T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» Invertire Sx con DX
Oggi alle 11:10 Da hsh1979

» Sony uhp h1
Oggi alle 11:06 Da Charli48

» problema audio con Thorens TD320MKii
Oggi alle 10:59 Da elmolewis

» Dubbi su Bluetooth
Oggi alle 10:58 Da GP9

» Consiglio per upgrade diffusori / upgrade impianto
Oggi alle 9:59 Da Snifurz

» Cerco pre prebby hv
Oggi alle 9:59 Da verderame

» [Vendo] Nad C316BEE €210
Oggi alle 8:47 Da Dreammachine

» Acquisto dussun dove ?
Oggi alle 8:43 Da chiccoevani

» Nuovo Douk Dac
Ieri alle 23:55 Da uncletoma

» Consiglio gruppi power metal
Ieri alle 22:59 Da TODD 80

» Consiglio impianto per diffusori KEF Coda 70
Ieri alle 21:44 Da Kha-Jinn

» consiglio su impianto digital
Ieri alle 21:13 Da Piper

» rumore fastidioso da dove viene?
Ieri alle 21:04 Da MaxBal

» Topic'it, nuova applicazione mobile per il T-Forum
Ieri alle 20:27 Da Luca Marchetti

» Foobar 2000 Darkone 4 come installarla!?
Ieri alle 19:19 Da H. Finn

» Fiio A5
Ieri alle 17:25 Da HeyGio'

» Dac
Ieri alle 17:25 Da ftalien77

» aiuto miglioramento sala d'ascolto
Ieri alle 17:21 Da ftalien77

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri alle 13:46 Da Bluesunshine

» Pre per behringer ep1500
Ieri alle 12:30 Da Pinve

» Feedback positivo per Ghiglie
Ieri alle 11:39 Da ghiglie

» I migliori album del 2017
Ieri alle 11:06 Da CHAOSFERE

» Collegamento behringer
Ieri alle 10:06 Da Masterix

» Douk DAC (XMOS+PCM5102/DSD1796): ne vale la pena?
Dom 15 Ott 2017 - 22:13 Da nelson1

» dac cinese...ammazzagiganti?!
Dom 15 Ott 2017 - 20:38 Da giucam61

» Quale artista Italiano contemporaneo fa CD tecnicamente ben fatti?
Dom 15 Ott 2017 - 20:03 Da settore 7-g

» Feedback molto positivo per MrTheCarbon
Dom 15 Ott 2017 - 15:45 Da MrTheCarbon

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Dom 15 Ott 2017 - 14:19 Da kalium

» ALIENTEK D8 vs Nad3020 vs altro
Dom 15 Ott 2017 - 11:05 Da pigno

» Cannonball Adderley With Bill Evans ‎– Know What I Mean?
Dom 15 Ott 2017 - 10:54 Da lello64

Statistiche
Abbiamo 11084 membri registrati
L'ultimo utente registrato è HeyGio'

I nostri membri hanno inviato un totale di 797267 messaggi in 51690 argomenti
I postatori più attivi della settimana
erduca
 
giucam61
 
clipper
 
Masterix
 
ftalien77
 
GP9
 
Kha-Jinn
 
uncletoma
 
Bluesunshine
 
Luca Marchetti
 

I postatori più attivi del mese
lello64
 
giucam61
 
nerone
 
dinamanu
 
ftalien77
 
Masterix
 
Kha-Jinn
 
kalium
 
Albert^ONE
 
erduca
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15532)
 
Silver Black (15480)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9193)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 68 utenti in linea: 7 Registrati, 4 Nascosti e 57 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

GP9, H. Finn, hsh1979, Kha-Jinn, lello64, nerone, Snifurz

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Amplificatori ed usura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Amplificatori ed usura

Messaggio  Maverick il Sab 7 Feb 2009 - 17:55

Mi interesserebbe sapere quanto, come e in che modo gli amplificatori si usurano...

in particolare se lo si utilizza ad intervalli durante la giornata, è meglio spegnerlo negli intervalli di tempo in cui non si ascolta nulla oppure meglio tenerlo acceso sempre?

il dubbio mi è venuto leggendo questo pezzo su TNT-Audio di Lucio Cadeddu


Dovrebbe essere noto a tutti che le elttroniche HiFi, sia a valvole che a transistors, hanno bisogno di un certo periodo di riscaldamento prima di funzionare al meglio. Anche in un impianto economico il fenomeno è piuttosto evidente ed avvertibile anche dai meno esperti.
I motivi per cui ciò è necessario sono da ricercare evidentemente nelle caratteristiche elettriche dei componenti che li compongono, che forniscono le prestazioni *di targa* solo oltre una certa temperatura d'esercizio. Negli apparecchi a valvole questo fenomeno è ancora più evidente.
Molti costruttori di amplificatori decidono di obbligare l'utente a lasciare l'apparecchio sempre acceso o eliminando del tutto l'interruttore d'accensione oppure ponendolo in una posizione difficile da raggiungere, nel retro dell'apparecchio o persino sotto di esso (YBA, per fare un esempio).
Altri ancora optano per lasciare l'apparecchio permanentemente in stand-by onde lasciare i circuiti sempre in posizione di attesa, pronti per dare *quasi* il massimo (Audio Analogue).
Il vantaggio dei componenti sempre sotto tensione, oltre che sonoro, è anche *economico*. Infatti non è tanto l'uso a deteriorare i componenti elettronici quanto gli shock causati dai transienti d'accensione.
In sostanza, per un utilizzo quotidiano di un'elettronica HiFi, si può tranquillamente asserire che la vita media dei componenti aumenta col diminuire del numero delle accensioni e che, quindi, lasciando gli apparecchi sempre accesi, contrariamente a quanto comunemente si è portati a pensare, essi dureranno più a lungo presentando un numero minore di guasti.

Non è un caso che nelle ultime generazioni di computers si sia pensato ad un loro funzionamento continuo.

Il tempo necessario per un buon pre-riscaldamento varia da apparecchio ad apparecchio: si va dal quarto d'ora fino alle due ore ed anche più. Esso varia anche, seppur in minima parte, a seconda della temperatura ambientale.
Cercate di capire, con esperimenti successivi, quale sia il tempo minimo necessario e programmate gli ascolti in funzione di questo.


Essendo più ferrato con i computer, ho sempre saputo che l'unico componente di questi ultimi ad usurarsi maggiormente con cicli START/STOP rispetto che con il tempo è hard disk meccanico...
ma riguardo tutto il resto a me risulta esattamente il contrario, cioè ad esempio i condensatori hanno un certo numero di ore per cui sono progettati, nelle schede madri di fascia medio-alta infatti vengono impiegati spesso e volentieri condensatori a stato solido in luogo dei più economici elettrolitici ed il vantaggio principale è che durano molto di più....

stessa cosa per processori e altri chip (ram, northbridge, ecc.)
l'usura è proporzionale al tempo di funzionamento e non il contrario, ed è funzione (sempre direttamente proporzionale) della temperatura del silicio


negli amplificatori invece come stanno le cose?
avatar
Maverick
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 21.01.09
Numero di messaggi : 174
Località : Vicenza
Impianto : under costruction

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Andrea Gianelli il Sab 7 Feb 2009 - 19:17

Hello Bella domanda, ma è come chiedere come e in che modo un'automobile si usura: dipende da molteplici fattori, in parte prevedibili e in parte no.
Quel che posso dirti con certezza è che la durata/affidabilità nel tempo è direttamente proporzionale all'affidabilità/qualità dei componenti impiegati e inversamente al loro numero: meno componenti discreti ci sono nel tuo ampli, più questo sarà esente da guasti. Ecco un altro dei vantaggi della classe T, in cui è il chip stesso a fare quasi tutto: al di là delle maldicenze dei (credo pochini) sostenitori delle elettronche a componenti discreti, i circuiti integrati rappresentano un enorme passo avanti in tutto: riduzione del rumore/disurbi, linearità, affidabilità, rendimento e consumi. Wink
Ah, dimenticavo: il prezzo!!!
Un buon classe T, oltre a durare nel tempo, costa cifre irrisorie: 52 euro per un 6-9 W/ch (Fenice 20 completa di scatola + alimentatore switching) e 105 euro per un 60-90 W/ch (Fenice 100 senza scatola ma completa di morsetti, interruttore, potenziometro, morsetti per diffusori e... una bella alimentazione con toroidale da 400 VA).
Questo è ciò che chiamo affordable hi-fi: vera alta fedeltà accessibile a tutti!
Laughing
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  IcuZ il Sab 7 Feb 2009 - 20:45

Anch'io mi sono sempre chiesto queste cose e concordo con il pensiero di Andrea
avatar
IcuZ
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 06.01.09
Numero di messaggi : 631
Località : Vicenza
Occupazione/Hobby : Assistenza tecnica caldaie-clima/Informatica-elettronica
Provincia (Città) : Meteoropatico
Impianto :
•Gainclone NOVA
•Philips Dvp 3264 Mod
•Tesi 504 black
•Cavi artigianali

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Ospite il Sab 7 Feb 2009 - 21:20

Qualcuno mi deve spiegare perchè un amplificatore in classe T durerebbe più di uno lineare. Forse che il secondo ha parti meccaniche in movimento? Laughing

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Andrea Gianelli il Sab 7 Feb 2009 - 21:36

Mulo ha scritto:Qualcuno mi deve spiegare perchè un amplificatore in classe T durerebbe più di uno lineare. Forse che il secondo ha parti meccaniche in movimento? Laughing
Shocked Sei tu che devi spiegarci questa tua affermazione: chi ha mai parlato di classe T vs ampli lineari?
Semmai ho detto che un classe T (e più in generale un qualunque buon circuito integrato) è più affidabile di uno a componenti discreti: tutto qui. Tra l'altro anche i classe T sono lineari, come le migliori amplificazioni!
PS: se tu avessi letto attentamente il mio precedente post, avresti visto che tra i vantaggi della classe T, oltre alla maggiore affidabilità, c'è anche la linearità. Wink
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Ospite il Dom 8 Feb 2009 - 0:24

Cioè hai detto che la linearità è un vantaggio, ed è finita lì. Non ci credo assolutamente - se lo fosse, suonerebbero meglio e sarebbe un fatto assodato da tutti (anche le riviste quando provano amplificatori digitali da migliaia di euro!). Per lineari, intendo a bassa distorsione, non so tu.



Sui componenti discreti meno affidabili (appunto, è quello che ti contestavo io!), stiamo a vedere quanto ci mette il mio Pioneer a smettere di funzionare... I transistor non sono mica valvole. Laughing

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Maverick il Dom 8 Feb 2009 - 1:47

Grazie per gli interventi, possiamo dire con certezza che la temperatura (come in generale per tutta l'elettronica) influisce sullla vita utile degli ampli?

alla fine della fiera cos'è meglio fare? accendere e spegnere più volte al giorno (mettiamo 3-5) oppure lasciarlo sempre acceso?

a proposito dato che ho un misuratore semiprofessionale, voglio vedere quanto consuma il Trends sia a riposo sia aumentando progressivamente il carico
avatar
Maverick
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 21.01.09
Numero di messaggi : 174
Località : Vicenza
Impianto : under costruction

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Ospite il Dom 8 Feb 2009 - 9:53

Assolutamente sì, la temperatura interna di un amplificatore è il principale motivo di degrado accelerato per i condensatori elettrolitici, per es. Quindi attenti alle valvole & alla classe A.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Fabio il Dom 8 Feb 2009 - 10:03

Maverick ha scritto:Grazie per gli interventi, possiamo dire con certezza che la temperatura (come in generale per tutta l'elettronica) influisce sullla vita utile degli ampli?

alla fine della fiera cos'è meglio fare? accendere e spegnere più volte al giorno (mettiamo 3-5) oppure lasciarlo sempre acceso?

a proposito dato che ho un misuratore semiprofessionale, voglio vedere quanto consuma il Trends sia a riposo sia aumentando progressivamente il carico

Credo che bisogna distinguere tra invecchiamento e guasto.
Se un ampli, non valvolare, è ben dimensionato, i componenti che invecchiano prima sono gli elettrolitici e tutti quelli che contengono sostenze "liquide" nel dielettrico, i quali, come si diceva, hanno un tempo indicativo di vita ad una certa temperatura di esercizio, che non è infinito anche ad apparato spento.
Tuttavia, tutti i componenti, soprattutto quelli attivi, possono risentire dei transitori.
Fare una statistica su cosa è meglio fare la vedo difficile.
avatar
Fabio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.11.08
Numero di messaggi : 2516
Località : Roma
Occupazione/Hobby : informatico aziendale / ozio
Provincia (Città) : pessimo
Impianto : in firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  pincellone il Dom 8 Feb 2009 - 12:34

Una cosa e' certa: la probabilita' di un malfunzionamento aumenta inevitabilmente con il numero di componenti che compongono il circuito.
avatar
pincellone
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 14.06.08
Numero di messaggi : 2867
Località : Troppo lontano da casa mia...
Occupazione/Hobby : Cercare di migliorare le cose
Provincia (Città) : Tra i fiori il ciliegio, tra gli uomini il guerriero
Impianto : Si sente bene, almeno per me.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Ospite il Dom 8 Feb 2009 - 13:17

Ed ovviamente il malfunzionamento dei chip non esiste. Smile


Mi sembra un non-problema, o per lo meno un argomento molto tendenzioso. Io non ho mai avuto problemi di durata delle parti di apparecchi a stato solido; forse anche perchè non ho mai avuto niente di "valvolare". Very Happy

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Andrea Gianelli il Dom 8 Feb 2009 - 14:26

Hello Sono pienamente d'accordo con gli ultimi post di Maverick, pincellone e Mulo. Infatti, con ordine: 1) un circuito con maggior rendimento, minor dispersione di calore e termicamente più stabile tende a durare di più; 2) la riduzione del numero di componenti migliora ulteriormente l'affidabilità; 3) l'elettronica a stato solido dura molto di più di quella valvolare, il tutto "senza manutenzione" (basti pensare che le sole valvole vanno sostituite dopo 2000 ore di funzionamento).
Colgo infine l'occasione per rispondere a Mulo, sulla linearità: un amplificazione lineare è lineare quando presenta una risposta estesa e regolare su tutto la spettro audio (da 20 a 20.000 Hz) senza distorsione, cosa che nella classe T viene garantita da una innovativa forma di controreazione, che sta alla base del brevetto Tripath.
PS: condivido anche la riflessione di Fabio, sulla difficoltà di previsione... come ho detto all'inizio, data la complessità del prodotto, è quasi come parlare di affidabilità di un'automobile.
Una ragione in più per scegliere delle buone amplificazioni, che non costino però una fortuna. Wink
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Ospite il Dom 8 Feb 2009 - 15:28

La linearità oggigiorno è garantita da qualsiasi stadio di amplificazione lineare (<-non digitale intendo). Persino le valvole oggi riescono a farle funzionare linearmente. Wink

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Andrea Gianelli il Dom 8 Feb 2009 - 22:58

Mulo ha scritto:La linearità oggigiorno è garantita da qualsiasi stadio di amplificazione lineare (<-non digitale intendo). Persino le valvole oggi riescono a farle funzionare linearmente. Wink
Hello Verissimo, a parte taluni valvolari single-ended "zero feedback"... Orrified
Pensa che mio padre, che è un progettista elettronico molto esperto e preparato, parlando di hi-fi dice sempre che oggi come oggi per far suonare male qualcosa bisogna farlo apposta. E questa affermazione dovrebbe far riflettere molti su cos'è l'HT e sulla "cura progettuale" dedicata a tale tipologia di prodotto.
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Ospite il Dom 8 Feb 2009 - 23:08

HT = home theater?


Per me non c'è niente di male a voler farsi un teatro in casa, figurati. Wink

Almeno poi lo si usasse per guardarsi film decenti, invece alla fine per esaltare l'impianto si guardano delle stupidate pazzesche prive di contenuti di qualunque genere, spettacolarità visiva e sonora a parte.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Andrea Gianelli il Dom 8 Feb 2009 - 23:44

Mulo ha scritto:HT = home theater?


Per me non c'è niente di male a voler farsi un teatro in casa, figurati. Wink

Almeno poi lo si usasse per guardarsi film decenti, invece alla fine per esaltare l'impianto si guardano delle stupidate pazzesche prive di contenuti di qualunque genere, spettacolarità visiva e sonora a parte.
La qualità sonora della maggioranza degli HT lascia molto a desiderare (d'altro canto il 5.1 non è hi-fi: la vera alta fedeltà è rigorosamente stereofonica) ma è comunque pienamente in linea con i gusti della massa... Oki
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Ospite il Dom 8 Feb 2009 - 23:50

Andrea Gianelli ha scritto:
Mulo ha scritto:HT = home theater?


Per me non c'è niente di male a voler farsi un teatro in casa, figurati. Wink

Almeno poi lo si usasse per guardarsi film decenti, invece alla fine per esaltare l'impianto si guardano delle stupidate pazzesche prive di contenuti di qualunque genere, spettacolarità visiva e sonora a parte.
La qualità sonora della maggioranza degli HT lascia molto a desiderare (d'altro canto il 5.1 non è hi-fi: la vera alta fedeltà è rigorosamente stereofonica) ma è comunque pienamente in linea con i gusti della massa... Oki
Preferirei al limite, e di molto, che i gusti della "massa" fossero più attenti alla qualità dei film, che non alla qualità audio della loro colonna sonora. Rolling Eyes

Invece basta frequentare un cineplex per capire cosa piaccia alla gente.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Andrea Gianelli il Lun 9 Feb 2009 - 11:05

Mulo ha scritto:Preferirei al limite, e di molto, che i gusti della "massa" fossero più attenti alla qualità dei film, che non alla qualità audio della loro colonna sonora. Rolling Eyes

Invece basta frequentare un cineplex per capire cosa piaccia alla gente.
Hello Pienamente d'accordo con te e vorrei cogliere l'occasione per ribadire che un bel film lo si ascolta benissimo anche con un vero hi-fi a due canali, anzi meglio, dato che: 1) l'azione si svolge davanti a noi che guardiamo e non attorno a noi; 2) le nostre orecchie sono due e due rimangono. Wink
PS: a proposito, la maggior complessità degli amplificatori A/V a 5 o 6 canali li rende inutilmente costosi (rispetto ad un buon integratino hi-fi, come ad esempio il tuo Pioneer) e più soggetti a guasti.
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  nd1967 il Lun 9 Feb 2009 - 12:31

SIETE COMPLETAMENTE OT

APRITE UN ALTRO TRED SE VOLETE PARLARE DI FILM O DI AMPLI 5.1

_________________
Bisogna assomigliare alle parole che si dicono. Forse non parola per parola, ma insomma ci siamo capiti [Saltatempo di Stefano Benni]
Chi non sa ridere non è una persona seria [Fryderyk Chopin]
avatar
nd1967
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 12803
Località : Cavaion Veronese (VR)
Occupazione/Hobby : Musica, Fotografia, Hi-Fi, Fumetti, Libri, Cinema
Provincia (Città) : Verona
Impianto : Preamplificatore Sonus Mirus AAVT
Finale TA 3020 by Vincenzo
Lettore CD Micromega Stage 2
Giradischi Project 6.9
Diffusori Dynavoice Challenger M-65 EX



http://www.google.com/+AndreaTramonte

Tornare in alto Andare in basso

Re: Amplificatori ed usura

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum