T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» ALIENTEK D8 [parte 2]
Oggi alle 8:16 Da dinamanu

» ampli max 100 euro
Oggi alle 5:13 Da alefunk

» Consiglio amplificatore e diffusori
Oggi alle 2:23 Da Kha-Jinn

» Lettore CD usato
Oggi alle 0:51 Da giucam61

» Il mio angolo e non solo
Ieri alle 22:40 Da dinamanu

» Consiglio per Impianto hifi
Ieri alle 18:07 Da Kha-Jinn

» Ampli per indiana 202 sd
Ieri alle 18:01 Da MagicDruid

» Pro-Ject Pre Box S2 Digital - un piccoletto che promette bene
Ieri alle 16:50 Da luxor69

» Sub woofer con T-Amp e woofer Ciare da 16
Ieri alle 15:20 Da chopper77

» DAC KICKSTARTER
Ieri alle 12:41 Da thechain

» E pure Chester Bennington se ne è andato..................
Ieri alle 11:05 Da Docarlo

» Volume basso? PC con douk audio dsd1796 e Sennheiser HD589SR
Ieri alle 11:02 Da bob80

» max 300 euro, min 30 watt dimensioni ridotte
Ieri alle 4:33 Da alefunk

» Ma se collego la TV al DAC devo selezionare l'uscita ottica del televisore?
Gio 20 Lug 2017 - 23:15 Da Antonello Alessi

» finale economico quale scegliere
Gio 20 Lug 2017 - 18:53 Da Charli48

» Raspberry pi 3 volumio e wifi..non funziona
Gio 20 Lug 2017 - 14:11 Da franci92

» DAC per Raspberry
Gio 20 Lug 2017 - 12:22 Da mikelangeloz

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Gio 20 Lug 2017 - 9:08 Da CHAOSFERE

» [NA] VENDO Monoblock Icepower 500w/4ohm con Alimentazione Lineare, Cavi Segnale, Potenza e Alimentazione, [500 Euro]
Mer 19 Lug 2017 - 23:45 Da MrTheCarbon

» Alimentazione ACA Pass
Mer 19 Lug 2017 - 21:56 Da mecoc

» fischio dal giradischi
Mer 19 Lug 2017 - 21:49 Da markrussian

» Comparazione cuffie
Mer 19 Lug 2017 - 19:27 Da TheDarkKnight

» Ifi iPurifier2
Mer 19 Lug 2017 - 19:02 Da dinamanu

» Venture Electronics VE Monk
Mer 19 Lug 2017 - 18:45 Da lello64

» Progetto su w3 base bellino
Mer 19 Lug 2017 - 11:45 Da natale55

» Modifichiamo il Denon dvd 2900
Mer 19 Lug 2017 - 11:35 Da MrTheCarbon

» Il vintage, quello buono.
Mer 19 Lug 2017 - 10:13 Da mumps

» I migliori album del 2017
Mer 19 Lug 2017 - 0:17 Da uncletoma

» Interferenza segnale dal PC
Mar 18 Lug 2017 - 14:51 Da nikmane

» Consiglio DAC <850 Eur
Mar 18 Lug 2017 - 13:45 Da L1z4rd

Statistiche
Abbiamo 10907 membri registrati
L'ultimo utente registrato è deltacobra

I nostri membri hanno inviato un totale di 791383 messaggi in 51337 argomenti
I postatori più attivi della settimana
dinamanu
 
giucam61
 
lello64
 
nerone
 
Alessandro Smarrazzo
 
CHAOSFERE
 
mumps
 
fritznet
 
markrussian
 
Peo
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15512)
 
Silver Black (15460)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10274)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9118)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 47 utenti in linea: 3 Registrati, 0 Nascosti e 44 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

dinamanu, lello64, sonic63

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Che fine ha fatto Indiana Line?

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  dude il Lun 28 Gen 2013 - 13:08

@Enjoy ha scritto:

Nessun bacio di giuda, ognuno ha le sue esigenze/gusti, le sue idee e soprattutto il suo carattere, la mia era una stretta di mano sincera Smile


Wink
La frase
@Enjoy ha scritto:Dude, fare ironia, di basso profilo tra l'altro, non e` mai servito a niente, se non a permettere ad altri di inquadrare la persona che la pronuncia.
Contiene un giudizio negativo sulla persona ed un attacco personale
Invece la frase
@dude ha scritto:Ma che scherzi, stentor, ha la manopola d'alluminio, chi se ne frega se è un gainclone, queste sono le valutazioni che ci servono, persone preparate che sanno indirizzare come un fioretto la propria capacità critica Laughing Laughing Laughing
é una ironica valutazione sull'obiettività del tuo giudizio che non prevede un attacco diretto alla tua persona.
Io spesso faccio ironia e sempre mi si risponde con un attacco acido che tende a far capire a chi non se ne fosse accorto da solo che sono un malato di mente, poco di buono, e malvagio Very Happy

dude
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 01.06.09
Numero di messaggi : 1275
Località :
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  dude il Lun 28 Gen 2013 - 13:48

Io guarderei anche
http://www.6moons.com/audioreviews/audiosector/patek.html
http://www.audiosector.com
http://www.videohifi.com/magazine/numero-29/audio/gainclone
http://chipamp.com
http://www.shine7.com/audio/bpa300.htm

é vero che dire gainclone non significa niente, ma il minimo che io mi aspetti da un azienda che produce amplificatori, è il progetto di un amplificatore non la pedissequa applicazione delle indicazioni del data sheet di un chip amp.
Quando si dice che il 47 lab è costoso si dice una profonda verità che contiene una profonda sciocchezza, Kimura si è inventato quel progetto e produce oggetti realizzati splendidamente, nessuno avrebbe usato in hi fi i chip amp National senza la sua intuizione, e le idee si pagano, o per lo meno si dovrebbe Very Happy
Ricordo sempre che qui c'è gente che ha pagato mille euro per un gainclone dentro un case hi fi 2000 Laughing
Anche Cambridge produce un ampli basato su LM3886, ma mentre per il crescendo o il vela, o i vari verdi 100 70 etc. ho visto scene di fanatismo per il topaz che fra l'altro costa poco ne ho viste meno, suggestione? No vero? Very Happy
http://www.cambridgeaudio.com/products/topaz-am10-premium-integrated-amplifier

dude
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 01.06.09
Numero di messaggi : 1275
Località :
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  porfido il Lun 28 Gen 2013 - 13:50

@dude ha scritto:Io guarderei anche
http://www.6moons.com/audioreviews/audiosector/patek.html
http://www.audiosector.com
http://www.videohifi.com/magazine/numero-29/audio/gainclone
http://chipamp.com
http://www.shine7.com/audio/bpa300.htm

é vero che dire gainclone non significa niente, ma il minimo che io mi aspetti da un azienda che produce amplificatori, è il progetto di un amplificatore non la pedissequa applicazione delle indicazioni del data sheet di un chip amp.
Quando si dice che il 47 lab è costoso si dice una profonda verità che contiene una profonda sciocchezza, Kimura si è inventato quel progetto e produce oggetti realizzati splendidamente, nessuno avrebbe usato in hi fi i chip amp National senza la sua intuizione, e le idee si pagano, o per lo meno si dovrebbe Very Happy
Ricordo sempre che qui c'è gente che ha pagato mille euro per un gainclone dentro un case hi fi 2000 Laughing
Anche Cambridge produce un ampli basato su LM3886, ma mentre per il crescendo o il vela, o i vari verdi 100 70 etc. ho visto scene di fanatismo per il topaz che fra l'altro costa poco ne ho viste meno, suggestione? No vero? Very Happy
http://www.cambridgeaudio.com/products/topaz-am10-premium-integrated-amplifier

Sei malvagio, sì, ma un pò ti voglio bene... Kiss
Laughing Laughing Laughing
avatar
porfido
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.11.08
Numero di messaggi : 5044
Località : Ronchi (GO)
Impianto :
Spoiler:


Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Switters il Lun 28 Gen 2013 - 13:53

@porfido ha scritto:P.S. De gustibus, ma (mooooolto IMHO) un 3875 ben implementato spazza via le TK2050 senza pietà...

Link, link, please... Smile

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  porfido il Lun 28 Gen 2013 - 14:00

@Switters ha scritto:
@porfido ha scritto:P.S. De gustibus, ma (mooooolto IMHO) un 3875 ben implementato spazza via le TK2050 senza pietà...

Link, link, please... Smile

Tiè:

http://www.tforumhifi.com/t5613-ossidiana-un-altro-overture-in-aria?highlight=ossidiana

Ma anche quello di Daniel non scherza mica...
http://www.audiosector.com/lm3875.shtml

avatar
porfido
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.11.08
Numero di messaggi : 5044
Località : Ronchi (GO)
Impianto :
Spoiler:


Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Enjoy il Lun 28 Gen 2013 - 14:26

@Stentor ha scritto:Ciao Andrea ...come dicevo nel precedente post concordo con te che suonino anche benino ....il problema è che rispetto ad un Nad non pilotano una fava Sad Hehe

E` proprio questo l' aspetto che vorrei approfondire, cosa intendi per "non pilotano una fava"? Nel senso, sabato ho ascoltato il Vela collegato a delle Focal Chorus, quindi diffusori "normali" con una sensibilita` "normale", e ti dico che con il volume a ore 11 gia` stavo sopra alla soglia a cui potrei ascoltare musica nel mio appartamento. Cosa avrei in piu` con un ipotetico Nad?

Scusami, e` che vorrei capire bene la tua opinione.

Wink
avatar
Enjoy
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 20.12.12
Numero di messaggi : 147
Provincia (Città) : RI
Impianto : Lettore CD Marantz 7001
Ampli Trend Audio 10.1
Diffusori Mordaunt Short Avant 902i
Mobiletto, stand e cavi autocostruiti (by TNT)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  porfido il Lun 28 Gen 2013 - 14:27

@Stentor ha scritto:
@porfido ha scritto:

Tiè:

http://www.tforumhifi.com/t5613-ossidiana-un-altro-overture-in-aria?highlight=ossidiana

Ma anche quello di Daniel non scherza mica...
http://www.audiosector.com/lm3875.shtml


Ciao Andrea ...come dicevo nel precedente post concordo con te che suonino anche benino ....il problema è che rispetto ad un Nad non pilotano una fava Sad Hehe

Ellamadonna! Very Happy
Sai cos'è? Credo che i Gainclone abbiano un loro senso solo se messi nelle giuste condizioni...
1875, 3886 e 3875 si abbinano a diversi carichi meglio o peggio in funzione di diversi fattori e diverse caratteristiche anche e soprattutto in merito alla psu...
Per questo mal li vedrei se offerti come prodotti "generalisti" e non ritagliati in base alle proprie esigenze... E' proprio in questi casi che il DIY assume maggior vantaggio...
Se si volesse un "tuttofare", hai perfettamente ragione nel consigliare altro,direi...

Avete letto la rece del Darko sul 3875 di Daniel?
My introduction to Peter Daniel’s integrated came via its pairing with 47Labs’ Lens full rangers. It’s a DIY-free device – a buy-direct, fully-assembled GainClone for those attempting to get close to the sound of the very same boutique Japanese manufacturer’s GainCard. ~US$1300 flys fifty op-amp watts per channel from Canada to your door. Some audiophile puritans will just refuse this integrated on principle alone. They won’t like the idea of a LM3875 making busy with their gold soundz. A few naysayers can be heard out there on audio fora, making grunting noises similar to those of the Tripath detractors. Oh dear. Gentlemen I implore you: judge it on how it sounds and not what’s inside the box.
The Audio Sector metal box is arrestingly heavy (maaan). You can already feel the value for money quotient rise as you lift the integrated from its packaging. A huge PSU dominates the scene, fenced off from the amplifier board by a wall of aluminium. The gold feet might look gaudy, but as Daniel says on his website, “...my listening test show that this works better than rubber or other type of feet.“. ”Fair enough“, I say. The stepped volume attenuator and source selector switch feel unflinchingly solid during use. Everything about Daniel’s GainClone feels unshakeably substantial.

As soon as listening sessions began, this substantive sentiment made the leap from the physical to the metaphysical. Along for the ride came a smattering of more humble ancillaries: a $600 TeraDak Chameleon DAC and some $2p/m Jaycar speaker cable – the AudioSector box won’t accommodate banana plugs – as well as the aforementioned 47Labs Lens. Conclusion qualification was brought to you by Rogers LS4a and Hoyt Bedford Type I.

So, wassit sound like? It isn’t transistors aping tubes. There’s no evidence of Class D midrange nonchalance. It ain’t warm and it ain’t cold. It’s the epitome of neutral with a tinge of elegance. It’s big on deconstructing the percussive complexity and articulating horn-section moisture of recent Sufjan Stevens recordings. It exposes the compression of R.E.M.’s Collapse Into Now but keeps it on the right side of listenable. To borrow from Stipe’s litany of evasive, interview lines: the Audio Sector Gainclone sounds ‘crystalline’ and ‘real’. The metaphors continue: It’s energised. It’s a brisk walk in the park. It’s a breath of clean, fresh air. It’s a hint of sun that brings the first signs of Spring thaw.

Inner detail isn’t so much trawled from the deep and brought to surface but revealed in situ with an honest-to-goodness purity. This purity of detail – accuracy – feedsmusicality (yeah, those words again). The curtain is pulled back on the simmering emotional core of Radiohead’s “Give Up The Ghost” and we stand astonished. It’s taken until now for this album to click into place – is my patience being rewarded or does this GainClone have a different take? Soundstaging is both deeper and wider than the Dayens Ampino (in residence for a side-by-side comparo morning). The Ampino offers more wafer-thin tranches of solid-state dryness.

The AudioSector lacks the extra fat tissue of tubes. It’s more skeletal. Its bones more athletic. Its Zen (Powerpoint) presentation makes superb use of white space – instruments are more alert by constrast. And nope, there’s no hash. This amplifier is tomb-silent across the board.

Getting the right amplifier for one’s loudspeakers is a choice fraught with peril. Ditto Powerpoint and font selection. The driest of transistors might connote Courier New, 300B tubes a brush script, EL34 could be a Times New Roman. Whilst the Serbian Ampino suggests suggests Verdana or Arial, the Canadian Audio Sector is almostwithout serif, but not quite. Gill Sans MT would nail it. Solid state with a hint of elegance. ’Legato’ is where its head is at.

To these ears, Peter Daniel’s careful component choice, case design and PSU specifications bring a combination of head and heart to the listening experience. Micro-dynamics are taut and underscored: rhythmic running men painted with the most definite of brush strokes. There’s no hint of hesitance and – returning to the Powerpoint analogy – no tacky text animations or whacky slide transitions to distract from its directness. A gentle fade will always trump the biggest of 90s cliches: the fly-in.

White space isn’t overdone to the point of instrumental disconnection; musical coherence a strong suit. Even during the simple passages of Desolate’s “Divinus”, piano and beats are tied together despite their very separate soundstage locations. Articulation is elegant, precise and delicately emphatic. Fire up anything with industriously complex layers (Nine Inch Nails’ “Capital G”) and hear it unravel without mis-step or foul word. Electronic music fans take note: when surrendered to the Audio Sector GainClone, Desolate’s moody atmospherics are rendered as tonally beautiful with a sleek linearity. With these descriptors alone it trumps the amplifier at the heart of the Peachtree iDecco. Not by much, but enough to make comment here.

The Audio Sector GainClone offers a sound redolent of the beauty of open heart surgery. A sound where precision meets – no, demands- elegance. It’s a solid state amplifier for tube lovers who want to retain the tonal colour of their 2A3 (or similar) but also yearn for a tighter, more disciplined sound.

However, this isn’t an amplifier for the crudities of slam and drive. Higher sensitivity loudspeaker owners will be better served. Got 85db standmounts and wanna rock till you drop? Look elsewhere. Others will recoil on principle. Some might not even care. After all, it’s just some jumped-up DIY project, right? Wrong. This is an amplifier secret best shared with those of open mind. It’s a Powerpoint presentation of zen minimalism – not everyone will get it. Despite Kimura-san’s groundbreaking design recently passing its tenth anniversary – and the Audio Sector Gainclone its ninth – it still feels like an outsider’s choice. A choice for the forward thinking common man. One that bring cleanliness without artifice. Peter Daniel knows it and – having heard the thing – now, so do I. It’s never too late to spread the word…an integrated from Canada whose genetic code of (47Labs) Zen minimalism has been re-tooled for the common man.

http://www.digitalaudioreview.net/2011/03/audio-sector-gainclone-integrated-amplifier/
avatar
porfido
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.11.08
Numero di messaggi : 5044
Località : Ronchi (GO)
Impianto :
Spoiler:


Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  sonic63 il Lun 28 Gen 2013 - 14:29

@dude ha scritto:...................
Quando si dice che il 47 lab è costoso si dice una profonda verità che contiene una profonda sciocchezza, Kimura si è inventato quel progetto e produce oggetti realizzati splendidamente, nessuno avrebbe usato in hi fi i chip amp National senza la sua intuizione, e le idee si pagano, o per lo meno si dovrebbe Very Happy
...............
Il primo ad usare in hi-fi l' LM3886 è stato Jeff Rowland nell'amplificatore integrato "Concentra".
Era il 1997. Un pò prima che lo facesse Kimura.
Hello

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5359
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Switters il Lun 28 Gen 2013 - 14:34

@porfido ha scritto:
@Switters ha scritto:

Link, link, please... Smile

Tiè:

http://www.tforumhifi.com/t5613-ossidiana-un-altro-overture-in-aria?highlight=ossidiana

Ma anche quello di Daniel non scherza mica...
http://www.audiosector.com/lm3875.shtml


Grazie Wink
Uh... l'Ossidiana... bellissimo... non ricordavo che montasse il 3875.
Hai avuto occasione di sentire l'Ossidiana o l'Audiosector?

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  dude il Lun 28 Gen 2013 - 14:40

@sonic63 ha scritto:
@dude ha scritto:...................
Quando si dice che il 47 lab è costoso si dice una profonda verità che contiene una profonda sciocchezza, Kimura si è inventato quel progetto e produce oggetti realizzati splendidamente, nessuno avrebbe usato in hi fi i chip amp National senza la sua intuizione, e le idee si pagano, o per lo meno si dovrebbe Very Happy
...............
Il primo ad usare in hi-fi l' LM3886 è stato Jeff Rowland nell'amplificatore integrato "Concentra".
Era il 1997. Un pò prima che lo facesse Kimura.
Hello
Nel concentra ne usavano sei per canale, kimura è stato il primo ad utilizzarlo singolarmente nel 99 credo, infatti si parla di gainclone quando si tratta di singolo chip amp per canale, kimura usa una filosofia diametralmente opposta a jeff rowland
Minimalista attenta al contenimento del percorso di segnale, ammesso che parlando di chip amp abbia un qualche senso Very Happy

dude
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 01.06.09
Numero di messaggi : 1275
Località :
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  porfido il Lun 28 Gen 2013 - 14:58

@Switters ha scritto:
@porfido ha scritto:

Tiè:

http://www.tforumhifi.com/t5613-ossidiana-un-altro-overture-in-aria?highlight=ossidiana

Ma anche quello di Daniel non scherza mica...
http://www.audiosector.com/lm3875.shtml


Grazie Wink
Uh... l'Ossidiana... bellissimo... non ricordavo che montasse il 3875.
Hai avuto occasione di sentire l'Ossidiana o l'Audiosector?

Entrambi!


Ultima modifica di porfido il Lun 28 Gen 2013 - 15:14, modificato 1 volta
avatar
porfido
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.11.08
Numero di messaggi : 5044
Località : Ronchi (GO)
Impianto :
Spoiler:


Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  cavicchi il Lun 28 Gen 2013 - 15:11

@Enjoy ha scritto:
@Stentor ha scritto:Ciao Andrea ...come dicevo nel precedente post concordo con te che suonino anche benino ....il problema è che rispetto ad un Nad non pilotano una fava Sad Hehe

E` proprio questo l' aspetto che vorrei approfondire, cosa intendi per "non pilotano una fava"? Nel senso, sabato ho ascoltato il Vela collegato a delle Focal Chorus, quindi diffusori "normali" con una sensibilita` "normale", e ti dico che con il volume a ore 11 gia` stavo sopra alla soglia a cui potrei ascoltare musica nel mio appartamento. Cosa avrei in piu` con un ipotetico Nad?

Scusami, e` che vorrei capire bene la tua opinione.

Wink
Ti rispondo io perchè adesso sono troppo impegnati a ricordare progetti dei tempi del duce Smile
Quello che intende ivano con il termine pilotare è un concetto che va molto al di la del solo "volume" prodotto all'interno della stanza.

quando l'ampli pilota a dovere i diffusori, la musica ha un suo aspetto "fisico".
persino un arpeggio di chitarra deve muovere aria....; se non c'è una buona sinergia tra ampli e diffusori, i suoni sono piatti; magari anche FORTI
ma piatti.
avatar
cavicchi
Operatore Hi-Fi
Operatore Hi-Fi

Data d'iscrizione : 18.04.11
Numero di messaggi : 1349
Località : Sant'angelo di piove di sacco
Occupazione/Hobby : tiro a campà
Provincia (Città) : pessimo
Impianto : Lettore cd :Musical Fidelity A3
DAC : Musical Fidelity TRIVISTA 21
Pre-Ampli : AudioSpace Line 1.1
Amplificazione : KRELL KSA-50
Diffusori : PEARL EVOLUTION BALLERINA 401/8 oppure BALLERINA 401/12

http://www.cavihifi.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Switters il Lun 28 Gen 2013 - 15:24

@porfido ha scritto:
@Switters ha scritto:
Hai avuto occasione di sentire l'Ossidiana o l'Audiosector?

Entrambi!

Costruiti tu?
Ok, capito, tra le cose da fare mi segno "reperire componenti per l'Ossidiana". Per quando l'Italia sarà un paese ben governato e amministrato, libero da influenze papaline, dovrei farcela... Very Happy

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  porfido il Lun 28 Gen 2013 - 16:35

@Switters ha scritto:
@porfido ha scritto:

Entrambi!

Costruiti tu?
Ok, capito, tra le cose da fare mi segno "reperire componenti per l'Ossidiana". Per quando l'Italia sarà un paese ben governato e amministrato, libero da influenze papaline, dovrei farcela... Very Happy

Sì, ma i miei Ossidiana fanno schifo in confronto a quello di Vince! Ovviamente, direi! Very Happy


A dire il vero ne ho ancora due con Panasonic e res da 0,01% in attesa di montaggio...


A vederli pare assurdo possano suonare! Very Happy

Questi erano un dual mono su kit Audiosector e quattro trafi Siemens:



Son quattro pezzi in croce, Switt!
I chip li avevo presi come sample direttamente da National!
L'unica cosa (lo conferma Daniel) da ricordarsi è aggiungere un cappino antidisturbi da 300pf circa tra più e meno sul segnale, attaccato ai chip!
avatar
porfido
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.11.08
Numero di messaggi : 5044
Località : Ronchi (GO)
Impianto :
Spoiler:


Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Enjoy il Lun 28 Gen 2013 - 16:47

cavihifi ha scritto:Ti rispondo io perchè adesso sono troppo impegnati a ricordare progetti dei tempi del duce Smile
Quello che intende ivano con il termine pilotare è un concetto che va molto al di la del solo "volume" prodotto all'interno della stanza.

quando l'ampli pilota a dovere i diffusori, la musica ha un suo aspetto "fisico".
persino un arpeggio di chitarra deve muovere aria....; se non c'è una buona sinergia tra ampli e diffusori, i suoni sono piatti; magari anche FORTI
ma piatti.

Ottima spiegazione grazie, hai reso l' idea. Adesso, giusto per chiudere il cerchio, escludendo questi "giocattoli" tipo Vela, Nad 316 et simili, che tipo di ampli puo` cominciare ad essere considerato "serio"?

Wink
avatar
Enjoy
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 20.12.12
Numero di messaggi : 147
Provincia (Città) : RI
Impianto : Lettore CD Marantz 7001
Ampli Trend Audio 10.1
Diffusori Mordaunt Short Avant 902i
Mobiletto, stand e cavi autocostruiti (by TNT)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  cavicchi il Lun 28 Gen 2013 - 16:53

penso sia una domanda a cui non si possa rispondere.
la soglia per stabilire se un ampli appartenga o meno alla categoria dei 'seri' è troppo SOGGETTIVA.
Inoltre non è il giudizio degli altri , che tu hai bisogno, ma di appagare i tuoi sensi.

Potresti scoprirti molto più esigente di quello che sono io o Stentor, questo non si può sapere a priori.

purtroppo la ricerca non ha fine....
avatar
cavicchi
Operatore Hi-Fi
Operatore Hi-Fi

Data d'iscrizione : 18.04.11
Numero di messaggi : 1349
Località : Sant'angelo di piove di sacco
Occupazione/Hobby : tiro a campà
Provincia (Città) : pessimo
Impianto : Lettore cd :Musical Fidelity A3
DAC : Musical Fidelity TRIVISTA 21
Pre-Ampli : AudioSpace Line 1.1
Amplificazione : KRELL KSA-50
Diffusori : PEARL EVOLUTION BALLERINA 401/8 oppure BALLERINA 401/12

http://www.cavihifi.it

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Enjoy il Lun 28 Gen 2013 - 16:55

Sono d'accordo, parlavo pero` di una soglia "tecnica".... se mai esista.
avatar
Enjoy
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 20.12.12
Numero di messaggi : 147
Provincia (Città) : RI
Impianto : Lettore CD Marantz 7001
Ampli Trend Audio 10.1
Diffusori Mordaunt Short Avant 902i
Mobiletto, stand e cavi autocostruiti (by TNT)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Switters il Lun 28 Gen 2013 - 17:24

@porfido ha scritto:Son quattro pezzi in croce, Switt!

Eh... quando ho chiuso due o tre "cantieri aperti" metto giù la lista della spesa e cerco dove reperire i componenti Very Happy

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  porfido il Lun 28 Gen 2013 - 17:51

@Enjoy ha scritto:Sono d'accordo, parlavo pero` di una soglia "tecnica".... se mai esista.

Tiè! Very Happy Un pò di teoria:

http://www.bitaudioworld.it/forum/content.php?r=308-Alcuni-parametri-caratteristici-di-un-amplificatore

http://www.bitaudioworld.it/forum/content.php?r=186-Tecnica-L-Adattamento-in-Potenza-e-Scelta-dell-amplificatore
avatar
porfido
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.11.08
Numero di messaggi : 5044
Località : Ronchi (GO)
Impianto :
Spoiler:


Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  porfido il Lun 28 Gen 2013 - 17:51

@Switters ha scritto:

Eh... quando ho chiuso due o tre "cantieri aperti"

Mal comune, mezzo gaudio! Very Happy
avatar
porfido
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.11.08
Numero di messaggi : 5044
Località : Ronchi (GO)
Impianto :
Spoiler:


Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Enjoy il Mar 29 Gen 2013 - 8:18

Grazie porfido, letture molto interessanti.

Wink

@porfido ha scritto:
@Enjoy ha scritto:Sono d'accordo, parlavo pero` di una soglia "tecnica".... se mai esista.

Tiè! Very Happy Un pò di teoria:

http://www.bitaudioworld.it/forum/content.php?r=308-Alcuni-parametri-caratteristici-di-un-amplificatore

http://www.bitaudioworld.it/forum/content.php?r=186-Tecnica-L-Adattamento-in-Potenza-e-Scelta-dell-amplificatore
avatar
Enjoy
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 20.12.12
Numero di messaggi : 147
Provincia (Città) : RI
Impianto : Lettore CD Marantz 7001
Ampli Trend Audio 10.1
Diffusori Mordaunt Short Avant 902i
Mobiletto, stand e cavi autocostruiti (by TNT)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Enjoy il Mar 5 Feb 2013 - 11:36

Una curiosita`, se non ho un clamoroso gap tecnico, mi sembra che gli ampli in classe ab amplifichino il segnale solo per meta` periodo e per questo vengo messi almeno 2 transistor per canale che funzionano ognuno per meta` periodo.
Se e` questo il funzionamento, come funzionano gli ampli tipo il vela che hanno un solo transistor di potenza per canale?

Wink
avatar
Enjoy
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 20.12.12
Numero di messaggi : 147
Provincia (Città) : RI
Impianto : Lettore CD Marantz 7001
Ampli Trend Audio 10.1
Diffusori Mordaunt Short Avant 902i
Mobiletto, stand e cavi autocostruiti (by TNT)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Smanetton il Mar 5 Feb 2013 - 11:46

@Enjoy ha scritto:...come funzionano gli ampli tipo il vela che hanno un solo transistor di potenza per canale?
I chip che ci sono dentro al Vela non sono dei transistor, ma dei circuiti integrati, che contengono ben
18 transistor e 12 diodi. Ogni chip è un amplificatore mono COMPLETO.

avatar
Smanetton
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 30.08.08
Numero di messaggi : 2871
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Troooppo interessanti!
Provincia (Città) : Torino
Impianto : Nel campo centrale: PC, WaveIo+Audio-gd NFB-12, Notsobad A2x-pro (TA2024 al top!), Mission 780. Nei campi laterali: altri campioni Tripath.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Enjoy il Mar 5 Feb 2013 - 11:58

Chiarissimo grazie Wink
avatar
Enjoy
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 20.12.12
Numero di messaggi : 147
Provincia (Città) : RI
Impianto : Lettore CD Marantz 7001
Ampli Trend Audio 10.1
Diffusori Mordaunt Short Avant 902i
Mobiletto, stand e cavi autocostruiti (by TNT)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Che fine ha fatto Indiana Line?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum