T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Quale ampli per le mie Dynaudio M20
Oggi a 0:58 Da dinamanu

» Lettore CD max 200 euro
Oggi a 0:35 Da dinamanu

» Recupero vinile rovinato
Oggi a 0:27 Da dinamanu

» nuove diva 262
Oggi a 0:13 Da dinamanu

» JRiver 22
Ieri a 23:19 Da Nadir81

» Amplificatore per chiudere il cerchio
Ieri a 22:57 Da p.cristallini

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Ieri a 19:41 Da CHAOSFERE

» Quale cavo ottico per il CD?
Ieri a 19:00 Da giucam61

» Alternativa a Volumio: Moode Audio!
Ieri a 18:44 Da Tasso

» VENDO Kit preamplificatore Sbilanciato->Bilanciato per Anaview/hypex/icepower ecc
Ieri a 16:48 Da MrTheCarbon

» Problemi con la rotazione a 45RPM - Thorens
Ieri a 16:11 Da enrico massa

» Giradischi - quesiti & consigli
Ieri a 15:52 Da p.cristallini

» leboncoin.fr: Qualcuno è riuscito a comprare qualcosa?
Ieri a 15:04 Da R!ck

» AUDIOLAB 8000SE
Ieri a 14:38 Da Gabriele Barnabei

» [Risolto]ECC99
Ieri a 12:55 Da dinamanu

» Confronto tra Breeze full mod. vs Drok ta2024b pareri personali e riflessioni
Ieri a 12:12 Da kondor

» Player hi fi
Ieri a 12:09 Da Tasso

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri a 11:07 Da gigetto

» (BO) vendo diffusori Klipsch Heresy 3 1200 euro+ss
Ieri a 9:27 Da schwantz34

» impianto entry -level
Ieri a 9:20 Da giucam61

» NO al solito condotto reflex
Ven 2 Dic 2016 - 23:17 Da Abe1977

» Monitor Audio Silver 1 vs B6W 686 s2
Ven 2 Dic 2016 - 18:45 Da dinamanu

» TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 COMPLETO
Ven 2 Dic 2016 - 18:32 Da Angel2000

» Player portatile
Ven 2 Dic 2016 - 18:13 Da p.cristallini

» Fonometro Professionale
Ven 2 Dic 2016 - 16:01 Da Docarlo

» Suono un pò duro.....
Ven 2 Dic 2016 - 15:53 Da gigetto

» Acquisto Amplificatore Integrato + Diffusori. Help me !
Ven 2 Dic 2016 - 9:43 Da natale55

» RI-dividere tracce da unico file
Ven 2 Dic 2016 - 9:16 Da lello64

» CAIMAN SEG
Ven 2 Dic 2016 - 9:14 Da Masterix

» Chromecast audio e spotify.
Ven 2 Dic 2016 - 8:04 Da sportyerre

» Rotel RA 1570 con dac incorporato.
Ven 2 Dic 2016 - 6:40 Da micio_mao

» alimentatore autocostruito per alta fedeltà da 7/10 A
Ven 2 Dic 2016 - 0:01 Da dinamanu

» Canale che gracchia e sparisce su Musical Fidelity A1
Gio 1 Dic 2016 - 23:45 Da dinamanu

» Amplificatore per Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B, quale migliore?
Gio 1 Dic 2016 - 21:26 Da Angel2000

» quale alimentatore già pronto all'uso per un TPA 3116?
Gio 1 Dic 2016 - 21:06 Da Angel2000

» (SR+SS) Kit pcb Pass Aleph 3 + componenti
Gio 1 Dic 2016 - 19:48 Da tix88

» Daphile - Audiophile Music Server & Player OS
Gio 1 Dic 2016 - 12:12 Da luigigi

» Vintage VS nuovo ma new entry...
Gio 1 Dic 2016 - 10:58 Da emmeci

» Consiglio amplificatore buon rapporto qualità/prezzo
Gio 1 Dic 2016 - 10:15 Da dinamanu

» Verdi - consigli per gli acquisti
Gio 1 Dic 2016 - 10:10 Da luigigi

» Pioneer PL12 in pensione.....o forse no?
Gio 1 Dic 2016 - 9:52 Da Motogiullare

» Little Dot MKII e Little Dot I+ appena arrivati...inizia il test-confronto con le AKG K550.
Gio 1 Dic 2016 - 0:48 Da YAPO

» Messaggio per Valterneri NAD90
Mer 30 Nov 2016 - 22:28 Da beppe61

» Berlioz "symphonie fantastique
Mer 30 Nov 2016 - 21:56 Da Milanraf

» Cd conviene ripararlo o....
Mer 30 Nov 2016 - 16:55 Da gigetto

» aiuto! amplificatore DENON PMA520AE e diffusori AIWA sxANS70
Mer 30 Nov 2016 - 16:52 Da giucam61

» Amplificatore morto e giradischi con presa differente
Mer 30 Nov 2016 - 16:01 Da giucam61

» Vendo Tweeter Ciare HT200 [40 euro spediti
Mer 30 Nov 2016 - 14:00 Da MrTheCarbon

» Cross-over digitale senza DAC...
Mer 30 Nov 2016 - 13:44 Da dinamanu

» Cuffie per DAC PRO-JECT HEAD BOX S USB
Mer 30 Nov 2016 - 10:12 Da sportyerre

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

76% 76% [ 148 ]
24% 24% [ 47 ]

Totale dei voti : 195

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15480)
 
Silver Black (15370)
 
nd1967 (12784)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10215)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8460)
 

Statistiche
Abbiamo 10362 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Gabriele Barnabei

I nostri membri hanno inviato un totale di 768889 messaggi in 50036 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 48 utenti in linea :: 6 Registrati, 1 Nascosto e 41 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

CHAOSFERE, dinamanu, francogenio, legocity, Rino88ex, SubitoMauro

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Furl  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  sonic63 il Dom 22 Mag 2011 - 16:37

@Fabio ha scritto:Secondo me, senza un sistema di misura attendibile è difficile cimentarsi nella biamplificazione attiva, quasi come quella passiva, che ovviamente è ancora peggio.
La prima cosa comunque è partire dai trasduttori a risalire e non viceversa.
IN base a quello va capito che potenza serve per le vie, che pendenza dare ai filtri, se serve un correttore di fase e dei notch ecc., e in base a come si complica il circuito valutare se conviene o meno un dsp, che io eviterei ma potrebbe essere "meno peggio" di una circuitazione troppo complessa.
I filtri passivi a 6 db lisci suonano, ma trovare due traduttori che nella zona di incrocio non presentano variazione di fase o risposta lineare è alquanto difficile.
Persino nel fullrange+woofer che sto cercando di mettere su sorgono dei problemi, fuguriamoci con un tweeter.
Sono d'accordo con tutto quello che hai scritto, però ti faccio osservare che la natura ci ha dotato di due sensibilissimi strumenti di misura, due appendici un pò strane ai lati
della testa, dobbiamo solo imparare a usarle bene:D Very Happy
Hai ragione, trovare gli altoparlanti per fare un due vie tagliato a 6db/ottava è abbastanza difficile(naturalmente se si vogliono raggiungere risultati di alta qualità soprattutto rispetto a capacità dinamica e assenza di colorazioni). Io per la via medioalta scelsi il nastro RES sky 1, frequenza di risonanza 16Hz!!!!, possibilità di tagliarlo(secondo il progettista l'ing. Cohen) a 6db/ottava già a 500Hz (io l'ho tagliato a 450), impedenza assolutamente resistiva, emissione dipolare. Lo Sky1 non è più in
produzione, sostituito dallo SKY2. Purtroppo è un'altoparlante abbastanza costoso(ma vale tutti i soldi che costa!!).
Secondo me un'ottima soluzione, che salva capra e cavoli, è una "semi-multiamplificazione, cioè un'altoparlante e relativo finale per i bassi, un ampli per la via medioalta costituita da mid e tweeter filtrati con crossover tradizionale.
Secondo me si può raggiunge un risultato eccellente, i bassi guadagnano moltissimo con l'altoparlante pilotato direttamente dal finale, aumenta di molto la capacità dinamica, diminuisce molto la distorsione d'intermodulazione, scompaiono i problemi di smorzamento inverso provocati dalle correnti prodotte dal woofer che non raggiungono gli altri altoparlanti, si possono usare filtri di linea passivi a 6db/ottava, il midrange non ha più bisogno di un filtro di potenza passabanda, ma di un semplice passabasso. Secondo me è un'ottima soluzione. Sono curioso di conoscere le osservazioni in merito.
Se poi qualcuno volesse lanciarsi nell'avventura..... Very Happy Very Happy
A proposito: ma il sistema in fase di messa a punto che citi è multiamplificato?

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5132
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Fabio il Dom 22 Mag 2011 - 18:03

Se ti parlo di una biamplificazione attiva è evidente che i vantaggi, almeno teorici, li ho ben presenti, altrimenti non mi sarebbe venuto in mente di biamplificare.
Il pilotaggio diretto, meno intermodulazione, la possibilita di utilizzare componenti esoterici nei filtri senza svenarsi, la scarsa influenza della variazione di impedenza e la compensazione di sensibilita deputata al guadagno degli ampli. Ma qualche problema comunque si pone ugualmente perche il modulo è un conto la fase è un'altro.
Comunque si, saranno dei satelliti con medioalti fostex FE97e e wooferino/sub che lavori in cassa chiusa di piccole dimensione, i papabili sono diversi ma viste le ridottissime dimensioni l'efficenza sara bassina e la F3 intorno ai 70-80hz, ma daltronde anche quella dei fostex è contenuta rispetto agli altri modelli.
Per questo vado sui bassi con un Gainclone e per gli alti devo decidere: TA2024 o LM1875, o classe A, almeno per i primi 5W, a Mosfet che proverò a progettare da me.
Filtro attivo ibrido a JFET per gli alti e , se bastano 6db ottava operazionale in configurazione amplificatore differenziale agganciato al primo, altrimenti saranno due Sallen Key a JFET allineati Linkwittz 12db, oppure Butteworth se non risolvo a pieno l'allineamneto di fase, ma vorrei evitare uno phase-shift e non voglio tagliare oltre i 400hz

Fabio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.11.08
Numero di messaggi : 2516
Località : Roma
Occupazione/Hobby : informatico aziendale / ozio
Provincia (Città) : pessimo
Impianto : in firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Lun 23 Mag 2011 - 9:57

@Marco Ravich ha scritto:Per chi volesse provare la multiamplificazione, suggerisco di dare un'occhio a questo progetto:

http://www.stereo.net.au/forums/showthread.php/29544-Class-D-8-channel-amplifier-build

...dove ha usato due di questi:

L'avevo adocchiata anch'io, qui sul forum però i commenti sul layout della scheda non sono stati entusiasmanti...

Questo è uno: http://www.tforumhifi.com/t2837p1020-nuova-scheda-sure-tk2050#140845
E questo è un altro: http://www.tforumhifi.com/t10477-un-4100w-basato-su-tc2000-e-tp2050-che-ne-pensate



Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Lun 23 Mag 2011 - 10:15

@sonic63 ha scritto:
@Switters ha scritto:
@sonic63 ha scritto:Per Switters :
che sorgente intendi usare?

Per adesso uso un pc (uscita cuffie) e un cellulare (uscita auricolari). Proverò anche un lettore dvd come sorgente.

se queste sono le sorgenti che usi e che intendi usare non credo proprio che sia il caso di pensare alla multiamplificazione, personalmente darei la precedenza ad altro.

Comunque, non credo che le sorgenti che indichi possano pilotare due finali (con 20k di impedenza d'ingresso) in parallelo, non puoi neanche aumentare l'impedenza perchè gli stadi di uscita delle tue sorgenti non hanno abbastanza margine dinamico. Quando parlavo di sorgente per una prova pensavo che tu avessi almeno un CD player o un DAC.

Ciao sonic,
so bene che le due sorgenti indicate non sono di qualità, come dicevo proverò anche con un lettore dvd.

Il mio obbiettivo nel breve termine non è quello di mettere insieme una catena di livello ma di fare esperienza e di sperimentare, possibilmente spendendo poco Wink O meglio, spendendo poco alla volta Very Happy Very Happy
Sono agli inizi, è solo qualche mese che m'interesso all'argomento, per il momento curiosità e voglia di sperimentare tanta, conoscenze poche... Smile
Tornando in argomento: per ovviare al problema impedenza di uscita della sorgente potrei sia provare il lettore DVD, sia usare il preampli con OPA2134 che costruirò per il micro-T (http://www.tforumhifi.com/t14445-ci-costruiamo-un-microfono-di-misura-il-micro-t).
Sbaglio?

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  fritznet il Lun 23 Mag 2011 - 20:34

Ciao, il preampli in questa configurazione è mono. Come pensavi di usarlo?

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8460
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale, con molto cerume


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Lun 23 Mag 2011 - 20:54

@fritznet ha scritto:Ciao, il preampli in questa configurazione è mono. Come pensavi di usarlo?

E hai ragione... :-)
Penso che dovrei pensare bene prima di scrivere fesserie Very Happy Very Happy
Nei giormi scorsi ero incappato in un progettino di un preampli con l'OPA2134, lo cercherò... sempre che possa andar bene.

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  sonic63 il Lun 23 Mag 2011 - 20:57

@Switters ha scritto:
@fritznet ha scritto:Ciao, il preampli in questa configurazione è mono. Come pensavi di usarlo?

E hai ragione... :-)
Penso che dovrei pensare bene prima di scrivere fesserie Very Happy Very Happy
Nei giormi scorsi ero incappato in un progettino di un preampli con l'OPA2134, lo cercherò... sempre che possa andar bene.
Potresti farne due, ma quel circuito non va bene per pilotare dei finali, è un pre microfonico e innalza la bassissima tensione prodotta dalla capsula fino al livello adatto per uno stadio linea.

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5132
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  fritznet il Lun 23 Mag 2011 - 21:02

@sonic63 ha scritto:
@Switters ha scritto:
@fritznet ha scritto:Ciao, il preampli in questa configurazione è mono. Come pensavi di usarlo?

E hai ragione... :-)
Penso che dovrei pensare bene prima di scrivere fesserie Very Happy Very Happy
Nei giormi scorsi ero incappato in un progettino di un preampli con l'OPA2134, lo cercherò... sempre che possa andar bene.
Potresti farne due, ma quel circuito non va bene per pilotare dei finali, è un pre microfonico e innalza la bassissima tensione prodotta dalla capsula fino al livello adatto per uno stadio linea.

Oki

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8460
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale, con molto cerume


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Marco Ravich il Mer 25 Mag 2011 - 10:10

@Switters ha scritto:L'avevo adocchiata anch'io, qui sul forum però i commenti sul layout della scheda non sono stati entusiasmanti...
...beh si potrebbe provare con questi (che c'hanno pure l'SMPS integrato):




Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3935
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70

http://www.forart.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Marco Ravich il Sab 28 Mag 2011 - 9:47

Scuffichiando dai cinesi ho visto che ci stanno delle soluzioni - anche economiche - 2.1 in cui usano 4 chip: due per L-R e due (immagino a ponte) per il sub:

TDA2030A 2.1 Stereo Amp Amplifier DIY assembled board
TDA2030A circuit using a total of 4 blocks, 2 of which is responsible for left and right channels, the other two connected in BTL circuit used for the subwoofer. Board materials used: 1% metal film resistors, monolithic non-polar capacitors, filter capacitors feature two 6800U/25V, on the other using chemical, Panasonic and other brands. The entire circuit board design is reasonable, nice, low noise, high performance-cost ratio, very suitable for DIY starters.

Potentiometer from left to right are: subwoofer volume, treble adjustment, the total volume.

Qualche altro link:
2.1 Channel HIFI Amplifier kit TDA2030A + NE5532 ChensAudio A3404
Free Shipping 2.1 Channel TDA7294 2x80W+160W Subwoofer DIY Power AMP

Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3935
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70

http://www.forart.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mar 14 Giu 2011 - 1:10

@sonic63 ha scritto:
per misurare l'impedenza di ingresso devi procurarti un generatore di frequenze oppure un disco test,
Se misuri un finale devi usare un generatore o un cd player con uscita variabile per regolare il livello.
colleghi il generatore o il lettore di CD all'ampli con un cavo al quale avrai interrotto il polo caldo, e in serie a questo metti un potenziometro(dovrebbe andare bene 100k), il potenziometro lo devi collegare come una una resistenza variabile, cioè usare solo due piedini, in pratica girando in senso orario la resistenza tra i due piedini deve aumentare.
In uscita all'ampli metti un carico (una resistenza da 5-10 Watt) tra 5 e 10-12 ohm(il valore non è importante). Anche se misurerai un canale alla volta di conviene mettere la resistenza su tutti e due i canali.
Ti serve anche un tester (di buona qualità), l'ideale sarebbe un oscilloscopio, ma il tester va bene uguale purchè la frequenza in ingresso non sia superiore a 400, max 500Hz. Puoi usare una frequenza intorno ai 200HZ, il tester devi metterlo in AC, portata 2volts,
i puntali del tester li metti sui morsetti di uscita dell'ampli, il potenziometro sul cavo lo porti a zero, fai partire il disco test e regoli la tensione in uscita dall'ampli fino a leggere sul tester un valore qualsiasi inferiore a 2 Volts, (per esempio 1,6V) a questo punto ruoti il potenziometro che hai sul cavo di collegamento fino a leggere sul tester la metà della tensione che avevi con il potenziometro del cavo a zero, nel nostro esempio 0,8V. Senza toccare il potenziometro spegni tutto stacchi il cavo e misuri il valore di resistenza del potenziometro(quello sul cavo). Quello è il valore dell'impedenza di ingresso del tuo Amp. Se con il potenziometro da 100K al massimo non arrivi a metà tensione sulle uscite vuol dire che l'impedenza del finale è maggiore di 100K e devi cambiare pot. o aggiungerne un altro in serie.
Misura tutti e due i canali.
Se misuri un amp. integrato questo sistema non è il massimo della vita perchè entri sul potenziometro, comunque per dimensionare i filtri, in prima approssimazione va bene.
Spero di essere stato abbastanza chiaro, se hai domande sono a disp.

Preso il pot da 100K, arrivato il multimetro (UNI-T UT61E), ho fatto le misure ma non mi tornano i conti... possibile che un TA2020 abbia un'impedenza d'ingresso di poco più di 1 KOhm ?
L'ampli è un Lepai 2020, le misure le ho fatte col potenziometro del volume dell'ampli al massimo, mandando in loop (da pc, uscita cuffie) delle tracce di test da 200 a 400Hz.
Il pot da 100K l'ho collegato sul positivo del segnale del canale destro, come consigliato, in modo che girando in senso orario la resistenza cresca fino ad arrivare a 100K (al minimo misura 0,6 Ohm).
Ho misurato la tensione (in AC) sui morsetti del diffusore a potenziometro (quello sul positivo del segnale) al minimo e poi ho girato il pot fino ad arrivare a un valore di tensione che era la metà della prima misura (mica facile arrivare alla metà della tensione), dopo di che ho misurato la resistenza del pot.

Questi i risultati:

Hz VAC (pot min) VAC (metà) R Pot
200 1,89 0,95 1,14 KOhm
2501,970,981,12 KOhm
3151,050,5051,16 KOhm
4001,060,5071,16 KOhm

Commenti?

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  fritznet il Mar 14 Giu 2011 - 1:43

Il lepai ha un opamp in ingresso, credo che sia l'impedenza d'ingresso dell'opamp +quella del TA2020...


forse, ma tutto può essere, anche che si raggiunga il quorum
Hehe

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8460
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale, con molto cerume


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mar 14 Giu 2011 - 2:23

@fritznet ha scritto:Il lepai ha un opamp in ingresso, credo che sia l'impedenza d'ingresso dell'opamp +quella del TA2020...


forse, ma tutto può essere, anche che si raggiunga il quorum
Hehe

Ciao Fritz Smile
Adesso è tardi, domani se riesco lo smonto per guardare che opamp monta. E proverò anche a misurare un altro 2020 e un 2024.
Ma gli operazionali non dovrebbero avere un'impedenza d'ingresso molto alta? A me un KOhm sembra poco... se ben ricordo il datasheet del TA2020 dà un'impedenza d'ingresso di 20K...

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  fritznet il Mar 14 Giu 2011 - 9:04

@Switters ha scritto:
@fritznet ha scritto:Il lepai ha un opamp in ingresso, credo che sia l'impedenza d'ingresso dell'opamp +quella del TA2020...


forse, ma tutto può essere, anche che si raggiunga il quorum
Hehe

Ciao Fritz Smile
Adesso è tardi, domani se riesco lo smonto per guardare che opamp monta. E proverò anche a misurare un altro 2020 e un 2024.
Ma gli operazionali non dovrebbero avere un'impedenza d'ingresso molto alta? A me un KOhm sembra poco... se ben ricordo il datasheet del TA2020 dà un'impedenza d'ingresso di 20K...

Ciao Smile , ero distratto quando ho letto, ho pensato un megahom Laughing
IL Lepai monta solitamente un JRC 4558 , che fra l'altro ti consiglio di cambiare (se monti uno zoccolo puoi sbizzarrirti a fare opamp rolling).
L'impedenza d'ingresso tipica del JRC4558 se ricordo bene dovrebbe essere intorno ai 5 MOhm.

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8460
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale, con molto cerume


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Andrea Zani il Mar 14 Giu 2011 - 9:59

cioa
non mi sono letto tutto perche è molto lunga la discussione,quindi se scrivo cose già scritte non vi arrabbiate.
Ho avuto qualche piccola esperienza con xover attivi,ne ho costruiti parecchi anche di regolabili ad OP
Un consiglio su tutti è di usare OP con ingresso a Jfet per il filtro vero e proprio.
Quindi utilizzavo un buffer ad OP in ingresso all'uscita del buffer due (o più dipende se mi serviva anche un'amplificazione) stadi di filtro con ingresso jfet,hanno un'impedenza in ingresso elevatissima a non sovraccarica il buffer.
ho poi relizzato vari protoipi (con microcap) con relè per arrivare il filtro e disattivarlo in modo da selezionare se avere il filtro oppure no.
se ti intiressa,si parla anche di passivi:
http://www.tforumhifi.com/t13924-x-over-elettronico

http://www.tforumhifi.com/t13160-intanto-pcb-pcb-sub-e-crossover-elettronico


Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mar 14 Giu 2011 - 21:30

@fritznet ha scritto:
Ciao Smile , ero distratto quando ho letto, ho pensato un megahom Laughing
IL Lepai monta solitamente un JRC 4558 , che fra l'altro ti consiglio di cambiare (se monti uno zoccolo puoi sbizzarrirti a fare opamp rolling).
L'impedenza d'ingresso tipica del JRC4558 se ricordo bene dovrebbe essere intorno ai 5 MOhm.

Hai ragione, l'ho aperto, il segnale d'ingresso passa da un paio di resistenze e condensatori, dal potenziometro e poi finisce in due 4558, non sono buono a "leggere" una pcb ma credo che gli opamp siano usati per il controllo dei toni.

Cambiarli??? Stai scherzando vero? Very Happy Very Happy
Sono smd, come faccio a montare degli zoccoletti? Mi ci vuole un microscopio... Shocked

Il controllo dei toni peraltro lo tengo pressoché sempre escluso, però sarebbe interessante come esperimento... va a finire che prima o poi il Lepai lo sacrifico sull'altare della sperimentazione Smile

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mar 14 Giu 2011 - 21:35

@Andrea Zani ha scritto:cioa
non mi sono letto tutto perche è molto lunga la discussione,quindi se scrivo cose già scritte non vi arrabbiate.
Ho avuto qualche piccola esperienza con xover attivi,ne ho costruiti parecchi anche di regolabili ad OP
Un consiglio su tutti è di usare OP con ingresso a Jfet per il filtro vero e proprio.

Qualche consiglio sugli OP? Modelli?


ho poi relizzato vari protoipi (con microcap) con relè per arrivare il filtro e disattivarlo in modo da selezionare se avere il filtro oppure no.
se ti intiressa,si parla anche di passivi:
http://www.tforumhifi.com/t13924-x-over-elettronico

http://www.tforumhifi.com/t13160-intanto-pcb-pcb-sub-e-crossover-elettronico

Grazie per le segnalazioni, interessanti. Ma sbaglio o non hai raccontato com'è finita... ? Smile
L'hai poi realizzato il crossover attivo o è ancora in lavorazione?

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  sonic63 il Mar 14 Giu 2011 - 22:28

@Switters ha scritto:
@sonic63 ha scritto:
per misurare l'impedenza di ingresso devi procurarti un generatore di frequenze oppure un disco test,
Se misuri un finale devi usare un generatore o un cd player con uscita variabile per regolare il livello.
colleghi il generatore o il lettore di CD all'ampli con un cavo al quale avrai interrotto il polo caldo, e in serie a questo metti un potenziometro(dovrebbe andare bene 100k), il potenziometro lo devi collegare come una una resistenza variabile, cioè usare solo due piedini, in pratica girando in senso orario la resistenza tra i due piedini deve aumentare.
In uscita all'ampli metti un carico (una resistenza da 5-10 Watt) tra 5 e 10-12 ohm(il valore non è importante). Anche se misurerai un canale alla volta di conviene mettere la resistenza su tutti e due i canali.
Ti serve anche un tester (di buona qualità), l'ideale sarebbe un oscilloscopio, ma il tester va bene uguale purchè la frequenza in ingresso non sia superiore a 400, max 500Hz. Puoi usare una frequenza intorno ai 200HZ, il tester devi metterlo in AC, portata 2volts,
i puntali del tester li metti sui morsetti di uscita dell'ampli, il potenziometro sul cavo lo porti a zero, fai partire il disco test e regoli la tensione in uscita dall'ampli fino a leggere sul tester un valore qualsiasi inferiore a 2 Volts, (per esempio 1,6V) a questo punto ruoti il potenziometro che hai sul cavo di collegamento fino a leggere sul tester la metà della tensione che avevi con il potenziometro del cavo a zero, nel nostro esempio 0,8V. Senza toccare il potenziometro spegni tutto stacchi il cavo e misuri il valore di resistenza del potenziometro(quello sul cavo). Quello è il valore dell'impedenza di ingresso del tuo Amp. Se con il potenziometro da 100K al massimo non arrivi a metà tensione sulle uscite vuol dire che l'impedenza del finale è maggiore di 100K e devi cambiare pot. o aggiungerne un altro in serie.
Misura tutti e due i canali.
Se misuri un amp. integrato questo sistema non è il massimo della vita perchè entri sul potenziometro, comunque per dimensionare i filtri, in prima approssimazione va bene.
Spero di essere stato abbastanza chiaro, se hai domande sono a disp.

Preso il pot da 100K, arrivato il multimetro (UNI-T UT61E), ho fatto le misure ma non mi tornano i conti... possibile che un TA2020 abbia un'impedenza d'ingresso di poco più di 1 KOhm ?
L'ampli è un Lepai 2020, le misure le ho fatte col potenziometro del volume dell'ampli al massimo, mandando in loop (da pc, uscita cuffie) delle tracce di test da 200 a 400Hz.
Il pot da 100K l'ho collegato sul positivo del segnale del canale destro, come consigliato, in modo che girando in senso orario la resistenza cresca fino ad arrivare a 100K (al minimo misura 0,6 Ohm).
Ho misurato la tensione (in AC) sui morsetti del diffusore a potenziometro (quello sul positivo del segnale) al minimo e poi ho girato il pot fino ad arrivare a un valore di tensione che era la metà della prima misura (mica facile arrivare alla metà della tensione), dopo di che ho misurato la resistenza del pot.

Questi i risultati:

Hz VAC (pot min) VAC (metà) R Pot
200 1,89 0,95 1,14 KOhm
2501,970,981,12 KOhm
3151,050,5051,16 KOhm
4001,060,5071,16 KOhm

Commenti?
Non saprei, un'impedenza d'ingresso così bassa mi sembra impossibile, eppure da come hai scritto sembra che tu abbia fatto tutto bene. Hai misurato anche l'altro canale? Hai letto bene il tester ?

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5132
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mar 14 Giu 2011 - 23:01

@sonic63 ha scritto:Non saprei, un'impedenza d'ingresso così bassa mi sembra impossibile, eppure da come hai scritto sembra che tu abbia fatto tutto bene. Hai misurato anche l'altro canale? Hai letto bene il tester ?

Magari ho fatto qualche altra stronzata però il tester sono sicuro al 99% di averlo letto bene, un 1% me lo tengo di riserva Smile Anche perché di misure ieri sera ne ho fatte più di una.

Ho misurato solo un canale, quello sinistro, perché a mezzanotte, dopo l'ultimo loop di 400Hz mio figlio che era a letto si è alzato per venirmi a dire che dava un po' fastidio... Very Happy Very Happy Very Happy

I collegamenti erano un po' volanti, magari li rifaccio saldando, però ho misurato la resistenza da capo a capo dei tre fili (terminati su due jack da 3.5) della massa e dei due canali e la resistenza di massa e dx è nell'ordine dei 0,2-0,3 Ohm, quella del sx è di 0,8-0,9 Ohm (il pot al minimo è intorno agli 0,6 Ohm).
Proverò a misuare anche altre schede...

Per evitare di attaccare gli altoparlanti e misurare in silenzio Smile secondo te posso attaccare alle uscite del'ampli delle resistenze da 270 Ohm o l'ampli potrebbe risentirne? Sono dei parallellepipedi lunghi un centimetro e mezzo, grigi, sembrano di ceramica (la sigla è SECI 43 0224 RYH4 270R J M2), le ho trovate in uno di quei sacchetti a 1€ con dentro di tutto un po'... Smile
Per dare un'idea assomigliano a questa:

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  fritznet il Mer 15 Giu 2011 - 1:53

@Switters ha scritto:
@fritznet ha scritto:
Ciao Smile , ero distratto quando ho letto, ho pensato un megahom Laughing
IL Lepai monta solitamente un JRC 4558 , che fra l'altro ti consiglio di cambiare (se monti uno zoccolo puoi sbizzarrirti a fare opamp rolling).
L'impedenza d'ingresso tipica del JRC4558 se ricordo bene dovrebbe essere intorno ai 5 MOhm.

Hai ragione, l'ho aperto, il segnale d'ingresso passa da un paio di resistenze e condensatori, dal potenziometro e poi finisce in due 4558, non sono buono a "leggere" una pcb ma credo che gli opamp siano usati per il controllo dei toni.

Cambiarli??? Stai scherzando vero? Very Happy Very Happy
Sono smd, come faccio a montare degli zoccoletti? Mi ci vuole un microscopio... Shocked

Il controllo dei toni peraltro lo tengo pressoché sempre escluso, però sarebbe interessante come esperimento... va a finire che prima o poi il Lepai lo sacrifico sull'altare della sperimentazione Smile


So che è un pò OT , ma non resisto:
il Lepai con componenti smd????

Dov'è finita la vecchia scheda in bachelite che faceva così vintage ?
Crying or Very sad

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8460
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale, con molto cerume


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mer 15 Giu 2011 - 2:18

Non ci sono più i Lepai di una volta Smile

Questa è la versione 2011:





(gli operazionali sono vicini all'area dove la luce spara)

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  fritznet il Mer 15 Giu 2011 - 2:33

@Switters ha scritto:Non ci sono più i Lepai di una volta Smile

Questa è la versione 2011:





(gli operazionali sono vicini all'area dove la luce spara)
Stavo per cliccare su "segnala un contenuto oltraggioso od osceno" Laughing Laughing Laughing

E' vero, non ci sono più i lepai di una volta... Laughing Laughing Laughing

Quei dannati ragnetti mi ricordano quelli che ho sulla scheda del pc fisso, la M-audio, tutte le volte che lo apro per pulirlo, li guardo e penso... mah... sono solo otto saldature, piccole ma sempre saldature...

Poi, si , in effetti sono otto canali, magari uno alla volta
Prima o poi .... Hehe Cool

fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8460
Occupazione/Hobby : .
Provincia (Città) : .
Impianto : costituzionale, con molto cerume


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Andrea Zani il Mer 15 Giu 2011 - 9:25

@Switters ha scritto:
@Andrea Zani ha scritto:cioa
non mi sono letto tutto perche è molto lunga la discussione,quindi se scrivo cose già scritte non vi arrabbiate.
Ho avuto qualche piccola esperienza con xover attivi,ne ho costruiti parecchi anche di regolabili ad OP
Un consiglio su tutti è di usare OP con ingresso a Jfet per il filtro vero e proprio.

Qualche consiglio sugli OP? Modelli?


ho poi relizzato vari protoipi (con microcap) con relè per arrivare il filtro e disattivarlo in modo da selezionare se avere il filtro oppure no.
se ti intiressa,si parla anche di passivi:
http://www.tforumhifi.com/t13924-x-over-elettronico

http://www.tforumhifi.com/t13160-intanto-pcb-pcb-sub-e-crossover-elettronico

Grazie per le segnalazioni, interessanti. Ma sbaglio o non hai raccontato com'è finita... ? Smile
L'hai poi realizzato il crossover attivo o è ancora in lavorazione?
ciao
no è sempre stato un prototipo,ne ho costruito uno ma mai definitivo,sono poi tornato a pensare passivo Very Happy.
l'ho costruito con dei TL081 per le prove,ma ovviamente ci sono degli ottimi op in circolazione che potrai usare

Andrea Zani
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 21.05.10
Numero di messaggi : 1763
Località : Ponderano(Bi)
Occupazione/Hobby : /Parassita Circuitale
Impianto : non finirò mai
di lavorarci

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Marco Ravich il Mer 15 Giu 2011 - 9:37

@fritznet ha scritto:Quei dannati ragnetti
A me preoccupano più i GRANchietti:


Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3935
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70

http://www.forart.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mer 15 Giu 2011 - 10:13

@fritznet ha scritto:
Stavo per cliccare su "segnala un contenuto oltraggioso od osceno" Laughing Laughing Laughing

E non avrei saputo darti torto, so' proprio brutti i Lepai, dentro e fuori Smile

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 3 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum