T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» Steely Dan
Oggi alle 23:55 Da domar

» Lista JAZZ BOX SET in vendita
Oggi alle 23:47 Da andy65

» AMPLIFICATORI VINTAGE
Oggi alle 23:45 Da nerone

» Arcam FMJ A19
Oggi alle 23:33 Da dinamanu

» SMSL M7: il dac definitivo alla portata di tutti?
Oggi alle 23:22 Da Albert^ONE

» il dubbio...
Oggi alle 22:04 Da Pinve

» Nuovo Douk Dac
Oggi alle 20:45 Da uncletoma

» Un incredibile diluvio sonoro lungo 11 minuti!
Oggi alle 19:50 Da enrico massa

» Behringer ep1500
Oggi alle 19:31 Da Collins

» Consiglio: impianto si o no e cosa (poco spazio, max 600€)
Oggi alle 19:20 Da dinamanu

» Spyro Gyra
Oggi alle 18:51 Da andy65

» l'audiofilo chi e' secondo voi?
Oggi alle 17:48 Da Kha-Jinn

» Gegè Telesforo - Nu Joy
Oggi alle 16:45 Da potowatax

» Wynton Marsalis
Oggi alle 14:45 Da andy65

» ECM Selected Recording
Oggi alle 14:32 Da andy65

» LP jazz a Roma da non perdere
Oggi alle 14:25 Da andy65

» Roy Hargrove
Oggi alle 14:09 Da andy65

» Mel Lewis & The Jazz Orchestra - Make Me Smile & Other New Works by Bob Brookmeyer
Oggi alle 14:04 Da andy65

» Bill Evans - From Left to Right
Oggi alle 14:02 Da andy65

» concerti al manzoni di milano
Oggi alle 14:01 Da andy65

» John Coltrane - Giant Steps
Oggi alle 13:58 Da andy65

» ecco l'onesto epigono ...Johnny Winter con Muddy Waters e JL Hooker
Oggi alle 13:44 Da andy65

» Tre magiche chitarre
Oggi alle 11:24 Da Zio

» Consiglio (conferma?) Nuovo Impianto (Budget 400 euro )
Oggi alle 10:43 Da nerone

» Marantz PM6006 da Amazon UK (Home AV Direct)
Oggi alle 9:56 Da giucam61

» CD SPECIALE! Di HANK JONES "blueseggiante" (per amanti jazz alla Oscar Peterson)
Oggi alle 9:33 Da andy65

» [Vendo] Schiit Modi Multibit
Oggi alle 8:47 Da Kha-Jinn

» [Vendo] Marantz PM6005
Oggi alle 8:38 Da Kha-Jinn

» Acid Jazz
Oggi alle 1:35 Da giucam61

» Quali sono i dischi da avere di Petrucciani?
Ieri alle 23:31 Da lello64

Statistiche
Abbiamo 11029 membri registrati
L'ultimo utente registrato è angelo alvarenz

I nostri membri hanno inviato un totale di 795296 messaggi in 51574 argomenti
I postatori più attivi della settimana
dinamanu
 
andy65
 
giucam61
 
lello64
 
nerone
 
Kha-Jinn
 
Nadir81
 
Albert^ONE
 
uncletoma
 
Peppe Guercia
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15512)
 
Silver Black (15477)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9180)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 67 utenti in linea: 6 Registrati, 0 Nascosti e 61 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

andy65, bru.b, dinamanu, domar, nerone, sgiallo

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  iperv il Mar 24 Mag 2011 - 6:42

flovato ha scritto:
De simone Biagio ha scritto:..anche se qualcosa non mi torna, nel senso, come può un buon pre intervenire sul suono di uno stadio d'uscita , diciamo mal suonante, non dico che non lo faccia, ma solo per capire, e ancora, non sarebbe meglio, a questo punto intervenire direttamente sullo stadio d'uscita, questo ovviamente per quelli bravi, riprogettandolo completamente, per evitare il passaggio da più stadi attivi, che potrebbero aggiungere o togliere qualcosa all' originale messaggio audio..

E quello che sto tentando di dire (evidentemente tu ci riesci meglio Smile) ma a parte la giusta osservazione sull'impedenza tecnicamente non mi pare che siano emersi altri fattori.
Per adesso, parlando solo tecnicamente non sonicamente, se abbiamo un dac come il Lavry che ha la regolazione in uscita non abbiamo bisogno di altro.


L'adattamento d'impedenza è fondamentale.
Anzi Fondamentale.
In genere negli apparecchi Audio si amplifica in tensione nei primi stadi e in corrente nello stadio d'uscita.
Una sorgente, in realtà, è sempre sia in tensione che in corrente. Quello che fa sì che si chiami sorgente in tensione o in corrente è l'impedenza d'uscita.
Una sorgente in tensione richiede che lo stadio successivo presenti un'impedenza il più alta possibile, per evitare perdite, anche gravi, sul guadagno, in primo luogo.
Ora, per impedenza non si intende solo il valore in Ohm resistivo, ma quello più generale che tiene conto anche delle componenti capacitive e induttive. In particolare le componenti capacitive intervengono nella determinazione dell'impedenza d'ingresso (di un pre o di un finale, o di qualsiasi altro apparecchio), con, ad esempio, l'effetto Miller, che tiene conto del guadagno dello stadio amplificatore e che fa sì che l'impedenza nominale vari anche di moltissimo.
Inoltre il fatto che intervengono le componenti capacitive e induttive significa che l'impedenza varia al variare della frequenza, il che complica tutto.
Ancora, può variare anche solo la fase, che in qualche modo regola le prestazioni sonore circa la ricostruzione scenica.
I nostri chip in classe T integrano un operazionale come stadio d'ingresso...
un po' pochino, no, per pretendere che faccia da solo il lavoro che fanno degli apparecchi anche molto pesanti e anche molto costosi?
Ovvio che il pre non è obbligatorio. Diventa superfluo quando l'impedenza è già adattata.
Risulta necessario quando si vuole colorare il suono, in MyFi Mode... Shocked
avatar
iperv
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 17.06.09
Numero di messaggi : 633
Località : Cava d'aliga - Scicli (Rg)
Impianto : Eterogeneo

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  flovato il Mar 24 Mag 2011 - 9:02

iperv ha scritto:
L'adattamento d'impedenza è fondamentale.
Anzi Fondamentale.
In genere negli apparecchi Audio si amplifica in tensione nei primi stadi e in corrente nello stadio d'uscita.
Una sorgente, in realtà, è sempre sia in tensione che in corrente. Quello che fa sì che si chiami sorgente in tensione o in corrente è l'impedenza d'uscita.
Una sorgente in tensione richiede che lo stadio successivo presenti un'impedenza il più alta possibile, per evitare perdite, anche gravi, sul guadagno, in primo luogo.
Ora, per impedenza non si intende solo il valore in Ohm resistivo, ma quello più generale che tiene conto anche delle componenti capacitive e induttive. In particolare le componenti capacitive intervengono nella determinazione dell'impedenza d'ingresso (di un pre o di un finale, o di qualsiasi altro apparecchio), con, ad esempio, l'effetto Miller, che tiene conto del guadagno dello stadio amplificatore e che fa sì che l'impedenza nominale vari anche di moltissimo.
Inoltre il fatto che intervengono le componenti capacitive e induttive significa che l'impedenza varia al variare della frequenza, il che complica tutto.
Ancora, può variare anche solo la fase, che in qualche modo regola le prestazioni sonore circa la ricostruzione scenica.
I nostri chip in classe T integrano un operazionale come stadio d'ingresso...
un po' pochino, no, per pretendere che faccia da solo il lavoro che fanno degli apparecchi anche molto pesanti e anche molto costosi?
Ovvio che il pre non è obbligatorio. Diventa superfluo quando l'impedenza è già adattata.
Risulta necessario quando si vuole colorare il suono, in MyFi Mode... Shocked

Bell'intervento.
Trovo questo argomento fondamentale, non tanto peri i risultati nella mia catena (ovviamente ogni impianto fa storia a se) ma quanto per i risvolti tecnologici.

La domanda è semplice, da qui a 10 anni esisteranno ancora i preamplificatori ?
Non mi riferisco al vintage, in quel caso saranno eterni e li cercheremo come facciamo oggi con il vinile rimpiangendo le delizie che ci regalavano, mi riferisco al setup di una nuova catena.

Si imporrà il modello liquida/DAC/Intergrato/Diffusori ?

Imho credo proprio di si, considerando le differenze enormi che ci sono tra un DAC e l'altro.
Se avessi un portafoglio un pelino più in salute non ci penserai a cambiare ampli ma di sicuro mi farei qualche altro DAC, se proprio voglio colorare come dici ne cercherei un DAC con una bella valvolina. Smile
avatar
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  MaurArte il Mar 24 Mag 2011 - 9:11

Il pre esisterà sempre
Nel caso della musica liquida probabilmente, con qualche accorgimento, sarà integrato nel DAC
avatar
MaurArte
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 7280
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Alchimista
Provincia (Città) : En verden av smart jeg er dum
Impianto : Elettrico

http://www.alchimieaudio.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  Stentor il Mar 24 Mag 2011 - 10:16

MaurArte ha scritto:Il pre esisterà sempre
Nel caso della musica liquida probabilmente, con qualche accorgimento, sarà integrato nel DAC

Quoto al 100%

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  flovato il Mar 24 Mag 2011 - 11:14

Stentor ha scritto:
MaurArte ha scritto:Il pre esisterà sempre
Nel caso della musica liquida probabilmente, con qualche accorgimento, sarà integrato nel DAC

Quoto al 100%

Tanto per non mollare l'osso aggiungiamo a MaurArte e a Stentor il parere di un certo Lucio Cadeddu (cito un frammento abbastanza significativo)

I pre servono eccome. Le ragioni, spiegate più in esteso in un articolo delle FAQ del sito, sono sostanzialmente di tre tipi. Intanto c'è un problema di adattamento di impedenza tra sorgente e finale. Raramente si riesce a trovare un optimum utilizzando solo l'uscita variabile del CD player. Secondo, il problema della qualità, spesso infima, delle uscite variabili dei CD players. Terzo, un problema (più raro) di adattamento tra sensibilità d'ingresso del finale e tensione in uscita dal CD player.

Partita chiusa ?.

Tra dieci anni ci ritroviamo qui, stesso 3D, spero di aver acquistato un DAC con uscita ad impedenza variabile e di continuare il dibattito serenamente ed in amicizia.

Per la partita a bocce non chiamatemi, poi si finisce col bere qualche goccetto di troppo e le cazzate non si contano più. Hehe Hehe Hehe

PS: Il mio impianto è del tipo raramente. Orrified Punishment Lol eyes shut
avatar
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 3 Precedente  1, 2, 3

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum