicali adeguati (percussioni, xilofoni, etc).
L'altra cosa che mi chiedo è se le risonanze del piatto siano misurabili ( ed esistenti) anche col segnale non amplificato (quindi risonanze in qualche modo strutturali del piatto, innescate ad esempio dalle vibrazioni del sistema motore-perno-sfera-piatto, e/o dal sistema testina-braccio-piatto), oppure se tali risonanze diventino avvertibili/esistenti/misurabili solo col segnale amplificato, nel qual caso sarebbe una sottile forma di feedback notevolmente abbattuta dal piatto in vetro stratificato.

Una prova in cuffia sarebbe forse dirimente in proposito,
e anche il parere di qualche esperto in giradischi e misure sull'argomento sarebbe di grande utilità Smile


ciao fritz, se la accetti vorrei dirti come la penso io su questa cosa

non escludo che il lato estetico del giradischi ne guadagni dai pezzi lavorati, suppongo con maestria ed ingegno, dal bravissimo gaddari, io però ritengo che la peculiare delicatezza e sensibilità del tipo di sorgente, che proprio per questo necessita in fase progettuale una accurata e sinergica precisione di calcolo prima e costruttiva dopo tra le masse in gioco gli organi meccanici ed elettrici che la compongono, imponga molta prudenza nell'eseguire modifiche diciamo 'artigianali' , quindi tenderei ad escluderne l'applicazione

ciò non esclude tuttavia il fatto che esse, quando ben fatte e con moderazione, non possano incidere in modo positivo sugli esiti finali in termini di ascolto, perché no?

piuttosto che farti tutte ste complicazioni 'scientifiche' , invece di invocare chimici, tecnici, ingegneri, misure, formulette, progettisti o pseudotali, recensori … ‘fuochisti’, lascia perdere fritznet , fai una cosa semplice:

premesso che a mio parere coinvolgendo solo appassionati, specie se legati al forum e consci a priori delle operazioni che si stanno mettendo in atto, non si potrà che ottenere una ‘naturalmente’ suggestionata approvazione, diciamo quasi 100/100, alle versioni ‘tuning’ e questo in genere vale un pò per tutto

?perché invece non ne proponi l’ascolto ad una persona terza, diciamo per es tua moglie, dicendole che ti serve un suo giudizio su una modifica che intendi fare al tt, le dici che sentirà lo stesso brano musicale, possibilmente abbastanza lungo, prima con la versione stock e dopo quella modificata …tu invece farai il contrario, ovviamente, e non le farai vedere mai il gira nelle due versioni

non ti sarà difficile, data la semplice e rapida variazione dell’allestimento, ne otterrai una valutazione molto ma molto attendibile circa l’incidenza % in qualità delle reali caratteristiche audio su quelle estetiche

* in linea di massima io so già come andrà a finire … evito quindi il banale ' fami sapere'



avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8857
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Lun 7 Mag 2012 - 11:37
Caro Albers, capisco il tuo punto di vista e capisco anche le obiezioni, ma io , come tutti quelli che ascoltano musica da alcuni decenni, mi fido molto delle mie orecchie, a torto o a ragione.

La prova con orecchie "non audiofile" è in programma, i tempi miei sono sempre frammentati e sparpagliati, ma sono in previsione comunque, credo che coinvolgerò i figli più che la moglie negli ascolti comparativi, già la riapparizione del giradischi non è vista di buon occhio dalla consorte, se deve anche sorbirsi le comparative... Laughing
Per quello che riguarda l'aspetto delle modifiche, il progetto originale vs modifiche casalinghe, credimi è un aspetto che non trascuro, credo di potermi rendere conto di dove sia sensato intervenire con mezzi propri e dove non abbia senso.

Nel caso del piatto ha tantissimo senso (IMHO) l'unica differenza rispetto all'originale è solo migliorativa. Nel caso del terminale del braccio e contrappeso, idem, nel senso che anche se il terminale e il contrappeso li ho fatti a mano, hanno solo guadagnato rispetto all'originale.

Non ho disprezzo verso i progetti industriali, anzi, ho il massimo rispetto (ma non riverenza) nei confronti di chi riesce a progettare minimizzando i costi facendo in modo che la qualità complessiva ne risenta il meno possibile.

Ed è proprio qui che l'appassionato può farsi strada, con quelle modifiche che a livello industriale costano di più in modo significativo, e per un singolo sono poca cosa.

E' un caso che esistano tanti kit di upgrade sia per i Rega che per altri giradischi?
Il piatto Choir per il Rega, a parte costare 200£ perchè dovrebbe suonare meglio del piatto di Adriano?Secondo me suona anche peggio perchè non è smorzato, comunque...
Un terminale e un contrappeso OL, a parte il fatto di costare 80£, in cosa credi differiscano da quelli fatti da me?
Non sono domande retoriche, mi piacerebbe leggere una tua risposta.

MI fa piacere comunque leggere il tuo intervento, nonostante lo scetticismo, se hai un giradischi compatibile (REga e simili) ti direi di provare la differenza la differenza con le tue stesse orecchie, avremmo un parere in più.
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8857
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Lun 7 Mag 2012 - 14:47
Stamattina ho risposto un pò d'impulso, ora aggiungo questa considerazione, benchè fare il terminale ed il contrappeso mi sia costato di più in termini di fatica personale e nonostante la realizzazione pratica sia stata tutta farina del mio sacco (quindi con l'effetto scarrafone al massimo), in termini di miglioramento ad un ascolto non approfondito non colgo nella mia catena (modesta) alcun miglioramento, nè peggioramento.

Nel caso del piatto è invece una cosa (ripeto , nel mio ambiente con la mia modesta catena) assolutamente netta e percepibile, e a quanto pare anche nella catena di Vicarious, sicuramente già di un altro livello. Smile

Con questo non voglio dire che metterò in un cassetto il terminale e il contrappeso, l'avrei fatto se avessi notato un peggioramento anche lieve, lo tengo perchè è comunque più bello dell'originale, ripromettendomi di testarlo a confronto con l'originale quando avrò a disposizione qualche elemento più avanzato nella catena audio (testina, pre phono, ampli) e anche non appena avrò terminato il ricablaggio del braccio.
Albers
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 25.10.10
Numero di messaggi : 2784
Località : ----
Impianto : ----

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Lun 7 Mag 2012 - 16:15
@fritznet ha scritto: Caro Albers, capisco il tuo punto di vista e capisco anche le obiezioni, ma io , come tutti quelli che ascoltano musica da alcuni decenni, mi fido molto delle mie orecchie, a torto o a ragione.

La prova con orecchie "non audiofile" è in programma, i tempi miei sono sempre frammentati e sparpagliati, ma sono in previsione comunque, credo che coinvolgerò i figli più che la moglie negli ascolti comparativi, già la riapparizione del giradischi non è vista di buon occhio dalla consorte, se deve anche sorbirsi le comparative... Laughing
Per quello che riguarda l'aspetto delle modifiche, il progetto originale vs modifiche casalinghe, credimi è un aspetto che non trascuro, credo di potermi rendere conto di dove sia sensato intervenire con mezzi propri e dove non abbia senso.

Nel caso del piatto ha tantissimo senso (IMHO) l'unica differenza rispetto all'originale è solo migliorativa. Nel caso del terminale del braccio e contrappeso, idem, nel senso che anche se il terminale e il contrappeso li ho fatti a mano, hanno solo guadagnato rispetto all'originale.

Non ho disprezzo verso i progetti industriali, anzi, ho il massimo rispetto (ma non riverenza) nei confronti di chi riesce a progettare minimizzando i costi facendo in modo che la qualità complessiva ne risenta il meno possibile.

Ed è proprio qui che l'appassionato può farsi strada, con quelle modifiche che a livello industriale costano di più in modo significativo, e per un singolo sono poca cosa.

E' un caso che esistano tanti kit di upgrade sia per i Rega che per altri giradischi?
Il piatto Choir per il Rega, a parte costare 200£ perchè dovrebbe suonare meglio del piatto di Adriano?Secondo me suona anche peggio perchè non è smorzato, comunque...
Un terminale e un contrappeso OL, a parte il fatto di costare 80£, in cosa credi differiscano da quelli fatti da me?
Non sono domande retoriche, mi piacerebbe leggere una tua risposta.

MI fa piacere comunque leggere il tuo intervento, nonostante lo scetticismo, se hai un giradischi compatibile (REga e simili) ti direi di provare la differenza la differenza con le tue stesse orecchie, avremmo un parere in più.

anch'io attribuisco il max, se non tutta, della considerazione alle mie orecchie, quando però hai messo qualcosa o molto di tuo nella costruzione e/o ideazione di qualcosa, è sempre conveniente far giudicare altri, possibilmente ignari (e puri) dell'argomento

ma, andiamo a noi ...

alterare oggetti finiti, macchine, opere d’arte di uso comune e non , con lo scopo tutto nostro di migliorarne l’efficienza, la funzionalità, etc , autocostruirne ex novo col malcelato ed utopico obbiettivo della perfezione ricercata, direi sia cosa sacrosanta che perdippiù son certo costituisca un salutare motivo per la classica ‘attesa del bell'evento’, quel qualcosa che ci migliora l’umore, che ci rasserena, direi una cosa fondamentale nella nostra vita, da procurarsene l’occasione anche quando non se ne veda l’utilità apparente, quasi come una medicina

tuttavia io distinguerei quelle attività, chiamiamole di ‘manualità sanitaria‘, che al di là del target di cui prima, al più lasciano il tempo che trovano cioè non procurano danni, da quelle che invece ne favoriscono o fanno sì da procurarne

ecco, in linea di massima io la penso così, federico

se poi si hanno delle specializzazioni in campi particolari è ovvio che ci si può spingere oltre, nella grande maggioranza dei casi direi proprio di no

vedo di spiegarmi meglio;

un conto è:

cambiare uno stilo con uno migliore, sostituire bancate di cap con altri più qualitativi e costosi, costruirsi cavi di potenza e/o di interconnessione con altri sofisticatissimi sia da assemblare che nei materiali di origine ‘astrale’ etc etc

cambiare i filtri aria e olio dell’auto con altri di marca x racing, sostituire le candele originali con altre all’iridio, mettere dei manicotti h2o in silicone ‘blu’ al posto di quelli in gomma etc etc

cambiare la disposizione ed il numero dei tramezzi allocati su un solaio di una struttura in c.a., modificare la tipologia e la densità dei veicoli che gravano sulle travi precompresse di un viadotto, modificare la granulometria e la tipologia del terreno contenuto da un muro di sostegno in c.a., etc etc

un altro è :

sostituire il piatto originale del giradischi con uno di peso maggiore magari artigianalmente costruito, costruire una nuova fondazione, differente in forma e materiali, modificare tutta o in parte la cinematica del braccio, delle masse sospese etc senza tener conto dell’interazione globale meccanica , elettrica tra le diverse componenti del tt

trasformare un motore di un auto, da aspirato a compresso, montando solamente il kit relativo senza tener conto di tutto un insieme di fattori che agiscono sull’affidabilità complessiva non ultimo per es quello di sostituire i pistoni con quelli a bassa compessione ,quasi mai previsti nei kit in vendita, oppure eliminare da sw il limitatore di giri o incrementandolo rischiando di liquefare di netto il banco, rompere le bielle etc

realizzare su una trave facente parte di edificio in c.a. un balcone, non originariamente previsto e staticamente calcolato, tramite la costruzione di una mensola in c.a. le cui sollecitazioni agiranno non solo sulla stessa trave portante ma si ridistribuiranno sulla struttura globale in c.a. della costruzione, alterandone la risposta complessiva

ecco, ti ho fatto qualche esempio di materie di cui mi occupo per essere più chiaro, almeno spero di esserlo stato, se no, cestina il tutto

infine, non ho un gira rega, mi dispiace(per me)

ciao fede
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8857
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Lun 7 Mag 2012 - 17:06
Ciao Albers, come sempre i tuoi interventi sono pertinenti e decisamente " di sostanza", quindi ho un motivo in più per leggerli con piacere.

Ribadisco però un concetto, ho afferrato il senso delle critiche ( o forse è meglio definirle "warnings"?), improntate al buon senso ed alla comprensione intima della meccanica sottile che sta dietro ad un giradischi, e le condivido pienamente, tant'è che anche se puoi aver avuto l'impressione che le due modifiche siano state concepite e applicate al volo, è un'impressione che non corrisponde al vero.

Partiamo dal piatto, è assolutamente identico all'originale dal punto di vista dimensionale, le uniche differenze stanno nel materiale, che è notevolmente più smorzato, e nella massa, che è aumentata in modo però irrilevante ( 1,5% su un piatto da 1,7 Kg credo sia irrilevante, basta usare una clamp media per superare questo aumento di un fattore 10).

Davvero mi sono posto il problema anche per il giradischi di Vicarious, che hai li piatto diverso, ma identico il sottopiatto /perno.
Poichè un upgrade diffuso e che non comporta alcun problema per questo gira è, appunto l'uso del classico(per la Rega) piatto in vetro, torniamo al discorso di prima.

Per il discorso del terminale e contrappeso, anche qui pur avendo lavorato perlopiù a mano, il terminale è assolutamente migliorativo rispetto all'originale in plastica, essendo in alluminio ha caratteristiche meccaniche (resistenza a flessione, momento etc) sicuramente superiori, l'aumento di massa è stato compensato da una lieve riduzione di massa del contrappeso rispetto all'originale.

Il decentramento del punto di innesto del contrappeso è riconosciuto come migliorativo su questo tipo di bracci (abbassa il baricentro del fulcro).

Davvero i miei ricordi di cenni di Meccanica (frammentari e superficiali, devo ammetterlo), non mi permettono di vedere alcun punto in cui queste modifiche potrebbero portare anche ad un solo, marginale problema.

Non vorrei ora darti l'impressione di ribattere perchè le tue osservazioni abbiano toccato aspetti tralasciati, nè peggio ancora, per avere l'ultima parola.

Sono anzi ben lieto di queste tue osservazioni perchè si prestano a sottolineare aspetti che non ho sottolineato nel post, preso dall'entusiasmo e dalla voglia di condividere questa cosa con altri, ma che sono stati presi in giusta considerazione.

Per tornare ai tuoi esempi, nel caso del piatto è come se avessimo cambiato il mobilio di casa con mobili più belli e acusticamente migliori, le travi ed il solaio (il perno e il sottopiatto) sono assolutamente al loro posto, ed il carico che devono sopportare è in sostanza il medesimo.

Smile
adriano gaddari
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 27.08.11
Numero di messaggi : 1245
Località : nuoro
Occupazione/Hobby : artigiano del vetro
Provincia (Città) : trasparente
Impianto : ANALOGICO -lenco l 78 se con plinto in vetro stratificato (avatar )-stanton 681 EE-goldring 2100
phono -- Graham Slee Amp 2 se
DIGITALE -- marantz cd 75II -macbook con audirvana - m2tech
hiface two - beresford bushmaster mk II alimentato zetagi
PRE--music first audio classic -- Itube di Ifi Audio FINALI--mono hypex ucd 180 hxl
DIFFUSORI--Dipole glass by Gaddari , prog R39 Audiojam2 modificato
ALIMENTAZIONE-furutek ( linea dedicata + ciabatta autocostruita )-- SEGNALE- saec - monster cable - Van Den Hul- Ramm Elite- Rj 142 POTENZA- tellurium blue
CUFFIE-- akg q 701

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Lun 7 Mag 2012 - 22:40
entro in merito alla discussione per quel che riguarda l'upgrade piatto in vetro sul giradischi Rega , visto che la mia competenza mi permette di vedere nell'oggetto solo la parte meccanica e non quella elettronica .
avendolo fra le mani da una vita , coccolato in casa , ma anche strapazzato, (non il mio ) nelle mie seppur brevi esperienze in radio e sale da ballo , posso affermare che il giradischi è tanto complicato nell'uso e nella messa a punto quanto semplice nella sua realizzazione meccanica .

Cosi come nella mia piccola azienda artigiana , per ovvi motivi logistici siamo costretti ogni qualvolta abbiamo un problema sulle ns macchine , ( pena affrontare spese aeree ,vitto e alloggio dei tecnici e tempi biblici ) a dover ricorrere , nella maggior parte dei casi , al fai da te; in linea di massima ci tiriamo indietro solo quando il problema riguarda l'elettronica , ma nelle parti meccaniche vige la legge semplice dello smonta-sostituisci e rimonta rimettendo ogni cosa al suo posto . study Tell a secret Please

in funzione dello stesso principio ,Il discorso piatto del giradischi non implica alcuna difficoltà , perch'è un upgrade già previsto dalla casa madre , basta non oltrepassare le tolleranze di peso trascinabile dal motore ,che normalmente è oltre il doppio del peso del piatto di serie , e che lo spessore non superi l'orizzonte in equilibrio del braccio comprensivo di testina e puntina. Potenziando il motore alla portanza richiesta è normalmente possibile anche aumentare lo spessore del piatto sottoponendo
alla base del braccio delle ghiere elevatrici. sono upgrade che si fanno in maniera passiva al solo scopo di aumentare l'effetto smorzante sopratutto alle basse frequenze ,senza dover manipolare i principi costruttivi di progetto predisposti dalla casa madre e tantomeno variare la fase elettronica. Lo statement di clearaudio è sviluppato su questo principio.
Loro lo fanno per professione , noi per gioco Laughing Laughing

Albers
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 25.10.10
Numero di messaggi : 2784
Località : ----
Impianto : ----

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mar 8 Mag 2012 - 10:03
federico, scusa, colpa mia non aver letto con attenzione tutti i post del 3d(è un periodo in cui non riesco a concentrarmi per più di tre o quattro minuti, sarà la primavera, spero) pensavo si trattasse di una variazione significativa di peso del piatto, avevo letto ahimè distrattamente il 1 e il 2 post e quello quotato … invece, come vedo tutto si risolve in poche decine di grammi in più; se, come suppongo, quello nuovo visto nel contesto del sistema globale in rotazione ha un sufficiente equilibrio dinamico diciamo che non dovresti introdurre ‘problemi’

in ogni caso quello di cui parlavo ha valore oggettivo e non legato strettamente al tuo(vostro) caso specifico

vorrei chiudere esternando la mia ammirazione per adriano g. e il grande amore per il suo lavoro che emerge dalle poche parole che di lui ho lette ... e un pizzico di invidia per la sua 'piccola impresa artigiana' Smile

ciao e divertitevi
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8857
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mar 8 Mag 2012 - 10:13
@Albers ha scritto:federico, scusa, colpa mia non aver letto con attenzione tutti i post del 3d(è un periodo in cui non riesco a concentrarmi per più di tre o quattro minuti, sarà la primavera, spero) pensavo si trattasse di una variazione significativa di peso del piatto, avevo letto ahimè distrattamente il 1 e il 2 post e quello quotato … invece, come vedo tutto si risolve in poche decine di grammi in più; se, come suppongo, quello nuovo visto nel contesto del sistema globale in rotazione ha un sufficiente equilibrio dinamico diciamo che non dovresti introdurre ‘problemi’

in ogni caso quello di cui parlavo ha valore oggettivo e non legato strettamente al tuo(vostro) caso specifico

vorrei chiudere esternando la mia ammirazione per adriano g. e il grande amore per il suo lavoro che emerge dalle poche parole che di lui ho lette ... e un pizzico di invidia per la sua 'piccola impresa artigiana' Smile

ciao e divertitevi

Non c'è nessun problema, quando le argomentazioni vengono poste con garbo ed intelligenza, si può essere più o meno d'accordo, possono persino partire da un fraintendimento, ma difficilmente causano reazioni negative.
Ho fatto bene ad insistere, mi sembrava che, nonostante la sensatezza delle tue osservazioni e il massimo garbo con cui le hai esposte, qualcosa non quadrasse. Hello
adriano gaddari
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 27.08.11
Numero di messaggi : 1245
Località : nuoro
Occupazione/Hobby : artigiano del vetro
Provincia (Città) : trasparente
Impianto : ANALOGICO -lenco l 78 se con plinto in vetro stratificato (avatar )-stanton 681 EE-goldring 2100
phono -- Graham Slee Amp 2 se
DIGITALE -- marantz cd 75II -macbook con audirvana - m2tech
hiface two - beresford bushmaster mk II alimentato zetagi
PRE--music first audio classic -- Itube di Ifi Audio FINALI--mono hypex ucd 180 hxl
DIFFUSORI--Dipole glass by Gaddari , prog R39 Audiojam2 modificato
ALIMENTAZIONE-furutek ( linea dedicata + ciabatta autocostruita )-- SEGNALE- saec - monster cable - Van Den Hul- Ramm Elite- Rj 142 POTENZA- tellurium blue
CUFFIE-- akg q 701

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mar 8 Mag 2012 - 23:05
[quote="Albers"]federico, scusa, colpa mia non aver letto con attenzione tutti i post del 3d(è un periodo in cui non riesco a concentrarmi per più di tre o quattro minuti, sarà la primavera, spero) pensavo si trattasse di una variazione significativa di peso del piatto, avevo letto ahimè distrattamente il 1 e il 2 post e quello quotato … invece, come vedo tutto si risolve in poche decine di grammi in più; se, come suppongo, quello nuovo visto nel contesto del sistema globale in rotazione ha un sufficiente equilibrio dinamico diciamo che non dovresti introdurre ‘problemi’

in ogni caso quello di cui parlavo ha valore oggettivo e non legato strettamente al tuo(vostro) caso specifico

vorrei chiudere esternando la mia ammirazione per adriano g. e il grande amore per il suo lavoro che emerge dalle poche parole che di lui ho lette ... e un pizzico di invidia per la sua 'piccola impresa artigiana'
ciao e divertitevi
[/quote
grazie per le belle parole Embarassed Embarassed
ho interpretato perfettamente il senso delle tue esternazioni ed è condivisibile un minimo di scetticismo , ma credimi rientra tutto nello scopo della condivisione , dello scambio e nella conoscenza di nuove persone che condividano questa passione .
se facciamo cileccaspero un giorno ci incontreremo e ci beviamo sù sorridendo Oki


Albers
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 25.10.10
Numero di messaggi : 2784
Località : ----
Impianto : ----

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mer 9 Mag 2012 - 10:28
@adriano gaddari ha scritto: grazie per le belle parole Embarassed Embarassed
ho interpretato perfettamente il senso delle tue esternazioni ed è condivisibile un minimo di scetticismo , ma credimi rientra tutto nello scopo della condivisione , dello scambio e nella conoscenza di nuove persone che condividano questa passione .
se facciamo cileccaspero un giorno ci incontreremo e ci beviamo sù sorridendo Oki



certamente adriano, ci beviamo su sorridendo ... se ne avremo ancora la voglia e la forza di farlo ...

speriamo di si, va! ciao
avatar
Giancarlo Campesan
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 10.07.09
Numero di messaggi : 141
Località : Veneto
Occupazione/Hobby : Pensionato, audiofilo e... quasi sordo.
Provincia (Città) : Vicenza
Impianto : Garrard 301 con Rega RB300 e Supex 900
Lenco L75 modif. con Audiotechnica AT1005II e testine varie
Meccan. e Dac North Star 192
RGR Model 4 Pre
Virtue Audio One con alim DIY
Magneplanar MMG

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mer 9 Mag 2012 - 15:35
Io posseggo un Rega Planar 3 del 1985 che ormai con uso piu'. Ho trasferito il suo braccio RB 300, modificato Origin Live, sulla base pesante autocostruita di un Garrard 301.
Il piatto in vetro pesa 2014 grammi (bilancia elettronica da... pomi) ma con uno spessore di 12 mm. Sarebbe interessante conoscere il peso esatto del piatto di vetro stratificato di cui si parla in questa interessante discussione.
Se, come penso, il Planar 2 ha lo stesso cuscinetto del 3, non vedo problemi di “peso” col nuovo piatto.

Giancarlo
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8857
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mer 9 Mag 2012 - 20:44
@Giancarlo Campesan ha scritto:Io posseggo un Rega Planar 3 del 1985 che ormai con uso piu'. Ho trasferito il suo braccio RB 300, modificato Origin Live, sulla base pesante autocostruita di un Garrard 301.
Il piatto in vetro pesa 2014 grammi (bilancia elettronica da... pomi) ma con uno spessore di 12 mm. Sarebbe interessante conoscere il peso esatto del piatto di vetro stratificato di cui si parla in questa interessante discussione.
Se, come penso, il Planar 2 ha lo stesso cuscinetto del 3, non vedo problemi di “peso” col nuovo piatto.

Giancarlo

Ciao, che io sappia planar 2 e planar 3 hanno lo stesso perno/sottopiatto/cuscinetto.
Il piatto che montava in origine il mio planar2 e il piatto in vetro stratificato pesano tutti e due circa 1750 gr, mi riprometto di procurarmi una bilancia precisa a breve. Smile
adriano gaddari
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 27.08.11
Numero di messaggi : 1245
Località : nuoro
Occupazione/Hobby : artigiano del vetro
Provincia (Città) : trasparente
Impianto : ANALOGICO -lenco l 78 se con plinto in vetro stratificato (avatar )-stanton 681 EE-goldring 2100
phono -- Graham Slee Amp 2 se
DIGITALE -- marantz cd 75II -macbook con audirvana - m2tech
hiface two - beresford bushmaster mk II alimentato zetagi
PRE--music first audio classic -- Itube di Ifi Audio FINALI--mono hypex ucd 180 hxl
DIFFUSORI--Dipole glass by Gaddari , prog R39 Audiojam2 modificato
ALIMENTAZIONE-furutek ( linea dedicata + ciabatta autocostruita )-- SEGNALE- saec - monster cable - Van Den Hul- Ramm Elite- Rj 142 POTENZA- tellurium blue
CUFFIE-- akg q 701

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mer 9 Mag 2012 - 21:09
a parità di massa , quindi due vetri da 5 = 10 e un monolitico da 10 mm il peso non cambia , se non per qualche grammo determinato dal peso del plastico.
nel caso del piatto stratificato proposto dal sottoscritto di spessore nominale mm 11,52 , lo spessore totale è determinato da due lastre da 5mm + 4 plastici da 0,38 è il peso è inferiore rispetto al 12 mm monolitico.
il peso del vetro è di 2,5 kg al mq per mm di spessore.il plastico pesa......cazzo , non mi viene , mi è venuto un dubbio determinato dall'uso di diversi plastici , pellicole eva e plastici silence ,.......
scusate appena mi viene ve lo dico ....... non vorrei fare brutta figura sulla mia professione Embarassed Embarassed
avatar
vicarious
UTENTE DISISCRITTO
Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 2833
Località : Ortonovo
Impianto : RadioMarelli
http://www.cospe.org

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mer 16 Mag 2012 - 11:58

Ragazzi, il piatto è ancora a casa mia per chi volesse provarlo!
Aspetto indicazioni Smile
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8857
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mer 16 Mag 2012 - 15:18
Ciao Vic, tutti timidi qui Very Happy

Allora, rinnovo l'invito di Vicarious, c'è qualche possessore di piatto Rega o simili (basta che abbia il piatto in vetro), interessato a provare A GGRATIS un upgrade sicuramente sostanzioso?

Smile

E io ne ho vista di gente col Rega e Project nella sezione giradischi. Hehe

Ho quasi tutto per la replica "all-glass" Vic, perno, motore e coperchio, mi manca solo il braccio, sto stressando Adriano con i miei deliri costruttivi, vediamo cosa ne esce Very Happy

Stavo pensando di suggerire ad Adriano di venderli su ebay a cifre a due zeri, magari c'è la coda, dopo per provarlo Hehe


Adriano, seriamente, hai pensato di mandarne un esemplare da provare a Lucio Cadeddu ?
Non so che giradischi abbia, ma a TNT audio vuoi che non ci sia nessuno con sottomano un Rega o simili?
adriano gaddari
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 27.08.11
Numero di messaggi : 1245
Località : nuoro
Occupazione/Hobby : artigiano del vetro
Provincia (Città) : trasparente
Impianto : ANALOGICO -lenco l 78 se con plinto in vetro stratificato (avatar )-stanton 681 EE-goldring 2100
phono -- Graham Slee Amp 2 se
DIGITALE -- marantz cd 75II -macbook con audirvana - m2tech
hiface two - beresford bushmaster mk II alimentato zetagi
PRE--music first audio classic -- Itube di Ifi Audio FINALI--mono hypex ucd 180 hxl
DIFFUSORI--Dipole glass by Gaddari , prog R39 Audiojam2 modificato
ALIMENTAZIONE-furutek ( linea dedicata + ciabatta autocostruita )-- SEGNALE- saec - monster cable - Van Den Hul- Ramm Elite- Rj 142 POTENZA- tellurium blue
CUFFIE-- akg q 701

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mer 16 Mag 2012 - 18:09
allora ...... innanzi tutto il peso che avevo lasciato in sospeso per dimenticanza.
il plastico in configurazione standard pesa 1,08 grammo/cm3 , quindi per metro quadro
dovrebbero essere 41,04 grammi sul 55.1 e 164,16 grammi sul 55.4 sempre al metro quadro.( spero di non sbagliare ) Embarassed .un piatto standard occupa una superficie di circa 9 cm2 , quindi pochissimo.

Per quanto riguarda la vendita su Ebay ....... beh potrebbe interessarmi in seguito, qualora questo gioco diventi una cosa seria sopratutto se confortato da conferme e prove di diversi utenti , e per questo a dire il vero mi intriga di più ottenere un risultato soddisfacente col piatto montato sulla base in 88.12 , dove ho fiducia di ottenere ulteriore conferma.

Con medesima finalità non vedo male anche una prova sottoposta al mio conterraneo
Lucio Cadeddu , che mi pare legga volentieri su questo forum , purchè rimanga chiaro lo spirito goliardico della sfida.( se perdo ci ridiamo sù ). Very Happy Hello

torno al lavoro.
avatar
Ferruccio
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 17.03.11
Numero di messaggi : 168
Località : Brescia
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

Piatto in vetro

il Mer 16 Mag 2012 - 18:29
Ho letto il tutto, con calma, solo oggi.

Ebbene io sono uno dei possessori del Rega. E' un Planar 3 (piatto vetro) con braccio RB300 e testina Elys. Più rega di così Very Happy Very Happy Very Happy
Il gira passa il segnale ad un Lehmann Black Cube che lo trasporta all'ampli.

Cosa devo fare per fare questo test ?

Ferruccio
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8857
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mer 16 Mag 2012 - 19:33
@Ferruccio ha scritto:Ho letto il tutto, con calma, solo oggi.

Ebbene io sono uno dei possessori del Rega. E' un Planar 3 (piatto vetro) con braccio RB300 e testina Elys. Più rega di così Very Happy Very Happy Very Happy
Il gira passa il segnale ad un Lehmann Black Cube che lo trasporta all'ampli.

Cosa devo fare per fare questo test ?

Ferruccio

Ottima catena analogica, se sei interessato devi solo accordarti con Vicarious, via Mp, e lui te lo spedisce a casa Laughing

L'unica cosa che ti chiediamo (mi faccio temporaneamente portavoce anche di Adriano ), è di postare le tue impressioni una volta ascoltato il nuovo piatto a confronto con quello standard.
In modo assolutamente imparziale, se non noti nessun miglioramento, o se dovessi notare peggioramenti (improbabili ma non si sa mai), posta serenamente le tue impressioni di ascolto, non si offende nessuno. Very Happy

Se riesci anche a fare ascoltare ad altri le eventuali differenze tra i due piatti, meglio ancora, in più siamo ad averlo provato, meglio è, più imparziale diventa alla fine, mediata da diversi impianti e diverse sensibilità.
Hello
adriano gaddari
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 27.08.11
Numero di messaggi : 1245
Località : nuoro
Occupazione/Hobby : artigiano del vetro
Provincia (Città) : trasparente
Impianto : ANALOGICO -lenco l 78 se con plinto in vetro stratificato (avatar )-stanton 681 EE-goldring 2100
phono -- Graham Slee Amp 2 se
DIGITALE -- marantz cd 75II -macbook con audirvana - m2tech
hiface two - beresford bushmaster mk II alimentato zetagi
PRE--music first audio classic -- Itube di Ifi Audio FINALI--mono hypex ucd 180 hxl
DIFFUSORI--Dipole glass by Gaddari , prog R39 Audiojam2 modificato
ALIMENTAZIONE-furutek ( linea dedicata + ciabatta autocostruita )-- SEGNALE- saec - monster cable - Van Den Hul- Ramm Elite- Rj 142 POTENZA- tellurium blue
CUFFIE-- akg q 701

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Mer 16 Mag 2012 - 20:26
Oki
avatar
Ferruccio
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 17.03.11
Numero di messaggi : 168
Località : Brescia
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

piatto in vetro

il Mer 16 Mag 2012 - 21:36
OK ...... mi sento con Vicarious via MP.

Ciao e grazie a tutti per la fiducia.

Ferruccio
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8857
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Gio 17 Mag 2012 - 0:00
Ah, dimenticavo una cosa: vale sia per Vicarious che per Ferruccio, se ne avete la possibilità, riuscite a fare un'ascolto anche in cuffia?

Io non ne ho avuto tempo (ed ho una cuffia scarsa), mi incuriosisce molto sapere se anche in cuffia ci sono miglioramenti avvertibili e se sono nello stesso ordine di grandezza dei miglioramenti avvertiti usando i diffusori.

Se riuscite è importante per capire dove lavora il miglioramento, metodo poco scientifico, ma alla fine tutti questi apparecchi li usiamo comunque per ascoltare la musica, no? Very Happy
avatar
Ferruccio
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 17.03.11
Numero di messaggi : 168
Località : Brescia
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

disco

il Gio 17 Mag 2012 - 0:47
E vada anche per la cuffia Smile

Io uso una Sennheiser 598 e una Klipsch Image One ..... vi farò sapere.

Ciao
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8857
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Gio 17 Mag 2012 - 0:47
@adriano gaddari ha scritto:allora ...... innanzi tutto il peso che avevo lasciato in sospeso per dimenticanza.
il plastico in configurazione standard pesa 1,08 grammo/cm3 , quindi per metro quadro
dovrebbero essere 41,04 grammi sul 55.1 e 164,16 grammi sul 55.4 sempre al metro quadro.( spero di non sbagliare ) Embarassed .un piatto standard occupa una superficie di circa 9 cm2 , quindi pochissimo.

Per quanto riguarda la vendita su Ebay ....... beh potrebbe interessarmi in seguito, qualora questo gioco diventi una cosa seria sopratutto se confortato da conferme e prove di diversi utenti , e per questo a dire il vero mi intriga di più ottenere un risultato soddisfacente col piatto montato sulla base in 88.12 , dove ho fiducia di ottenere ulteriore conferma.

Con medesima finalità non vedo male anche una prova sottoposta al mio conterraneo
Lucio Cadeddu , che mi pare legga volentieri su questo forum , purchè rimanga chiaro lo spirito goliardico della sfida.( se perdo ci ridiamo sù ). Very Happy Hello

torno al lavoro.

Adriano ho fatto i conti con quello da 10mm (la bilancia non è precisa e i cm cubi neanche, non ho sottratto il foro centrale e ho usato 29 cm come diametro, ma non ricordo se lo è), a me dà un peso di circa 2,60 gr al cm cubo ( 14,5x14,5x3,14 x1=660 cm cubi, 1740 gr diviso 660= 2,63.
Usando lo spessore di 12mm si avrebbero, a spanne, 792 cm3, che per 2,63 dà un peso di circa 2083 grammi, ampiamente nei margini anche qui, può essere anche che ci sia qualche scostamento o qualche errore Laughing

Edit: Quadra abbastanza visto che la densità del vetro non stratificato è tra i 2400 e i 2700 kg per metro cubo, 2600 per vetro stratificato può essere un valore abbastanza ben approssimato.


Ultima modifica di fritznet il Gio 17 Mag 2012 - 0:58, modificato 1 volta
avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8857
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Un giradischi Rega e il vetro stratificato: storia di un upgrade significativo.

il Gio 17 Mag 2012 - 0:48
@Ferruccio ha scritto:E vada anche per la cuffia Smile

Io uso una Sennheiser 598 e una Klipsch Image One ..... vi farò sapere.

Ciao

Benissimo, grazie Smile
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum