T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio
Ti piace il nuovo stile del T-Forum?
Sì, meglio questo nuovo
48% / 36
No, era meglio quello vecchio
52% / 39
Ultimi argomenti
DAC o CDOggi alle 22:37Calbas
HelP! DAC!Oggi alle 9:50johnny99
POPU VENUS Oggi alle 7:23gigetto
I postatori più attivi della settimana
21 Messaggi - 21%
13 Messaggi - 13%
12 Messaggi - 12%
12 Messaggi - 12%
9 Messaggi - 9%
7 Messaggi - 7%
7 Messaggi - 7%
6 Messaggi - 6%
6 Messaggi - 6%
5 Messaggi - 5%
I postatori più attivi del mese
295 Messaggi - 22%
265 Messaggi - 20%
145 Messaggi - 11%
142 Messaggi - 11%
116 Messaggi - 9%
92 Messaggi - 7%
85 Messaggi - 6%
73 Messaggi - 5%
68 Messaggi - 5%
67 Messaggi - 5%
Migliori postatori
Stentor (20392)
20392 Messaggi - 15%
DACCLOR65 (19630)
19630 Messaggi - 15%
schwantz34 (15499)
15499 Messaggi - 12%
Silver Black (15439)
15439 Messaggi - 11%
nd1967 (12803)
12803 Messaggi - 10%
flovato (12509)
12509 Messaggi - 9%
10260 Messaggi - 8%
piero7 (9854)
9854 Messaggi - 7%
wasky (9229)
9229 Messaggi - 7%
fritznet (8857)
8857 Messaggi - 7%
Chi è in linea
In totale ci sono 75 utenti in linea :: 7 Registrati, 1 Nascosto e 67 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

biiotechano, Calbas, gabry74, lalosna, Snap, tamerlano, TODD 80

Vedere la lista completa

Flusso RSS

Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
Alessandro LXIV
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 29.04.09
Numero di messaggi : 5173
Impianto :

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 28 Dic 2011 - 15:20
@furio ha scritto:In che versione?
Mi chiedi troppo, Very Happy è un CD non rimasterizzato, artronunzò.
avatar
furio
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 22.10.11
Numero di messaggi : 662
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Ateo praticante / rockettaro impenitente
Provincia (Città) : TO
Impianto : HTPC, Oppo BDP-105, Thorens TD 145MK11,
braccio Grace, pick-up Fideliry Research FR-1 MKII;
Pre monotriodo, finale con Hypex NC400;
Denon AVR3808; Casse tre vie autocostruite

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 28 Dic 2011 - 15:22
Miiiiiii, allora sei proprio antico... Smile Smile Smile
I vecchi cd suonavano così così, quelli usciti ieri sono un po' meglio ma a mio parere si poteva fare molto di più.

E' che la magia (e Gilmour ne ha da vendere) passa comunque!
Alessandro LXIV
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 29.04.09
Numero di messaggi : 5173
Impianto :

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 28 Dic 2011 - 15:28
@furio ha scritto:Miiiiiii, allora sei proprio antico... Smile Smile Smile
Se hai fatto caso sono "antico" quanto te. Very Happy
avatar
furio
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 22.10.11
Numero di messaggi : 662
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Ateo praticante / rockettaro impenitente
Provincia (Città) : TO
Impianto : HTPC, Oppo BDP-105, Thorens TD 145MK11,
braccio Grace, pick-up Fideliry Research FR-1 MKII;
Pre monotriodo, finale con Hypex NC400;
Denon AVR3808; Casse tre vie autocostruite

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 28 Dic 2011 - 15:30
Però non vale mettere come avatar la foto da pischello...
Alessandro LXIV
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 29.04.09
Numero di messaggi : 5173
Impianto :

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 28 Dic 2011 - 15:41
@furio ha scritto:Però non vale mettere come avatar la foto da pischello...
Il giorno in cui è stata scattata quella foto è un giorno speciale per me, in quella stanza a casa di mio cugino, con un impianto Technics+Marantz+Ar, ho ascoltato Trilogy degli Emerson, Lake & Palmer, da allora non ho più smesso di provare piacere nell'ascoltare musica.
avatar
zenit
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 27.09.11
Numero di messaggi : 680
Località : Sicilia
Impianto : appagante "audiofobico"

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 28 Dic 2011 - 15:44
GRazie a Furio anche da parte mia. trovo estremamente interessante il tuo intervento.
Mi sembra, dunque, che gli unici ascolti hifi che possiamo permetterci sono quelli di musica jazz e classica.
Alessandro LXIV
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 29.04.09
Numero di messaggi : 5173
Impianto :

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 28 Dic 2011 - 15:50
@zenit ha scritto:GRazie a Furio anche da parte mia. trovo estremamente interessante il tuo intervento.
Mi sembra, dunque, che gli unici ascolti hifi che possiamo permetterci sono quelli di musica jazz e classica.
Ma nella classica dove è reperibile materiale con una dinamica che finora mi è capitato di ascoltare solo in dischi "audiofili" di prova.
avatar
furio
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 22.10.11
Numero di messaggi : 662
Località : Torino
Occupazione/Hobby : Ateo praticante / rockettaro impenitente
Provincia (Città) : TO
Impianto : HTPC, Oppo BDP-105, Thorens TD 145MK11,
braccio Grace, pick-up Fideliry Research FR-1 MKII;
Pre monotriodo, finale con Hypex NC400;
Denon AVR3808; Casse tre vie autocostruite

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 28 Dic 2011 - 15:54
Se per hi-fi intendi dire vicino alla realtà ho paura che tu abbia ragione. Direi di sì....

Ma io amo alla follia dischi registrati bene e spettacolari come TheMix dei Kraftwerk, opppure Avalon dei RoxyMusic, oppure InTheCourtOfTheCrimsonKing.
Che questi dobbiamo dimenticarli perchè non sono abbastanza "veri" o "reali"?
No, ovviamente; qui i suoni e le ambientazioni sono immaginarie, ma si può lavorare comunque per sentirli "meglio" ed il più vicino possibile a come li avevano immaginati gli artisti.
Certo che il modello è più sfuggente!




...alessio...
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 02.05.11
Numero di messaggi : 170
Località : viterbo
Impianto : Advance Acoustic MAP 101 - Sansui AU 555a - Fenice 20 mk2 - Kef Q1 - Heco Odeon 600 - KRK VXT6 - Dac Populse Uii - Edirol UA 25ex

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Gio 5 Gen 2012 - 18:21
@furio ha scritto:sentirli "meglio" ed il più vicino possibile a come li avevano immaginati gli artisti.

quoto perchè è proprio questo che intendevo far capire..... non mi scandalizzo per gli effetti, equalizzazzioni, ecc... non sono il tipo che ascolta "concertino di ukulele" passo buona parte del mio tempo libero davanti a un sintetizzatore, figuriamoci se voglio fare il purista Very Happy .
quello che voglio sentire di reale è quello che è impresso nel disco, equalizzato, distorto, riverberato, compresso e chi più ne ha più ne metta, ma quello.
avatar
Alex
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 08.03.08
Numero di messaggi : 31
Località : MILANO
Occupazione/Hobby : Monitorare la Fedeltà di Musica e Films
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Bluray Denon DBT1713UD + Advance Acoustic i60 + Infinity ref11i

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Ven 3 Mag 2013 - 16:25
@...alessio... ha scritto:
@aleroc ha scritto:quelli hi fi alla fine non lo so, i monitor audio devono "semplicemente" ottenere un suono il più possibile simile alla realtà, in particolare in termini di frequenze...

perchè servono per missare, se arrivi a fare un missaggio e ciò che ascolti non sono le frequenze in realtà presenti equalizzerai sbagliando tutto...

per esempio equalizzerai pompando i bassi quando invece questi in realtà sono perfetti... cose così.

I diffusori hi fi quindi invece credo che fregandosene meno della risposta delle frequenze pensino piuttosto a creare un basso che sia un basso, una chitarra il più credibile possibile etc ...

penso che a parità di prezzo l'hi fi tenda a avere un suono più vero, anche se meno fedele al missaggio originale.

Non so se mi sono spiegato bene.


se fosse meno fedele del mix originale come farebbe ad essere vero?
hi-fi altro non è che l'abbreviazione di alta fedeltà....fedeltà proprio al mix originale.

dici che la differenza sta nel fregarsene della risposta in frequenza a fovore di ricreare un basso che sia basso, una chitarra più credibile, ma per fare che questo avvenga la risposta al segnale deve essere perfetta, altro che fregarsene....
tutto ciò che aggiunge, colora, toglie e via dicendo è fuori il mio concetto di hi-fi, quindi per me la differenza in generale tra monitor e hi-fi è solo l'uso che se ne fa, naturalmente oltre a tutte le differenze che distinguono un diffusore dall'altro.

Esistono 2 filosofie di Hi Fi:
A - Cercare di riprodurre in modo il più vicino (o il meno lontano) possibile l'evento reale per come esso è, pur consapevoli che qualcosa si perderà per strada, confidando che il progresso ci metterà a disposizione mezzi sempre più efficaci.
B - Persa la speranza della riproduzione perfetta, a questo punto, reinterpretare l'evento sonoro di partenza, e riproporlo secondo il gusto ben preciso di chi sta realizzando la riproduzione (o gli apparecchi per la riproduzione).
Per la A, quindi un monitor che è capace di far passare maggior informazioni del segnale con le minori perdite possibili è anche la cassa ideale per l'ascolto HiFi. Ma come si fa a sapere se un HiFi è più fedele? Dovresti fare un confronto diretto, tra l'evento in studio e l'evento in casa, quindi non possibile. Si può parlare quindi non di riproduzione fedele all'originale, ma di simulazione di evento reale, e al principio di tutto c'è il Piacere d'Ascolto. Un monitor non serve a monitorare la qualità sonora che si dà per scontato sia elevata, ma l'equilibrio tonale, una giusta potenza tra le frequenze. Le Yamaha non sono monitor ultracostosi e servono appunto a simulare una qualità media che è quella degli hifi che comunemente usa la maggioranza della popolazione. Molti ascoltano con compatti, mentre una nicchia di appassionati con costosissimi Hi End. L'apparecchio equalizzatore è visto male da molti appassionati perchè aggiunge perdite ed è contro il concetto A, ma se pensiamo al Piacere d'Ascolto è molto utile poter regolare l'equilibrio a nostro gusto, infatti non è detto che ci piaccia un'incisione con i bassi decisi dall'autore, oppure la nostra stanza li rimbomba e sentiamo meglio attenuandoli. Smile
Partivo dal concetto A che meno perdite si hanno, più ci si avvicina al messaggio dell'incisione e maggiore è il Piacere d'Ascolto, ma in realtà non è così. Ogni sistema ha un suo timbro, una sua quantità di bassi e acuti e va scelto in base ai propri gusti per un proprio Piacere d'Ascolto.
Buon Ascolto HiFi
Alex
Alessandro LXIV
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 29.04.09
Numero di messaggi : 5173
Impianto :

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Ven 3 Mag 2013 - 17:05
@Alex ha scritto:L'apparecchio equalizzatore è visto male da molti appassionati perchè aggiunge perdite ed è contro il concetto A, ma se pensiamo al Piacere d'Ascolto è molto utile poter regolare l'equilibrio a nostro gusto, infatti non è detto che ci piaccia un'incisione con i bassi decisi dall'autore, oppure la nostra stanza li rimbomba e sentiamo meglio attenuandoli. Smile
Partivo dal concetto A che meno perdite si hanno, più ci si avvicina al messaggio dell'incisione e maggiore è il Piacere d'Ascolto, ma in realtà non è così. Ogni sistema ha un suo timbro, una sua quantità di bassi e acuti e va scelto in base ai propri gusti per un proprio Piacere d'Ascolto.
Buon Ascolto HiFi
Alex
Penso che l'equalizzazione sia vista di cattivo occhio più che altro perchè l'equalizzatore introduce distorsioni ulteriori, d'altronde anche i cavi a modo loro equalizzano, l'ambiente equalizza, tutto equalizza... Very Happy
holydio
Appassionato
Appassionato
Data d'iscrizione : 20.07.09
Numero di messaggi : 339
Località : chiavari
Impianto : Kemp Powerstrip-Kemp SR Plug-Kemp QA Plug-2x XLO Ultra alimentazione-ART Veloce converter 24/96-MSB Platinum IV mod (Femto 140-Upsampler-fusibili Hi-Fi Tuning Supreme3)-Gryphon Diablo mod (fusibili Hi-Fi Tuning Supreme3-Cerapuc Finite Elemente-Acustic Revive rgc-24)-Totem Wind mod (ardesia stand-4xTotem Beaks)-Neutral calbe usb Reference-Segnale Nordost Tyr XLR-Kimber Kable KS3035+KS9038-tratt ambiente by Daad Acustica Applicata.

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Ven 3 Mag 2013 - 17:14
Nulla è reale tutto è lecito. Smile
CIT
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 659
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //
https://autocostruzione.altervista.org/

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Ven 3 Mag 2013 - 19:19
Io credo che l'equalizzatore sia visto tendenzialmente "male", per un fatto abbastanza semplice:
Ogni singola traccia audio , ha di per se delle proprietà specifiche; di tracce audio, almeno nella musica registrata in studio, ce ne sono molte che poi vanno a comporre un pezzo musicale, venendo mixate tra loro. Ovviamente il mixaggio, ed i livelli relativi tra le tracce decisi dal TECNICO, già danno una impostazione "tonale" al suono nel suo insieme. Probabilmente, come post-processing, verrà poi inserita una certa qual dose di compressione dinamica, e probabilmente una eventuale equalizzazione complessiva, di "rifinitura".

E' evidente che quest'ultima PUO' essere modificata, sopratutto se siamo in possesso di un valido equalizzatore (magari parametrico) e di un buon orecchio; ma NIENTE possiamo fare sulla precedente fase di mixaggio, che comprende il proprio particolare equilibrio tra i livelli delle varie tracce, deciso dai tecnici......e non più modificabile. Insomma se una voce viene "posta" troppo in primo piano, con l'equalizzatore non farete un bel nulla......senza modificare ANCHE gli altri suoni.

Quindi in molti casi si può peggiorare/confondere la situazione. Se poi a uno gli piace equalizzare tutto e tutti, lo farà come e quando vuole; ma credo che solitamente si possa fare poco (ho detto POCO, non nullla....) su quelle registrazioni che nascono squilibrate in fase di mixing.


Ciao
avatar
turo91
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 02.03.12
Numero di messaggi : 4578
Provincia (Città) : Sbilanciato
Impianto : Laughing

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Ven 3 Mag 2013 - 19:27
L'equalizzatore è visto male perché è troppo facile, fa molto più figo equalizzare usando valvole o cavi, vuoi mettere? Laughing
sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5276
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Ven 3 Mag 2013 - 19:34
@turo91 ha scritto:L'equalizzatore è visto male perché è troppo facile, fa molto più figo equalizzare usando valvole o cavi, vuoi mettere? Laughing

Giusto. Very Happy
E da anche risultati di gran lunga migliori.
Hello
avatar
Alex
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 08.03.08
Numero di messaggi : 31
Località : MILANO
Occupazione/Hobby : Monitorare la Fedeltà di Musica e Films
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Bluray Denon DBT1713UD + Advance Acoustic i60 + Infinity ref11i

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Ven 3 Mag 2013 - 21:58
@sonic63 ha scritto:
@turo91 ha scritto:L'equalizzatore è visto male perché è troppo facile, fa molto più figo equalizzare usando valvole o cavi, vuoi mettere? Laughing

Giusto. Very Happy
E da anche risultati di gran lunga migliori.
Hello
Si può evitare l'equalizzatore equalizzando soprattutto con gli abbinamenti e aiutarsi con i cavi, questo per evitare maggiori perdite dovute all'aggiunta di questo componente equalizzatore. Con un buon equalizzatore si può aggiungere più bassi se piace in una data incisione, ma si va ad incupire una voce del cantante già ben equilibrata in incisione. Quindi in un sistema dal timbro troppo cupo o troppo aperto, si può in generale correggere con l'equalizzatore, ma è di gran lunga meglio con gli abbinamenti, e anche con i cavi persino d'alimentazione che aiutano molto ad equalizzare. Very Happy
Ciao
Alex
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 659
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //
https://autocostruzione.altervista.org/

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Sab 4 Mag 2013 - 0:15
Cavolo!
Qui uno dice bianco e l'altro dice nero!......
Hehe Hehe

E' il bello della democrazia! Hello
avatar
Alex
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 08.03.08
Numero di messaggi : 31
Località : MILANO
Occupazione/Hobby : Monitorare la Fedeltà di Musica e Films
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Bluray Denon DBT1713UD + Advance Acoustic i60 + Infinity ref11i

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 8 Mag 2013 - 0:56
@Daniele Pucciarelli ha scritto:Cavolo!
Qui uno dice bianco e l'altro dice nero!......
Hehe Hehe

E' il bello della democrazia! Hello
ti dirò di più....l'equalizzatore si può usare per equilibrare un impianto senza tante menate tra cavi e abbinamenti vari. Facciamo che sia un hifi dal timbro molto aperto, lo equilibriamo aumentando i bassi e se ne vogliamo un tantino di più li aumentiamo ancora un pò. Smile Ora l'hifi è equilibrato, ma se ci capita un cd molto aperto non possiamo fare nulla perchè abbiamo già i bassi al max Sad . Con l'EQ o decidiamo di equilibrare l'impianto,
oppure per usarlo per correggere i cd dobbiamo partire da un impianto già ottimamente equilibrato mediante abbinamenti e cavi Smile
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 659
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //
https://autocostruzione.altervista.org/

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 8 Mag 2013 - 14:53
@Alex ha scritto:
@Daniele Pucciarelli ha scritto:Cavolo!
Qui uno dice bianco e l'altro dice nero!......
Hehe Hehe

E' il bello della democrazia! Hello
ti dirò di più....l'equalizzatore si può usare per equilibrare un impianto senza tante menate tra cavi e abbinamenti vari. Facciamo che sia un hifi dal timbro molto aperto, lo equilibriamo aumentando i bassi e se ne vogliamo un tantino di più li aumentiamo ancora un pò. Smile Ora l'hifi è equilibrato, ma se ci capita un cd molto aperto non possiamo fare nulla perchè abbiamo già i bassi al max Sad . Con l'EQ o decidiamo di equilibrare l'impianto,
oppure per usarlo per correggere i cd dobbiamo partire da un impianto già ottimamente equilibrato mediante abbinamenti e cavi Smile

Una cosa, per me, è certa. Io ho dei cavi che sicuramente fanno il loro mestiere in maniera adeguata ( per esempio, per il segnale a basso livello analogico i Van den Hul D - 102 III HYBRID ) , e rimarranno quelli finchè non si spezzano in due! Naturalmente comprati usati da uno che li cambia mensilmente...... Hehe
Insomma, a mio parere, è molto meglio agire PREVENTIVAMENTE su altri componenti.
L'equalizzatore, come affermi anche tu, lo vedo sicuramente bene con quelle registrazioni davvero inascoltabili, pessime. Ma non certo per "adattare" un impianto che non suona bene o per propri limiti, o perchè male installato in ambiente. In questi casi preferisco "lavorare" direttamente sul problema.

Ciao Smile
avatar
Alex
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 08.03.08
Numero di messaggi : 31
Località : MILANO
Occupazione/Hobby : Monitorare la Fedeltà di Musica e Films
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Bluray Denon DBT1713UD + Advance Acoustic i60 + Infinity ref11i

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Gio 9 Mag 2013 - 1:21
@Daniele Pucciarelli ha scritto:
@Alex ha scritto:
ti dirò di più....l'equalizzatore si può usare per equilibrare un impianto senza tante menate tra cavi e abbinamenti vari. Facciamo che sia un hifi dal timbro molto aperto, lo equilibriamo aumentando i bassi e se ne vogliamo un tantino di più li aumentiamo ancora un pò. Smile Ora l'hifi è equilibrato, ma se ci capita un cd molto aperto non possiamo fare nulla perchè abbiamo già i bassi al max Sad . Con l'EQ o decidiamo di equilibrare l'impianto,
oppure per usarlo per correggere i cd dobbiamo partire da un impianto già ottimamente equilibrato mediante abbinamenti e cavi Smile

Una cosa, per me, è certa. Io ho dei cavi che sicuramente fanno il loro mestiere in maniera adeguata ( per esempio, per il segnale a basso livello analogico i Van den Hul D - 102 III HYBRID ) , e rimarranno quelli finchè non si spezzano in due! Naturalmente comprati usati da uno che li cambia mensilmente...... Hehe
Insomma, a mio parere, è molto meglio agire PREVENTIVAMENTE su altri componenti.
L'equalizzatore, come affermi anche tu, lo vedo sicuramente bene con quelle registrazioni davvero inascoltabili, pessime. Ma non certo per "adattare" un impianto che non suona bene o per propri limiti, o perchè male installato in ambiente. In questi casi preferisco "lavorare" direttamente sul problema.

Ciao Smile
Concordo pienamente! Ok Con un impianto equilibrato l'EQ ha la sua funzione primaria, correggere un'incisione non tanto equilibrata, oppure adattarla alle preferenze personali come voler bassi più autorevoli oppure degli acuti più in evidenza Smile Ciao
avatar
Alex
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 08.03.08
Numero di messaggi : 31
Località : MILANO
Occupazione/Hobby : Monitorare la Fedeltà di Musica e Films
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Bluray Denon DBT1713UD + Advance Acoustic i60 + Infinity ref11i

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mar 21 Ott 2014 - 16:26
@globe81 ha scritto:Ragazzi mi dite la differenza tra diffusori hi fi e diffusori usati come monito per studi di registrazione come potrebbero essere le yamaha hs80M?
Pregi e difetti?
Diffusori HiFi sono progettati in base al concetto HiFi:  riprodurre un'incisione con le minime perdite possibili. Quindi possono arrivare ad altissima qualità come l'Hi End.
Riguardo ai monitor da studio, non importa molto l'alta qualità in generale, infatti solitamente sono di qualità media, a volte medio bassa, servono solo per controllare i vari volumi ed equalizzazioni in fase mixer, ma non per controllare il livello di qualità HiFi dell'incisione (si dà per scontato che sia già al top, con minori perdite possibili.)
 Si usano invece delle casse di qualità medio bassa, tipo i monitor 10NS Yamaha per notare come suonerebbe su un impianto comune di fascia medio bassa.
Lo stesso vale per le cuffie Monitor. Se cerchi l ' HiFi di alto livello mi orienterei in diffusori HiFi, se invece piace già un livello medio vanno bene anche casse monitor. Smile
Se cerchi il top della qualità lascia perdere i monitor. Le casse HiFi ideali non dovrebbero avere colorazioni, ma non esistono. Più o meno hanno tutte delle colorazioni, anche quelle di alto livello (potrebbero avere perdite di qualità sugli acuti o sui bassi, o non essere perfettamente equilibrate esaltando leggermente alcune frequenze, la perfezione assoluta non esiste) Quindi bisogna solo valutare l'Ascolto Very Happy e i gusti Audio personali
ciao
avatar
Daniele Pucciarelli
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 24.09.12
Numero di messaggi : 659
Località : Livorno
Occupazione/Hobby : Operaio, autocostruttore diffusori acustici, Redattore del Forum-Magazine DIYAUDIO.IT
Provincia (Città) : Livorno
Impianto : PC TRANSPORT DIY - DAC Teac UD503 - PREAMPLI Atoll PR300SE - FINALE Altason R1 - SINTOAMPLI HT Sony STR DA2400 ES - Diffusori DIY - Cuffie AKG K550 //
https://autocostruzione.altervista.org/

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 22 Ott 2014 - 1:43
@Alex ha scritto:
@globe81 ha scritto:Ragazzi mi dite la differenza tra diffusori hi fi e diffusori usati come monito per studi di registrazione come potrebbero essere le yamaha hs80M?
Pregi e difetti?
Diffusori HiFi sono progettati in base al concetto HiFi:  riprodurre un'incisione con le minime perdite possibili. Quindi possono arrivare ad altissima qualità come l'Hi End.
Riguardo ai monitor da studio, non importa molto l'alta qualità in generale, infatti solitamente sono di qualità media, a volte medio bassa, servono solo per controllare i vari volumi ed equalizzazioni in fase mixer, ma non per controllare il livello di qualità HiFi dell'incisione (si dà per scontato che sia già al top, con minori perdite possibili.)
 Si usano invece delle casse di qualità medio bassa, tipo i monitor 10NS Yamaha per notare come suonerebbe su un impianto comune di fascia medio bassa.
Lo stesso vale per le cuffie Monitor. Se cerchi l ' HiFi di alto livello mi orienterei in diffusori HiFi, se invece piace già un livello medio vanno bene anche casse monitor. Smile
Se cerchi il top della qualità lascia perdere i monitor. Le casse HiFi ideali non dovrebbero avere colorazioni, ma non esistono. Più o meno hanno tutte delle colorazioni, anche quelle di alto livello (potrebbero avere perdite di qualità sugli acuti o sui bassi, o non essere perfettamente equilibrate esaltando leggermente alcune frequenze, la perfezione assoluta non esiste) Quindi bisogna solo valutare l'Ascolto Very Happy e i gusti Audio personali
ciao

Per me hai una visione un po' semplicistica delle cose.....

Ciao
avatar
Mulo
UTENTE BANNATO
Data d'iscrizione : 21.03.09
Numero di messaggi : 4429
Località : qui
Provincia (Città) : quo qua
Impianto : principesco

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 22 Ott 2014 - 2:23
I diffusori per uso casalingo tengono in molto maggiore considerazione il piacere dell'ascolto. I monitor professionali, spesso attivi, sono fatti per avere la risposta più piatta possibile ed insieme distorsioni contenute, che ciò suoni bene o meno.


Io ho sempre preferito ed amato i diffusori casalinghi compatti in stile monitor... es. Acoustic Energy AE1 MkII o Harbeth HL-P3/ES. Discorso sostanzialmente uguale per le cuffie.


Ciao
avatar
natale55
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 11.04.14
Numero di messaggi : 3241
Località : san colombano al lambro
Occupazione/Hobby : pensionato
Provincia (Città) : milano
Impianto : AMPLI-galactron mk2240- GIRA-rega planar 3 con pre phono cambridge audio
dac - northstar extremo - lettore di rete cambridge cxn
- cocktail x 10 - pc dell latitude e5440.hard disk esterno wd 3 tera
diffusori - rona (3 vie a.bellino) - jammy (largabanda a.bellino)- conar (coassiale a.bellino) permian ( diy largabanda a. bellino)
in parcheggio
pre e finale heybrook - ampli creek cas 4040 - casse w3aj2 " autocostruite (a.bellino) -" pikken " autocostruite ( a. bellino)-"le rane" modifica delle w3aj2 - autocostruite
minihorn con tweeter



Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 22 Ott 2014 - 6:23
@Mulo ha scritto:I diffusori per uso casalingo tengono in molto maggiore considerazione il piacere dell'ascolto. I monitor professionali, spesso attivi, sono fatti per avere la risposta più piatta possibile ed insieme distorsioni contenute, che ciò suoni bene o meno.


Io ho sempre preferito ed amato i diffusori casalinghi compatti in stile monitor... es. Acoustic Energy AE1 MkII o Harbeth HL-P3/ES. Discorso sostanzialmente uguale per le cuffie.


Ciao

acoustic energy ae1 classic , messe da parte a favore delle jammy , sembra strano , ma cosi è ,jammy suono molto piu equlibrato , le ho ancora ma sono sul secondo impianto
avatar
Alessandro Asborno
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 09.03.08
Numero di messaggi : 776
Provincia (Città) : Genova
Impianto : SORGENTE: Foofer
DAC: Maurarte Dac
PRE: Cygnus by Maurarte
FINALI: Nuforce Ref.9
CASSE: Kef 101 Reference
CAVI: Segnale: Maurarte
Potenza; Maurarte.

Re: Differenza diffusori hi fi e monitor studio

il Mer 22 Ott 2014 - 8:46
@Alex ha scritto:
Diffusori HiFi sono progettati in base al concetto HiFi:  riprodurre un'incisione con le minime perdite possibili. Quindi possono arrivare ad altissima qualità come l'Hi End.
Riguardo ai monitor da studio, non importa molto l'alta qualità in generale, infatti solitamente sono di qualità media, a volte medio bassa, servono solo per controllare i vari volumi ed equalizzazioni in fase mixer, ma non per controllare il livello di qualità HiFi dell'incisione (si dà per scontato che sia già al top, con minori perdite possibili.)
 Si usano invece delle casse di qualità medio bassa, tipo i monitor 10NS Yamaha per notare come suonerebbe su un impianto comune di fascia medio bassa.
Lo stesso vale per le cuffie Monitor. Se cerchi l ' HiFi di alto livello mi orienterei in diffusori HiFi, se invece piace già un livello medio vanno bene anche casse monitor. Smile
Se cerchi il top della qualità lascia perdere i monitor.
Io penso sia esattamente l'opposto, i monitor nascono proprio per raggiungere il livello più alto di neutralità del suono. Si potrebbe allora chiedersi perché tutti i diffusori non vanno in tale direzione, la risposta è data dalla piacevolezza di ascolto, che a gusto soggettivo non desidera una risposta cosi naturale.
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum