T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Consigli per impianto 2.1
Oggi a 9:45 Da Saiph

» Denon PMA 50
Oggi a 8:39 Da Enry

» Primo acquisto cuffie consigli
Oggi a 8:26 Da sportyerre

» Nuovo ADCOM GFA-565-SE, acquisto
Oggi a 0:55 Da p.cristallini

» OLD AKG K141 MONITOR E LITTLE DOT MK II V3.0
Ieri a 23:56 Da YAPO

» Pioneer a-30 vs onkyo 9010
Ieri a 22:43 Da micio_mao

» Amplificatore per Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B, quale migliore?
Ieri a 21:32 Da Rikkardo92

» DAC con I2S e DSD
Ieri a 21:26 Da mrcrowley

» Cavo ad Y RCA per Subwoofer
Ieri a 21:24 Da gianni1879

» Nuovo cd lettore+dac
Ieri a 21:08 Da mrcrowley

» Daphile - Audiophile Music Server & Player OS
Ieri a 20:45 Da dinamanu

» Collegare più sorgenti al T-Amp
Ieri a 20:41 Da giucam61

» OP AMP 627
Ieri a 19:24 Da sportyerre

» Fx-Audio D802
Ieri a 19:02 Da Angel2000

» Chiarimenti Per Impianto Audio! Help !
Ieri a 18:36 Da dinamanu

» Cavi segnale AudioOasi Air Straight VB
Ieri a 16:34 Da Enry

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri a 14:12 Da kalium

» Pioneer SA-706 non va d'accordo con Canton Quinto 520...
Ieri a 13:28 Da p.cristallini

» AUDIOLAB 8000SE
Ieri a 12:08 Da Gabriele Barnabei

» R.I.P GREG LAKE
Ieri a 11:25 Da scontin

» Una storia di cavi
Ieri a 10:57 Da Angel2000

» Concerto Ian Paice - Pistoia, 8 dicembre
Ieri a 10:50 Da pallapippo

» AudioNirvana Super 12" Cast Frame in cabinet 5.6MKII - risultato finale
Ieri a 10:11 Da embty2002

» upgrade 2500 max
Ieri a 9:49 Da titonic

» [VENDO] Vinili classica e altro da 4,90 € in su
Ieri a 6:29 Da savi

» [CB + s.s.] Vendo vinili: ampia scelta
Ieri a 6:12 Da savi

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Ieri a 0:36 Da CHAOSFERE

» Chi ben comincia...consigli
Gio 8 Dic 2016 - 23:23 Da p.cristallini

» Madame Butterfly
Gio 8 Dic 2016 - 23:02 Da enrico massa

» RCF Stereo Amplifier AF 6181
Gio 8 Dic 2016 - 22:28 Da Aggeo

» cablaggio interno
Gio 8 Dic 2016 - 21:46 Da Angel2000

» (GE) Trasformatore toroidale 230 V~ 2 x 45 V 2 x 3.33 A 300 VA Sedlbauer.
Gio 8 Dic 2016 - 14:44 Da scontin

» Antenna FM
Gio 8 Dic 2016 - 13:37 Da fritznet

» Dac per Koss PortaPro?
Gio 8 Dic 2016 - 13:22 Da mako

» TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 COMPLETO
Gio 8 Dic 2016 - 12:39 Da Angel2000

» El GORDO - una torre senza filtri, si può?
Gio 8 Dic 2016 - 12:23 Da Angel2000

» Cuffie bestbuy 150€ no amplificatore
Gio 8 Dic 2016 - 11:50 Da bob80

» Diffusore bookshelf a due vie con woofer caricato in doppio carico Asimmetrico a vista (DCAAV)
Gio 8 Dic 2016 - 11:45 Da ricky84

» [NO] vendo pre+finale valvole classe A
Gio 8 Dic 2016 - 8:23 Da gigetto

» Confronto tra Breeze full mod. vs Drok ta2024b pareri personali e riflessioni
Gio 8 Dic 2016 - 0:33 Da RAMONE67

» L'ho fatto, le ho distrutte :D
Mer 7 Dic 2016 - 21:08 Da zimone-89

»  il trends tamp è oggi un oggetto superato?
Mer 7 Dic 2016 - 19:18 Da alexandros

» Quale ampli per le mie Dynaudio M20
Mer 7 Dic 2016 - 18:13 Da dinamanu

» Casse acustiche quali?b&w 684 o IL tesi 560?
Mer 7 Dic 2016 - 16:26 Da rx78

» impianto entry -level
Mer 7 Dic 2016 - 11:12 Da giucam61

» fissa lettore CD
Mer 7 Dic 2016 - 10:54 Da giucam61

» jbl lsr 305 vs krk rokit 6 g3
Mer 7 Dic 2016 - 8:41 Da luigigi

» CAIMAN SEG
Mer 7 Dic 2016 - 0:42 Da Zio

» (NA) Amplificatore Kingrex con DAC usb e uscita cuffie €270+ sped.
Mer 7 Dic 2016 - 0:20 Da sonic63

» Daphile in ram
Mar 6 Dic 2016 - 23:58 Da ghiglie

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

76% 76% [ 148 ]
24% 24% [ 47 ]

Totale dei voti : 195

I postatori più attivi della settimana
CHAOSFERE
 
fritznet
 
lello64
 
dinamanu
 
giucam61
 
rx78
 
Angel2000
 
gigetto
 
schwantz34
 
sportyerre
 

I postatori più attivi del mese
CHAOSFERE
 
dinamanu
 
lello64
 
Angel2000
 
giucam61
 
fritznet
 
gigetto
 
rx78
 
sportyerre
 
R!ck
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15496)
 
Silver Black (15375)
 
nd1967 (12784)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10219)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8495)
 

Statistiche
Abbiamo 10374 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Giancarlo Campoli

I nostri membri hanno inviato un totale di 769580 messaggi in 50072 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 71 utenti in linea :: 4 Registrati, 3 Nascosti e 64 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

didacus59, luigigi, MaxAlli, Zio

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Furl  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Fabio il Dom 19 Giu 2011 - 14:21

@Switters ha scritto:Nel frattempo ho preso altre misure sul Lepai, col potenziometro del volume a ore 9 (R=48K) e ore 12 (23K) invece che in posizione di volume massimo (a volume minimo, ore 7, la R è di 53K).
A ore 9 le misure vanno da 9,7 a 9,2K, a ore 12 da 7 a 7,8K.
Ricordo che col volume al massimo (R nell'ordine degli Ohm), come sarebbe mia intenzione di usare l'ampli, a mo' di finale, le misure andavano da 1,6 a 1 K.

É così brutto che un amplificatore abbia un'impedenza d'ingresso così bassa?
Cosa implica ai fini della multiamplificazione con filtri passivi o attivi a monte?


Allora non può essere corretto lo schemino che disegni qui:
@Switters ha scritto:
Codice:

IN ---(R 1K)--- | ---(C 2uF)--- POT
                |
            (R 9,8K)
                |
                GND
Altrimenti solo con le due resistenze di ingresso siamo a 10,8k verso massa... e puo solo che diminuire qualsiasi cosa ci sia dopo. Delle due l'una.

Se ideato per un livello di linea si, è brutto, forse avevano pensato ad ad amplificare un'uscita cuffie. Ma rimango scettico sulle misure.

Fabio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.11.08
Numero di messaggi : 2516
Località : Roma
Occupazione/Hobby : informatico aziendale / ozio
Provincia (Città) : pessimo
Impianto : in firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Lun 20 Giu 2011 - 1:15

@florin ha scritto:Scusami, ma credo che le tue misurazioni sono errate, perché l'impedenza di un ampli non può esere cosi variabile,da 1,6k a 9,7k,specialmente alla stessa frequenza di ingresso.

Non scusarti Florin, mica mi offendo, sono qui per imparare Smile
Forse non ho spiegato chiaramente, la misura di 1,6K l'ho fatta col potenziometro del volume al massimo, quella da 9,7K l'ho fatto col pot a ore 9 (circa 48K di resistenza del pot). Aumentando la resistenza del pot del volume non è corretto che aumenti anche l'impedenza d'ingresso?

@Fabio ha scritto:
Allora non può essere corretto lo schemino che disegni qui:
@Switters ha scritto:
Codice:

IN ---(R 1K)--- | ---(C 2uF)--- POT
                |
            (R 9,8K)
                |
                GND
Altrimenti solo con le due resistenze di ingresso siamo a 10,8k verso massa... e puo solo che diminuire qualsiasi cosa ci sia dopo. Delle due l'una.

Se ideato per un livello di linea si, è brutto, forse avevano pensato ad ad amplificare un'uscita cuffie. Ma rimango scettico sulle misure.

Della resistenza in serie di 1K sono sicuro, per quella verso massa vedo se riesco a fare una foto comprensibile della scheda.

Comunque, per tagliare la testa al toro e togliersi i dubbi sul fatto che le misure che ho preso siano corrette o meno, non c'è modo di fare una controprova?
Stavo pensando, se costruisco un filtro passa basso, diciamo a 315HZ, dimensionando i componenti prendendo per buona la misura dell'impedenza che ho fatto a quella frequenza, poi quando lo provo posso vedere come si comporta, no? Se taglia intorno ai 315Hz vuol dire che l'impedenza è quella, giusto?
Dico passa basso ma posso provare a fare anche un altro tipo di filtro, anche ad altre frequenze se può essere più utile ai fini di verifica.

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Fabio il Lun 20 Giu 2011 - 16:05

Sinceramente non ho seguito come vuoi implementare la multiamplificazione e filtri annessi.
C'è da tenere conto anche delle fasi. ma la mia l'ho detta in un post precedente.
Se ragioniamo circoscrivando il discorso all'impedenza di ingresso del finalino, la cosa più semplice è provare a ricostruire lo schema.
Se il segnale poi va all'ingresso positivo dell'operazionale, questo non carica il circuito in modo rilevabile, applichi quindi Thevenin per calcolarti l'impedenza considerando in corto i condensatori di accoppiamento e quelli eventuali di bypass della massa virtuale.

Fabio
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.11.08
Numero di messaggi : 2516
Località : Roma
Occupazione/Hobby : informatico aziendale / ozio
Provincia (Città) : pessimo
Impianto : in firma

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mar 21 Giu 2011 - 23:02

@Fabio ha scritto:Sinceramente non ho seguito come vuoi implementare la multiamplificazione e filtri annessi.
C'è da tenere conto anche delle fasi. ma la mia l'ho detta in un post precedente.
Se ragioniamo circoscrivando il discorso all'impedenza di ingresso del finalino, la cosa più semplice è provare a ricostruire lo schema.
Se il segnale poi va all'ingresso positivo dell'operazionale, questo non carica il circuito in modo rilevabile, applichi quindi Thevenin per calcolarti l'impedenza considerando in corto i condensatori di accoppiamento e quelli eventuali di bypass della massa virtuale.

Ciao Fabio, per adesso non c'è un progetto definito e definitivo, una bozza dell'idea la trovi nel disegno postato in apertura del thread. In breve, un primissimo test volevo farlo con un due vie, un woofer e un fullrange, pilotati ciascuno da un canale di un TA2024, quindi una scheda per diffusore. Non adotterei una multiamplificazione orizzontale perché una seconda prova pensavo di farla con una sezione bassi composta da due woofer per diffusore, pilotati ciascuno da un canale di una scheda (proverei sia con una TA2024 che con una TA2020), e una sezione medioalti composta da più fullrange (4, 6, 8... non so, dipende da cosa trovo a prezzi abbordabili) da 3 o 4" pilotati dai due canali di una seconda scheda TA2024, per un totale di due schede per diffusore. Poi c'è sempre tempo per complicare le cose Smile

Tra sorgente/preampli e ampli ci andrebbe un filtro passa basso e un passa alto per ciascuno dei due canali del segnale. Inizialmente pensavo a dei filtri fatti con operazionali, poi quanto scritto da sonic mi ha convinto a provare con i filtri passivi. Ovviamente pareri al proposito, sulla bontà dell'una o dell'altra soluzione, così come consigli e suggerimenti su qualunque altro aspetto sono bene accetti Smile

Questa l'idea a grandi linee, l'obbiettivo a breve invece è quello di riuscire a mettere giù uno schema di passa basso per cominciare a ordinare i componenti necessari e fare qualche prova. E' per far questo che mi sono messo a misurare l'impedenza d'ingresso delle schede Smile

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  sonic63 il Mer 22 Giu 2011 - 0:07

@Switters ha scritto:
@Fabio ha scritto:Sinceramente non ho seguito come vuoi implementare la multiamplificazione e filtri annessi.
C'è da tenere conto anche delle fasi. ma la mia l'ho detta in un post precedente.
Se ragioniamo circoscrivando il discorso all'impedenza di ingresso del finalino, la cosa più semplice è provare a ricostruire lo schema.
Se il segnale poi va all'ingresso positivo dell'operazionale, questo non carica il circuito in modo rilevabile, applichi quindi Thevenin per calcolarti l'impedenza considerando in corto i condensatori di accoppiamento e quelli eventuali di bypass della massa virtuale.

Ciao Fabio, per adesso non c'è un progetto definito e definitivo, una bozza dell'idea la trovi nel disegno postato in apertura del thread. In breve, un primissimo test volevo farlo con un due vie, un woofer e un fullrange, pilotati ciascuno da un canale di un TA2024, quindi una scheda per diffusore. Non adotterei una multiamplificazione orizzontale perché una seconda prova pensavo di farla con una sezione bassi composta da due woofer per diffusore, pilotati ciascuno da un canale di una scheda (proverei sia con una TA2024 che con una TA2020), e una sezione medioalti composta da più fullrange (4, 6, 8... non so, dipende da cosa trovo a prezzi abbordabili) da 3 o 4" pilotati dai due canali di una seconda scheda TA2024, per un totale di due schede per diffusore. Poi c'è sempre tempo per complicare le cose Smile

Tra sorgente/preampli e ampli ci andrebbe un filtro passa basso e un passa alto per ciascuno dei due canali del segnale. Inizialmente pensavo a dei filtri fatti con operazionali, poi quanto scritto da sonic mi ha convinto a provare con i filtri passivi. Ovviamente pareri al proposito, sulla bontà dell'una o dell'altra soluzione, così come consigli e suggerimenti su qualunque altro aspetto sono bene accetti Smile

Questa l'idea a grandi linee, l'obbiettivo a breve invece è quello di riuscire a mettere giù uno schema di passa basso per cominciare a ordinare i componenti necessari e fare qualche prova. E' per far questo che mi sono messo a misurare l'impedenza d'ingresso delle schede Smile
Ciao,
scusami ma secondo me non ci siamo capiti, ti avevo detto che potevi provare ad usare dei filtri passivi, ma ti avevo anche spiegato che usando dei filtri passivi i due finali sono in parallelo e quindi l'impedenza si dimezza, e per usare dei filtri così ci vuole un buon pre, e dei finali con un'impedenza d'ingresso abbastanza alta.
Se non ricordo male tu pensavi di pilotarli direttamente con la sorgente, ma , sempre se non ricordo male, le sorgenti che useresti sono l'uscita cuffie del telefonino o un lettore di dvd. Già le tue sorgenti non sono all'altezza di pilotare adeguatamente due finali in parallelo, ma una prova si poteva fare, ma se le impedenze sono quelle che stai misurando non puoi proprio pensare di fare dei filtri passivi. Addirittura stai parlando di arrivare a due schede stereo per diffusore, cioè se ho capito bene 4 + 4 finali da pilotare. Anche con i filtri elettronici viene una cosa bella complicata, ma con dei passivi e praticamente impossibile. Ti prego di non fraintendermi ma poichè ho avuto modo di capire che hai più entusiasmo e voglia di fare che esperienza ti consiglio di lasciar perdere, almeno per ora, i filtri di linea passivi e di rivolgerti a qualche filtro attivo già bello e pronto che, anche se più costoso di qualche condensatore, ha guadagno in tensione, ti adatta le impedenze e ti permette di variare pendenze e frequenze di taglio solo girando una manopola, variazioni che con i filtri passivi non sono altrettanto semplici. L'unico vantaggio dei filtri di linea passivi e che sono molto più trasparenti al suono di qualsiasi crossover elettronico, ma credo che per il momento questo sia l'ultima delle tue necessità.
Ho voluto fare queste puntualizzazioni perchè voglio evitarti di entrare in un vicolo cieco, perdendo tempo con una tecnica che visto dove vuoi arrivare non è adatta, ciò non toglie che se desideri andare avanti posso aiutarti, per quel poco che so.Very Happy

sonic63
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 21.12.09
Numero di messaggi : 5133
Località : napoli
Impianto : pre e finali autocostruiti + casse autocostruite

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mer 22 Giu 2011 - 0:42

@sonic63 ha scritto:
[...]
Anche con i filtri elettronici viene una cosa bella complicata, ma con dei passivi e praticamente impossibile. Ti prego di non fraintendermi ma poichè ho avuto modo di capire che hai più entusiasmo e voglia di fare che esperienza ti consiglio di lasciar perdere, almeno per ora, i filtri di linea passivi e di rivolgerti a qualche filtro attivo già bello e pronto che, anche se più costoso di qualche condensatore, ha guadagno in tensione, ti adatta le impedenze e ti permette di variare pendenze e frequenze di taglio solo girando una manopola, variazioni che con i filtri passivi non sono altrettanto semplici. L'unico vantaggio dei filtri di linea passivi e che sono molto più trasparenti al suono di qualsiasi crossover elettronico, ma credo che per il momento questo sia l'ultima delle tue necessità.
Ho voluto fare queste puntualizzazioni perchè voglio evitarti di entrare in un vicolo cieco, perdendo tempo con una tecnica che visto dove vuoi arrivare non è adatta, ciò non toglie che se desideri andare avanti posso aiutarti, per quel poco che so.Very Happy

D'accordo, allora tornerò a considerare i filtri attivi basati sugli operazionali. Per il momento ti ringrazio per i consigli e per la disponibilità Wink

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Marco Ravich il Gio 23 Giu 2011 - 12:19

Ragazzi, scusate, ho trovatto questo accrocchietto:


Che ne dite, può andare per cominciare a fare qualche test di bi-amplificazione a "costo zero" ?

Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3935
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70

http://www.forart.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Gio 23 Giu 2011 - 12:27

@Marco Ravich ha scritto:Ragazzi, scusate, ho trovatto questo accrocchietto:

Che ne dite, può andare per cominciare a fare qualche test di bi-amplificazione a "costo zero" ?

Un link per capire di cosa si tratta e vedere le caratteristiche? Smile

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Marco Ravich il Gio 23 Giu 2011 - 12:35

Ecco il link ad un manualetto di un'altra implementazione: http://www.bybyte.com/files/Quad7850_user_guide.pdf

Il chip è un TDA7850 (classe AB, se non ho capito male), ecco lo schema:

PDF ufficiale: http://www.st.com/stonline/books/pdf/docs/12882.pdf

EDIT: quì un'altra implementazione con denoiser -> http://cgi.ebay.com/TDA7850-Car-Audio-Amplifier-Board-DIY-Kit-Denoiser-/120700909114

Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3935
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70

http://www.forart.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Marco Ravich il Dom 3 Lug 2011 - 14:52

OK, ragazzi, pare che ci siamo... trovato questo interessantissimo progetto in rete:

A very important part of loudspeakers is their crossover. LspCad let's you listen to it before actually building one. But you need more than 2 channels of amplification, because each driver needs it's own amplifier. My soundcard has 8 outputs, so I built an 8 channel amplifier.
8 Channel Amplifier

...allora non sono l'unico pazzo che pensa queste cose !

Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3935
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70

http://www.forart.it/

Tornare in alto Andare in basso

biamplificazione fenice 100 e fenice 20

Messaggio  wolly106 il Mar 27 Dic 2011 - 22:11

Ciao a tutti
sono un novellino di questo interessantissimo forum e perciò spero di non infrangerne le regole allacciandomi a questa discussione che sembra la più vicina a quello che voglio realizzare, un biamplificatore.
Possiedo una fenice 20 mkt2, una fenice 100 e gli alimentatori a corredo da 12v/3a switc. e un toro da 150va +-24v.
Nelle prime pagine ho letto del minidsp e se ho capito bene questo, da solo, dovrebbe fornire il segnale opportunamente diversificato in frequenza alle due schede ( i valori di questi tagli di frequenza per i due ampli ancora non li conosco !!!)

Il dubbio maggiore è, per adesso, preamplificatore si o no:
sul datasheet del minidsp balanced ho visto che il valore di uscita max è di 2Vrms (cosa che il minisdap-unbalnced non ha perchè arriva a 0.9) e questo, mi chiedo, se può essere sufficiente ad eliminare il preamplificatore ?

Ipotizzando che ciò che ho appena scritto abbia senso potrà mai funzionare bene il sistema:
0)sorgente musicale
1)minidsp-balanced
2)le due schede fenice senza modifiche hardware

Poi ovviamente restano in sospeso tanti altri punti.. posso mettere tutto in un unico case, i potenziometri delle due fenici li devo cortocircuitare o basta metterli al max e che potenziometro usare per il volume nel mindsp.
Per la questione diffusori poi immagino che devo usare quelli senza filtri per la fenice 20, ovviamente per gli alti e per la fenice 100 per i medio-bassi con i filtri (e anche qui dovrò definire dimensioni e valori di potenza (vorrei autocostruire anche queste)

Si lo so nono ancora in alto mare, però accetto molto volentieri consigli o progetti di tutti i tipi, anche di dover rivedere tutto dall'inizio e forse come immagino usare un crossover attivo, un signor preamplificatore, modificare le due schede etc.

-------------
walter

wolly106
Novizio
Novizio

Data d'iscrizione : 27.12.11
Numero di messaggi : 3
Località : roma
Impianto : Amplificatore X + Casse Y (X e Y perchè sono ancora incognite!)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  andzoff il Mer 28 Dic 2011 - 6:59

Benvenuto Walter nel t-forum
Ricordati di passare per la sezione presentazioni, come richiesto dalle nostre regole.

andzoff
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 01.07.11
Numero di messaggi : 1189
Località : Roma
Provincia (Città) : Roma
Impianto :
Spoiler:

Sorgente: WD TV Live
Alimentatore: Mean Well S-60-24
Ampli: Breeze Audio TPA3116
Diffusori: Indiana Line Tesi 204

Sono stato assente dal forum dal 14 set 2013 all'11 ott 2014 per mancanza di impianto.
Ma ora finalmente tutto riparte.


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mer 28 Dic 2011 - 15:49

@wolly106 ha scritto:
Nelle prime pagine ho letto del minidsp e se ho capito bene questo, da solo, dovrebbe fornire il segnale opportunamente diversificato in frequenza alle due schede ( i valori di questi tagli di frequenza per i due ampli ancora non li conosco !!!)

La frequenza (o le frequenze) di taglio non dipendono dagli amplificatori ma dagli altoparlanti che vengono pilotati dagli amplificatori. Domanda: hai già qualche idea sui diffusori che vorresti costruire? Due vie? Tre vie? Grandi a piacere o hai dei vincoli imposti dall'ambiente? Quanto è grande l'ambiente? Come andrebbero posizionati?


Il dubbio maggiore è, per adesso, preamplificatore si o no:
sul datasheet del minidsp balanced ho visto che il valore di uscita max è di 2Vrms (cosa che il minisdap-unbalnced non ha perchè arriva a 0.9) e questo, mi chiedo, se può essere sufficiente ad eliminare il preamplificatore ?

A mio avviso il miniDSP non bilanciato è sufficiente, il preamplificatore non dovrebbe essere strettamente necessario, anche se (da quanto si legge in giro) l'abbinamento tripath e pre a valvole dà un'ottima resa.
A meno che tu non preveda di avere una catena tutta bilanciata (e mi pare che sia la Fenice 20 che la 100 non abbiano ingressi bilanciati) non prenderei il miniDSP bilanciato.


Ipotizzando che ciò che ho appena scritto abbia senso potrà mai funzionare bene il sistema:
0)sorgente musicale
1)minidsp-balanced
2)le due schede fenice senza modifiche hardware

Sei un informatico, dì la verità, solo un informatico può iniziare un elenco con il punto zero Laughing

Non sarà la configurazione ottimale e che dà i migliori risultati, ma secondo me per funzionare può funzionare. Al limite sei sempre in tempo a spender soldi per un pre, anche perché il pre andrebbe comunque prima del miniDSP/crossover attivo... a meno di non voler mettere un pre davanti ad ogni amplificatore... Very Happy


Poi ovviamente restano in sospeso tanti altri punti.. posso mettere tutto in un unico case, i potenziometri delle due fenici li devo cortocircuitare o basta metterli al max e che potenziometro usare per il volume nel mindsp.

Inizialmente puoi anche mettere i potenziometri al massimo volume, poi per una resa ottimale sarebbe meglio eliminarli.


Per la questione diffusori poi immagino che devo usare quelli senza filtri per la fenice 20, ovviamente per gli alti e per la fenice 100 per i medio-bassi con i filtri (e anche qui dovrò definire dimensioni e valori di potenza (vorrei autocostruire anche queste)

Allora forse ti conviene partire dai diffusori, non è detto che il crossover medio-bassi sia necessario (ad esempio se decidi per una configurazione a due vie, full range per i medio-alti e woofer per i bassi), o che debba necessariamente essere posizionato nel diffusore (potresti usare due miniDSP 2x4 in cascata, o un miniDSP 2x8, per impostare un filtro attivo a tre vie, oppure costruirti/comprare un crossover attivo a tre vie, ad es: http://sound.westhost.com/project09.htm )


Si lo so nono ancora in alto mare, però accetto molto volentieri consigli o progetti di tutti i tipi, anche di dover rivedere tutto dall'inizio e forse come immagino usare un crossover attivo, un signor preamplificatore, modificare le due schede etc.

Qualche lettura istruttiva sulla biamplificazione:
http://sound.westhost.com/bi-amp.htm
http://sound.westhost.com/bi-amp2.htm
http://www.tnt-audio.com/casse/active_speakers_intro1.html
http://www.tnt-audio.com/casse/active_speakers_intro2.html

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

biamplificazione fenice 100 e fenice 20

Messaggio  wolly106 il Mer 28 Dic 2011 - 19:10

L'ambiente è 30mq, poco più di 7x4. Inizialmente ho pensato ai diffusori a 3 vie con i tweeter gestiti dal TA2024 e woofer+midrange con il TA2022, considerando la maggiore potenza di quest'ultimo, però posso considerare anche il sistema woofer con TA2022 e tweeter+midrange con il TA2024 se ha una resa migliore e se il discorso della potenza maggiore del TA2022 non ha senso, anche in questo caso credo che resta comunque l'obbligo dei filtri passivi per i medio-alti.
Poi resta la soluzione dei diffusori a due vie senza filtri...più semplice credo
Diciamo che non sono un affezionato del miniDSP, mi sembrava una via semplice per tagliare a piacimento le frequente una volta scelti i diffusori a 2 o 3 vie.
C'è un'altro punto che non mi è affatto chiaro, il preamplif. serve per offrire un segnale decente all'amplificatore ( intendo il valore in volt sufficientemente alto ) ed è per questo che mi è venuto il dubbio di scelta tra i due mini DSP, quello del balance è più alto (il fatto che sia bilanciato non mi interessa) e qui nasce un'altra domanta, di quale valore d'ingresso hanno bisogno le due schede ?
...c'è proprio tanto da imparare...sto leggendo e considerando il tuo cross attivo e tutto il resto
---------
walter

wolly106
Novizio
Novizio

Data d'iscrizione : 27.12.11
Numero di messaggi : 3
Località : roma
Impianto : Amplificatore X + Casse Y (X e Y perchè sono ancora incognite!)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mer 28 Dic 2011 - 23:22

@wolly106 ha scritto:L'ambiente è 30mq, poco più di 7x4. Inizialmente ho pensato ai diffusori a 3 vie con i tweeter gestiti dal TA2024 e woofer+midrange con il TA2022, considerando la maggiore potenza di quest'ultimo, però posso considerare anche il sistema woofer con TA2022 e tweeter+midrange con il TA2024 se ha una resa migliore e se il discorso della potenza maggiore del TA2022 non ha senso, anche in questo caso credo che resta comunque l'obbligo dei filtri passivi per i medio-alti.

Nel caso delle tre vie serve sicuramente un filtro per separare medi e bassi ma non deve necessariamente essere passivo, non sei obbligato, potresti adottare un crossover attivo a tre vie (il link che ho indicato prima illustra un filtro attivo a due vie e uno a tre). Mmmm... però, adesso che ci penso, se hai solo un amplificatore per i medio-bassi di entrambi i diffusori, sì, il filtro passivo è una necessità. Se invece avessi due amplificatori potresti utilizzare un ampli per i bassi e uno per i medi (multiamplificazione orizzontale), oppure un ampli per ogni diffusore con un canale per i medi e un canale per i bassi (multiamplificazione verticale).

Per quanto riguarda la scelta di quale amplificatore usare per quali vie, questa tabella potrebbe tornarti utile per fare qualche ragionamento:

X-over Frequency (Hz)Power to Bass (%)Power to Mid+High (%)
2504060
3505050
5006040
12006535
30008515
50009010

(fonte: http://sound.westhost.com/bi-amp.htm#power_dist )

La prima colonna è la frequenza di taglio, la seconda la percentuale di potenza che viene impiegata per i bassi (sotto la frequenza di taglio), la terza colonna la potenza impiegata per i medio-alti.
Come vedi con una frequenza di taglio di 300 Hz la potenza per riprodurre i bassi è la stessa che per i medio-alti.
Tieni conto che conb una Fenice 20 hai poco più di 6 Watt "buoni" su 8 Ohm, 11 su 4 Ohm, con la Fenice 100 i Watt "buoni" sono 45 su 8 Ohm e 70 su 4 Ohm. Quindi direi che la tua idea di usare il TA2024 per gli alti e il TA2022 per i medio-bassi è sensata.

Poi resta la soluzione dei diffusori a due vie senza filtri...più semplice credo
Diciamo che non sono un affezionato del miniDSP, mi sembrava una via semplice per tagliare a piacimento le frequente una volta scelti i diffusori a 2 o 3 vie.

Il miniDSP non è strettamente necessario, però ti consententirebbe di fare anche DRC (Digital Room Correction, equalizzazione per compensare la risposta dell'ambiente).
Oltre a essere molto più comodo per sperimentare diverse frequenze di taglio.
Dipende anche dal budget che hai disponibile, quanto potrebbe interessarti la DRC, ecc...
Però, alla fine, se i diffusori non sono progettati cum grano salis, il risultato finale non potrà essere granché, multiamplificazione o meno. Sempre utile per fare esperienza e aggiustare il tiro però... Very Happy Very Happy

C'è un'altro punto che non mi è affatto chiaro, il preamplif. serve per offrire un segnale decente all'amplificatore ( intendo il valore in volt sufficientemente alto ) ed è per questo che mi è venuto il dubbio di scelta tra i due mini DSP, quello del balance è più alto (il fatto che sia bilanciato non mi interessa) e qui nasce un'altra domanta, di quale valore d'ingresso hanno bisogno le due schede ?
...c'è proprio tanto da imparare...sto leggendo e considerando il tuo cross attivo e tutto il resto

Per il livello d'ingresso dipende da come è impostato il guadagno dell'amplificatore, se guardi il datasheet del TA2024, a pagina 7 dice che con un guadagno 12 (RF=RI), con 0,707 Volt in ingresso, hai una potenza di 9W su 8 Ohm. Bisognerebbe verificare qual è il guadagno per le tue Fenice, ma direi che molto probabilmente l'uscita a 0,9 V del miniDSP sia più che sufficiente a pilotarli.
Per sicurezza potresti sempre fare qualche ricerca su google sull'uso del miniDSP con TA2024 e TA2022.

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Marco Ravich il Gio 29 Dic 2011 - 21:00

...non capisco... molti miei post "svaniscono nel nulla"... chi mi censura ???

Marco Ravich
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 20.04.09
Numero di messaggi : 3935
Località : Marche
Occupazione/Hobby : musica / informatica
Provincia (Città) : Macerata
Impianto : i5 @ HFX Classic > Zoom R16 > Yamaha A-760 > Canton GLE 70

http://www.forart.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Gio 29 Dic 2011 - 21:57

@Marco Ravich ha scritto:...non capisco... molti miei post "svaniscono nel nulla"... chi mi censura ???

???

Segnalalo direttamente ai moderatori, magari si tratta di un malfunzionamento della piattaforma del forum.

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  PiHeich il Mer 4 Gen 2012 - 16:18

può servirti??

http://www.geocities.ws/ik0mox/radio_file/filtriattivi.pdf

PiHeich
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 03.08.09
Numero di messaggi : 517
Località : Ticino- Svizzera
Occupazione/Hobby : Studente, SUPSI
Impianto : Tutto da rifare.

consigli?

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Mer 4 Gen 2012 - 17:04

@PiHeich ha scritto:può servirti??

http://www.geocities.ws/ik0mox/radio_file/filtriattivi.pdf

Prima o poi me lo leggo, grazie Smile

Mi è sembrato di capire (da un altro thread) che tu ci lavori con gli operazionali, o sbaglio?

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  PiHeich il Gio 5 Gen 2012 - 0:05

@Switters ha scritto:
@PiHeich ha scritto:può servirti??

http://www.geocities.ws/ik0mox/radio_file/filtriattivi.pdf

Prima o poi me lo leggo, grazie Smile

Mi è sembrato di capire (da un altro thread) che tu ci lavori con gli operazionali, o sbaglio?

li studio a scuola. ma avevo trovato 3 anni fa un bel sito dove potevi scegliere il taglio e il tipo di filtro e lui ti diceva quali componenti esterni inserire (a seconda delle decadi di resistenze e condensatori a disposizione), avevo provato a fare un passa-basso passa-banda e passa-alto di secondo ordine e funzionavano alla perfezione (misurati con audio precision). ma nn riesco a trovare il cd con i salvataggi della scuola precendete...

PiHeich
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 03.08.09
Numero di messaggi : 517
Località : Ticino- Svizzera
Occupazione/Hobby : Studente, SUPSI
Impianto : Tutto da rifare.

consigli?

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  Switters il Gio 5 Gen 2012 - 0:48

@PiHeich ha scritto:li studio a scuola. ma avevo trovato 3 anni fa un bel sito dove potevi scegliere il taglio e il tipo di filtro e lui ti diceva quali componenti esterni inserire (a seconda delle decadi di resistenze e condensatori a disposizione), avevo provato a fare un passa-basso passa-banda e passa-alto di secondo ordine e funzionavano alla perfezione (misurati con audio precision). ma nn riesco a trovare il cd con i salvataggi della scuola precendete...

Che tipo di condensatori e resistenze hai usato?
Audio Precision misura anche la distorsione, o sbaglio?

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  PiHeich il Gio 5 Gen 2012 - 13:48

@Switters ha scritto:
@PiHeich ha scritto:li studio a scuola. ma avevo trovato 3 anni fa un bel sito dove potevi scegliere il taglio e il tipo di filtro e lui ti diceva quali componenti esterni inserire (a seconda delle decadi di resistenze e condensatori a disposizione), avevo provato a fare un passa-basso passa-banda e passa-alto di secondo ordine e funzionavano alla perfezione (misurati con audio precision). ma nn riesco a trovare il cd con i salvataggi della scuola precendete...

Che tipo di condensatori e resistenze hai usato?
Audio Precision misura anche la distorsione, o sbaglio?

le classiche resistenze da 1/4 di watt e condensatori non polarizzati (x me era una prova quindi a scopo puramente didattico, quindi non ho usato componenti di qualità, ma le classiche decadi che le scuole comprano a poco prezzo tanto per farti provare le cose)

audio precision misura molte cose che purtroppo non ho avuto modo di provarle.. ho solo provato la rispostain frequenza (per volere del docente..). Mi ha dato fastidio avere uno strumento di misura cosi bello, "facile" da usare e professionale ma non poterlo sfruttare.. Se non sbaglio funzionava con windows 95 Very Happy:D difatti i grafici li prelevavo con il floppy disk xD

ho provato oggi a cercare il cd ma niente, non lo trovo piu..

PiHeich
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 03.08.09
Numero di messaggi : 517
Località : Ticino- Svizzera
Occupazione/Hobby : Studente, SUPSI
Impianto : Tutto da rifare.

consigli?

Tornare in alto Andare in basso

Re: Multiamplificazione attiva: la grande incognita

Messaggio  PiHeich il Gio 5 Gen 2012 - 13:49

TROVATO!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Se non sbaglio era proprio questo sito!!

http://www.beis.de/Elektronik/Filter/Filter.html

si si è lui Very Happy:D:D:D:D:D

PiHeich
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 03.08.09
Numero di messaggi : 517
Località : Ticino- Svizzera
Occupazione/Hobby : Studente, SUPSI
Impianto : Tutto da rifare.

consigli?

Tornare in alto Andare in basso

help

Messaggio  mayco16 il Dom 19 Apr 2015 - 19:16

ragazzi scusate ma non so come fare e vedendo la foto dell'impedenzimetro chiedo qui......non mi funziona + l'impedenzimetro accidentalmente ho saldato un filo mentre era acceso e colegato l'impedenzimetro.....ora cosa posso fare ???....come risolvo la cosa ....GRAZIE

mayco16

Data d'iscrizione : 03.08.14
Numero di messaggi : 1
Provincia (Città) : Foggia
Impianto : casse acustiche B&C

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 5 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum