T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Oggi a 0:36 Da CHAOSFERE

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri a 23:58 Da CHAOSFERE

» Nuovo ADCOM GFA-565-SE, acquisto
Ieri a 23:58 Da sound4me

» Pioneer SA-706 non va d'accordo con Canton Quinto 520...
Ieri a 23:30 Da mauretto

» Chi ben comincia...consigli
Ieri a 23:23 Da p.cristallini

» Madame Butterfly
Ieri a 23:02 Da enrico massa

» upgrade 2500 max
Ieri a 22:50 Da Docarlo

» RCF Stereo Amplifier AF 6181
Ieri a 22:28 Da Aggeo

» Consigli per impianto 2.1
Ieri a 22:21 Da Docarlo

» cablaggio interno
Ieri a 21:46 Da Angel2000

» R.I.P GREG LAKE
Ieri a 20:49 Da Docarlo

» Cavo ad Y RCA per Subwoofer
Ieri a 18:39 Da Suono56

» (GE) Trasformatore toroidale 230 V~ 2 x 45 V 2 x 3.33 A 300 VA Sedlbauer.
Ieri a 14:44 Da scontin

» Antenna FM
Ieri a 13:37 Da fritznet

» Dac per Koss PortaPro?
Ieri a 13:22 Da mako

» TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 COMPLETO
Ieri a 12:39 Da Angel2000

» Una storia di cavi
Ieri a 12:25 Da Suono56

» El GORDO - una torre senza filtri, si può?
Ieri a 12:23 Da Angel2000

» Cuffie bestbuy 150€ no amplificatore
Ieri a 11:50 Da bob80

» Diffusore bookshelf a due vie con woofer caricato in doppio carico Asimmetrico a vista (DCAAV)
Ieri a 11:45 Da ricky84

» AudioNirvana Super 12" Cast Frame in cabinet 5.6MKII - risultato finale
Ieri a 11:01 Da giucam61

» Collegare più sorgenti al T-Amp
Ieri a 10:51 Da CHAOSFERE

» [NO] vendo pre+finale valvole classe A
Ieri a 8:23 Da gigetto

» Confronto tra Breeze full mod. vs Drok ta2024b pareri personali e riflessioni
Ieri a 0:33 Da RAMONE67

» Amplificatore per Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B, quale migliore?
Mer 7 Dic 2016 - 23:52 Da giucam61

» L'ho fatto, le ho distrutte :D
Mer 7 Dic 2016 - 21:08 Da zimone-89

» Daphile - Audiophile Music Server & Player OS
Mer 7 Dic 2016 - 20:53 Da dinamanu

»  il trends tamp è oggi un oggetto superato?
Mer 7 Dic 2016 - 19:18 Da alexandros

» Quale ampli per le mie Dynaudio M20
Mer 7 Dic 2016 - 18:13 Da dinamanu

» AUDIOLAB 8000SE
Mer 7 Dic 2016 - 16:31 Da Gabriele Barnabei

» Casse acustiche quali?b&w 684 o IL tesi 560?
Mer 7 Dic 2016 - 16:26 Da rx78

» impianto entry -level
Mer 7 Dic 2016 - 11:12 Da giucam61

» fissa lettore CD
Mer 7 Dic 2016 - 10:54 Da giucam61

» jbl lsr 305 vs krk rokit 6 g3
Mer 7 Dic 2016 - 8:41 Da luigigi

» CAIMAN SEG
Mer 7 Dic 2016 - 0:42 Da Zio

» (NA) Amplificatore Kingrex con DAC usb e uscita cuffie €270+ sped.
Mer 7 Dic 2016 - 0:20 Da sonic63

» Daphile in ram
Mar 6 Dic 2016 - 23:58 Da ghiglie

» Aiuto lenco L75s
Mar 6 Dic 2016 - 20:36 Da Angel2000

» Ho preso le grado sr80e e vi porto un po' di impressioni
Mar 6 Dic 2016 - 19:02 Da dinamanu

» Alimentatore Muse i25w Ta2021 quale connettore?
Mar 6 Dic 2016 - 18:22 Da Tasso

» Messaggio per Valterneri NAD90
Mar 6 Dic 2016 - 18:05 Da enrico massa

» [to]Vincent sp 997 finali mono
Mar 6 Dic 2016 - 14:51 Da krell2

» OLD AKG K141 MONITOR E LITTLE DOT MK II V3.0
Mar 6 Dic 2016 - 14:47 Da sportyerre

» [AN] Teac UD-H01
Mar 6 Dic 2016 - 14:27 Da Masterix

» Player hi fi
Mar 6 Dic 2016 - 11:38 Da santidonau

» ultimo nato (mau 749 R.I.P)
Mar 6 Dic 2016 - 6:01 Da Tommaso Cantalice

» Alternativa a Volumio: Moode Audio!
Lun 5 Dic 2016 - 22:40 Da eddy1963

» Vendo 2XFostex FE83EN Euro 110 con enclosures bookshelf
Lun 5 Dic 2016 - 22:14 Da potowatax

» Amplificatore per chiudere il cerchio
Lun 5 Dic 2016 - 21:05 Da Sistox

» Giradischi - quesiti & consigli
Lun 5 Dic 2016 - 19:25 Da dinamanu

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

76% 76% [ 148 ]
24% 24% [ 47 ]

Totale dei voti : 195

I postatori più attivi della settimana
CHAOSFERE
 
fritznet
 
lello64
 
dinamanu
 
rx78
 
giucam61
 
schwantz34
 
Angel2000
 
gigetto
 
sportyerre
 

I postatori più attivi del mese
CHAOSFERE
 
dinamanu
 
lello64
 
Angel2000
 
giucam61
 
fritznet
 
rx78
 
gigetto
 
natale55
 
R!ck
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15495)
 
Silver Black (15375)
 
nd1967 (12784)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10219)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8495)
 

Statistiche
Abbiamo 10371 membri registrati
L'ultimo utente registrato è pturci

I nostri membri hanno inviato un totale di 769499 messaggi in 50065 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 16 utenti in linea :: 0 Registrato, 0 Nascosti e 16 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Furl  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  flovato il Ven 20 Mag 2011 - 10:06

Babbo Natale travestito da Marco Adicenter è arrivato con un filo di ritardo.
Si è presentato a casa mia in jeans e scarpe da ginnastica ma considerando che siamo a
Maggio ci può anche stare.

Nella sacca aveva nell'ordine:

Pre Yaqin
Trasporto Weiss
DAC Trends Audio UD-10.1
DAC Lavry
DAC Minimax
Un pò di cavi di varie marche, batterie e amenicoli vari.

Per i modelli e le sigle ci penserà Babbo Natale che sicuramente aggiungerà i suoi preziosi commenti.

Sono certo che il forum è il posto naturale per i commenti che io chiamo presuntuosamente recensioni quindi
basta premesse.
Abbiamo già detto che le recensioni valgono 0 e siccome eravamo in due 0 + 0 fa sempre 0.

Questo non toglie nulla al mio desiderio di trasmettere al forum le incredibili emozioni di ieri sera.
L'eccitazione era tanta, l'attesa per il Lavry è durata molto.

Il piatto forte era composto da quasi 2.000 euro tra Weiss e Lavry ma abbiamo deciso di iniziare con gli antipasti.
Il tempo non è mai abbastanza ma dalle 19 a mezzanotte inoltrata ci abbiamo dato dentro di brutto.

Ho acceso il mio impianto è ho fatto ascoltare a Marco il tanto discusso DAC Audio Lite AH.
Sarà che avevamo la testa altrove ma lo abbiamo subito accantonato.

A questo punto abbiamo inserito il Pre Yaqin con ottime valvole rodate.

Abbiamo discusso molto sul forum sulla necessità di un pre da abbinare al piccoli T e la mia posizione
è abbastanza atipica rispetto all'orientamente del forum.

Io sostengo che non ci sia bisogno per tutta una serie di motivi alcuni anche di natura filosofico/progettuale.
Mi dispiace affermare questo perchè so già che ci saranno polemiche ma nella mia catena avevo ragione.

Anche Marco ha confermato che il pre non serve, anzi.

La senzazione era la stessa di avere inserito un'equalizzatore ed aver aumentato gli estremi.
L'unica cosa positiva erano gli alti tipicamente brillanti e dolci, caratteristica delle valvole che ben conosco avendole
ascoltate per dieci lunghi anni.
Nussuna ulteriore apertura della scena, anzi un leggerissimo velo, considerando che abbiamo usato una seconda coppia di Kimber identici ai miei non credo ci siamo scusanti.

Per me è stato un sollievo, un test che conferma le mie ipotesi e cioè i DAC sono i veri preamplificatori del nostro tempo.

Questo non toglie nulla al pre Yaqin che trovo straordinario per costruzione prezzo e silenziosità e magari inserito in altre catene
capace di regalare belle emozioni.
Ad esempio a casa di Marco nel suo secondo impianto a pilotare un ampli vintage l'ho trovato azzeccatissimo.

Premessa che varrà per tutto l'ascolto del Lavry, ha bisogno di un rodaggio lunghissimo sia a detta del costruttore
che dei felici possessori quindi eravamo già in guardia su qualche possibile asprezza.

Lo abbiamo collegato all'uscita ottica della ATV2 e abbiamo usato il mio iMac con Audirvana + Airfoil senza trasporto Weiss.

Senza andare per le lunghe improvvisamente nella mia catena è sceso un UFO.
Questo UFO in questo momento è il mio riferimento assoluto.
Sorvoliamo sulla bellezza dell'oggetto sulle chiccherie come ad esempio la regolazione digitale dell'uscita
e tutta una serie di meccanismi davvero notevoli e diciamo che l'unica cosa che avrei messo sono due uscite RCA
anche se i bellissimi adattatori bilanciati/RCA con un meccanismo di identificazione interno facevano un figurone.

La ricostruzione della gamma bassa è a dir poco strabiliante.
L'articolazione è senza pari si sentono tutti i minimi passaggi tra un decadimento e l'altro.
La spinta è giusta mai invadente con un freno prefetto.
La scena il larghezza non è da lode cmq ottima, la profondità è molto molto buona.
Gli strumenti si separano con naturalezza.
Rimane per via del rodaggio una briciola di asprezza nella gamma medio/alta.
E' sorprendente come sempre io e Marco ci ritroviamo concordi nei giudizi e nelle sensazioni, ad esempio si disquisiva
sul precedente test del DAC RME ADI-2 che pur ottimo dava la sensazione di essere un pelino dopato.

Questa sensazione con il Lavry non c'è mai, il tutto avviente con grande naturalezza.

Siamo saliti di livello aggiungento il Weiss e qui le sorprese sono state minori nel senso che un migioramento
c'è stato in maniera evidente ma eravamo convinti che l'ingresso ottico penalizzasse di più il risultato ed invece si difendeva molto bene.

Considerando che Marco fa la collezzione di tutto e abbiamo sentito Hiface, Hiface Evo, Bridge e appunto Weiss abbiamo
voluto testare anche il DAC Trends Audio UD-10.1 usato come trasporto e alimentato da batterie stilo.

Il commento unanime è stato lapidario, mio dio togliete sta roba.
Il Trends ha letteramente fatto scendere un velo sia alimentato a pile che senza.
Tutto il valore del Weiss è emerso in maniera evidente, non so se valga o non valga il suo esorbitante
prezzo ma di sicuro fa un'enorme differenza.

A questo punto consapevoli del rischio abbiamo cominciato un downgrade inserendo il Minimax al posto
del Lavry.

Downgrade confermato francamente ottimo DAC ma non c'era paragone.

Ed infine siamo atterrati di nuovo sul DAC Audio Lite.

Avrò modo di parlare a lungo, noto che ho scritto troppo ma c'è una grossa conferma da parte di Marco.
Ascoltato con calma e passata la frenesia del Lavry siamo concordi nell'affermare ancora una volta
che questo scatolotto da 100 euro ha molto da dire.

Il Lavry è quanto di più lontano ci possa essere da un'ascolto di un vinile.
E' radiografante, mai tagliente e piacevolissimo da ascoltare ma la sensazione è di ascoltare musica digitale
ai massimi livelli.

Agli antipodi abbiamo il Lite che invece ricorda lontanamente il suono di un vinile, di un piatto di media qualità.
Lo abbiamo ascoltato per un'oretta è ci è piaciuto.

Chiudo volutamente con i riferimenti al Lite, perchè 2.000 euro per un DAC credo siano abbastanza irraggiungibili per molti
di noi.

L'emozione e l'opportunità di ascoltare un'elettronica di assoluto livello è indimenticabile ma la consapevolezza
che il mio piccolo T e il mio poco definito DAC sono capaci di restituirmi una grande gioia nell'ascoltare musica
mi ha rinfrancato.

Si percepiva la superiorità del Lavry anche perchè capace di far emergere i limiti della mia catena costata complessivamente
quanto lo stesso DAC.

L'amplificazione, il piccolo T alimentato ottimamente a batteria cominciava a dare piccoli segni di cedimento.
Un'accenno di velatura e la sensazione che il Lavry meritasse qualcosina di più.

Abbiamo provato anche un T2020 al posto del T2024 e ne abbiamo tratto le solite conclusioni,
molto buono anche il T2020 maggior spinta e leggermente più aspro nelle medio/alte.

Che dire, tutti felici, Marco ha avuto le sue conferme, e che conferme e nel mio piccolo anche il sottoscritto.

Hello a tutti.


PS: Devo andare in comune a prenotare la sala d'ascolto per la DAC-WAR, mi riferisco a tutti coloro
che vorranno partecipare, credo che si potrebbe svolgere a ridosso dell'estate quindi non prima di un mese.
Sicuramente di sabato per via della disponibilità della sala.
Cominciamo a buttare qualche data per vedere di incontrare la disponibilità di tutti.
Non assicuro nulla ma ci provo, settimana prossima vado in comune
.

flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  Vella il Ven 20 Mag 2011 - 10:25


Wow, bella e utile... recensione!!!
Grazie.
Però sarebbe bello, giusto per un pò di flolklore, sapere che brani avete ascoltato, e sapere quali caratteristiche o passaggi dei suddetti brani hanno mostrato i pro e i contro delle elettroniche. Così uno, se per caso li conosce i brani, si immagina meglio le sensazioni descritte.
E comunque, grande invidia per la serata!!!!!!


Ultima modifica di Vella il Ven 20 Mag 2011 - 14:47, modificato 1 volta

Vella
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 29.12.10
Numero di messaggi : 3992
Località : Milano
Occupazione/Hobby : finanza/tra un pò scrivo un romanzo
Impianto :
Spoiler:
Asus eeebox+Lubuntu/MPD - Rega Planet 2000 - Benchmark DAC1USB - Electrocompaniet EC3 - Electrocompaniet AW 120 DMB - Duevel Planets - Sennheiser HD600
Chord USB Silver Plus - Mogami 2964 - Atlas Element Integra - WireWorld Stratus 5(2) - QED Anniversary Silver XT Anniversary


Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  Solomon il Ven 20 Mag 2011 - 11:33

Che bella serata, musica e convertitori sotto la macrolente delle percezioni. E' giusto dare al nuovo UFO il suo posto d'onore in cima alla piramide, nel posto dell'UFARAONE. Come richiede Vella, anch'io sono curioso di conoscere l'effettiva scaletta della serata. Quale brano ha messo in crisi le configurazioni?

Ad esempio ieri abbiamo fatto qui da me una comparativa tra due piccoli diffusori. Cambridge S30 e XTZ SATELLITE 80. Un brano critico è stato LAZY AFTERNOON suonato da PETE LA ROCA. Lo consiglio per future prove, il sax si deve staccare dagli altri strumenti in modo definitivo e realistico, quasi tridimensionale, e tutto il resto rimane in perfetto equilibrio sullo sfondo, niente deve nascondersi, ed i medi devono emergere in tutto il loro dettaglio. Esattamente come un ascolto al BLUE NOTE.

In conclusione assegno una medaglia al valore per il Lavry Ufaraone.
Cool


_________________
- Album scelto per adesso: Steven Wilson - Hand. Cannot. Erase. - Kscope - Bluray DTS/LPCM/24-96
- Tu creasti per loro un tempio nell'udito - R.M. Rilke -

Solomon
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 07.07.10
Numero di messaggi : 2237
Località : Palermo
Provincia (Città) : Palermo
Impianto : decisamente multicanale

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  flovato il Ven 20 Mag 2011 - 11:50

@Solomon ha scritto:Lo consiglio per future prove, il sax si deve staccare dagli altri strumenti in modo definitivo e realistico, quasi tridimensionale, e tutto il resto rimane in perfetto equilibrio sullo sfondo, niente deve nascondersi, ed i medi devono emergere in tutto il loro dettaglio. Esattamente come un ascolto al BLUE NOTE.

In conclusione assegno una medaglia al valore per il Lavry Ufaraone.
Cool

Grandissimo... Hehe Hehe Hehe

Avete ragione ma il tempo è molto poco e bisognerebbe scrivere un sacco di altre cose.
Cmq i brani li abbiamo pescati a caso e volutamente non incisioni reference se si escludono i paio di Telarc (anche se qui ci sarebbe da discutere perché le incisione reference di Telarc le ho sempre trovate un po setose).

Abbiamo ascoltato Tom Waits, Ben Harper, Dire Straits, Pink Floyd, Alberto Radius, Deacon Blue, John Coltrane e altri brani Jazz.
Marco ha fatto suonare alcuni suoi riferimenti.
Le trombe si disponevano molto bene e arrivano dal profondo anche se il nero del Lavry come diceva Marco per adesso non è da top e in effetti condivido ho sentito di meglio ma però eravamo in bilanciato e non RCA come nella prova di ieri sera.
Abbiamo anche spostato i diffusori ma il tempo era troppo poco in ogni caso come ho scritto l'entusiasmo maggiore almeno per me veniva dalle frequenza basse.
Francamente non trovo le parole ma a casa mia così non le avevo mai sentite, precise, dettagliante insomma entusiasmati.
Sul resto non posso pronunciarmi al 100% per via del rodaggio, sarà interessante la DAC-WAR dove sicuramente ci saranno apparecchiature in grado di competere.

flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  jankovic il Ven 20 Mag 2011 - 11:53

bellissima "recensione" ...scritta anche con grande passione Smile

jankovic
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 13.01.10
Numero di messaggi : 3673
Località : PALERMO
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  adicenter il Ven 20 Mag 2011 - 12:49

La passione è sicuramente il tratto distintivo di Fabio, per quanto sia poco che ci si conosca, credo si possa dire che sia il suo modo di essere e non solo per quanto riguarda l'hi-fi, il che rende godibilissimo, il tempo trascorso con lui.
Il mio approccio all'hi-fi è altrettanto passionale e nel mio caso significa poco scientifico o scientifico il giusto IMHO, questo per rispondere a chi chiede la precisa scaletta usata nel test.
Un certo metodo nei test che facciamo con Fabio c'è, un metodo " a pelle", non ridete io e Fabio ci capiamo al volo senza neanche parlare dopo tre note e questo rende i nostri incontri innanzitutto godibili, di lavoro ne abbiamo già uno grazie.
Ciò premesso aggiungo ai pezzi già elencati da Fabio, i seguenti che sono stati il mio apporto alla serata:

Ahmad Jamal - The Tube (Live in Paris)
Dire Straits - Once upon a time in the west (Communiqué)
Hot Tuna - Death don't have no mercy
The Miracolous Mandarin - Stravinsky (Le sacre de primtemps)
Concerto in D major for harpsichord - Jaques Loussier Trio (The Bach book)
Sull Lull - Jan Garbarek, Anourar Brahem, Shaukat Hussain (Madar)
Blue Train - John Coltrane (Blue Train Studio master 24/192)
Norwegian Wood - Patricia Barber (Live at Fortnight)
Nude - Radiohead - In Raimbows
Welcome To The Machine - Pink Floyd (Wish you were here)
Mishima Opening - Philip Glass (Mishima)
Quale ha messo più in crisi questo o quel componente è difficile dirlo per questioni di tempo e di approccio.

Condivido senza sforzo tutto quello che ha detto Fabio che è un ottima impressione d'insieme.
In sostanza il Lavry è un convertitore di una categoria diversa dagli altri provati (e da quelli ad oggi da me provati anche in altre situazioni) così come lo è l'interfaccia Weiss Int 202 (idem).
Il risultato è che i confronti è dura farli il resto mima, simula, cerca di.... quello che esce da lì è puro, equilibrato, inalterato verrebbe da dire.
Non sarà il miglior convertitore de mondo ovviamente ma è, al momento il migliore che io abbia sentito ed è pure acerbo, appena acceso mi sono messo le mani nei capelli.
Difetti? Claro che si.
È "digitale", chiaramente digitale, fluido, dolce, armonioso, non stancante ma digitale. Nulla a che fare con un suono analogico. Questo è un difetto, anche grosso per i miei gusti. Però, diavolo, ascoltandolo te ne dimentichi. Ieri abbiamo smesso di ascoltare per limiti di tempo, saremmo andati avanti, e avanti e avanti. Questo è un pregio. Un altro difetto è che ti da la sensazione di percepire tutti i difetti della tua catena (da Fabio come da me), quindi occhio, è pericolosissimo Wink

Verso la mezzanotte lo abbiamo spento e siamo tornati al Lite di Fabio, 5 minuti di sconcerto e sguardi persi, poi pian piano la musica ha preso una sua forma, ben diversa da prima ma con un carattere meraviglioso, godibilissimo più.... frugale, terreno, naturale.
Qualche convertitore l'ho sentito in vita mia e posso affermare che questo dei suoi limiti fa la sua forza, esaminato parametro per parametro non eccelle in niente ma sciorina musica in maniera fluida e piacevole, per niente artefatta. Per quanto mi riguarda preferibile in un impianto di livello medio alto ai vari Dac Magic e V-dac. Sono curioso di sentirlo nelle mie catene.

In ultimo, non perché io e Fabio si sia il Gatto e la Volpe, devo straconfermare quello che dice in merito al pre Yaquin e il 2024.
Io già lo sapevo perché ho avuto a lungo tale configurazione (anche con risultati migliori rispetto alla catena di Fabio). Quella di ieri è stata solo una conferma. So che si tratta di un pensiero controcorrente su questo forum ma nella mia esperienza lo Yaquin ha fatto faville con altre amplificazioni, non con i T. Perlomeno non in maniera significativa come si dice qui.







adicenter
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 03.02.09
Numero di messaggi : 2131
Impianto : Si

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  Solomon il Ven 20 Mag 2011 - 13:30

@adicenter ha scritto:

1. Un certo metodo nei test che facciamo con Fabio c'è, un metodo " a pelle"

2. Mishima Opening - Philip Glass (Mishima)

3. Un altro difetto è che ti da la sensazione di percepire tutti i difetti della tua catena


Grande Marco, ottime le tue analisi, ho quotato 3 punti interessanti.
Il primo lo condivido totalmente, la pelle fa parte delle percezioni più profonde, spesso l'irrazionale ha ancora più ragione del razionale. L'equilibrio tra le due cose è un evidente risultato di consapevolezza.

2. Meravigliosa colonna sonora, molto buono anche il film di Paul Schrader, da cui è tratta. Da rivedere almeno in 720p per rivivere la purezza di certe immagini nelle scene del padiglione d'oro.

3. Eppure io lo definirei un gran pregio. Ogni volta che inserisco nel mio impianto un componente che riesce a individuare i limiti, lo elogio e lo premio con la medaglia GOLD UFO RANGE! Razz



_________________
- Album scelto per adesso: Steven Wilson - Hand. Cannot. Erase. - Kscope - Bluray DTS/LPCM/24-96
- Tu creasti per loro un tempio nell'udito - R.M. Rilke -

Solomon
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 07.07.10
Numero di messaggi : 2237
Località : Palermo
Provincia (Città) : Palermo
Impianto : decisamente multicanale

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  vicarious il Ven 20 Mag 2011 - 13:39

Bella prova! E' stato un piacere leggervi Smile

vicarious
UTENTE DISISCRITTO

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 2833
Località : Ortonovo
Impianto : RadioMarelli

http://www.cospe.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  adicenter il Ven 20 Mag 2011 - 13:42

@Solomon ha scritto:
@adicenter ha scritto:

1. Un certo metodo nei test che facciamo con Fabio c'è, un metodo " a pelle"

2. Mishima Opening - Philip Glass (Mishima)

3. Un altro difetto è che ti da la sensazione di percepire tutti i difetti della tua catena


Grande Marco, ottime le tue analisi, ho quotato 3 punti interessanti.
Il primo lo condivido totalmente, la pelle fa parte delle percezioni più profonde, spesso l'irrazionale ha ancora più ragione del razionale. L'equilibrio tra le due cose è un evidente risultato di consapevolezza.

2. Meravigliosa colonna sonora, molto buono anche il film di Paul Schrader, da cui è tratta. Da rivedere almeno in 720p per rivivere la purezza di certe immagini nelle scene del padiglione d'oro.

3. Eppure io lo definirei un gran pregio. Ogni volta che inserisco nel mio impianto un componente che riesce a individuare i limiti, lo elogio e lo premio con la medaglia GOLD UFO RANGE! Razz



Grazie

1) Una catena audio per me è un sottilissimo equilibrio tra una miriade di componenti sia oggettive che soggettive ambedue da considerare con attenzione, fatto questo il risultato complessivo si giudica per forza in base al grado di piacere che si prova (al di là delle misure e delle teorie)

2) Bellissima colonna sonora si, e anche buon disco test per me. E grandissimo Shrader, non sempre come regista, quasi sempre come sceneggiatore. Mi hai fatto venir voglia di rivederlo in HD Mishima, non ci avevo pensato.

3) È chiaramente un pregio, volevo scherzare.
Il guaio è che nel momento esatto in cui accade questo è già tardi, il tarlo si è già insediato nel tuo cervello e il tuo conto in banca sta già vaccillando.

adicenter
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 03.02.09
Numero di messaggi : 2131
Impianto : Si

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  Stentor il Ven 20 Mag 2011 - 14:15

@flovato ha scritto:
A questo punto abbiamo inserito il Pre Yaqin con ottime valvole rodate.

Abbiamo discusso molto sul forum sulla necessità di un pre da abbinare al piccoli T e la mia posizione
è abbastanza atipica rispetto all'orientamente del forum.

Io sostengo che non ci sia bisogno per tutta una serie di motivi alcuni anche di natura filosofico/progettuale.
Mi dispiace affermare questo perchè so già che ci saranno polemiche ma nella mia catena avevo ragione.

Anche Marco ha confermato che il pre non serve, anzi.

La senzazione era la stessa di avere inserito un'equalizzatore ed aver aumentato gli estremi.


Ciao Fabio,
rispetto le opinioni di tutti ma devo proprio dire che le trovo in generale un filo assurde Wink (in particolare con lo Yaqin è da verificare)
Non prendertela ma io ho sempre avuto riscontri diversi anche con il DAC Lite. Alcuni DAC magari possono sostituire un pre ...ma solo perché a loro volta ne contengono uno Smile ...anche se ho sempre guardato con sospetto queste soluzioni in quanto non ti permettono di scegliere il pre giusto per la tua catena e in genere le prestazioni dei pre integrati non sono al top.

Per quanto riguarda il pre yaqin che enfatizzi un filo gli estremi lo confermo anche io ....d'altro canto non costa come un pre di riferimento ..... ma nemmeno come un pre medio .... però se la catena senza Yaquin ti rende meglio fai benissimo a non utilizzarlo.

Cmq complimenti per l'iniziativa Smile


Per quanto riguarda i mio DAC Lite AH sto proseguendo nel rodaggio ma l'iniziale sensazione di miglioramento è terminata Sad

Rimane un buon DAC nella fascia € 100,00 ma, imho, con troppi problemi/mancanze per essere confrontato con dac pur economici come V-DAC e dacmagc (tanto per dire i più famosi)...per me da prendere in considerazione solo se si cerca un super low cost Wink

Per quanto riguarda il Lavry non avevo dubbi che fosse un ottimo prodotto Wink

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  flovato il Ven 20 Mag 2011 - 16:21

@Stentor ha scritto:
@flovato ha scritto:
A questo punto abbiamo inserito il Pre Yaqin con ottime valvole rodate.

Abbiamo discusso molto sul forum sulla necessità di un pre da abbinare al piccoli T e la mia posizione
è abbastanza atipica rispetto all'orientamente del forum.

Io sostengo che non ci sia bisogno per tutta una serie di motivi alcuni anche di natura filosofico/progettuale.
Mi dispiace affermare questo perchè so già che ci saranno polemiche ma nella mia catena avevo ragione.

Anche Marco ha confermato che il pre non serve, anzi.

La senzazione era la stessa di avere inserito un'equalizzatore ed aver aumentato gli estremi.


Ciao Fabio,
rispetto le opinioni di tutti ma devo proprio dire che le trovo in generale un filo assurde Wink (in particolare con lo Yaqin è da verificare)
Non prendertela ma io ho sempre avuto riscontri diversi anche con il DAC Lite. Alcuni DAC magari possono sostituire un pre ...ma solo perché a loro volta ne contengono uno Smile ...anche se ho sempre guardato con sospetto queste soluzioni in quanto non ti permettono di scegliere il pre giusto per la tua catena e in genere le prestazioni dei pre integrati non sono al top.

Per quanto riguarda il pre yaqin che enfatizzi un filo gli estremi lo confermo anche io ....d'altro canto non costa come un pre di riferimento ..... ma nemmeno come un pre medio .... però se la catena senza Yaquin ti rende meglio fai benissimo a non utilizzarlo.

Cmq complimenti per l'iniziativa Smile


Per quanto riguarda i mio DAC Lite AH sto proseguendo nel rodaggio ma l'iniziale sensazione di miglioramento è terminata Sad

Rimane un buon DAC nella fascia € 100,00 ma, imho, con troppi problemi/mancanze per essere confrontato con dac pur economici come V-DAC e dacmagc (tanto per dire i più famosi)...per me da prendere in considerazione solo se si cerca un super low cost Wink

Per quanto riguarda il Lavry non avevo dubbi che fosse un ottimo prodotto Wink

Ciao Ivano,
tornato il sereno è sempre un piacere confrontarsi in particolare quando le opinioni sono diverse.
Se si ha l'umiltà necessaria, e a questo punto dopo quello che è successo e come si sono concluse le nostre incomprensioni sono certo che tu ce l'abbia si finisce per crescere culturalmente entrambi.

Come hai detto in un'altro 3D bisogna stare attenti a non farne una questione di principio in fondo ne io ne te siamo stipendiati da Musical Fidelity o da Audio Lite. Smile

In senso assolutamente benevolo dico che sei cmq un osso duro Wink e sarà dura scalfire la tua autorevolezza (lo dico in modo positivo)
sei più preparato e competente ma io provo ad insinuare il dubbio.
NON IL DUBBIO CHE LE TUE OPINIONI NON SIANO CORRETTE ANZI, ma il dubbio che ci siano modi diversi di arrivare ad un unico obiettivo.

Non so se con tutto questo frastuono qualcuno mai di fronte alla possibilita di comprare un V-DAC o un Audio Lite AH comprerà mai un Audio Lite ma se mai dovesse succedere mi piacerebbe un sacco leggere i riscontri.

Nessuna sfida, Wink solo il piacere di condividere.

Sottolineo sempre che grazie ai tuoi consigli ho migliorato non di poco la mia catena ma questo non può e non deve diventare una sudditanza psicologica.

Tra il V-DAC e l'Audio Lite non ho dubbi scelgo il secondo ma questo non scalfisce minimamente le tue osservazioni.

Ora che siamo ben distanti Laughing continuiamo a confrontarci, a me colpiscono più i punti in comune che le divergenze.
Nei tuoi commenti leggo delle conferme rispetto al mio pensiero sia per i difetti che per i pregi, l'unica differenza è la somma che nel tuo caso è negativa.

Quello che mi da forza nel continuare la divulgazione del pensiero è il prezzo.

Non so quanti in questo forum diciamo proletario per via del portafoglio potranno mai permettersi elettroniche come quelle che tu abitualmente ascolti, questo vale anche per Marco.

Marco ha mantenuto un equilibrio nel giudizio encomiabile, non so se al suo posto sarei riuscito a fare altrettanto.
Nel mio caso il solo lontanissimo dubbio di avere speso 20 volte tanto e di non aver bruciato tutta la concorrenza mi avrebbe annebbiato di rabbia.

Invece mi ha chiesto di provare nella sua catena il Lite, come hai fatto tu e questo da parte di entrambi è molto bello.

Se mai riuscirò ad organizzare la DAC-WAR potremmo entrambi usufruire di decine e decine di orecchie per arrivare finalmente ad una sintesi.

Se posso permettermi però non dire che le mie opinioni sono assurde Smile siamo nel territorio dei gusti, nel c'è nulla di assurdo nell'affermare
che il pre non serve nella mia catena, sia che siamo in due in tre o in cento ad affermarlo sia che sia da solo.

E' un'opinione come tante altre è ovvio che i possessori di yaqin si sentiranno automaticamente in causa e il loro pensiero sarà automatico.
Ecco questo non capisce nulla.

A quelli che non sanno mettersi in discussione dico provate a fare un semplice gioco con amplificazioni T ovviamente.

Un pre entry non può costare meno di 400/500 euro considerando anche i cavi.
Adesso provate ad investire 400/500 euro e sommateli al vostro budget destinato al DAC.

Poi chiamatemi a casa vostra e vediamo quale dei due suona meglio.
Sono stato un pelino provocatorio Embarassed

Si, ma finita la rabbia pensateci su.

Poi ne discutiamo amichevolmente, spero. Laughing

flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  MaurArte il Ven 20 Mag 2011 - 16:33

Togliete l'operazionale al Lite DAC... Smile

MaurArte
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 7141
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Alchimista
Provincia (Città) : En verden av smart jeg er dum
Impianto : Elettrico

http://www.alchimieaudio.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  pallapippo il Ven 20 Mag 2011 - 16:40

@flovato ha scritto:Se posso permettermi però non dire che le mie opinioni sono assurde Smile siamo nel territorio dei gusti, nel c'è nulla di assurdo nell'affermare che il pre non serve nella mia catena, sia che siamo in due in tre o in cento ad affermarlo sia che sia da solo.

E' un'opinione come tante altre è ovvio che i possessori di yaqin si sentiranno automaticamente in causa e il loro pensiero sarà automatico.
Ecco questo non capisce nulla.
Smile "Il pre non serve nella mia catena": è un discorso corretto ed assolutamente rispettabile.

Ciò in quanto non esclude che in altre catene il risultato possa essere diverso (con il mio classe T lo è sicuramente, ed in modo anche abbastanza netto Wink ).

E possiamo tranquillamente avere ragione tutti e due Smile .

Hello

P.s.: diverso sarebbe stato il mio giudizio se tu avessi scritto scritto "Il pre non serve. Punto".




pallapippo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 4976
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; dac: Geek Out 450;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.

Cuffia: Akg K270, pilotata da equalizzatore JVC Sea-10 ed ampli "CMoy by Biosciencegeek" (TLE2062);

cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor"; artigianali assemblati con RG58;
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.
distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  Vella il Ven 20 Mag 2011 - 16:41

@flovato ha scritto:
Si, ma finita la rabbia pensateci su.

Poi ne discutiamo amichevolmente, spero. Laughing

Ma io non capisco perchè uno si deve arrabbiare.
Se mi dici che il mio AudioGD suona una ciofeca, ci penso su e cerco a tutti i costi di fare una prova comparativa.
Se poi secondo me hai ragione, primo ti ringrazio, poi mi compro qualcos'altro, se riesco, e sentirò la musica meglio di prima.
Se invece secondo me suona uno spettacolo, primo ti ringrazio perchè mi sentirò molto figo, poi tanto prima o poi lo cambio lo stesso!!!!!

Comunque, per smorzare l'invidia; ho visto il Lavry: è bruttissimooooo!!!
E complimenti per la seleziona brani: da La Sagra di Primavera a Radius. Che range!!!!

Vella
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 29.12.10
Numero di messaggi : 3992
Località : Milano
Occupazione/Hobby : finanza/tra un pò scrivo un romanzo
Impianto :
Spoiler:
Asus eeebox+Lubuntu/MPD - Rega Planet 2000 - Benchmark DAC1USB - Electrocompaniet EC3 - Electrocompaniet AW 120 DMB - Duevel Planets - Sennheiser HD600
Chord USB Silver Plus - Mogami 2964 - Atlas Element Integra - WireWorld Stratus 5(2) - QED Anniversary Silver XT Anniversary


Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  flovato il Ven 20 Mag 2011 - 16:45

@MaurArte ha scritto:Togliete l'operazionale al Lite DAC... Smile

Non sai quanto ti penso Hehe Hehe Hehe
se fosse più semplice sarei corso a portartelo ma la cosa diventa complicata.

Non ho il minimo dubbio che sia come dici ma non ho proprio la competenza per farlo e non ci provo nemmeno lontanamente, se
per caso c'è qualche possibilità nei paraggi sono tutt'orecchie (come sempre).




Visto che ci sono ( e anche qui giù polemiche Hehe ) ho dimenticato di raccontarvi la faccia che abbiamo fatto quando abbiamo
cambiato i cavi di alimentazione.

Avevamo due Furutech di modelli diversi, uno suonava in un modo e uno in un'altro e le differenze erano marcate.
Uno suonava aperto con i bassi gonfi, l'altro suonava chiuso con i bassi più composti.

Questa storia dei cavi di alimentazione per me rimane un mistero ma così è.
Non ho nessuna intenzione di fare blind test per riconoscerli, mi tengo la mia sciocca opinione.

La raccomandazione in particolare per il Lite è: occhio al cavo di alimentazione tra uno serio e l'originale c'è il giorno e la notte.

flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  pallapippo il Ven 20 Mag 2011 - 16:50

@flovato ha scritto:La raccomandazione in particolare per il Lite è: occhio al cavo di alimentazione tra uno serio e l'originale c'è il giorno e la notte.
E ciò vale anche per lo Yaqin Wink .

Hello


pallapippo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 4976
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; dac: Geek Out 450;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.

Cuffia: Akg K270, pilotata da equalizzatore JVC Sea-10 ed ampli "CMoy by Biosciencegeek" (TLE2062);

cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor"; artigianali assemblati con RG58;
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.
distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  flovato il Ven 20 Mag 2011 - 16:57

@pallapippo ha scritto:
@flovato ha scritto:Se posso permettermi però non dire che le mie opinioni sono assurde Smile siamo nel territorio dei gusti, nel c'è nulla di assurdo nell'affermare che il pre non serve nella mia catena, sia che siamo in due in tre o in cento ad affermarlo sia che sia da solo.

E' un'opinione come tante altre è ovvio che i possessori di yaqin si sentiranno automaticamente in causa e il loro pensiero sarà automatico.
Ecco questo non capisce nulla.
Smile "Il pre non serve nella mia catena": è un discorso corretto ed assolutamente rispettabile.

Ciò in quanto non esclude che in altre catene il risultato possa essere diverso (con il mio classe T lo è sicuramente, ed in modo anche abbastanza netto Wink ).

E possiamo tranquillamente avere ragione tutti e due Smile .

Hello

P.s.: diverso sarebbe stato il mio giudizio se tu avessi scritto scritto "Il pre non serve. Punto".


Senza monopolizzare il forum Smile altrimenti mi leggo da solo sai che palle ma con il piacere della discussione condivido quello che dici e l'ho sottolineato.
Tra non molto ascolterò il pre Einstein di Armando siamo sui tanti migliaia di euro e a quel punto scriverò che il pre è l'esperienza musicalmente parlando più bella della mia vita ma il dubbio rimane.

Tecnicamente a cosa serve il pre ?
Nel caso di un pre phono è ovvio ma perché il segnale deve essere manipolato due volte ?
I DAC hanno un solo compito riportare ad un livello di uscita corretto un segnale digitale.
Se abbiamo bisogno di ricorreggerlo allora non era abbastanza giusto già in uscita.
E perchè devo uscire non abbastanza corretto per poi ricorreggerlo ?
Sei sei un buon DAC il segnale me lo dai già giusto infatti il Lavry ha la regolazione del livello in uscita per facilitare l'accoppiamento con le elettroniche a valle.

Lasciando perdere la tecnica quasi tutti affermano, quando ho inserito il pre ho trasformato i mio T, adesso la scena si è aperta c'è più dinamica etc. etc.

Allora non c'era in uscita ?.
Allora il DAC non ha fatto bene il suo lavoro ?


I dubbi rimangono, parliamone.

flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  Stentor il Ven 20 Mag 2011 - 17:06

@flovato ha scritto:
Se posso permettermi però non dire che le mie opinioni sono assurde Smile siamo nel territorio dei gusti, nel c'è nulla di assurdo nell'affermare
che il pre non serve nella mia catena, sia che siamo in due in tre o in cento ad affermarlo sia che sia da solo.

E' un'opinione come tante altre è ovvio che i possessori di yaqin si sentiranno automaticamente in causa e il loro pensiero sarà automatico.
Ecco questo non capisce nulla.

A quelli che non sanno mettersi in discussione dico provate a fare un semplice gioco con amplificazioni T ovviamente.

Un pre entry non può costare meno di 400/500 euro considerando anche i cavi.
Adesso provate ad investire 400/500 euro e sommateli al vostro budget destinato al DAC.

Poi chiamatemi a casa vostra e vediamo quale dei due suona meglio.
Sono stato un pelino provocatorio Embarassed

Si, ma finita la rabbia pensateci su.

Poi ne discutiamo amichevolmente, spero. Laughing

Allora cerco di spiegarmi meglio.

Io no metto in dubbio che il pre nella tua catena sia inutile o addirittura dannoso ..... mi è capitato un sacco di volte anche a me Wink ...quello che ritenevo sbagliato ..... è asserire che il pre non serve.

Io .... ma penso il 99% degli audiofili nel mondo ha potuto constatare gli enormi benefici che l'inserimento di un pre e questo vale anche per i nostri piccoli 2024

Quando dici:
@flovato ha scritto:
Abbiamo discusso molto sul forum sulla necessità di un pre da abbinare al piccoli T e la mia posizione
è abbastanza atipica rispetto all'orientamente del forum.

Io sostengo che non ci sia bisogno per tutta una serie di motivi alcuni anche di natura filosofico/progettuale.
Mi dispiace affermare questo perchè so già che ci saranno polemiche ma nella mia catena avevo ragione.

Anche Marco ha confermato che il pre non serve, anzi.

E' una affermazione a mio avviso .....della stragrande maggioranza degli audiofili e dei tecnici.... e frutto di tante prove.... priva di fondamento....chiedo scusa per il termine assurdo che non voleva essere offensivo ..ma è la prima cosa che mi è venuta in mente.

Poi se questa è la tua filosofia ...beh non c'è nulla di male ....è anche quella (o per meglio dire era Hehe Hehe) di alcuni miei amici che hanno sempre sostenuto questa filosofia ....finchè non hanno sbattuto il naso in una delle mie prove.

Diverso è il caso di un dac con controllo di volume nel dominio analogico che ha di fatto inserito un pre ... qui si può farne quindi a meno ...anche se generalmente i pre inseriti dei DAC non sono all'altezza dei loro fratelli su telaio separato.

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  pallapippo il Ven 20 Mag 2011 - 17:12

@flovato ha scritto:Tecnicamente a cosa serve il pre ?
Nel caso di un pre phono è ovvio ma perché il segnale deve essere manipolato due volte ?
Sei in ottima compagnia: identica cosa l'aveva detto il mio amico cattedratico di ingegneria elettronica, precisandomi poi che l'aggiunta di un pre (per di più a valvole: che orrore Sick !) in pratica serviva nel mio caso (sorgente il cdp) solo ad inserire un distorsore nella catena.

Poi ha ascoltato il mio impianto: senza pre, e con il pre.

Sue conclusioni I see : senza pre, va bene Smile . Con il pre ... va meglio (acc ... Shocked ).

Hello

pallapippo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 4976
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; dac: Geek Out 450;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.

Cuffia: Akg K270, pilotata da equalizzatore JVC Sea-10 ed ampli "CMoy by Biosciencegeek" (TLE2062);

cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor"; artigianali assemblati con RG58;
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.
distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  grunter il Ven 20 Mag 2011 - 17:16

Ciao Fabio. A parte il dac e le casse a livello di amplificazione dovremmo avere ascoltato la stessa catena e cioè pre Yaqin ms-12b con smsl sa36 2024 moddato (me lo ha moddato Menestrello su indicazioni di Yulian e cioè condensatori sostituiti dagli Jantzen Crosscap e aggiunta di un elettrolitico panasonic subito dopo l'alimentazione).
Secondo me il pre ci mette del suo, il che, fino a qualche tempo fa, pensavo volesse dire che inficia il suono... perchè mai mettere qualcosa in più se non c'è n'è bisogno è sempre stata la mia (e vedo anche tua) idea? Bè... senza lo Yaqin perdo presenza in basso ma a me sembra di perdere anche in ampiezza della scena... sarà psicoacustica ma io la sento. Ti dirò di più... l'ha sentita anche mio fratello che è abituato ad ascoltare la musica con il pc e due casse + sub da 30€... Diciamo che per il mio gusto lo Yaqin fa guadagnare l'ascolto, secondo il tuo gusto no. A proposito... con quale ingresso dello Yaqin avete ascoltato? Perchè secondo me l'ingresso a sensibilità maggiore suona molto meglio di quello a bassa sensibilità. Anche qui sarà condizionamento psicologico (perchè mi hanno detto che i due ingressi hanno percorsi piuttosto diversi) ma secondo me c'è una bella differenza tra i due (quello a sensibilità più bassa lo trovo piatto, privo di mordente, se dovessi ascoltare con quello devo dire che potrei fare a meno anche io del pre e non parlo di volume... ovviamente quello lo regolo in modo che sia identico).
Ripeto che tutto ciò è imho... ognuno ascolta con le sue orecchie... dopotutto se a te lo Yaqin pare non apportare nulla di buono in più che problema c'è: soldi risparmiati, meno elettroniche e cavi tra i piedi.

grunter
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 16.12.10
Numero di messaggi : 3934
Località : Pistoia
Occupazione/Hobby : Informatica e Fotografia
Provincia (Città) : PT
Impianto :
Spoiler:

SORGENTE: Player Naudio con mod Robertopisa per upmixing da 2 a 8 canali su pc Windows Server 2012 R2
DAC: Merging Hapi
PRE: Audio Research LS 27
AMPLI: Krell fpb 400cx
CASSE: Vienna Acoustics Beethoven Concert Grand
CAVI ALIMENTAZIONE Neutral Cable Fascino
CAVI POTENZA Viablue sc4
CAVI SEGNALE Gotham GAC-2 Ultra Pro Hi-End
CAVO USB Neutral Cable Passion
CUFFIE: Sennheiser HD-800 - Beyerdynamic T90 - Shure 1840
AMPLI CUFFIE: Violectric V200
DAC/AMPLI CUFFIE: Geek Pulse Infinity - GeekOut1000


http://fsphoto.net63.net

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  adicenter il Ven 20 Mag 2011 - 17:22

@Vella ha scritto:

Comunque, per smorzare l'invidia; ho visto il Lavry: è bruttissimooooo!!!

Lol! Non posso che darti ragione la mia dolce metà, ben sapendo dove sarebbe stato collocato, quando lo ha visto mi ha detto con piega della bocca tendente al pavimento: "Ma è quel coso lì?"
Per non parlare dei comandi, sembra di manovrare un oggetto della prima guerra mondiale.


@Vella ha scritto: E complimenti per la seleziona brani: da La Sagra di Primavera a Radius. Che range!!!!

Testa, occhi e orecchie a 360°, sempre!

Per quanto riguarda la questione Yaquin+T posso solo ribadire che le mia esperienze, dirette, varie e continuative non mi fanno dire che tale abbinamento sia qualcosa di irrinunciabile. Nel mio caso con il Trends non guastava certo e rendeva il tutto un pelo più piacevole.
Con il Virtue non ci azzeccava punto. Con altri ampli invece, tra cui il qui pluribistrattato Marantz 1090 ho sentito trasformazioni impensabili.

Mi sento di affermare con certezza che nella catena di Fabio lo Yaquin, che è in perfetto ordine, ottimamente valvolato e ben cablato sull'alimentazione e altrove mi dona gioie, faceva più casino che altro. Il risultato era: meno "mordente" e + confusione.
Ma sappiamo tutti che con altre valvole probabilmente il giudizio sarebbe diverso, è che ci piace menarcelo Wink


adicenter
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 03.02.09
Numero di messaggi : 2131
Impianto : Si

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  adicenter il Ven 20 Mag 2011 - 17:30

@grunter ha scritto:Bè... senza lo Yaqin perdo presenza in basso ...

Giusta notazione, anche nella mia catena con diffusori scarsi in basso questo era un plus dello Yaquin,
a quelli di Fabio per i miei gusti andrebbero tappati i condotti del reflex quindi per lui non è evidentemente un beneficio.

Per quel che riguarda l'apertura della scena, ho sempre sentito notevoli differenze tra un convertitore e l'altro,
poche aggiungendo lo Yaquin a monte di ampli.

adicenter
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 03.02.09
Numero di messaggi : 2131
Impianto : Si

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  flovato il Ven 20 Mag 2011 - 17:30

@pallapippo ha scritto:
Poi ha ascoltato il mio impianto: senza pre, e con il pre.

Sue conclusioni I see : senza pre, va bene Smile . Con il pre ... va meglio (acc ... Shocked ).
Hello

@grunter ha scritto:
Secondo me il pre ci mette del suo

Ragazzi non sapete quanto vi credo in particolare quando parliamo di valvole che regalano pura e vera magia.
L'equazione da risolvere è un'altra.

Datemi un budget un T e vediamo investendo su un buon DAC o su un DAC + pre cosa ne esce.

Se il DAC è buono come nel caso del Lavry non si sente il bisogno di altro.
Non sto dicendo che i vostri impianti sono sbagliati, ma ci mancherebbe avrete fatto prove su prove e raggiunto un'equilibrio sto dicendo
che concettualmente è un controsenso.

Stentor parla di due telai, giusto ma a quale prezzo ?

Questo è il forum dei T, spesso ci si preoccupa dei nuovi iscritti, vogliamo tutti insieme dir loro che senza pre non si vede la Madonna. ?
Come diceva Palapippo buone entrambe ma piegarsi alla necessità di un pre significa avere un DAC che ha bisogno.

Il Lavry costa 1200 euro.
Supponiamo che sia in procinto di fare un'upgrade cosa mi consigliereste.
Quale pre che abbinato al mio Audio Lite AH possa migliorare la resa. ?
Nessuno riuscirebbe nell'impresa, i limiti di un'apparecchio da 100 euro quelli sono.
Se invece investo i miei soldi in un DAC di livello ho il sospetto che il risultato sia superiore.

Se poi mi avanzano ancora soldi per un pre....
allora significa che ho vinto al superenalotto e vi mando tanti saluti e baci.

Lol eyes shut Lol eyes shut Lol eyes shut

flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  pallapippo il Ven 20 Mag 2011 - 17:37

@flovato ha scritto:Questo è il forum dei T, spesso ci si preoccupa dei nuovi iscritti, vogliamo tutti insieme dir loro che senza pre non si vede la Madonna. ?
Come diceva Palapippo buone entrambe ma piegarsi alla necessità di un pre significa avere un DAC che ha bisogno.

Non penso che l'equazione: presenza pre = visione mistica sia necessariamente una verità assoluta Hehe .

Nella mia catena, ritengo che della presenza del pre non ne avesse bisogno la sorgente... ma il finale Wink (ed, oltretutto, il TA3020 ha una sensibilità d'ingresso piuttosto scarsa ... per cui l'inserimento del pre porta miglioramenti oggettivi anche a livello di pilotaggio del finale) .

Hello

pallapippo
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 4976
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; dac: Geek Out 450;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.

Cuffia: Akg K270, pilotata da equalizzatore JVC Sea-10 ed ampli "CMoy by Biosciencegeek" (TLE2062);

cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor"; artigianali assemblati con RG58;
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.
distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Tornare in alto Andare in basso

Re: DAC Lavry, un UFO nella mia catena.

Messaggio  Stentor il Ven 20 Mag 2011 - 17:42

@flovato ha scritto:
@pallapippo ha scritto:
Poi ha ascoltato il mio impianto: senza pre, e con il pre.

Sue conclusioni I see : senza pre, va bene Smile . Con il pre ... va meglio (acc ... Shocked ).
Hello

@grunter ha scritto:
Secondo me il pre ci mette del suo

Ragazzi non sapete quanto vi credo in particolare quando parliamo di valvole che regalano pura e vera magia.
L'equazione da risolvere è un'altra.

Datemi un budget un T e vediamo investendo su un buon DAC o su un DAC + pre cosa ne esce.

Se il DAC è buono come nel caso del Lavry non si sente il bisogno di altro.
Non sto dicendo che i vostri impianti sono sbagliati, ma ci mancherebbe avrete fatto prove su prove e raggiunto un'equilibrio sto dicendo
che concettualmente è un controsenso.

Stentor parla di due telai, giusto ma a quale prezzo ?

Questo è il forum dei T, spesso ci si preoccupa dei nuovi iscritti, vogliamo tutti insieme dir loro che senza pre non si vede la Madonna. ?
Come diceva Palapippo buone entrambe ma piegarsi alla necessità di un pre significa avere un DAC che ha bisogno.

Il Lavry costa 1200 euro.
Supponiamo che sia in procinto di fare un'upgrade cosa mi consigliereste.
Quale pre che abbinato al mio Audio Lite AH possa migliorare la resa. ?
Nessuno riuscirebbe nell'impresa, i limiti di un'apparecchio da 100 euro quelli sono.
Se invece investo i miei soldi in un DAC di livello ho il sospetto che il risultato sia superiore.

Se poi mi avanzano ancora soldi per un pre....
allora significa che ho vinto al superenalotto e vi mando tanti saluti e baci.

Lol eyes shut Lol eyes shut Lol eyes shut

Detta così non la condivido ma non è nemmeno sbagliata.... solo un modo di vedere le cose e le opportunità diverso dal mio. Come l'avevi detta prima sembrava che i pre fossero dannosi!

Qui invece ritieni che sia più produttivo spendere tutto l'eventuale Budget e rinunciare al pre piuttosto che prendere pre e dac economici.

In determinate situazioni questo è vero Wink ....ma non credo possa essere una regola fissa ...anzi ...secondo me è proprio il contrario.

Quando dici, riferito a me, che mettere un buon pre non è in classe T ti ricordo che neppure il Lavry è in classe T Wink ...e cmq spendendo poco ci sarebbe anche l'alternativa del DIY con il PREFET o il PREFET MKII ...io non li ho mai provati ma mi riferisco meraviglie Smile

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum