T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» Alimentazione per un classe A
Oggi alle 3:03 Da valterneri

» diffusori a tre vie... senza una via
Ieri alle 20:51 Da franzfranz

» Riparare vecchi diffusori con nuovi Woofer e Tweeter
Ieri alle 18:28 Da mikunos

» Consiglio acquisto DAC basso costo Ubuntu Linux
Ieri alle 15:59 Da mecoc

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Ven 18 Ago 2017 - 17:00 Da kalium

» Dubbio musica liquida
Ven 18 Ago 2017 - 16:46 Da dinamanu

»  [NA] Vendo Wadia 151 Power Dac - 450 euro spedito
Ven 18 Ago 2017 - 14:32 Da MrTheCarbon

» Douk DAC (XMOS+PCM5102/DSD1796): ne vale la pena?
Ven 18 Ago 2017 - 12:57 Da metalgta

» Upgrade Trends Audio 10.1 (scusate la pigrizia...)
Ven 18 Ago 2017 - 12:27 Da giucam61

» Consiglio Scythe SCBKS-1100
Gio 17 Ago 2017 - 19:45 Da dinamanu

» diffusore bookshelf 2 vie in DCAAV: le supermosquito
Gio 17 Ago 2017 - 19:18 Da bianchetto

» Dopo RaspyFi ecco Volumio - Music player audiofilo multipiattaforma
Gio 17 Ago 2017 - 13:46 Da tubaz

» [FC] Shure SRH940
Gio 17 Ago 2017 - 12:55 Da RanocchiO

» [FC] Vendo Schiit stack
Gio 17 Ago 2017 - 12:53 Da RanocchiO

» Nuovo amplificatore Denon
Gio 17 Ago 2017 - 11:39 Da Kha-Jinn

» [VI] Vendo TNT Flexy e TNT Stubby
Gio 17 Ago 2017 - 10:15 Da fuzzu82

» Problema Technics SL-BD20
Gio 17 Ago 2017 - 9:59 Da GiovanniF

» convertitore ottico rca
Gio 17 Ago 2017 - 4:18 Da Kha-Jinn

» wtfplay
Mer 16 Ago 2017 - 22:41 Da rattaman

» Nuovo piatto 78giri
Mer 16 Ago 2017 - 19:26 Da JohnnieGray

» handshell completa giradischi Sony PS LX 3
Mer 16 Ago 2017 - 17:58 Da mistervolt

» Technics SU-7300 - Riparazione leva On/Off
Mer 16 Ago 2017 - 16:38 Da anto.123

» Prezzi pazzi Monitor Audio Silver 2 & Dali Zensor 3 (venditore Juvenilis su amazon)
Mer 16 Ago 2017 - 11:52 Da mumps

» [Vendo-FI] DAC con PCM 1793, DAC con 4x TDA1543, Selettore 4 RCA passivo
Mer 16 Ago 2017 - 9:33 Da Parolaio

» [BS+ss] Vendo dac/amp Yulong DAART Canary
Mar 15 Ago 2017 - 23:25 Da Andrea_97

» Amplificatore in classe a 8-10 watt
Mar 15 Ago 2017 - 20:45 Da soloclasseA

» [GE + s.s.] Sistema Philips 2.1 MMS 430G/00
Lun 14 Ago 2017 - 23:17 Da sh4d3

» Vendo DENON CEOL Piccolo DRA-N4 Network Player/Amplificatore [CO]
Lun 14 Ago 2017 - 22:26 Da wings

» Segnalazione Shop Vintage
Lun 14 Ago 2017 - 18:46 Da lextar

» Problema Raspberry e Alimentatore Audiophonics
Lun 14 Ago 2017 - 11:57 Da mama15

Statistiche
Abbiamo 10951 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Rolandas As

I nostri membri hanno inviato un totale di 792853 messaggi in 51417 argomenti
I postatori più attivi della settimana
giucam61
 
mumps
 
dinamanu
 
cccp-annarella
 
franzfranz
 
Kha-Jinn
 
CHAOSFERE
 
nerone
 
p.cristallini
 
lello64
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15512)
 
Silver Black (15470)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10274)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9155)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 55 utenti in linea: 4 Registrati, 1 Nascosto e 50 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Adriano Vin, rattaman, sonic63, Zio

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Pagina 4 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  vastx il Mar 29 Dic 2009 - 13:55

@wasky ha scritto:
Secondo me il tuo target di diffusore è contenuto in questo sito Sergione

http://www.humblehomemadehifi.com/index.html

ovviamente nella sezione Floorstanding Laughing


Roberto

OMG! Alla faccia dell'humble Laughing Hehe
avatar
vastx
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 15.11.09
Numero di messaggi : 2522
Località : Sicilia Orientale
Impianto : Al di là della misura non c'è limite alcuno.
(Epitteto)


Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  schwantz34 il Mar 29 Dic 2009 - 13:58

@wasky ha scritto:
@schwantz34 ha scritto:Ciao Robertone , a proposito di dipolo ...ho sentito parlare molto bene del progetto broken mirror di Mattia D'Antonio su un numero di qualche tempo fa di CHF ...che mi dici a tal proposito ? Che ne pensi ?
Ciao e grazie
ps: va benissimo anche un MP Wink

Secondo me il tuo target di diffusore è contenuto in questo sito Sergione

http://www.humblehomemadehifi.com/index.html

ovviamente nella sezione Floorstanding Laughing


Roberto

grazie ROb , ma penso che con le rf 7 di essere a posto per qualche annetto ...;-)
invece era quel broken mirror li che mi solleticava ...che ne dici ? ci tengo ad un tuo giudizio ...
ciao!
S.
avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15512
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  wasky il Mar 29 Dic 2009 - 14:38

Anche a me non piacciono molto i Dipolo Sergio Smile tu conosci il mio Target di progetto imho forse te ne avrò parlato in PM

2 Seas CA22RNY 22cm accordati a 25 hz taglio @ 200 hz

2 Seas CA18RNY 18cm @ 700 hz

2 Seas MC15 15cm @ 2000 hz

1 Esotar (Morel) ET338-104mm a cui lascio con piacere il resto della gamma

il tutto in configurazione identica alle Gryphon Trident quindi cosi


_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  Alessandro LXIV il Mar 29 Dic 2009 - 14:40


quindi qui mi soffermerei ancora sul perchè consigliare un cassa chiusa di tutto rispetto con un T-amp sarebbe meglio

Roberto

Se non ho capito male con i T amp la cassa chiusa si sposa bene?

Puoi fare qualche nome (marca/modello) di cassa chiusa?

Grazie.


Ultima modifica di Alessandro LXIV il Mar 29 Dic 2009 - 14:41, modificato 1 volta

Alessandro LXIV
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 29.04.09
Numero di messaggi : 5173
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Mar 29 Dic 2009 - 14:40

@wasky ha scritto:Se ce un merito della cassa chiusa rispetto al Bass Reflex è nel GD sempre che il reflex non lo abbia fatto peppe de sotto casa, è dimostrato ma, da persone ( Leach e John Murphy ) che lo hanno fatto prendendo lo stesso woofer inserendolo, all\'interno di due box e misurato e cmq sono differenze irrisorie e inudibili ai più
Hello Caro Roberto, parto da qui per ringraziare tutti e te in primis per le spiegazioni, le precisazioni e i concreti spunti: grazie davvero.
In proposito, sempre che tu ne abbia il tempo e la voglia, ti chiedo di volermi spiegare meglio quanto sopra riportato: il discorso m'interessa, dal momento che coloro che si sono rivolti a me per suggerimenti su componenti hi-fi e abbinamenti hanno ottenuto grandi miglioramenti e/o ottimi risultati pilotando con la Fenice 20 sospensioni pneumatiche, vecchie o recenti e di diverse dimensioni. Giusto per fare un paio di nomi e cognomi, in riferimento a categorie diverse di epoche diverse: Mosscade 502 e Grundig Box 7060. Tuttavia, è sufficiente dare un'occhiata ai commenti sul sito www.playstereo.com, in riferimento al semplice T-Amp della Sonic Impact, per vedere quanta soddisfazione hanno mostrato i possessori di Snell K, RCF con coni da 32 cm e, addirittura, uno che per scherzo ha collegato il piccoletto (con tanto di filtro passabasso a 100 Hz) alle sue AR LST, rimandendo "folgorato".
Insomma, non sposo nessuna filosofia progettuale e non ne avrei nemmeno tutte le specifiche nozioni per poterlo fare. Tuttavia mi darai atto che l'esperienza sia mia che di molti altri appassionati (spesso più navigati e abituati a prodotti di ben altra fascia di prezzo) debba per forza di cosa impormi una seria e profonda riflessione.
Ciò detto, oltre a quanto da me letto e qui di volta in volta condiviso con tutti voi, mi paiacerebbe poter approfondirne con te aspetti più tecnici e applicativi.
Grazie anora e, con anticipo, l'augurio per un 2010 ricco di successi e grandi soddisfazioni, umane e professionali!

PS: le casse postate nei precedenti post mi ricordano le australiane Duntech, come configurazione e filosofia progettuale, salvo i woofer in volume accordato (che nelle Duntech lavoravano sempre in sospensione).
NB: se Massimo Ambrosini dovesse leggere quel che hai scritto in firma... Punishment Hehe Hehe Hehe


Ultima modifica di Andrea Gianelli il Mar 29 Dic 2009 - 14:51, modificato 2 volte
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  porfido il Mar 29 Dic 2009 - 14:47

@wasky ha scritto:Anche a me non piacciono molto i Dipolo Sergio Smile tu conosci il mio Target di progetto imho forse te ne avrò parlato in PM

2 Seas CA22RNY 22cm accordati a 25 hz taglio @ 200 hz

2 Seas CA18RNY 18cm @ 700 hz

2 Seas MC15 15cm @ 2000 hz

1 Esotar (Morel) ET338-104mm a cui lascio con piacere il resto della gamma

il tutto in configurazione identica alle Gryphon Trident quindi cosi



Marò, che totem!
Robè, costi approssimativi di 'ste bestie?
C'è qualche grafico di risposta in giro?
avatar
porfido
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.11.08
Numero di messaggi : 5044
Località : Ronchi (GO)
Impianto :
Spoiler:


Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  wasky il Mar 29 Dic 2009 - 14:48

@Alessandro LXIV ha scritto:

quindi qui mi soffermerei ancora sul perchè consigliare un cassa chiusa di tutto rispetto con un T-amp sarebbe meglio

Roberto

Se non ho capito male con i T amp la cassa chiusa si sposa bene?

Puoi fare qualche nome (marca/modello) di cassa chiusa?

Grazie.

No assolutamente in my humble opinion Smile

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  wasky il Mar 29 Dic 2009 - 14:55

@Andrea Gianelli ha scritto:
@wasky ha scritto:Se ce un merito della cassa chiusa rispetto al Bass Reflex è nel GD sempre che il reflex non lo abbia fatto peppe de sotto casa, è dimostrato ma, da persone ( Leach e John Murphy ) che lo hanno fatto prendendo lo stesso woofer inserendolo, all'interno di due box e misurato e cmq sono differenze irrisorie e inudibili ai più
[justify]Hello Caro Roberto, parto da qui per ringraziare tutti e te in primis per le spiegazioni, le precisazioni e i concreti spunti: grazie davvero.
In proposito, sempre che tu ne abbia il tempo e la voglia, ti chiedo di volermi spiegare meglio quanto sopra riportato: il discorso m'interessa,

Andrea il concetto sopra è applicabile con grandi potenze in gioco sul woofer per evitare appunto i GD quindi: parliamo sempre di diffusori anche se in cassa chiusa di un certo spessore


Per approfondire intanto ti consiglio di cercare in Rete quanto più possibile sulla estensione alle basse Frequenze e Blauert & Laws

Ti assicuro non è facile come argomento lo stò studiando in questo periodo anche grazie a quel genio di Valerio Russo e sono anche scettico sull'argomento

Roberto

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  schwantz34 il Mar 29 Dic 2009 - 15:02

@Andrea Gianelli ha scritto:


NB: se Massimo Ambrosini dovesse leggere quel che hai scritto in firma... Punishment Hehe Hehe Hehe [/justify]

ciao Andrea , ma sei passato dall'osannare Ambrosini al sbeffeggiarlo pubblicamente ? Shocked Complimenti ...
avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15512
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  wasky il Mar 29 Dic 2009 - 15:02

@porfido ha scritto:
@wasky ha scritto:Anche a me non piacciono molto i Dipolo Sergio Smile tu conosci il mio Target di progetto imho forse te ne avrò parlato in PM

2 Seas CA22RNY 22cm accordati a 25 hz taglio @ 200 hz

2 Seas CA18RNY 18cm @ 700 hz

2 Seas MC15 15cm @ 2000 hz

1 Esotar (Morel) ET338-104mm a cui lascio con piacere il resto della gamma

il tutto in configurazione identica alle Gryphon Trident quindi cosi



Marò, che totem!
Robè, costi approssimativi di 'ste bestie?
C'è qualche grafico di risposta in giro?


Credo che con 65.000 Yurj a casa ce la porti la trident Smile

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  porfido il Mar 29 Dic 2009 - 15:12

@wasky ha scritto:


Credo che con 65.000 Yurj a casa ce la porti la trident Smile


Ehm....
Immagino non ti sia scappato uno zero, no?
avatar
porfido
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.11.08
Numero di messaggi : 5044
Località : Ronchi (GO)
Impianto :
Spoiler:


Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  wasky il Mar 29 Dic 2009 - 15:16

@porfido ha scritto:
@wasky ha scritto:


Credo che con 65.000 Yurj a casa ce la porti la trident Smile


Ehm....
Immagino non ti sia scappato uno zero, no?

1 2 3 Laughing no no ci sono tutti Smile

Le Gryphon Poseidon vengono leggermente di più 120.000 €

Razz


_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  Alessandro LXIV il Mar 29 Dic 2009 - 15:18

@wasky ha scritto:
@porfido ha scritto:
@wasky ha scritto:


Credo che con 65.000 Yurj a casa ce la porti la trident Smile


Ehm....
Immagino non ti sia scappato uno zero, no?

1 2 3 Laughing no no ci sono tutti Smile



Le Gryphon Poseidon vengono leggermente di più 120.000 €

Razz


Praticamente, risparmiando anche qualcosina, ci potresti affittare un'orchestra dell'Europa dell'est a vita. Very Happy

Alessandro LXIV
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 29.04.09
Numero di messaggi : 5173
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  wasky il Mar 29 Dic 2009 - 15:21

Con 120.000 € me ne vado a vivere in Thailandia con la signora a vita Laughing

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  vastx il Mar 29 Dic 2009 - 15:25

@Alessandro LXIV ha scritto:

Praticamente, risparmiando anche qualcosina, ci potresti affittare un'orchestra dell'Europa dell'est a vita. Very Happy

Sarebbe anche più carino...
Potresti pubblicare le foto nude delle violiniste ungheresi per apprezzare meglio i componenti...
Prendere le misure alle flautiste...

Laughing Laughing Laughing

Altro che misurare qts e damping factor... Hehe Hehe Hehe


Ultima modifica di vastx il Mar 29 Dic 2009 - 15:26, modificato 1 volta
avatar
vastx
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 15.11.09
Numero di messaggi : 2522
Località : Sicilia Orientale
Impianto : Al di là della misura non c'è limite alcuno.
(Epitteto)


Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  schwantz34 il Mar 29 Dic 2009 - 15:25

@wasky ha scritto:Con 120.000 € me ne vado a vivere in Thailandia con la signora a vita Laughing

incredibile ! ma sai che c'avevo pensato pure io ...ad averli ... Smile
avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15512
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  Alessandro LXIV il Mar 29 Dic 2009 - 15:29

@schwantz34 ha scritto:
@wasky ha scritto:Con 120.000 € me ne vado a vivere in Thailandia con la signora a vita Laughing

incredibile ! ma sai che c'avevo pensato pure io ...ad averli ... Smile

Se vi serve qualcuno per riempire il pullmann fatemi sapere. Very Happy

Alessandro LXIV
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 29.04.09
Numero di messaggi : 5173
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  wasky il Mar 29 Dic 2009 - 15:33

@Alessandro LXIV ha scritto:
@schwantz34 ha scritto:
@wasky ha scritto:Con 120.000 € me ne vado a vivere in Thailandia con la signora a vita Laughing

incredibile ! ma sai che c'avevo pensato pure io ...ad averli ... Smile

Se vi serve qualcuno per riempire il pullmann fatemi sapere. Very Happy


Ci apriamo la succursale del Cafe del Mar di Ibiza con Resort annesso


Impianto esclusivamente PA e sotto con i CD di Buddha Bar Laughing


come le trovo vi faccio vedere le foto fatte da umbriaco al Full Moon Laughing Laughing Laughing

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Mar 29 Dic 2009 - 16:01

@wasky ha scritto:
@Andrea Gianelli ha scritto:
@wasky ha scritto:Se ce un merito della cassa chiusa rispetto al Bass Reflex è nel GD sempre che il reflex non lo abbia fatto peppe de sotto casa, è dimostrato ma, da persone ( Leach e John Murphy ) che lo hanno fatto prendendo lo stesso woofer inserendolo, all'interno di due box e misurato e cmq sono differenze irrisorie e inudibili ai più
Hello Caro Roberto, parto da qui per ringraziare tutti e te in primis per le spiegazioni, le precisazioni e i concreti spunti: grazie davvero.
In proposito, sempre che tu ne abbia il tempo e la voglia, ti chiedo di volermi spiegare meglio quanto sopra riportato: il discorso m'interessa,

Andrea il concetto sopra è applicabile con grandi potenze in gioco sul woofer per evitare appunto i GD quindi: parliamo sempre di diffusori anche se in cassa chiusa di un certo spessore


Per approfondire intanto ti consiglio di cercare in Rete quanto più possibile sulla estensione alle basse Frequenze e Blauert & Laws

Ti assicuro non è facile come argomento lo stò studiando in questo periodo anche grazie a quel genio di Valerio Russo e sono anche scettico sull'argomento

Roberto
[justify]Hello GD sta per?
In attesa di delucidazioni in merito, mi pare di capire che io ho sempre ottenuto vantaggi pilotando con amplificazioni dal fattore di smorzamento relativamente basso (50 per l'Akai DC Servo, 60 per il Technics e magari meno ancora nei classe T) woofer in cassa chiusa di qualità dignitosa ma non certo di riferimento (almeno a giudicare dal prezzo) secondo gli standard che presumibilmente hai in mente tu: il Bombardon della Philips all'epoca in cui fu pensato era secondo solo al woofer delle AR-3 (la cui sospensione acustica in foam poteva essere prodotta unicamente dall'Acoustic Research che ne deteneva ancora l'esclusiva di brevetto), ma parliamo di un epoca in cui l'home hi-fi era agli esordi (anni sessanta). Probabilmente lo stesso vale per l'attuale woofer Indiana Line, così come per i Boston originali (peggio costruiti rispetto ai W20).
Insomma, se non volessi saperne di più, mi godrei semplicemente la mia musica e l'ottimo risultato ottenuto dalla felice combinazione (dal tuo ragionamento devo dedurre che di questo si tratta, ora come in passato, dove l'esuberanza in basso dell'Akai compensava i bassi leggerini delle Philips, che avevano dalla loro comunque una notevole estensione: parliamo pur sempre di un 12" con cono da 24 cm). Invece evidentemente non mi basta e quindi ti ringrazio per le spiegazioni che mi spingeranno ad approfondire ulteriormente l'argomento.
Probabilmente il mio ragionamento fila nell'affordable hi-fi approach (vera hi-fi a prezzo abbordabile), mentre il tuo ha validità nel reference hi-fi (qualità senza vincoli di prezzo: vedi ad esempio i filtri che hai in mente tu rispetto a quelli utilizzati da molti produttori, anche seri, come nel caso di Indiana Line).


@schwantz34 ha scritto:ciao Andrea , ma sei passato dall'osannare Ambrosini al sbeffeggiarlo pubblicamente ? Shocked Complimenti ...
Ciao Sergio, a Massimo Ambrosini ho riconosciuto e riconosco tuttora il merito di aver portato all'attenzione degli appassionati prodotti economici e ben suonanti come i vecchi Grundig, nonchè soluzioni semplici e tendenzialmente preferibili in tale categoria di prezzo (vedi sospensione pneumatica: lo stesso Alfredo Di Pietro mi disse a suo tempo che per i diffusori economici è preferibile, mentre il bass-reflex può avere maggiori potenzialità ma senza lesinare sui costi).
Ricorderai che già a suo tempo avevo manifestato perplessità (giusto per usare un eufemismo) sul CCI e, ancor più, sulle fantateorie a contorno (le stesse che mi portarono ad avvalermi del supporto di persone con specifica esperienza/conoscenza di tali prodotti e/o con indiscussa autorevolezza in materia di hi-fi: mio zio, che in quegli anni lavorava in un centro assistenza specializzato, e Lucio Cadeddu, che ha pubblicato sia la mia lettera sia le due repliche con cui Massimo ha prontamente fatto seguito).
Ora, tolto T-Forum, TNT-Audio ed Emozioni all'ascolto, vai raccontarla altrove la favoletta di chi ha osannato chi: magari chi non conosce il sottoscritto e gli sviluppi della vicenda potrebbe anche crederti.
Un'ultima cosa: complimenti a te per il tuo consueto rispetto per la verità dei fatti, ormai proverbiale. Ironic
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  Alessandro LXIV il Mar 29 Dic 2009 - 16:15

@schwantz34 ha scritto:
@wasky ha scritto:Con 120.000 € me ne vado a vivere in Thailandia con la signora a vita Laughing

incredibile ! ma sai che c'avevo pensato pure io ...ad averli ... Smile

Chissà perchè ma ti facevo più portato per la Giamaica. Very Happy

Alessandro LXIV
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 29.04.09
Numero di messaggi : 5173
Impianto :

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  schwantz34 il Mar 29 Dic 2009 - 16:21

@Andrea Gianelli ha scritto:vai raccontarla altrove la favoletta di chi ha osannato chi: magari chi non conosce il sottoscritto e gli sviluppi della vicenda potrebbe anche crederti.
Un'ultima cosa: complimenti a te per il tuo consueto rispetto per la verità dei fatti, ormai proverbiale. Ironic [/justify]

ribadisco , [testo eliminato - insulto]


Ultima modifica di Silver Black il Mer 30 Dic 2009 - 13:44, modificato 1 volta (Motivazione : Insulto eliminato dall'Amministratore)
avatar
schwantz34
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 28.10.08
Numero di messaggi : 15512
Località : Caerdydd
Provincia (Città) : Caerdydd
Impianto : minimalista, uso un vecchio walkman con gli auricolari...

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  wasky il Mar 29 Dic 2009 - 19:32

@Andrea Gianelli ha scritto:
@wasky ha scritto:
@Andrea Gianelli ha scritto:
@wasky ha scritto:Se ce un merito della cassa chiusa rispetto al Bass Reflex è nel GD sempre che il reflex non lo abbia fatto peppe de sotto casa, è dimostrato ma, da persone ( Leach e John Murphy ) che lo hanno fatto prendendo lo stesso woofer inserendolo, all'interno di due box e misurato e cmq sono differenze irrisorie e inudibili ai più
[justify]Hello Caro Roberto, parto da qui per ringraziare tutti e te in primis per le spiegazioni, le precisazioni e i concreti spunti: grazie davvero.
In proposito, sempre che tu ne abbia il tempo e la voglia, ti chiedo di volermi spiegare meglio quanto sopra riportato: il discorso m'interessa,

Andrea il concetto sopra è applicabile con grandi potenze in gioco sul woofer per evitare appunto i GD quindi: parliamo sempre di diffusori anche se in cassa chiusa di un certo spessore


Per approfondire intanto ti consiglio di cercare in Rete quanto più possibile sulla estensione alle basse Frequenze e Blauert & Laws

Ti assicuro non è facile come argomento lo stò studiando in questo periodo anche grazie a quel genio di Valerio Russo e sono anche scettico sull'argomento

Roberto
[justify]Hello GD sta per?
In attesa di delucidazioni in merito,

Eh eh dovresti sapermelo dire tu cosa è il GD Andrea Smile



Roberto

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  Virgilio il Mar 29 Dic 2009 - 19:44

@wasky ha scritto:
Secondo me il tuo target di diffusore è contenuto in questo sito Sergione
http://www.humblehomemadehifi.com/index.html
Roberto

ora non vorrei tornare indietro ma per concludere il discorso di prima:
per caso il primo che ho visto è questo:
http://www.humblehomemadehifi.com/Classic.html

Mastico poco l'inglese e comunque non sono abbastanza tecnico per capire cosa dice, Qtc ecc..., ma questo grafico mi pare interessante:



quello che si vede è il "rigonfiamento" dovuto al reflex?
avatar
Virgilio
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 27.12.08
Numero di messaggi : 233
Località : Como
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  wasky il Mar 29 Dic 2009 - 19:53

@Andrea Gianelli ha scritto:
Probabilmente il mio ragionamento fila nell'affordable hi-fi approach (vera hi-fi a prezzo abbordabile), mentre il tuo ha validità nel reference hi-fi (qualità senza vincoli di prezzo: vedi ad esempio i filtri che hai in mente tu rispetto a quelli utilizzati da molti produttori, anche seri, come nel caso di Indiana Line).[/justify]


Andrea il mio impianto costa meno di un CDP di bassa lega ovvero 740 € tolto il DAC North Star ma, quello era uno sfizio che volevo togliermi da tempo

I filtri Xover sono uguali per tutti e chiunque è occupato nella progettazione può arrivare allo stesso risultato di altri, io citavo un parametrico che è un componente elettronico a parte

http://www.behringer.com/EN/Products/FBQ2496.aspx

Per me affordable HiFi su un diffusore è spendere 600 € per un kit Eton o Proac 2.5 Clone o 290 € per un kit Gradient/Seas

Affordable Hi Fi è andare su mostri usati senza allontanarsi troppo come anno di produzione e nel 93/98 di bestie ne hanno tirate fuori parecchie come ampli e Pre

Affordable HiFi da sempre è collegata strettamente al DIY Andrea Smile


Per me un consulente HiFi moderno deve saper fare una misura di ambiente, saperne trarre conclusioni e saperla addirittua correggere Wink



Roberto

_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  wasky il Mar 29 Dic 2009 - 19:56

@Virgilio ha scritto:
@wasky ha scritto:
Secondo me il tuo target di diffusore è contenuto in questo sito Sergione
http://www.humblehomemadehifi.com/index.html
Roberto

ora non vorrei tornare indietro ma per concludere il discorso di prima:
per caso il primo che ho visto è questo:
http://www.humblehomemadehifi.com/Classic.html

Mastico poco l'inglese e comunque non sono abbastanza tecnico per capire cosa dice, Qtc ecc..., ma questo grafico mi pare interessante:



quello che si vede è il "rigonfiamento" dovuto al reflex?

Ti premetto che stai guardando una curva di accordo non una MLSAA e pensa te di un diffusore in sospensione pneumatica Laughing con pochi litri per far lavorare bene il CA22 infatti è passato al reflex

quella non è la frequenza è l'escursione Wink

Devi guardare questa Curva


_________________
"Sentire non è altro che una facoltà permessa da uno dei nostri cinque sensi ma ascoltare è un'arte."   Frank Tyger
avatar
wasky
Moderatore di sezione
Moderatore di sezione

Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 9229
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Fancazzista Serio
Provincia (Città) : Come il fiore del ciliegio è il migliore tra i fiori, così, il guerriero è il migliore tra gli uomini
Impianto : Amplifon

http://www.kitaudiopro.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Seconda parte

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 4 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum