T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
sky in wi fiOggi alle 11:01pallapippo
ALIENTEK D8Oggi alle 10:39Snap
queOggi alle 0:54Allen smithee
POPU VENUS Ieri alle 19:05giucam61
Smsl ad18Mer 22 Mar 2017 - 19:57MaxDrou
(NA) Triangle MimimunMer 22 Mar 2017 - 13:17sonic63
Posso usare un ta 2024 Mar 21 Mar 2017 - 20:12RAIS
PC per la musicaMar 21 Mar 2017 - 17:45Snap
Vendo Cayin 220 CUMar 21 Mar 2017 - 15:22wolfman
[ARGHHH!!!] ;)Mar 21 Mar 2017 - 15:09Alessandro Marchese
Nad 1000 o nad c350Mar 21 Mar 2017 - 10:24Motogiullare
(RM) Cuffie Nad Viso hp50Lun 20 Mar 2017 - 23:20kocozze
US3, mi aiutate?Lun 20 Mar 2017 - 21:41vinse
Sondaggio
Ti piace il nuovo stile del T-Forum?
Sì, meglio questo nuovo
52% / 12
No, era meglio quello vecchio
48% / 11
I postatori più attivi della settimana
54 Messaggi - 24%
49 Messaggi - 21%
38 Messaggi - 17%
17 Messaggi - 7%
16 Messaggi - 7%
13 Messaggi - 6%
11 Messaggi - 5%
10 Messaggi - 4%
10 Messaggi - 4%
10 Messaggi - 4%
I postatori più attivi del mese
252 Messaggi - 21%
222 Messaggi - 19%
142 Messaggi - 12%
128 Messaggi - 11%
100 Messaggi - 8%
72 Messaggi - 6%
71 Messaggi - 6%
68 Messaggi - 6%
62 Messaggi - 5%
61 Messaggi - 5%
Migliori postatori
Stentor (20392)
20392 Messaggi - 15%
DACCLOR65 (19630)
19630 Messaggi - 15%
schwantz34 (15499)
15499 Messaggi - 12%
Silver Black (15427)
15427 Messaggi - 11%
nd1967 (12803)
12803 Messaggi - 10%
flovato (12509)
12509 Messaggi - 9%
10260 Messaggi - 8%
piero7 (9854)
9854 Messaggi - 7%
wasky (9229)
9229 Messaggi - 7%
fritznet (8852)
8852 Messaggi - 7%
Chi è in linea
In totale ci sono 68 utenti in linea :: 13 Registrati, 2 Nascosti e 53 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

alephotos, Alessandro Asborno, almo70, Calbas, giucam61, mauretto, meraviglia, nerone, pallapippo, pturci, Snap, thechain, xam4033

Vedere la lista completa

Flusso RSS

Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore
Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8020
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 3 Gen 2012 - 18:43
In due parole il test in doppio cieco colpisce ancora:

http://blogs.discovermagazine.com/notrocketscience/2012/01/02/violinists-can%E2%80%99t-tell-the-difference-between-stradivarius-violins-and-new-ones/

Nel test hanno preso dei violinisti e gli hanno fatto ascoltare dal vivo uno stradivari ed un violino nuovo (di buona fattura) e non erano in grado di distinguere i due strumenti.

Ed in genere i musicisti hanno un orecchio più sottile.

E c'è chi dice che i test in doppio cieco .... non servono Laughing
avatar
Alessio Zenga
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 11.05.11
Numero di messaggi : 1418
Località : Treviso
Provincia (Città) : Treviso
Impianto : A manovella

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 3 Gen 2012 - 18:52
Questa prova capita a fagiolo: stavo giustappongo per comprare due Stradivari per i miei gemellini, ho pensato di iniziarli alle gioie della musica con un bel corso di violino.., ma visto che a quanto a pare bastano violini normali vorrà dire che mi comprerò 10 tonnellate di torroncini Condorelli per farci il bagno stile zio Paperone, ho sempre avuto un debole per i torroncini... Hehe Hehe Hehe Hehe Hehe
morbo84
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 02.05.11
Numero di messaggi : 162
Località : Petriolo
Occupazione/Hobby : Informatica/Dormire
Provincia (Città) : Acqueo
Impianto : KingRex Preamp - Trends Audio TA10.1 - Kef Coda 70.

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 3 Gen 2012 - 18:57
@Barone Rosso ha scritto:In due parole il test in doppio cieco colpisce ancora:

http://blogs.discovermagazine.com/notrocketscience/2012/01/02/violinists-can%E2%80%99t-tell-the-difference-between-stradivarius-violins-and-new-ones/

Nel test hanno preso dei violinisti e gli hanno fatto ascoltare dal vivo uno stradivari ed un violino nuovo (di buona fattura) e non erano in grado di distinguere i due strumenti.

Ed in genere i musicisti hanno un orecchio più sottile.

E c'è chi dice che i test in doppio cieco .... non servono Laughing
E che c'entra... mica gli hanno fatto sentire la differenza abissale che passa tra un cavo usb normale ed uno da 500€... Laughing
avatar
Smanetton
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 30.08.08
Numero di messaggi : 2840
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Troooppo interessanti!
Provincia (Città) : Torino
Impianto : Nel campo centrale: PC, WaveIo+Audio-gd NFB-12, Notsobad A2x-pro (TA2024 al top!), Mission 780. Nei campi laterali: altri campioni Tripath.

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 3 Gen 2012 - 18:58
Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad
Un altro mito sbriciolato.
Senza esitazione comprerò questa offerta speciale su eBay.
avatar
belozoglu
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 13.09.11
Numero di messaggi : 941
Località : Milàn, già Mediolanum, già Medhelan
Provincia (Città) : Uless
Impianto : fra 6 e 400 watt. su 8 Ohm, ne.

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 3 Gen 2012 - 19:00
@Smanetton ha scritto: Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad
Un altro mito sbriciolato.
Senza esitazione comprerò questa offerta speciale su eBay.

Beh Prestige è Prestige! Hehe Hehe Hehe
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore
Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8020
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 3 Gen 2012 - 19:02
@Smanetton ha scritto: Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad
Un altro mito sbriciolato.
Senza esitazione comprerò questa offerta speciale su eBay.

No!
Quello è troppo scassato.
Ma guarda che un buon violino moderno può suonare molto bene.

Le differenze fra strumento e strumento ci sono eccone ... in particolare coi violini in plastica fatti in Giappone.
avatar
Smanetton
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 30.08.08
Numero di messaggi : 2840
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Troooppo interessanti!
Provincia (Città) : Torino
Impianto : Nel campo centrale: PC, WaveIo+Audio-gd NFB-12, Notsobad A2x-pro (TA2024 al top!), Mission 780. Nei campi laterali: altri campioni Tripath.

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 3 Gen 2012 - 19:13
@Barone Rosso ha scritto:
@Smanetton ha scritto: Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad
Un altro mito sbriciolato.
Senza esitazione comprerò questa offerta speciale su eBay.

No!
Quello è troppo scassato.
Ma guarda che un buon violino moderno può suonare molto bene.

Le differenze fra strumento e strumento ci sono eccone ... in particolare coi violini in plastica fatti in Giappone.
Seriamente, sono d'accordo con te.
Io sono rimasto letteralmente stregato dal violino di scuola napoletana del '700 in "prestito d'uso" ad una musicista che conosco... Eh, il suono è ben diverso dai violini degli allievi dei primi anni di conservatorio...
Tuttavia, tempo fa avevo postato da qualche parte nel forum l'indirizzo del forum di un liutaio italiano, con le foto passo dopo passo della costruzione di un violino:
http://www.claudiorampini.com/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=132&postdays=0&postorder=asc&start=0
Moooolto istruttivo!
avatar
Frankie
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 01.08.09
Numero di messaggi : 1331
Località : Como
Occupazione/Hobby : Chimica/Snowboard
Provincia (Città) : Basterebbe un soffio di vento
Impianto :
Spoiler:
Alimentazione:
Switching by Pincellone
Sorgente:
Xtreamer DVD
DAC:
Superpro707
Cavi di segnale:
Yulian
Preamplificatore:
Little Dot MK IV SE
Cavi di segnale:
Yulian
Ampli:
Trends Audio 10.2
Cavi di potenza:
DImyself
Diffusori:
IL Tesi 504
Cuffie:
Superlux HD660

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 3 Gen 2012 - 19:32
Appena Gilardino inizia a suonare il violino con la maglia del Genoa vi dico se è uno Stradivari o un Guarnieri del Gesù (di sicuro non è una cineseria). Very Happy
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore
Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8020
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 3 Gen 2012 - 19:40
@Smanetton ha scritto:
@Barone Rosso ha scritto:
@Smanetton ha scritto: Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad
Un altro mito sbriciolato.
Senza esitazione comprerò questa offerta speciale su eBay.

No!
Quello è troppo scassato.
Ma guarda che un buon violino moderno può suonare molto bene.

Le differenze fra strumento e strumento ci sono eccone ... in particolare coi violini in plastica fatti in Giappone.
Seriamente, sono d'accordo con te.
Io sono rimasto letteralmente stregato dal violino di scuola napoletana del '700 in "prestito d'uso" ad una musicista che conosco... Eh, il suono è ben diverso dai violini degli allievi dei primi anni di conservatorio...
Tuttavia, tempo fa avevo postato da qualche parte nel forum l'indirizzo del forum di un liutaio italiano, con le foto passo dopo passo della costruzione di un violino:
http://www.claudiorampini.com/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=132&postdays=0&postorder=asc&start=0
Moooolto istruttivo!

Acc pensare che mio cugggino (ma questa volta è vero) fa il liutaio e non ho mai sentito un suo strumento.

Se è per questo io avevo un violino forse di meta '800 (di origine sconosciuta) che suonava meglio di quello del mio insegnate Hehe .
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore
Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8020
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 3 Gen 2012 - 21:22
E qui il test finale per provare da soli :

http://www.npr.org/blogs/deceptivecadence/2012/01/02/144482863/double-blind-violin-test-can-you-pick-the-strad?ps=cprs

La differenza fra le due tracce si sente eccome, anche se la codifica non è delle migliori.
ikigen
UTENTE DISISCRITTO
Data d'iscrizione : 17.04.10
Numero di messaggi : 330
Località : apolide
Impianto : JVC XV-N452, Muse TDA1543, Denon PMA-510AE, Klipsch F-1

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Lun 9 Gen 2012 - 20:21
Salvate il violino Stradivari

ovviamente parte subito la polemica da parte dei cremonesi...
la cosa abbastanza sconcertante è che nelle infinite discussioni riguardanti gli stradivari, si omette sempre, forse per ignoranza, forse per interesse, il dato fondamentale: tutti gli stradivari, a parte la viola "medicea" che non ha subito modifiche nell'assetto, sono stati pesantemente modificati e riparati nel corso dei secoli, tanto che ad oggi del lavoro originario del maestro è rimasto ben poco...
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore
Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8020
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Lun 9 Gen 2012 - 21:12
@ikigen ha scritto:Salvate il violino Stradivari

ovviamente parte subito la polemica da parte dei cremonesi...
la cosa abbastanza sconcertante è che nelle infinite discussioni riguardanti gli stradivari, si omette sempre, forse per ignoranza, forse per interesse, il dato fondamentale: tutti gli stradivari, a parte la viola "medicea" che non ha subito modifiche nell'assetto, sono stati pesantemente modificati e riparati nel corso dei secoli, tanto che ad oggi del lavoro originario del maestro è rimasto ben poco...

Difficile da dire.
Ma un paio di messi fa ho letto un intervista a Anne Sophie Mutter dove diceva tranquillamente che il suo stradivari lo ha già fatto modificare diverse volte con lo scopo di correggere il suono.

Forse sono davvero degli strumenti tweekati (quasi peggio delle nostre schede cinesi Very Happy ) .

Comunque la differenza fra strumento e strumento può essere anche molto forte, questo non lo dobbiamo trascurare.

Inoltre Salavatore Accardo non ha tutti i torti quando dice che il sentire quando si suona è diverso dal sentire quando si ascolta.
Ma la sua affermazione mi sa anche di difesa d'ufficio.
avatar
Smanetton
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 30.08.08
Numero di messaggi : 2840
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Troooppo interessanti!
Provincia (Città) : Torino
Impianto : Nel campo centrale: PC, WaveIo+Audio-gd NFB-12, Notsobad A2x-pro (TA2024 al top!), Mission 780. Nei campi laterali: altri campioni Tripath.

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 10 Gen 2012 - 5:16
@Barone Rosso ha scritto:...
Inoltre Salavatore Accardo non ha tutti i torti quando dice che il sentire quando si suona è diverso dal sentire quando si ascolta.
Ma la sua affermazione mi sa anche di difesa d'ufficio.
Provare per credere... Barone, tu hai detto che suoni il violino, dunque puoi saperlo in prima persona.
In effetti, quando uno suona uno strumento, le vibrazioni sonore giungono all'orecchio dell'esecutore anche in percentuale molto alta tramite il contatto. E, si sa, il suono viaggia più velocemente nei liquidi e nei solidi.
Basta pensare all'emozione intensa che arriva suonando una chitarra (la musica in pancia!), l'aria che risuona anche nei polmoni di un suonatore di strumento a fiato o il violino, appoggiato alla mandibola, a pochi centimetri da UN timpano...
Se volete provare che cosa arriva alle orecchie in modo preponderante attraverso le ossa del cranio, basta mettere un padiglione di cuffia sulla sutura lambdoidea (la fontanella), escludere l'altro e "ascoltare" così qualche pezzo ricco di tutte le frequenze...
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore
Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8020
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Mar 10 Gen 2012 - 8:15
@Smanetton ha scritto:
In effetti, quando uno suona uno strumento, le vibrazioni sonore giungono all'orecchio dell'esecutore anche in percentuale molto alta tramite il contatto. E, si sa, il suono viaggia più velocemente nei liquidi e nei solidi.

Sei troppo tecnico.
Il problema è che si pensa ad altro.
tag7000
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 22.12.09
Numero di messaggi : 63
Località : caserta
Impianto : ampli luxman LV122 -cd marantz SA7001+ MF x10d -Tannoy DMT15MkII

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Ven 13 Gen 2012 - 17:43
Wink il test è del tutto insignificante. I violini antichi non sono necessariamente buoni o eccezionali, e un qualsiasi Stradivari non fa eccezione. così come tantissimi violini "contemporanei" sono davvero eccezionali sotto tutti i punti di vista. Hanno detto che i violini, nuovi usati per il test erano di buona fattura, ma quelli antichi di che livello erano? Ripeto, Stradivari mica ha fatto tutti gli strumenti in modo strepitoso....la risposta acustica dell'ambiente può influenzare molto il risultato, uno strumento che chiuso in una stanza "secca" risulta malsuonante, potrebbe rivelare sensazioni completamente diverse se suonato in un teatro, diverse per l'esecutore e per l'ascoltatore.
Ma quello che più sminuisce la credibilità del test, relativamente ai criteri di valutazione, è che in fine hanno valutato il tutto sulla base delle preferenze personali dei violinisti.
Come dire: ti piace di più il cioccolato fondente puro, oppure l'ovetto kinder?
E inoltre, se avessero fatto il test con i grandi violinisti, quelli che da una vita quotidianamente suonano strumenti eccezionali,(es. G.Kremer- Gil Shaham- I.Perlman) i risultati sarebbero stati diversi o comunque più attendibili.
Se chiedessimo ad un tassista che macina centinaia di km al giorno sulla sua bella Fiat Croma, di distinguere le differenze di accelerazione, tenuta di strada, frenata e ripresa, tra una lamborghini una ferrari e una porsche senza sapere che auto sta guidando, quale sarebbe il risultato?
Ma se lo stesso test lo facessero M.Schumacher o F.Alonso, sono certo che non avrebbero ne dubbi ne perplessità.
A proposito, voi tutti sapreste distinguere, alla cieca, il suono di un paio di diffusori "vintage"universalmente considerati mitici eccezionali e inconfondibili, da quello di un paio moderni che godono delle stese considerazioni????????????? Embarassed Muble
P.S. il mio violino è del 1780 l'ho scelto perchè suonandolo sentivo il suono ricco di armoniche che nessun altro dei tre precedenti strumenti moderni possedeva e per altri motivi vari, equilibrio tonale, facilità di esecuzione(cosa difficile da spiegare)...un po come l'impianto che non affatica l'udito, e soprattutto il timbro che è solo una questione di gusti personali. Ciao Wink
flavio@sanders
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 23.10.11
Numero di messaggi : 21
Località : Milano
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Ven 13 Gen 2012 - 21:04
Chi fosse interessato a valutare la validità dei dati a supporto di quella ricerca può trovarli qui: http://www.pnas.org/content/suppl/2012/01/02/1114999109.DCSupplemental/pnas.201114999SI.pdf

Se ne deduce almeno un fatto... le ventuno persone del test hanno cominciato a suonare il violino molto molto giovani.
Se leggi infatti la tabella S1 con i dati demografici noterai che i 21 soggetti suonano il violino da 15 a 61 anni (media 34) per cui almeno uno suona da 61 anni.
Visto che l'età dei 21 soggetti è compresa fra i 20 e i 65 anni, ne deriva che solo nel caso della persona più anziana potremmo dire che ha cominciato a 4 anni (se così non fosse l'età di inizio scenderebbe)
E anche nel caso del più giovane di 20 anni, visto che come minimo suonano da 15 anni, possiamo dire che ha cominciato a suonare il violino al massimo a 5 anni, se non meno.

Ciaoo, Flavio
tag7000
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 22.12.09
Numero di messaggi : 63
Località : caserta
Impianto : ampli luxman LV122 -cd marantz SA7001+ MF x10d -Tannoy DMT15MkII

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Sab 14 Gen 2012 - 8:48
....studiato alla Bocconi?? Laughing
avatar
Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3935
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70
http://www.forart.it/

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Sab 14 Gen 2012 - 10:43
@Barone Rosso ha scritto:Ed in genere i musicisti hanno un orecchio più sottile.
E c'è chi dice che i test in doppio cieco .... non servono
I test doppio cieco servono, ma in questo caso l'uso è improprio, IMHO.

I violinisti il suono lo sentono da una posizione diversa, per questo probabilmente non sono riusciti a riconoscere lo strumento.

In qualsiasi caso non è vero che i musicisti hanno un'orecchio più fine, anzi, spesso hanno l'udito "bruciato"...
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore
Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8020
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Sab 14 Gen 2012 - 11:52
@Marco Ravich ha scritto:

In qualsiasi caso non è vero che i musicisti hanno un'orecchio più fine, anzi, spesso hanno l'udito "bruciato"...

Completamente falso!!!!!
Hanno fatto analisi neurologiche con le varie tecniche di brain imaging e hanno visto il cervello dei musicisti ascolta molto meglio di quello dei soli appassionati di musica.

In particolare hanno visto che i segnali neurali di un musicista si sincronizzano meglio sulle onde acustiche, mentre quelli dei soli ascoltatori vanno a caso.
tag7000
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 22.12.09
Numero di messaggi : 63
Località : caserta
Impianto : ampli luxman LV122 -cd marantz SA7001+ MF x10d -Tannoy DMT15MkII

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Sab 14 Gen 2012 - 12:11
Quoto pienamente Barone, a tal proposito vi propongo un interessantissimo libro di Oliver Sacks -"Musicofilia"- famoso neuroscienziato appassionato di musica, che spiega molto chiaramente quali e quante differenze ci sono tra il cervello dei musicisti praticanti, cioè coloro che hanno materialmente imparato a suonare uno strumento fin da bambini, e quello di chi non l'ha fatto. Le differenze sono proprio di natura fisica -fisiologica, e presentano una diversa conformazione di alcune aree del cervello che risultano essere di dimensioni maggiori e funzionano secondo schemi non convenzionali. Anche la trasmissione neuronale tra le varie aree e i due emisferi risulta essere maggiore, così come la parte che li collega l'uno all'altro risulta più sviluppata. Il testo è molto piacevole da seguire, è semplice e si avvale di numerosi racconti di esperienze reali affrontate da Sacks durante la sua carriera. Consigliatissimo...capirete anche il perchè di alcune cose che capitano anche ad ognuno di voi.
ikigen
UTENTE DISISCRITTO
Data d'iscrizione : 17.04.10
Numero di messaggi : 330
Località : apolide
Impianto : JVC XV-N452, Muse TDA1543, Denon PMA-510AE, Klipsch F-1

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Ven 20 Gen 2012 - 1:35
@Barone Rosso ha scritto:
Ma un paio di messi fa ho letto un intervista a Anne Sophie Mutter dove diceva tranquillamente che il suo stradivari lo ha già fatto modificare diverse volte con lo scopo di correggere il suono.

Forse sono davvero degli strumenti tweekati (quasi peggio delle nostre schede cinesi Very Happy )

ma io per "modifiche" non intendevo delle semplici "messe a punto"...a partire dal '800 gli stradivari sono stati letteralmente massacrati...i manici e le tastiere venivano segati via e buttati nel camino, i nuovi manici venivano rialzati e portati all'indietro e incastrati con la coda di rondine(e non inchiodati); si sostituivano la catena, l'anima, il ponticello, la cordiera, il capotasto, si doppiavano tavola armonica, fasce e fondo, cioè in pratica si cambiava TUTTO. queste non sono leggende metropolitane, sono fatti documentati (ad esempio il libro su stradivari del 1856 di François-Joseph Fétis, il "Manuel pratique de lutherie" del 1864 di Millant, il Carteggio di Cozio Di Salabue), ma insomma, è un segreto di pulcinella, se andate da un qualunque violinaio esperto vi ripeterà paro paro le stesse cose che ho scritto io.
avatar
Frankie
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 01.08.09
Numero di messaggi : 1331
Località : Como
Occupazione/Hobby : Chimica/Snowboard
Provincia (Città) : Basterebbe un soffio di vento
Impianto :
Spoiler:
Alimentazione:
Switching by Pincellone
Sorgente:
Xtreamer DVD
DAC:
Superpro707
Cavi di segnale:
Yulian
Preamplificatore:
Little Dot MK IV SE
Cavi di segnale:
Yulian
Ampli:
Trends Audio 10.2
Cavi di potenza:
DImyself
Diffusori:
IL Tesi 504
Cuffie:
Superlux HD660

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Dom 29 Gen 2012 - 17:02
Finalmente oggi lo ho sentito per la prima volta...si si si il violino del Gila è proprio uno Stradivari!!! Smile Smile Smile
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore
Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8020
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Re: I violinisti non sono in grado di distinguere uno stradivari

il Dom 29 Gen 2012 - 18:14
@ikigen ha scritto:
@Barone Rosso ha scritto:
Ma un paio di messi fa ho letto un intervista a Anne Sophie Mutter dove diceva tranquillamente che il suo stradivari lo ha già fatto modificare diverse volte con lo scopo di correggere il suono.

Forse sono davvero degli strumenti tweekati (quasi peggio delle nostre schede cinesi Very Happy )

ma io per "modifiche" non intendevo delle semplici "messe a punto"...a partire dal '800 gli stradivari sono stati letteralmente massacrati...i manici e le tastiere venivano segati via e buttati nel camino, i nuovi manici venivano rialzati e portati all'indietro e incastrati con la coda di rondine(e non inchiodati); si sostituivano la catena, l'anima, il ponticello, la cordiera, il capotasto, si doppiavano tavola armonica, fasce e fondo, cioè in pratica si cambiava TUTTO. queste non sono leggende metropolitane, sono fatti documentati (ad esempio il libro su stradivari del 1856 di François-Joseph Fétis, il "Manuel pratique de lutherie" del 1864 di Millant, il Carteggio di Cozio Di Salabue), ma insomma, è un segreto di pulcinella, se andate da un qualunque violinaio esperto vi ripeterà paro paro le stesse cose che ho scritto io.

Ormai ...
Io penso pure che senza modifiche e correzioni non avrebbero mai retto all'usura del tempo.


Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum