T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» Quali diffusori ?
Oggi alle 3:50 pm Da dinamanu

» COMPONENTI PER PICCOLO IMPIANTO...CHI MI AIUTA?
Oggi alle 3:11 pm Da BullNorris

» Marantz 1040 verso Alientek D8
Oggi alle 2:47 pm Da nerone

» INDIPENDENTEMENTE DALLA CLASSE DI FUNZIONAMENTO ...
Oggi alle 2:29 pm Da dinamanu

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Oggi alle 2:19 pm Da dinamanu

» i misteri sono tanti: io ne ho uno nuovo penso!
Oggi alle 1:55 pm Da fritznet

» Dynavoice SA3300
Oggi alle 1:22 pm Da giit141

» Il mio angolo e non solo
Oggi alle 1:19 pm Da lello64

» POPU VENUS
Oggi alle 11:34 am Da nerone

» Upgrade pre-phono
Oggi alle 10:11 am Da Curelin

» Denon Pma50 o tengo L'Alientek D8?
Oggi alle 8:06 am Da gigetto

» Alimentatore lineare 12-15V - consigli?
Oggi alle 12:21 am Da Calbas

» Lettore CD usato
Ieri alle 11:37 pm Da giucam61

» Consigli per nuovo impianto Hi-Fi
Ieri alle 11:32 pm Da giucam61

» acquisto merce dalla cina
Ieri alle 10:27 pm Da arivel

» nad c326bee - opinioni
Ieri alle 10:19 pm Da dinamanu

» (Mi Va Co )Cavi Xindak PC 02
Ieri alle 9:22 pm Da blues 66

» ( MI Va Co ) Vavo potenza Audioquest Type 4
Ieri alle 6:29 pm Da blues 66

» Jumper Xindak SS-1
Ieri alle 6:28 pm Da blues 66

» Audioquest jetterbug
Ieri alle 2:43 pm Da mumps

» TPA 3116
Ieri alle 12:16 pm Da giucam61

» Roger Waters Nuovo Album Is This The Life We Really Want
Ieri alle 10:47 am Da Nadir81

» Una giornata con la musica e nuovi amici
Ieri alle 12:26 am Da giucam61

» ixtreamer
Gio Giu 22, 2017 7:41 pm Da erduca

» ALIENTEK D8 [parte 1]
Gio Giu 22, 2017 7:08 pm Da Silver Black

» Consiglio sull usato
Gio Giu 22, 2017 12:51 pm Da Gabrielefenu

» Pre-buffer schedina cinese con 6J1...impressioni
Gio Giu 22, 2017 1:07 am Da MaxBal

» La mia opinione sul tpa3116
Mer Giu 21, 2017 9:30 pm Da silver surfer

» Raspberry PI 3 B con Touch Screen a 28 euro
Mer Giu 21, 2017 5:44 pm Da hsh1979

» Gemtune X-1
Mer Giu 21, 2017 5:21 pm Da dinamanu

Statistiche
Abbiamo 10864 membri registrati
L'ultimo utente registrato è franci92

I nostri membri hanno inviato un totale di 789092 messaggi in 51234 argomenti
I postatori più attivi della settimana
giucam61
 
dinamanu
 
nerone
 
mumps
 
lello64
 
CHAOSFERE
 
chris75
 
silver surfer
 
Nadir81
 
sportyerre
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19630)
 
schwantz34 (15508)
 
Silver Black (15460)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10261)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9058)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 64 utenti in linea: 7 Registrati, 0 Nascosti e 57 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

bdalterio, dinamanu, enrico massa, Gabbo95, Kha-Jinn, lello64, nerone

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun Mag 25, 2015 3:01 pm
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Ospite il Gio Dic 25, 2008 11:57 am

A proposito: personalmente, ho sempre preferito il suono dei tweeter metallici. Solo le Monitor 30 mi hanno fatto recentemente ricredere nel mio 'disprezzo' per quelli "morbidi".


Non so, per me i diffusori a 2 vie con tweeter a cupola metallica suonano più luminosi e trasparenti sul medioalto...


Ma ci sono eccezioni alla regola, per es.: in negativo, le Mordaunt Short 902; e in positivo, proprio le mie Polk.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Gio Dic 25, 2008 12:03 pm

Ancora una volta d'accordo con le tue riflessioni: i 2 woofer delle Arbour da scaffale tendono ad aumentare la quantità dei bassi (provocando un inevitabile squilibrio timbrico, che appunto influisce negativamente su coerenza e trasparenza). Inoltre, dato il (medesimo) piccolo diametro, se due trasduttori in cabinet leggermente più grande estendono in basso la risposta, è pur vero che la distorsione rimane la medesima, anzi (sotto la stessa frequenza) raddoppia a causa dell'emissione in contemporanea di due altoparlanti identici, col secondo (tagliato più in basso) che, proprio quando entra in azione (se non sbaglio sotto i 70-100 Hz), distorce più del primo. Pertanto, come ho più volte detto, il limite è (dal punto di vista concettuale e pratico) nel progetto stesso...
I bassi sono cospicui (eccessivi e mal frenati, direi), al contrario del basso controllato, profondo e indistorto che un solo specifico trasduttore di adeguate dimensioni può dare, sia in un due vie, sia, aumentando il diametro, in un 3 vie con midrange dedicato (che non sia un secondo woofer in miniatura...).
Infine, per quanto riguarda i tweeter non generalizzerei: le MS potrebbero non essere un caso isolato e la qualità di un altoparlante dipende, oltre che dal materiale (oggi quasi tutti buoni o addirittura ottimi per lo scopo), da molteplici fattori la cui analisi è sempre molto complessa...
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Ospite il Gio Dic 25, 2008 12:11 pm

Sai che ti dico? Mi hai fatto riprendere in considerazione le Tesi 204. Per la mia stanza potrebbero essere perfette. Razz

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Gio Dic 25, 2008 12:18 pm

@Mulo ha scritto:Sai che ti dico? Mi hai fatto riprendere in considerazione le Tesi 204. Per la mia stanza potrebbero essere perfette. Razz
Mmm Al Top Audio di Milano ho ascoltato le 504 e posso dirti che al tuo posto rivolgerei la mia attenzione alle HC-205 (se l'ambiente è inferiore ai 25 mq) o, se la tua stanza ha dimensioni maggiori, alle HC-206: entrambe sono da ascoltare con molta attenzione, in abbinamento al tuo ampli, con un tuo cd e in condizioni il più possibile vicine a quelle che poi avresti a casa tua (altezza, distanza dalle pareti, inclinazione, area di ascolto ecc.).
PS: da quel che ho sentito con le mie orecchie, io non cambierei mai dei monitor Polk con delle IL Tesi 204, ma neanche 504.
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Ospite il Gio Dic 25, 2008 12:24 pm

Grazie del suggerimento! Cool


Forse aspetterò a cambiare i diffusori. Delle Polk in effetti sono molto contento.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Gio Dic 25, 2008 12:28 pm

@Mulo ha scritto:Grazie del suggerimento! Cool


Forse aspetterò a cambiare i diffusori. Delle Polk in effetti sono molto contento.
Oki E tra l'altro vanno presumibilmente meglio (anche sui bassi) delle Tesi 204 (e anche 504), che montano woofer da 12 cm...
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Ospite il Gio Dic 25, 2008 2:05 pm

Della gamma bassa delle mie Monitor 30, è particolarmente valida la "percussività" e l'impatto dinamico. Sembrerebbe che si sia privilegiata l'articolazione rispetto all'estensione... da buon monitor.

Salendo... mi sembra particolarmente apprezzabile l' "invisibilità" dell'incrocio woofer-tweeter.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Gio Dic 25, 2008 2:19 pm

@Mulo ha scritto:Della gamma bassa delle mie Monitor 30, è particolarmente valida la "percussività" e l'impatto dinamico. Sembrerebbe che si sia privilegiata l'articolazione rispetto all'estensione... da buon monitor.

Salendo... mi sembra particolarmente apprezzabile l' "invisibilità" dell'incrocio woofer-tweeter.
Verissima sia la prima considerazione (data appunto la specifica scelta progettuale, che privilegia più la definizione che non l'estensione, la quale in ambienti relativamente grandi è limitata dalle dimensioni di woofer e cabinet), sia la seconda (in un due vie l'incrocio ottimale tra i due trasduttori lo si ottiene solitamente con un woofer da 13 cm).


Ultima modifica di Andrea Gianelli il Lun Dic 29, 2008 10:41 am, modificato 1 volta
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  b.olivaw il Dom Dic 28, 2008 7:33 pm

@Andrea Gianelli ha scritto:
Quanto segue (e, per ragioni di spazio, seguira nella seconda parte) è stato volutamente salvato dal vecchio sito della Alcor, prima del passaggio di consegna alla Coral.
ottimo 3D! Andrea, dal vecchio sito Alcor hai salvato qualcosa che riguarda le A5.1?
avatar
b.olivaw
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 20.12.08
Numero di messaggi : 506
Occupazione/Hobby : Robot
Provincia (Città) : meteoropatico
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Lun Dic 29, 2008 10:59 am

@b.olivaw ha scritto:
ottimo 3D! Andrea, dal vecchio sito Alcor hai salvato qualcosa che riguarda le A5.1?

Hello Innanzitutto grazie per il feedback!
Delle Arbour 5.1 non ho salvato alcunchè: erano già state sostituite dalle 5.10, presenti in un vecchio catalogo che ancora conservo.
Ecco di seguito le caratteristiche:
il sitema di caricamento adottato è la linea di trasmissione, con due woofer frontali + un terzo (identico ai primi due: 13,5 cm) collocato in alto in posizione inclinata. Il tweeter è identico a quello che equipaggia le altre Arbour, mentre il cross-over è ancora quello da 6 dB/oct., uno dei gioiellini ideati dal geniale Fornasieri, che ha sempre avuto il pallino di ridurre al minimo le rotazioni di fase per facilitare il pilotaggio (e di conseguenza la resa, anche dinamica Wink). Punti di forza restano a mio avviso la risposta estesa (con i 40 Hz a +/-3 dB) e regolare, ma soprattutto l'elevata efficienza (92 dB/W/m) non comune alle altre Arbour (che al banco di prova, sempre con un watt ad un metro, non superano mai gli 87 dB). Trascuro volutamente i dati relativi alla potenza, in quanto questa è l'unica informazione che reputo puramente commerciale: la tenuta in potenza è pienamente adatta ad uso hi-fi, anche per chi desidera pressioni sonore elevate (e questo è ciò che conta!).
Opinione personale? Ottimi diffusori, superiori (così come i miei TH-370) alla maggioranza dell'attuale produzione IL e come tali da tenere con cura!
PS: tra i nuovi modelli il più riuscito è HC-206.


Ultima modifica di Andrea Gianelli il Lun Dic 29, 2008 11:04 am, modificato 1 volta
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  diechirico il Lun Dic 29, 2008 11:01 am

andrea, bruno è il nuovo papà delle mie ex 5.1, ecco il perchè della domanda! Wink
avatar
diechirico
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 24.09.08
Numero di messaggi : 3924
Località : Guidonia - Roma
Occupazione/Hobby : Spettroscopista (diciamo così...)
Provincia (Città) : dipende dai giorni
Impianto : Marantz CD6000
Cambridge Audio azur 640A V.2
KEF Q1



Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Lun Dic 29, 2008 11:07 am

@diechirico ha scritto:andrea, bruno è il nuovo papà delle mie ex 5.1, ecco il perchè della domanda! Wink
Hello Wow! Ottima scelta!!!
Invece tu, caro Diego, troverai (almeno spero) uno spunto nel mio PS. Wink
Tienimi aggiornato e...a presto!
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  diechirico il Lun Dic 29, 2008 11:42 am

@Andrea Gianelli ha scritto:
@diechirico ha scritto:andrea, bruno è il nuovo papà delle mie ex 5.1, ecco il perchè della domanda! Wink
Hello Wow! Ottima scelta!!!
Invece tu, caro Diego, troverai (almeno spero) uno spunto nel mio PS. Wink
Tienimi aggiornato e...a presto!

io le ho già sostituite con le Arbour 5.3 di Andrea T.!
ci devo lavorare un po' su, poi potrò darvi le mie impressioni...
le hc non mi piacciono molto esteticamente: non mi sembrano particolarmente rifinite.
poi, sembra che la finta pelle sul frontale tenda a scollarsi con grande facilità.
ancora qualche mesetto, poi ripristinerò il mio impiantino, tutto rinnovato.
e forse riesco pure a reinserire il giravinili: devo solo controllare cosa mi è rimasto in cantina!
avatar
diechirico
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 24.09.08
Numero di messaggi : 3924
Località : Guidonia - Roma
Occupazione/Hobby : Spettroscopista (diciamo così...)
Provincia (Città) : dipende dai giorni
Impianto : Marantz CD6000
Cambridge Audio azur 640A V.2
KEF Q1



Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Lun Dic 29, 2008 12:19 pm

A detta dello stesso Fornasieri le Arbour 5.30 furono quelle che in abbinamento al T-Amp diedero i risultati in assoluto più sorprendenti. Wink
Non credo occorra lavorarci più di tanto: non si tratta neppure di un diffusore da supporto ma, data la presenza del woofer alla base, da ripiano (basta un bel mobile solido della giusta altezza su cui collocarle.
Per quanto riguarda il giradischi, pur reputando il vinile qualitativamente inferiore al cd, spero (anche se ne sono quasi certo) tu abbia tenuto il migliore della "collezione"...
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  diechirico il Lun Dic 29, 2008 12:25 pm

@Andrea Gianelli ha scritto:
A detta dello stesso Fornasieri le Arbour 5.30 furono quelle che in abbinamento al T-Amp diedero i risultati in assoluto più sorprendenti. Wink
Non credo occorra lavorarci più di tanto: non si tratta neppure di un diffusore da supporto ma, data la presenza del woofer alla base, da ripiano (basta un bel mobile solido della giusta altezza su cui collocarle.
Per quanto riguarda il giradischi, pur reputando il vinile qualitativamente inferiore al cd, spero (anche se ne sono quasi certo) tu abbia tenuto il migliore della "collezione"...
per il giradischi, ho perso un po' i conti.
sicuramente mi è rimasto il garrard, ma voglio dare una nuova opportunità al Technics SL-D1, se non l'ho venduto (mica mi ricordo...). Quest'ultimo non l'ho MAI usato, ma secondo me può dire la sua facilmente. Una buona testina, un pre-phono accettabile, e vi saprò dire.
Per i diffusori: l'esemplare in questione sono le 5.3 e non le 5.30! Al solito, le differenze sono piccolissime, ma ci sono!
In particolare, non hanno la base, ma sono su punte e hanno una griglia metallica di protezione sul woofer inferiore.
Per i filtri, non so se sono uguali nelle due versioni: sicuramente ne sai più tu!
avatar
diechirico
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 24.09.08
Numero di messaggi : 3924
Località : Guidonia - Roma
Occupazione/Hobby : Spettroscopista (diciamo così...)
Provincia (Città) : dipende dai giorni
Impianto : Marantz CD6000
Cambridge Audio azur 640A V.2
KEF Q1



Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Lun Dic 29, 2008 1:55 pm

Da quel che si sente in giro, il Garrard dovrebbe essere un buon giradischi, quasi certamente superiore al Technics, soprattutto per un utilizzo serio... Come pre-phono ti consiglio caldamente il TProgress PM-06, che costa 36 euro e va benissimo, mentre se cerchi una buona testina potresti rivolgere l'attenzione ad una qualsiasi Goldring: partono se non sbaglio da una cinquantina di euro. Wink
Veniamo ora ai diffusori: le 5.3 montano gli stessi componenti delle 5.30, con i mitici filtri 6 dB/oct. già citati. Unica differenza l'assenza della base, che, collocando le casse su ripiano solido e robusto, non dovrebbe comunque creare problemi. Oki
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  b.olivaw il Lun Dic 29, 2008 10:37 pm

@Andrea Gianelli ha scritto:
@diechirico ha scritto:andrea, bruno è il nuovo papà delle mie ex 5.1, ecco il perchè della domanda! Wink
Hello Wow! Ottima scelta!!!
Invece tu, caro Diego, troverai (almeno spero) uno spunto nel mio PS. Wink
Tienimi aggiornato e...a presto!

grazie! come si può vedere qui a sx, da quasi dieci anni mi sono dato alle cuffie. Ora sto rimettendo su i diffusori... ma non riesco a decidere per l'ampli.
Diego, oltre alle ottime Goldring valuta anche una Grado.
avatar
b.olivaw
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 20.12.08
Numero di messaggi : 506
Occupazione/Hobby : Robot
Provincia (Città) : meteoropatico
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  pallapippo il Lun Dic 29, 2008 10:54 pm

@b.olivaw ha scritto:grazie! come si può vedere qui a sx, da quasi dieci anni mi sono dato alle cuffie.

Scusate l'OT.

Vedo, vedo... sei veramente un cuffiofilo... ti andrebbe di farci avere delle tue (se vuoi brevi) impressioni sui modelli di cuffia (ed ampli cuffia) che hai, ed eventuali confronti fra essi?

Io, come vedi in firma, ho una che penso possa essere simile alla tua K240... e purtroppo ho solo quella, e mi risulta quasi impossibile fare paragoni con altre.

Ti ringrazio comunque anticipatamente.

Hello

P.s.: eventualmente, se la cosa è di interesse, e vista la tua oggettiva esperienza in proposito, potresti anche aprire un altro thread apposito.
avatar
pallapippo
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 5076
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; dac: Geek Out 450;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.

Cuffia: Akg K270, pilotata da equalizzatore JVC Sea-10 ed ampli "CMoy by Biosciencegeek" (TLE2062);

cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor"; artigianali assemblati con RG58;
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.
distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Mar Dic 30, 2008 10:38 am

@b.olivaw ha scritto:Ora sto rimettendo su i diffusori... ma non riesco a decidere per l'ampli.
Hello Dipende dalla superficie da sonorizzare e dalla pressione sonora che intendi raggiungere: come consiglio generale, a livello qualitativo, direi un qualunque modello basato sul chip TA2024 (incluso il piccolo T-Amp) correttamente alimentato (la soluzione ideale è la batteria, come puoi vedere anche dal mio impianto in firma, mentre uno switching di adeguato amperaggio è un buon compromesso, sempre migliore degli alimentatori tradizionali).
Inoltre ritengo che i tuoi diffusori privilegino amplificazioni più di qualità che di quantità, purchè vi sia il giusto "spunto" a livello dinamico: nulla di meglio dunque dei piccoli classe T alimentati a batteria. Wink
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  b.olivaw il Mar Dic 30, 2008 7:22 pm

@pallapippo ha scritto:
@b.olivaw ha scritto:grazie! come si può vedere qui a sx, da quasi dieci anni mi sono dato alle cuffie.

Scusate l'OT.

Vedo, vedo... sei veramente un cuffiofilo... ti andrebbe di farci avere delle tue (se vuoi brevi) impressioni sui modelli di cuffia (ed ampli cuffia) che hai, ed eventuali confronti fra essi?

Io, come vedi in firma, ho una che penso possa essere simile alla tua K240... e purtroppo ho solo quella, e mi risulta quasi impossibile fare paragoni con altre.

Ti ringrazio comunque anticipatamente.

Hello

P.s.: eventualmente, se la cosa è di interesse, e vista la tua oggettiva esperienza in proposito, potresti anche aprire un altro thread apposito.

Embarassed non sono certo un guru! comunque aprirò un 3D a parte... a patto che tu poi ci posti la tua esperienza con la tua Akg!
avatar
b.olivaw
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 20.12.08
Numero di messaggi : 506
Occupazione/Hobby : Robot
Provincia (Città) : meteoropatico
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  pallapippo il Mar Dic 30, 2008 7:24 pm

@b.olivaw ha scritto:Embarassed non sono certo un guru! comunque aprirò un 3D a parte... a patto che tu poi ci posti la tua esperienza con la tua Akg!
Ok
avatar
pallapippo
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 5076
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; dac: Geek Out 450;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.

Cuffia: Akg K270, pilotata da equalizzatore JVC Sea-10 ed ampli "CMoy by Biosciencegeek" (TLE2062);

cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor"; artigianali assemblati con RG58;
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.
distr. di rete: by bobby052cavihifi.


Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Maverick il Ven Gen 23, 2009 4:21 pm

Sono nuovissimo, sia in questo forum che in questo mondo in generale

questa premessa per dire che vi ringrazio molto per queste discussioni di altissimo livello, che spero possano colmare presto il mio altrettanto alto tasso di niubbismo

molti termini e concetti non li comprendo, o al limite solo velatamente, vi vorrebbero dei tutorials per gradi Embarassed

grazie ancora

P.S= passo a leggere la II parte Wink
avatar
Maverick
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 21.01.09
Numero di messaggi : 174
Località : Vicenza
Impianto : under costruction

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Andrea Gianelli il Ven Gen 23, 2009 5:03 pm

@Maverick ha scritto:Sono nuovissimo, sia in questo forum che in questo mondo in generale

questa premessa per dire che vi ringrazio molto per queste discussioni di altissimo livello, che spero possano colmare presto il mio altrettanto alto tasso di niubbismo

molti termini e concetti non li comprendo, o al limite solo velatamente, vi vorrebbero dei tutorials per gradi Embarassed

grazie ancora

P.S= passo a leggere la II parte Wink
Hello Benvenuto, sia qui sia al meeting del 21 febbraio (http://www.tforumhifi.com/hifi-in-generale-f9/meeting-da-me-t1645.htm): possiamo contare sulla tua presenza?
Tornando allo specifico argomento, come vedrai dalla seconda parte, le Indiana Line sono casse di qualità, che adottano componenti di buon livello: non a caso anche i woofer montati nei diffusori in firma sono Indiana Line. Oggi IL si occupa solo di diffusori finiti: la produzione dei trasduttori è interamente a marchio Coral. Volendo migliorare ulteriormente, puoi stare su Morel (vedi www.s3shop.it). Tuttavia, come sempre accade nell'autocostruzione, sono necessarie abilità e macchinari. Inoltre rimane il problema del filtro, difficile da progettare bene.
Proprio tutto ciò mi ha spinto a dedicare un argomento a diffusori finiti dall'eccellente rapporto qualità/prezzo.
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Maverick il Ven Gen 23, 2009 7:44 pm

Purtroppo quel weekend penso di essere in montagna se tutto va bene... anche se mi sarebbe piaciuto molto, soprattutto per imparare qualcosa riguardo tutti i parametri che identificano il suono (profondità, dinamica, estensione, coerenza, precisione, ecc.) tutti concetti a me estrusi....

oltre ai diffusori da abbinare al Trends TA 10.1, il quale finirà nella mia camera (4.1 x 4.6 metri) devo acquistarne un altro paio destinati ai canali surround dell'HT in salotto

budget per entrambi max 200 euro, per questo ho letto con interesse il dibattito tra te e il Mulo sul discorso completezza vs definizione

anche se come ho appena detto sopra, questi concetti non ho ben presente cosa significhino

in altri lidi (leggi AVMagazine e AFDigitale) mi hanno consigliato le HC205 come surround sostenendo che le 206 sarebbero sprecate per la tipologia di suono che generalmente viene affidato a questi canali...

però magari è meglio che aprà un 3D specifico che dici? Oki
avatar
Maverick
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 21.01.09
Numero di messaggi : 174
Località : Vicenza
Impianto : under costruction

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  IcuZ il Ven Gen 23, 2009 9:15 pm

Direi che gia le hc 205 vanno oltre il necessario Very Happy i canali surround servono solo a creare "ambiente" ma l'importante è avere ottimi frontali Oki poi se ami l'home theater aggiungi un buon centrale........ma i surround tienili come anello meno importante della catena.

ps. MAGNAGATTI !!!! lol!
avatar
IcuZ
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 06.01.09
Numero di messaggi : 631
Località : Vicenza
Occupazione/Hobby : Assistenza tecnica caldaie-clima/Informatica-elettronica
Provincia (Città) : Meteoropatico
Impianto :
•Gainclone NOVA
•Philips Dvp 3264 Mod
•Tesi 504 black
•Cavi artigianali

Tornare in alto Andare in basso

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum