T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio
Ti piace il nuovo stile del T-Forum?
Sì, meglio questo nuovo
47% / 36
No, era meglio quello vecchio
53% / 40
Ultimi argomenti
DAC o CDOggi alle 1:40Calbas
ALIENTEK D8Oggi alle 1:21GP9
HelP! DAC!Oggi alle 0:07RAMONE67
POPU VENUS Ieri alle 7:23gigetto
Vendo cavo HDMI G&BLMar 28 Mar 2017 - 23:03wolfman
I postatori più attivi della settimana
22 Messaggi - 21%
14 Messaggi - 13%
12 Messaggi - 11%
12 Messaggi - 11%
10 Messaggi - 10%
8 Messaggi - 8%
8 Messaggi - 8%
7 Messaggi - 7%
6 Messaggi - 6%
6 Messaggi - 6%
I postatori più attivi del mese
295 Messaggi - 22%
265 Messaggi - 20%
145 Messaggi - 11%
142 Messaggi - 11%
116 Messaggi - 9%
92 Messaggi - 7%
85 Messaggi - 6%
73 Messaggi - 5%
68 Messaggi - 5%
67 Messaggi - 5%
Migliori postatori
Stentor (20392)
20392 Messaggi - 15%
DACCLOR65 (19630)
19630 Messaggi - 15%
schwantz34 (15499)
15499 Messaggi - 12%
Silver Black (15440)
15440 Messaggi - 11%
nd1967 (12803)
12803 Messaggi - 10%
flovato (12509)
12509 Messaggi - 9%
10260 Messaggi - 8%
piero7 (9854)
9854 Messaggi - 7%
wasky (9229)
9229 Messaggi - 7%
fritznet (8857)
8857 Messaggi - 7%
Chi è in linea
In totale ci sono 45 utenti in linea :: 3 Registrati, 1 Nascosto e 41 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Aunktintaun, puglies, Zio

Vedere la lista completa

Flusso RSS

Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Lun 22 Dic 2008 - 22:25
Quanto segue (e, per ragioni di spazio, seguira nella seconda parte) è stato volutamente salvato dal vecchio sito della Alcor, prima del passaggio di consegna alla Coral.
Non si tratta di opinioni (che non intendo assolutamente inserire in tale sede) ma di fatti, come tali oggettivi e incontrovertibili.

La mission
Fin dai primi anni '70, da quando si è affacciata sui mercati dell'alta fedeltà, INDIANA LINE è rimasta fedele al pensiero che la musica sia un valore comune a tutti gli uomini, a qualunque livello di classe e di cultura essi appartengano.
A questo pensiero risponde il progetto e la realizzazione dei diffusori INDIANA LINE: qualità globale ed autentici, reali contenuti, forme sobrie e razionali, prezzo equilibrato e largamente accessibile.
Sempre aperta all'innovazione, tra i primi INDIANA LINE ha raccolto l'esperienza dei pionieri americani, dato un impulso decisivo ai minidiffusori, utilizzato in modo originale la filosofia del bass-reflex, computerizzato il progetto, in ciò fertile di creatività fino ai tempi più recenti: il doppio carico reflex in serie, la tecnica del doppio carico asimmetrico a vista.
L'ascoltatore, anche il più esigente, trova con INDIANA LINE un diffusore di grande dignità e spessore tecnologico, assistito con attenzione e professionalità.
Al servizio post vendita viene dedicata una cura particolare, come ad un particolare dovere: ogni diffusore INDIANA LINE ingloba nel suo valore e lo esalta, una assistenza precisa, veloce e pressochè senza limiti, affidata unicamente agli specialisti della casa.
avatar
Michele
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 08.02.08
Numero di messaggi : 560
Località : Roma
Provincia (Città) : Roma
Impianto : Amp: Naim 140 + Naim 62; Casse: Aliante One SW Pininfarina; Sorg: Revox b226, PopPulse 707 modificato, Ariston RD80 con Grado gold. Ex T-ampista: senza rinnegare nulla ;-)

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mar 23 Dic 2008 - 2:12
Questo è il segno di un vero grande amore!!! Wink

Ciao Michele
Ospite
Ospite

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mar 23 Dic 2008 - 16:32
Credo siano molto onesti, nel dire "un diffusore di grande dignità".
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mar 23 Dic 2008 - 22:57
@Michele ha scritto:Questo è il segno di un vero grande amore!!! Wink

Ciao Michele
Hello Sì, caro Michele, confermo: è il segno di un grande amore, sia per la musica che per la tecnica/tecnologia, ed io, dopo essere diventato cliente (2002), ho avuto la grande opportunità di conoscere personalmente l'iniziatore e (sino a poco tempo fa) il protagonista di questa straordinaria avventura: si tratta di Renato Fornasieri (http://it.wikipedia.org/wiki/Renato_Fornasieri), che nell'aprile del 2004 mi ha ospitato per una mezza giornata nel laboratorio della Alcor (il suo laboratorio, il "pensatoio" come lui amava definirlo, in cui già all'epoca aveva trascorso quasi quarant'anni della sua vita), spiegandomi molte cose in aggiunta alle moltissime informazioni via e-mail.
Dietro ad un buon lavoro ci sono quasi sempre persone di grande valore, sia professionale che umano (i due aspetti sono a mio avviso inscindibili) e, quando il risultato del buon lavoro porta a prodotti largamente accessibili, beh, allora quanto sopra diventa una certezza. Wink


Ultima modifica di Andrea Gianelli il Mar 23 Dic 2008 - 23:04, modificato 1 volta
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mar 23 Dic 2008 - 23:02
@Mulo ha scritto:Credo siano molto onesti, nel dire "un diffusore di grande dignità".
Già, lasciando poi che siano i clienti ad "approssimare il giudizio per eccesso"... Wink
Esattamente l'opposto di quel che accade con molti altri prodotti, ultrapubblicizzati e venduti a prezzi folli, che, anche quando palesemente schifosi, ti vengono presentati come il meglio in assoluto che puoi trovare sul mercato. Suspect
Ospite
Ospite

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mar 23 Dic 2008 - 23:15
Bè, questo è un po' un esasperare i termini del discorso. Certo che si vede di tutto, ma d'altra parte c'è una moltitudine di costruttori di diffusori in giro.

Io considero le Indiana Line un'ottima scelta per il loro rispettivo prezzo, ma a prezzi doppi inizierei certamente a guardare altrove (soprattutto verso nord-nord-ovest Very Happy ).
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 0:01
Perchè rispondete tutti alla prima parte?
La seconda è molto più importante... Wink
Ospite
Ospite

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 9:13
Sì però quella tecnologia lì oggi ce l'hanno tutti. Mmm
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 10:44
@Mulo ha scritto:Sì però quella tecnologia lì oggi ce l'hanno tutti. Mmm
ASSOLUTAMENTE NO!!!
Dai un'occhiata ai soli magneti (elemento IMPORTANTISSIMO!) impiegati dalla maggioranza dei costruttori (inclusi coloro che vendono casse a prezzi stratosferici) e poi (ma solo POI) dimmi quanti ricorrono ad un secondo magnete in controfase al primo, che, oltre a fungere da schermatura, riduce il flusso magnetico disperso aumentando la potenza del campo magnetico stesso.
Seconda cosa: le tecnologie adottate nella serie HC (a mio avviso la migliore per quanto riguarda i trasduttori), come i tweeter con camera di risonanza e i woofer progettati per migliorare la dispersione alle medie frequenze.
Terzo aspetto: quanto sopra si sente, eccome se si sente... Da un confronto diretto con diffusori concorrenti (anche ben più cari), le HC-205 hanno mostrato una pulizia, una dinamica ed una coesione eccezionali per il prezzo e buone in senso assoluto, tanto che sarebbe a mio avviso interessante poter confrontare direttamente questo modello e il più grande HC-206 con le Sonus Faber Concertino e Concerto (1^ serie).
Prendetemi pure per folle, ma ritengo doveroso oltre che onesto dire tutto ciò, a fronte di riviste che premiano le più costose Arbour o le nuove Tesi, che a mio avviso rappresentano un netto peggioramento rispetto alle HC sopra citate.
Ospite
Ospite

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 11:11
Ma perchè le nuove Tesi dovrebbero essere un netto peggioramento rispetto alla serie HC? Quando gli altoparlanti sono sviluppati proprio da quelli di quella serie? Vuoi che siano regrediti?


Comunque il secondo magnete incollato sul primo per aumentare il campo magnetico, c'era anche nelle mie vecchie Tannoy a base trapezioidale (non ne ricordo più il nome), che avevano woofer in polipropilene iniettato a spessore variabile (come le attuali IL) e tweeter in alluminio molto bensuonante.

Secondo, i tweeter con camera di risonanza sono storia vecchia negli altoparlanti di un certo livello, con il tempo divenuta sempre più "popolare". Ce l'hanno anche i tweeter delle Tesi in casa IL; e poi quelli delle Jamo serie C400, o quelli delle Audio Pro serie Level, o...


A me sembra un po' il contrario di quel che dici tu - cioè che sia Indiana Line / Arbour ad essersi ultimamente allineata ai costruttori più "evoluti" del panorama europeo, non il contrario. Penso anche ai mei vecchi bookshelf serie Arbour. Cosa assolutamente apprezzabile, certo, specialmente visti i prezzi di listino IL (serie Arbour a parte). Ma è un po' distante dalla tua idea che IL sia l'attuale avanguardia della progettazione dei diffusori medio-economici...
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 11:35
@Mulo ha scritto:Ma perchè le nuove Tesi dovrebbero essere un netto peggioramento rispetto alla serie HC? Quando gli altoparlanti sono sviluppati proprio da quelli di quella serie? Vuoi che siano regrediti?
Le HC da ripiano suonano meglio...
@Mulo ha scritto:Comunque il secondo magnete incollato sul primo per aumentare il campo magnetico, c'era anche nelle mie vecchie Tannoy a base trapezioidale (non ne ricordo più il nome), che avevano woofer in polipropilene iniettato a spessore variabile (come le attuali IL) e tweeter in alluminio molto bensuonante.
Verissimo, ma la mie domande sono: 1) in quanti ce l'hanno? 2) A quale costo?
@Mulo ha scritto:Secondo, i tweeter con camera di risonanza sono storia vecchia negli altoparlanti di un certo livello, con il tempo divenuta sempre più "popolare". Ce l'hanno anche i tweeter delle Tesi in casa IL; e poi quelli delle Jamo serie C400, o quelli delle Audio Pro serie Level, o...
Giusto farlo presente: si tratta evidentemente di costruttori attenti, sia alla qualità che al prezzo. Wink
@Mulo ha scritto:A me sembra un po' il contrario di quel che dici tu - cioè che sia Indiana Line / Arbour ad essersi ultimamente allineata ai costruttori più "evoluti" del panorama europeo, non il contrario. Penso anche ai mei vecchi bookshelf serie Arbour. Cosa assolutamente apprezzabile, certo, specialmente visti i prezzi di listino IL (serie Arbour a parte). Ma è un po' distante dalla tua idea che IL sia l'attuale avanguardia della progettazione dei diffusori medio-economici...
Mmm Alcune precisazioni: le Arbour suonano bene, ma usano woofer troppo piccoli (non c'è alcun modello che impieghi un trasduttore da 16-18 cm) per avere la completezza (estensione, dinamica e assenza di distorsione) che serve. Stesso discorso per le Tesi, che però (a mio avviso e secondo il parere dei molti amici che le hanno ascoltate al Top Audio di Milano) non suonano altrettanto bene...
Infine, non voglio dire che IL sia all'avanguardia (riferimento assoluto in fatto di qualità) ma che offra il miglior rapporto qualità/prezzo questo sì!
Nano, HC-204, 205 e 206 sono i modelli in assoluto più rappresentativi di questa filosofia.
Ospite
Ospite

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 11:42
Le Tesi a Milano, ho letto avessero una scena sonora un po' costretta fra i 2 diffusori. Sai che dramma...

Io sono tipo da diffusori "monitor"; mi interessa molto più l'accuratezza di risposta in frequenza, ai transienti, e timbrica, in due parole la naturalezza e la trasparenza, che non la scena sonora "larga & profonda & olografica" o i bassi "da colpo nello stomaco", che giudico un po' frivolezze, anche se è un giudizio evidentemente dipendente dai miei gusti musicali. Forse, chissà, le Tesi sono diffusori più da musica acustica propriamente-detta, che da classica.
avatar
rattaman
Falegname HiFi specializzato
Falegname HiFi specializzato
Data d'iscrizione : 27.08.08
Numero di messaggi : 5132
Località : San Giorgio a Cremano (Na)
Occupazione/Hobby : DISOCCUPATO
Provincia (Città) : PESSIMISTA FINO AL MIDOLLO
Impianto :
Spoiler:
Lettore CD :Marantz CD67 special edition.
Amplificatore: Cambridge Audio Azur 640A .

Diffusori: PSB alpha B1.
Stand: Autocostruiti.[/b]
Mie Realizzazioni:



Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 12:13
Il bello è proprio questo ogni persona a gusti differenti Very Happy e cerca in un diffusore pappa per le sue orecchie....Andrea sta solo spiegando come le Indiana Line offrono un buon prodotto ad un prezzo alla portata di tutti.....questo non vuol dire che altri non lo facciano Wink ......Ma cosa molto importante perchè non prendiamo spunto da molti paesi ,America tra tutte, di portare avanti i prodotti di casa propria!!!! quindi viva il Made in Italy!!!!( a parità di prezzo) Laughing Laughing .
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 12:26
@rattaman ha scritto:Il bello è proprio questo ogni persona a gusti differenti Very Happy e cerca in un diffusore pappa per le sue orecchie....Andrea sta solo spiegando come le Indiana Line offrono un buon prodotto ad un prezzo alla portata di tutti.....questo non vuol dire che altri non lo facciano Wink ......Ma cosa molto importante perchè non prendiamo spunto da molti paesi ,America tra tutte, di portare avanti i prodotti di casa propria!!!! quindi viva il Made in Italy!!!!( a parità di prezzo) Laughing Laughing .
Hello Caro Gennaro, hai proprio centrato il problema: io non cerco una cosa o l'altra, ma TUTTO!!! Piuttosto "mi accontento" di una qualità buona in tutti gli aspetti, anzichè l'eccellenza su taluni "parametri" a scapito di altri... Inoltre, è bene ribadirlo, chi ha avuto modo di ascoltare il mio impianto con la giusta attenzione, ha trovato le TH-370 MOLTO più musicali dei diffusori di attuale produzione, il tutto ovviamente con i propri cd (anche di generi molto diversi da quelli che io sono solito ascoltare).
Un'occasione anche per sfatare il luogo comune: "adatto a quel genere ma non al tal altro"... un buon diffusore, se davvero tale, DEVE riprodurre BENE TUTTA la musica (sono contemplate le preferenze, ma in hi-fi non sono accettabili particolari carenze).
Ospite
Ospite

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 13:25
Andrea, ho paura che sia tu a non aver centrato in pieno il senso del discorso di Gennaro.


Il tuo discorso è contraddittorio: dici che cerchi TUTTO, e poi ti accontenti delle Indiana Line serie HC. Per carità, chi si accontenta gode.


Ma vabbè, non formalizziamoci troppo; nella sostanza mi sembra siamo tutti d'accordo.

Quanto a me, mi accontento piuttosto delle mie Polk serie Montior, che mi sembrano avere tutto quello che tu dici a proposito delle Indiana Line HC; rapportato alla mia personalità & sensibilità particolari. Quindi non TUTTO, ma tutto quello che interessa a me.
Ospite
Ospite

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 18:06
@Andrea Gianelli ha scritto:un buon diffusore, se davvero tale, DEVE riprodurre BENE TUTTA la musica (sono contemplate le preferenze, ma in hi-fi non sono accettabili particolari carenze).
Certo che sì, ma cos'è "bene" per te? A quanto pare, qualcosa di diverso da ciò che è per me. Io anche ascoltassi classica, sospetto che l'ascolterei tranquillamente con dei bookshelf... E quando volessi anche togliermi lo sfizio di sentire TUTTO da 20 Hz a 20 KHz, allora mi metterei le cuffie. Wink


Ultima modifica di Mulo il Mer 24 Dic 2008 - 18:12, modificato 2 volte
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 18:10
@Mulo ha scritto:Andrea, ho paura che sia tu a non aver centrato in pieno il senso del discorso di Gennaro.
Il tuo discorso è contraddittorio: dici che cerchi TUTTO, e poi ti accontenti delle Indiana Line serie HC. Per carità, chi si accontenta gode.
Ma vabbè, non formalizziamoci troppo; nella sostanza mi sembra siamo tutti d'accordo.
Quanto a me, mi accontento piuttosto delle mie Polk serie Montior, che mi sembrano avere tutto quello che tu dici a proposito delle Indiana Line HC; rapportato alla mia personalità & sensibilità particolari. Quindi non TUTTO, ma tutto quello che interessa a me.
Hello Considerazioni condivisibili: il mio discorso si riferiva al miglior compromesso tra definizione e completezza, riununciando magari ad un'impeccabile qualità nella prima, ma garantendo buoni risultati in entrambe... Il tutto si riferisce dunque ad un diffusore completo e adatto a qualsiasi genere musicale.


La sostanza non cambia: è vero al punto che io potrei scoprire che le Polk non mancano di estensione e tu, parimenti, apprezzare il dettaglio delle IL HC. Wink


Colgo l'occasione per augurarti un sereno Natale!
Ospite
Ospite

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 18:16
Considerazioni comprensibili, le tue.


Io continuo a pensare che un buon minidiffusore sia in effetti adatto a qualsiasi genere musicale (per chi non pretende volumi da concerto); il problema è piuttosto come costringermi ad ascoltare, che so... musica classica, metal o dance. Laughing


Anch'io cerco definizione e completezza nel giusto equilibrio (solo che io rinuncerei piuttosto ad un'impeccabile qualità della seconda); unite a coerenza. Esigenze che finora hanno ben soddisfatto i minidiffusori.



Ti ricambio gli auguri di buon natale!


Ultima modifica di Mulo il Mer 24 Dic 2008 - 18:21, modificato 1 volta
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 18:21
@Mulo ha scritto:Io anche ascoltassi classica, sospetto che l'ascolterei tranquillamente con dei bookshelf... E quando poi voglio togliermi lo sfizio di sentire TUTTO da 20 Hz a 20 KHz, allora mi metto le cuffie. Wink
Dipende: 1) se i bookshelf sono ben progettati, di buon litraggio e con woofer del giusto diametro, potresti accorgerti che vanno molto meglio di tante torri lunghe e strette, magari con due woofer ma sicuramente di diametro inadeguato... 2) la gamma di frequenze da te indicata è quella che il nostro orecchio (sano e perfetto) può percepire (ma con notevole attenuazione agli estremi...), mentre in musica la gamma di frequenze utili va da 40 Hz a 15 KHz (salendo a 20 KHz, cosa ormai possibile con qualunque diffusore hi-fi, non si avrà alcun limite nella resa dei più piccoli dettagli, come ad esempio l'ambiente, con tutti quei rumori di sottofondo che rendono la musica lì di fronte a noi).
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 18:30
@Mulo ha scritto:Considerazioni comprensibili, le tue.
Io continuo a pensare che un buon minidiffusore sia in effetti adatto a qualsiasi genere musicale (per chi non pretende volumi da concerto); il problema è piuttosto come costringermi ad ascoltare, che so... musica classica, metal o dance. Laughing
Anch'io cerco definizione e completezza nel giusto equilibrio (solo che io rinuncerei piuttosto ad un'impeccabile qualità della seconda); unite a coerenza. Esigenze che finora hanno ben soddisfatto i minidiffusori.
Ti ricambio gli auguri di buon natale!
Oki Che tempismo: la risposta che ti ho appena mandato è proprio l'ulteriore conferma di tutto questo. Infatti un minidiffusore riproduce l'intera gamma di frequenze con un'attenuazione infinitamente minore di quella del miglior orecchio umano (perfettamente sano e "teoricamente perfetto"): l'esigenza di cabinet più grandi e woofer di diametro maggiore nasce esclusivamente dalla necessità di sonorizzare in modo adeguato sale di grandi dimensioni...tutto qui! Wink
Ancora auguri! Hello
PS: evidentemente il suono ottenibile con piccoli diffusori (di qualità) in piccoli ambienti (e dunque ascoltati a distanza adeguata alla loro capacità di emissione) si avvicina molto alla modalità percettiva del nostro orecchio, in parte ricalcandola e in parte compensandola ad hoc!
Laughing
Ospite
Ospite

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 20:17
Appunto! Ora è tutto chiaro a tutti. Laughing




Auguri ancora!
avatar
NadEos
Interessato
Interessato
Data d'iscrizione : 16.12.08
Numero di messaggi : 92
Località : milano
Provincia (Città) : milano
Impianto : sorgente Pc e Lettore Cd Philips CD740, lettore Cd Cambridge Audio 540 v2 - Ampli PopPulse T2070 - diffusori Linn Kan - cavi potenza autocostruiti su base Tnt Star - cavo segnale autocostruito Tnt shield con Van Den Hul D102MkIII

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Mer 24 Dic 2008 - 20:39


BECCATEVI QUESTO REGALINO ! Cool

il crossover delle indiana line 5.04... penso che vi i nteressi ............
Ospite
Ospite

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Gio 25 Dic 2008 - 9:24
Grazie della foto... vivacizza un po' l'atmosfera. Razz


Però l'avevo già visto quel crossover, in una prova su Audioreview. Not quite audiophile grade perhaps, ma dignitoso. Mi piacerebbe vedere quello delle mie Polk, ma con loro non me la sento di fare il chirurgo.
avatar
Andrea Gianelli
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 2608
Località : S. Pietro all'Olmo
Occupazione/Hobby : Consulente
Provincia (Città) : Milano
Impianto : Lettore Philips CD460, amplificatore "BeoAffordable" (con modulo Bang&Olufsen ICEpower 50ASX2 e pre phono/linea integrati by Camillo Gianelli), diffusori a sospensione pneumatica Boston Acoustics T-930 "improved" con woofer Indiana Line W20.

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Gio 25 Dic 2008 - 11:29
@Mulo ha scritto:Grazie della foto... vivacizza un po' l'atmosfera. Razz


Però l'avevo già visto quel crossover, in una prova su Audioreview. Not quite audiophile grade perhaps, ma dignitoso. Mi piacerebbe vedere quello delle mie Polk, ma con loro non me la sento di fare il chirurgo.
Hello Pienamente d'accordo con te: il già citato Ing. Fornasieri è sempre stato celebre proprio per i suoi filtri, perfetti nella loro semplicità... Pensa che ha sempre adottato (volutamente) cross-over da 6 dB/oct. ottimamente progettati (il segreto, come avviene per i migliori chef, non è mai stato rivelato) per ridurre al minimo le rotazioni di fase ed evitare che l'impedenza minima dei suoi diffusori potesse scendere a valori troppo bassi (come ad esempio accade con B&W o Chario, che presentano impedenze minime che possono arrivare anche a 1,5 ohm!). Proprio per questo le Indiana Line suonano bene con qualunque buon amplificatore. Wink
Aggiungo anche che lo stesso Fornasieri, come sfida professionale, amava circondarsi di diffusori mal suonanti della concorrenza, ai quali sostiuiva i filtri con quelli da lui progettati e, sorpresa sorpresa, questi iniziavano a suonare bene: l'ho sperimentato personalmente in occasione della visita al "pensatoio" (storico laboratorio della Alcor), nel quale, oltre a gran parte dell'allora attuale produzione IL, erano presenti scadenti ed economici diffusori da incasso a cui il buon Renato aveva opportunamente sostituito i cross-over, con altri ben più idonei allo scopo...
PS: con il passaggio di consegne da Alcor a Coral, i mitici filtri 6 dB/oct. sono stati sostiuiti da nuovi 12 dB/oct., salvo rare eccezioni, come le piccole Nano, che a mio avviso sono le più coese ed equilibrate (per un piccolo ambiente non avrei alcun dubbio: sono casse eccellenti e chi si è fidato del mio suggerimento può confermarlo).
Ospite
Ospite

Re: Cosa c'è nelle nostre Indiana Line? Prima parte

il Gio 25 Dic 2008 - 11:44
Purtroppo però alle Arbour da scaffale con i 2 woofer (5.0?) mancava coerenza e trasparenza; certo i bassi erano cospicui Very Happy


A me B&W e Chario non piacciono, specialmente le seconde. Anche se devo ammettere che le DM686, se solo costassero meno...


Un marchio inglese a cui sono rimasto affezionato è Epos. Notevoli e sensibly priced. Le ES-12 sono state il mio primo diffusore audiophile; poi ho provato a cambiarle colle Sonus Faber Minima, che me le hanno fatte rimpiangere.
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum