T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Pulsante antivandalo da pannello
Oggi a 0:53 Da scontin

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Oggi a 0:40 Da CHAOSFERE

» Nuovi cavi potenza
Ieri a 23:35 Da wolfman

» Io li pulisco cosi!
Ieri a 23:03 Da Aunktintaun

» Più potenza di un alientek d8
Ieri a 20:43 Da p.cristallini

» ALIENTEK D8
Ieri a 20:38 Da CHAOSFERE

» Consiglio per sistema audio per portatile
Ieri a 20:36 Da lello64

» Consiglio diffusori DIY tra progetti di Alberto Bellino
Ieri a 20:09 Da natale55

» Breeze Audio TPA3116 a 20 euro spedizione compresa
Ieri a 19:04 Da neonwilderness

» AudioNirvana Super 12" Cast Frame in cabinet 5.6MKII - risultato finale
Ieri a 19:01 Da ringhio76

» Ampli+DAC+bluetooth tutto-in-uno: Sabaj Audio A2?
Ieri a 17:05 Da Gert87

» partiamo da zero ma proprio zero?
Ieri a 15:23 Da Snap

» Cuffie Sennheiser con filo o WiFi?
Ieri a 14:37 Da chopper77

» Consiglio cuffie "da notte" economiche
Ieri a 13:23 Da Terenzio Catrame

» (RM + Sped.) Vendo integrato Hegel H100
Ieri a 12:22 Da Rick1982

» impianto entry -level
Ieri a 8:56 Da giucam61

» [GE] Vendo coppia finali mono Hypex nCore 400
Ieri a 0:59 Da antbom

» Diffusori ~7-900 Euro
Gio 23 Feb 2017 - 22:22 Da dinamanu

» Consiglio diffusori economici da scrivania: Dayton B652, B652 AIR o Scythe Kro Craft
Gio 23 Feb 2017 - 21:39 Da pietrob91

» Little dot mk 1+ modifica condensatori
Gio 23 Feb 2017 - 21:28 Da daltanius29877

» Oje Cavetto Anema 'e Core, nun mme scetà (valter)
Gio 23 Feb 2017 - 19:10 Da Albert^ONE

» Lettore ALL IN ONE definitivo
Gio 23 Feb 2017 - 18:52 Da tix88

» Configurazione pc per musica liquida
Gio 23 Feb 2017 - 17:38 Da tambara1

» consiglio amplificatore
Gio 23 Feb 2017 - 16:32 Da mitroglu

» Vendo Cayin 220 CU
Gio 23 Feb 2017 - 14:59 Da wolfman

» Breeze Audio TPA3116 versione 2016?
Gio 23 Feb 2017 - 14:52 Da alexdelli

» Technics SL-QD22
Gio 23 Feb 2017 - 14:11 Da Snap

» chi si intende di grundig?
Gio 23 Feb 2017 - 13:29 Da sportyerre

» Ho comprato due nuovi gingilli, cosa ci costruisco attorno?
Gio 23 Feb 2017 - 12:03 Da giucam61

» Come montare punte e sottopunte
Gio 23 Feb 2017 - 9:27 Da Smanetton

» sento il suono dal giradischi
Mer 22 Feb 2017 - 23:31 Da fritznet

» Le mie Vitriol personalizzate ed autocostruite
Mer 22 Feb 2017 - 22:34 Da CHAOSFERE

» Notebook o Macbook per Lavorare con la Musica
Mer 22 Feb 2017 - 22:25 Da BizarreBazaar

» Testina Sanyo tp 625 help
Mer 22 Feb 2017 - 20:05 Da fritznet

» Sw per nuovo PC
Mer 22 Feb 2017 - 17:09 Da tambara1

» mini hi fi con diffusori a eccitazione tattile piu' sub woofer
Mer 22 Feb 2017 - 16:20 Da tamerlano

» Consiglio su lucidatura alluminio Marantz
Mer 22 Feb 2017 - 16:11 Da Luchezard

» Cambio diffussori da scaffale max 500euro
Mer 22 Feb 2017 - 14:20 Da natale55

» Problema MARATNZ PM 6006,si spegne
Mer 22 Feb 2017 - 13:25 Da Mario Maione

» Consiglio diffusori per Cambridge Audio AM10 con CD10
Mer 22 Feb 2017 - 13:06 Da Luca1982

» raspbian e dac i2s
Mer 22 Feb 2017 - 11:31 Da luigigi

» una testina tp4
Mer 22 Feb 2017 - 10:52 Da Dieci13

» EntryLevel, 300€?
Mer 22 Feb 2017 - 10:38 Da dinamanu

» TUTORIAL VIDEO INSTALLAZIONE VOLUMIO PER RASPBERRY PI
Mer 22 Feb 2017 - 6:06 Da nelson1

» Cerco diffusori Philips ad5056 (8 ohm) e diffusori Philips a 800 ohm
Mer 22 Feb 2017 - 1:57 Da massimo.reja.3

» Grossa indecisione diffusori
Mer 22 Feb 2017 - 1:39 Da massimo.reja.3

» Autocostruzione casse
Mar 21 Feb 2017 - 22:49 Da dinamanu

» Rasp per il mio primo impiantino
Mar 21 Feb 2017 - 22:29 Da pigno

» Diffusore DIY scanspeak Roma.
Mar 21 Feb 2017 - 22:01 Da franz 01

» Quali diffusori Low Cost?
Mar 21 Feb 2017 - 21:39 Da Kha-Jinn

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

77% 77% [ 156 ]
23% 23% [ 47 ]

Totale dei voti : 203

I postatori più attivi della settimana
lello64
 
Snap
 
CHAOSFERE
 
giucam61
 
Kha-Jinn
 
alexdelli
 
dinamanu
 
GP9
 
Aunktintaun
 
kalium
 

I postatori più attivi del mese
CHAOSFERE
 
Snap
 
giucam61
 
lello64
 
fritznet
 
Kha-Jinn
 
TODD 80
 
dinamanu
 
Aunktintaun
 
natale55
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15499)
 
Silver Black (15403)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10260)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8784)
 

Statistiche
Abbiamo 10628 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Antonio Prospero Ferrara

I nostri membri hanno inviato un totale di 779237 messaggi in 50672 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 25 utenti in linea :: 0 Registrato, 0 Nascosti e 25 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

Base per giradischi analogico

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Base per giradischi analogico

Messaggio  Ivan il Gio 5 Mar 2009 - 22:36

Questa sera stavo facendo una ricerca sulla rete in merito alle basi autocostruite per giradischi.
Sostanzialmente ho notato che esistono almeno tre progetti possibili.Francamente mi sfuggono le motivazioni tecniche che spingono i diversi autocostruttori a realizzare tal'una o l'altra base.

La prima tipologia di base è quella piena:
Vedete questo Thorens
http://tr0x.org/ita/td160.html




La seconda è quella senza fondo anche per giradischi nati con plinth aventi il fondo:


La terza è quella di riprodurre un classico parallepipedo contenitivo, che ricalca la forma del plinth originale solo più robusto e pesante.
E qui l'esempio è facile, la base di diechirico presente su audiocostruzioni:

Solo che lui ha fatto la genialata di realizzare un plinth con fondo rimovibile.


Qual è la migliore base tecnicamente? Perchè secondo alcuni è meglio togliere il fondo?

Ivan
Giovane Saggio del Forum
Giovane Saggio del Forum

Data d'iscrizione : 11.02.08
Numero di messaggi : 4773
Località : Penisola
Impianto : Ctrl+C, Ctrl+V.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Base per giradischi analogico

Messaggio  daniele il Ven 6 Mar 2009 - 1:03

Il fondo, risuona.
E questa è spesso una certezza... (soprattutto quando è costituita da quel tremendo compensato sottilissimo tipo del Thorens 160 et similia...

Le basi tecniche che differenziano le vari basi sono dovute essenzialmente al giradischi, se a telaio rigido o flottante.
Se il telaio è flottante (su tre o più sospensioni a molla regolabili) la rigidità del plinto non è molto importante, ai fini sonori (magari lo è per quelli estetici)
Questo perchè tanto ci pensano le sospensioni a isolare e "scollegare" il piatto dalle vibrazioni circostanti o del giradischi stesso.
Tipico giradischi cos' è il Thorens (moltissimi, anche attuali) e i Pioneer serie PL

Altri giradischi sono quelli a telaio rigido (tipo i moderni Rega o i Pro-Ject); qui il telaio è praticamente tutt'uno con il piatto e allora la rigidità, la pesantezza e la bassa capacità di risuonare del plinto diventano mooolto importanti...

Sono due scuole di pensiero diverse..alcuni preferiscono giradischi rigidi, altri flottanti.
Io col mio Thorens ho trovato la migliore soluzione, seguendo il consiglio di TNT audio, mettendo una camera d'aria sotto al giradischi, anche se per questo ho dovuto rimontare il risuonante fondo;

Guarda queste quanto sono particolari:
http://www.audiowood.com/turntables.html

Ti riporto un paragrafo scritto dal grande esperto Stefano Pasini
7-La base (plinth)



L’interfaccia più delicata, in un sistema di riproduzione a audio analogico, è senza dubbio quello fra la puntina ed il solco del disco. In questo punto di contatto, delle dimensioni di pochi micron, si creano forze significative ma che sono anche estremamente influenzabile da fattori esterni, vibrazioni, micro vibrazioni, rientri acustici, e così via. Per fare lavorare al meglio la puntina all'interno del microsolco è necessario che tale interfaccia sia priva il mondo è da disturbi, per quanto possibile, e la costruzione di una base adeguata per ogni giradischi aiuterà a senz'altro a mettere questo sistema nelle migliori condizioni di lavoro.

Una base pesante ed inerte serve soprattutto per i giradischi nei quali sono in gioco forze importanti per la pesantezza del piatto, la potenza del motore ed il sistema di trasmissione (pulegge). Un leggero giradischi giapponese a cinghia non avrà probabilmente grossi miglioramenti sonori dopo l'adozione di una pesante base inerte, come del resto avverrà per i piatti con controtelaio sospeso. Il miglioramento sarà avvertibile in particolare per i giradischi particolarmente pesanti e per quelli che, avendo telaio completamente rigido (come tutti i professionali classici) potrebbero risentire in maniera negativa del rientro acustico e dell'influenza, sulla testina sulle interfaccia puntina-microsolco, delle vibrazioni più o meno grandi prodotte dal motore. Una base molto pesante, progettata in maniera adeguata per assorbire le vibrazioni della meccanica rappresenta sicuramente una eccellente maniera di aumentare la qualità del proprio giradischi.

Per quanto mi riguarda, mi attengo alle basi originali con sospensioni e smorzatori incorporati per gli EMT, mentre per Garrard 301/401 e Thorens 124 preferisco costruire basi diverse da quelle originali. Il sistema che preferisco (e che consiglio a chi si trova della necessità di costruirsi una base ad alte prestazioni per questi giradischi) si basa sulla sovrapposizione di almeno quattro strati di compensato da tre centimetri di spessore l’uno; questi quattro strati debbono essere incollati a pressione con colle viniliche ad alta resistenza (Bindulin) dopo essere stati tagliati all'esterno con le dimensioni necessarie per ospitare il giradischi e il braccio, all'interno secondo la dima di montaggio originale.

Una buona idea è quella di cercare di mantenere poco spazio libero attorno ai componenti della meccanica nel giradischi, utilizzando a questo scopo piccoli coni di gomma a cella chiusa (Neoprene) o anche in legno morbido (balsa) per assorbire le vibrazioni e ridurre la massa d'aria in cui queste potrebbero trasmettersi. Altrettanto importante è ovviamente la filatura elettrica del piatto, che non solo deve essere in ottime condizioni e, se necessario, sostituita con cavi moderni di più alta qualità e magari schermati, ma anche fissati (o allentati, a seconda del piatto) in maniera tale da non a vibrare contro il piatto e non intralciare il funzionamento delle parti meccaniche. Non uso mai alcun tipo di 'fondello', nè sulle basi ad alta massa nè su quelle originali che eventualmente lo avessero (Thorens); è solo fonte di risonanze. Meglio eliminarlo.

Su una base autocostruita ad alta massa, il giradischi deve essere appoggiato e, se possibile, fissato in maniera rigida con le interposizione, fra le viti dello chassis e la base stessa, dei soli gommini di serie, cioè di quelli forniti all'origine dal fabbricante per quel giradischi. Sono da evitare assolutamente le molle, che in pratica cancellerebbero i benefici possibili con questo genere di base; l'accoppiamento relativamente rigido fra le due parti consente di formare un tutt’uno fra la parte meccanica e la base, realizzando idealmente il ‘sink’, cioè il ‘pozzo’ nel quale disperdere senza conseguenza sonora negativa le vibrazioni della meccanica stessa.

In linea teorica, più alta è la massa, minore sarà la necessità di adottare punte coniche speciali sotto a questa base; ciò nonostante, in alcuni casi possono essere consigliabili, in particolare per basi di massa contenuta, inferiore alla soglia dei dieci chilogrammi.

daniele
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 09.09.08
Numero di messaggi : 1720
Località : Via della Povertà
Occupazione/Hobby : Desolation Row
Impianto : Nad c565 bee
Leak Stereo 20
PRE Croft Micro
DAC Lampizator
Spendor Ls3/5a


Tornare in alto Andare in basso

Re: Base per giradischi analogico

Messaggio  Ivan il Ven 6 Mar 2009 - 9:14

Ti ringrazio per avermi risposto.
@daniele ha scritto:Il fondo, risuona.
Si questo ormai non ci piove. Anch'io l'ho tolto, ho soltanto aggiunto due listelli per alloggiare i piedini.
@daniele ha scritto:
Se il telaio è flottante (su tre o più sospensioni a molla regolabili) la rigidità del plinto non è molto importante, ai fini sonori (magari lo è per quelli estetici)
Alla luce di questa informazione, dobbiamo riternere la scelta del primo autocostruttore che vedi in foto del tutto priva di fondamenti tecnici ma solo estetici?
@daniele ha scritto:
Io col mio Thorens ho trovato la migliore soluzione, seguendo il consiglio di TNT audio, mettendo una camera d'aria sotto al giradischi, anche se per questo ho dovuto rimontare il risuonante fondo;
Si la conosco,Tnt-Aria, la volevo fare anch'io poi sono stato bloccato dalla resa estetica di questa scelta. Non è escluso che un domani la possa comunque provare.
@daniele ha scritto:
Guarda queste quanto sono particolari:
http://www.audiowood.com/turntables.html
Non conoscevo questo link! Grazie...certo alcune basi sono inguardabili....

Ti ringrazio ancora per il tuo intervento e un ripasso degli scritti di Pasini è sempre utile. flower

Ivan
Giovane Saggio del Forum
Giovane Saggio del Forum

Data d'iscrizione : 11.02.08
Numero di messaggi : 4773
Località : Penisola
Impianto : Ctrl+C, Ctrl+V.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Base per giradischi analogico

Messaggio  diechirico il Ven 6 Mar 2009 - 10:57

ciao ivan,
se non hai la possibilità di lavorare il massello (cosa complicata per comuni mortali come noi) io proverei con qualche foglio di multistrato di betulla (da 2cm), forati ad arte.
se riesci, prima dell'incollaggio tra un foglio e l'altro sarebbe utile mettere dei fogli piombati da 1 o 2 mm, per appesantire il tutto.
secondo me è la soluzione in assoluto migliore e più facile da realizzare.
ti basta fare la dima del piatto per gli ingombri.
un dettaglio circa il mio vecchio progetto: il mio fondo era un unico pezzo di mdf da 10mm, rivesito di antirombo e alluminio.
non risuonava affatto. dopo diverse prove io l'ho lasciato.
il tipo che l'ha preso, poi, cambiando braccio e testina ha preferito senza.
aloha

diechirico
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 24.09.08
Numero di messaggi : 3913
Località : Guidonia - Roma
Occupazione/Hobby : Spettroscopista (diciamo così...)
Provincia (Città) : dipende dai giorni
Impianto : Marantz CD6000
Cambridge Audio azur 640A V.2
KEF Q1



Tornare in alto Andare in basso

Re: Base per giradischi analogico

Messaggio  daniele il Ven 6 Mar 2009 - 11:15

@Ivan ha scritto:Alla luce di questa informazione, dobbiamo riternere la scelta del primo autocostruttore che vedi in foto del tutto priva di fondamenti tecnici ma solo estetici?

No, non è priva di fondamenti tecnici; la strana sostanza che sembra un compensato (materiale da non prendere mai in considerazione nel campo audio), di cui è costituito il "telaio" di serie del thorens td160 è comunque molto risuonante (nel senso che se la bussi con la mano, suona come una tromba); quindi un 'insieme di MDF (probabilmente il miglior materiale per questo scopo) non può far altro che aumentare la stabilità e la rigidità dell'accoppiata telaio+plinto;

Il miglior giradischi è "quello che non suona", inteso come insieme di rumori parassiti; un telaio in MDF fatto come quello della foto sicuramente migliorerà (anche se in maniera forse meno avvertibile rispetto ad un telaio rigido) anche un giradischi a telaio flottante..
Un simile principio è anche quello in gioco, nella scelta del tappetino (io uso il tnt janus ); la parte di antirombo posizionata verso il piatto, aiuta a mantenere un isolamento meccanico tra il piatto e il disco.

Ti segnalo un altro sito fondamentale, se non lo conosci già (una vera miniera per il tweak del thorens e altri)
http://www.theanalogdept.com/

(forse era già stato postato nel forum)

Ciao!
daniele

daniele
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 09.09.08
Numero di messaggi : 1720
Località : Via della Povertà
Occupazione/Hobby : Desolation Row
Impianto : Nad c565 bee
Leak Stereo 20
PRE Croft Micro
DAC Lampizator
Spendor Ls3/5a


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum