T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» da diffusori a cuffie
Oggi alle 7:58 Da nerone

» ciò solo 200 euri.... le scinte e il cinesino.... oppure...
Oggi alle 7:26 Da nerone

» Un aiuto per una profana totale!
Oggi alle 1:19 Da giucam61

» Cambridge Audio Dac Magic 100
Oggi alle 0:36 Da uncletoma

» Consigli per eventuale upgrade impianto di casa
Oggi alle 0:35 Da giucam61

» Problema fastidioso, cambio gira o sono sfortunato con i dischi?
Ieri alle 22:20 Da fritznet

» [Vendo] Nad C316BEE €210
Ieri alle 21:33 Da gabri65

» Nuovo Douk Dac
Ieri alle 21:20 Da Kha-Jinn

» Malcom Young
Ieri alle 21:15 Da giucam61

» Ampli+DAC+bluetooth: Sabaj A2
Ieri alle 15:41 Da Kha-Jinn

» cerco anime pie a Roma
Ieri alle 15:02 Da voolkano

» [Vendo-Ba] Giradischi Sansui Sr 212+ Testina e puntina Shure. 200€
Ieri alle 14:37 Da alfarome

» Cavi potenza per monitor audio
Ieri alle 13:18 Da bluemarine.it

» mi manca solo il giradischi :(
Ieri alle 11:43 Da fabio.n

» Consiglio Sostituzione FullRange
Ieri alle 10:45 Da MassiDiFi

» NuforceDDa 120
Ieri alle 10:20 Da GP9

» [CA] VENDO Beyerdynamic DT-770 PREMIUM 250ohm
Ieri alle 9:57 Da MClean86

» Musical fidelity b200
Lun 20 Nov 2017 - 22:16 Da Lorenzo90

» impianto low budget
Lun 20 Nov 2017 - 18:12 Da Masterix

» Consiglio Produttore Cavi
Lun 20 Nov 2017 - 17:35 Da pallapippo

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Lun 20 Nov 2017 - 15:38 Da Umby66

» TA2024 molto economico
Lun 20 Nov 2017 - 15:24 Da focal12

» Grundig R1000 e cuffie Sennheiser 598 aperte
Lun 20 Nov 2017 - 12:47 Da ftalien77

» normalizzare il volume
Lun 20 Nov 2017 - 10:56 Da ftalien77

» 24/11 Segnalazioni Black Friday
Lun 20 Nov 2017 - 1:29 Da Sestante

» Disaccoppiare diffusori da ripiano libreria
Dom 19 Nov 2017 - 17:09 Da potowatax

» Domani è Black Friday.....
Dom 19 Nov 2017 - 14:03 Da uncletoma

» DIPOLO, perdete ogni speranza o voi che le ascoltate!
Dom 19 Nov 2017 - 13:34 Da natale55

» Diffusori per ambiente Cambridge Azur 651
Dom 19 Nov 2017 - 13:26 Da bluemarine.it

» Dac
Dom 19 Nov 2017 - 12:22 Da giucam61

Statistiche
Abbiamo 11163 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Fasano Nicola

I nostri membri hanno inviato un totale di 800229 messaggi in 51875 argomenti
Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15533)
 
Silver Black (15495)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
fritznet (9285)
 
wasky (9229)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 51 utenti in linea: 5 Registrati, 0 Nascosti e 46 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

chiccoevani, enrico massa, nerone, p.cristallini, Phanther68

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Speciale Fabrizio De Andrè

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Speciale Fabrizio De Andrè

Messaggio  nd1967 il Gio 8 Gen 2009 - 10:56

Una notizia molto interessante per iniziare bene il 2009
Magari a qualcuno interessa...
e se ci fosse qualcuno che registra non sarebbe male Wink


Dalla ML Amici di Peter (dedicata a Peter Gabriel)
http://it.groups.yahoo.com/group/amici_di_peter/
 
Domenica 11 Gennaio 2009, su Rai 3, dalle ore 20 alle ore 24,
speciale "Che Tempo Che Fa - decennale della morte di Fabrizio De Andre'".


Parteciperanno tantissimi artisti ed e' probabile anche la partecipazione di Peter Gabriel, che interpreteranno brani del grande Fabrizio. Alle ore 22.45 in contemporanea 70 radio Italiane, network e locali, trasmetteranno tutte la stessa canzone di Fabrizio.
E altre tantissime iniziative.
Condurranno' Fabio Fazio e Dori Ghezzi.


_________________
Bisogna assomigliare alle parole che si dicono. Forse non parola per parola, ma insomma ci siamo capiti [Saltatempo di Stefano Benni]
Chi non sa ridere non è una persona seria [Fryderyk Chopin]
avatar
nd1967
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 12803
Località : Cavaion Veronese (VR)
Occupazione/Hobby : Musica, Fotografia, Hi-Fi, Fumetti, Libri, Cinema
Provincia (Città) : Verona
Impianto : Preamplificatore Sonus Mirus AAVT
Finale TA 3020 by Vincenzo
Lettore CD Micromega Stage 2
Giradischi Project 6.9
Diffusori Dynavoice Challenger M-65 EX



http://www.google.com/+AndreaTramonte

Tornare in alto Andare in basso

Re: Speciale Fabrizio De Andrè

Messaggio  nd1967 il Lun 12 Gen 2009 - 16:29

Dal sito dell'unità vi riporto questo articolo

Dal link: http://www.unita.it/index.php?section=news&idNotizia=74785

De Andrè, l'uomo che vedeva troppo lontano

di Alberto Crespi


Sono già passati dieci anni. Fabrizio De Andrè ci ha lasciati l’11 gennaio
del 1999. A sentire le sue canzoni, non si direbbe. E nemmeno ad
ascoltare le sue vecchie interviste. «Quello che riesce sempre a
sorprendermi - dice Dori Ghezzi, la sua compagna - è l’attualità delle
cose che Fabrizio diceva e scriveva. Sembra che parli oggi, di quel che
noi siamo ora, in questo momento».

In questi giorni ci sono due ottime scuse per verificare l’attualità di
De Andrè. Una è la mostra aperta a Genova, a Palazzo Ducale: è stata
inaugurata il 29 dicembre, c’era anche il sindaco di Genova Marta
Vincenzi - e c’era naturalmente Dori Ghezzi, che ha fornito molti dei
materiali esposti: «È stata una cerimonia sobria e commossa, mi
sembravano tutti molto coinvolti, spero fossero sinceri». L’altra è il
cofanetto Effedia - Sulla mia cattiva strada, edito da Bmg Sony/Nuvole,
che contiene due cd antologici con tre inediti e, soprattutto, il dvd
del documentario omonimo realizzato dalla giornalista Rai Teresa
Marchesi: «Sulla mostra non mi pronuncio perché sono parte in causa -
prosegue Dori Ghezzi -, sul film di Teresa invece sì: è bellissimo,
raccoglie interviste di Fabrizio che non ricordavo e testimonianze di
amici vecchi e nuovi. Sì, è un ottimo modo per avvicinarsi a Fabrizio e
alla sua opera».

Partiamo dal cofanetto, signora Ghezzi: contiene 3 inediti, gli appassionati possono aspettarsene altri?
«Non che io sappia: fra le cose di Fabrizio che abbiamo conservato in
famiglia, non ce ne sono altri. Ma come per la mostra, rinnovo un
appello: Fabrizio è di tutti coloro che amano la sua musica, per cui se
qualche appassionato è in possesso di qualche incunabolo, di qualche
chicca, si faccia vivo. Potrà condividere quel che ha, restandone
proprietario: è una promessa».

Si diceva della modernità di Fabrizio...
«È vero dei suoi testi come è vero delle sue musiche. Che sia stato uno
degli inventori della world music oggi di moda, non lo dico io: lo ha
detto Peter Gabriel e mi sembra basti. I suoi testi parlano sempre di
coloro che non hanno il potere, e hanno la forza di spiazzarti. Quando
pubblicò il famoso “disco dell’indiano”, l’lp intitolato semplicemente
Fabrizio De Andrè che contiene la canzone Sand Creek, gli piaceva
ripetere la storia di Colombo che non aveva scoperto l’America ma c’era
arrivato per sbaglio, facendo la rovina delle persone che vivevano là
da millenni. Fabrizio aveva sempre una lettura diversa, più sottile,
delle cose. Per questo i suoi testi sono sempre attuali, come le sue
interviste. Si esprimeva con un linguaggio che è ancora nostro
contemporaneo, nonostante la comunicazione sia peggiorata e la lingua
italiana, che lui amava, venga spesso torturata nei media e in
televisione. A volte vorrei che diventasse anacronistico».

In che senso?
«Pensi a Sidùn. È una canzone in cui un padre piange un figlio caduto
in guerra. Parla del Medio Oriente, e di tutte le guerre. È di tremenda
attualità proprio in questi giorni, se vediamo cosa sta accadendo in
Terra Santa. Ecco, sogno un giorno in cui Sidùn suoni anacronistica».

Signora Ghezzi, il suo canto nella parte finale di «Khorakané», nel
disco «Anime salve», rimarrà la sua ultima apparizione discografica? In
altre parole, non ci sarà mai un nuovo disco di Dori Ghezzi?
«Penso proprio di no! In realtà sono ricaduta in peccato una volta,
quando Fernanda Pivano mi ha convinto a cantare Il suonatore Jones per
il suo documentario Farewell to the Beat. Poteva riuscirci solo lei. Mi
è molto piaciuto, perché il pezzo - è una delle canzoni di Fabrizio
ispirata all’Antologia di Spoon River - è bellissimo... Ma da lì a
tornare a fare la cantante, ce ne passa».

Lei ha avuto un periodo di grande popolarità fra gli anni ‘60 e ‘70. Non lo rimpiange minimamente?
«Ogni tanto mi trovo con amici di quel tempo e ci facciamo un sacco di
risate ricordando le cose buffe che ci sono capitate. A posteriori,
ripensandoci, giungo alla conclusione che non posso fare a meno della
musica ma preferisco i ruoli dietro le quinte. Avevo un bel rapporto
con il pubblico, ma non sono mai stata abbastanza egocentrica da star
bene sul palco. I tour mi stressavano molto, e non mi mancano».

Che musica ascolta, oggi?
«Ascolto molto Bob Dylan. Non mi stanca mai».

Lo ascoltava anche con Fabrizio?
«Le confesserò: quando siamo andati a vivere in Sardegna, per anni non
abbiamo ascoltato praticamente nulla perché nella casa dove abitavamo
non c’era nemmeno la corrente elettrica! Conducevamo una vita
lontanissima dalla musica e dai suoi ambienti. Lui amava Dylan, ma non
più di Leonard Cohen o dei francesi, Brel e Brassens. Ha inciso due
cover di Dylan, ma furono prima De Gregori, poi Bubola a convincerlo».

Ora che l’intervista «seria» è finita, le dobbiamo una confessione:
avevamo 11 anni quando lei cantava «Casatchok» e la sua immagine mentre
fa il ballo russo in tv è un mito della nostra infanzia...
«Se aveva 11 anni, la perdono! (ride, ndr) Certo, era il ‘68 e io
ballavo il Casatchok... ma io non rinnego nulla del passato, quindi
nemmeno quel disco. Spero solo, in seguito, di essere cresciuta. Dal
Casatchok a De Andrè, mi sembra un bel percorso».

_________________
Bisogna assomigliare alle parole che si dicono. Forse non parola per parola, ma insomma ci siamo capiti [Saltatempo di Stefano Benni]
Chi non sa ridere non è una persona seria [Fryderyk Chopin]
avatar
nd1967
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 12803
Località : Cavaion Veronese (VR)
Occupazione/Hobby : Musica, Fotografia, Hi-Fi, Fumetti, Libri, Cinema
Provincia (Città) : Verona
Impianto : Preamplificatore Sonus Mirus AAVT
Finale TA 3020 by Vincenzo
Lettore CD Micromega Stage 2
Giradischi Project 6.9
Diffusori Dynavoice Challenger M-65 EX



http://www.google.com/+AndreaTramonte

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum