T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» Vostre esperienze di inversione di polarità
Oggi alle 2:48 Da Kha-Jinn

» Cavi per questo sistema
Oggi alle 1:16 Da MaxBal

» Chromecast Audio - Vostre opinioni ed esperienze
Oggi alle 0:09 Da GP9

» Topic'it, nuova applicazione mobile per il T-Forum
Ieri alle 23:37 Da uncletoma

» Cavo I2S
Ieri alle 23:37 Da giucam61

» [RM] Pre phono - Cambridge Audio 651P
Ieri alle 22:48 Da diechirico

» [RM] Amplificatore Cambridge Audio Azur 640A V2.0
Ieri alle 22:47 Da diechirico

» Diffusore triste, voglio provare
Ieri alle 22:03 Da nicola.corro

» "Soundbreaking", una serie di documentari che mi entusiasma
Ieri alle 21:34 Da smorelli

» player di rete denon o marantz , ne vale la pena?
Ieri alle 21:13 Da smorelli

» DAC per Raspberry
Ieri alle 20:19 Da gabri65

» Nuovo Douk Dac
Ieri alle 19:17 Da MaurArte

» Audio pessimo su giradischi GBC TDJ-101
Ieri alle 18:12 Da p.cristallini

» Radio Internet
Ieri alle 17:56 Da p.cristallini

» FX 802 vs Bantam Monoblock vs Nad 325BEE
Ieri alle 14:56 Da magistercylindrus

» Mission LX-2
Ieri alle 14:45 Da lello64

» Dubbi su Bluetooth
Ieri alle 12:12 Da clipper

» Consiglio gruppi power metal
Ieri alle 12:00 Da Luca Marchetti

» [Vendo] Nad C316BEE €210
Ieri alle 11:53 Da ghiglie

» Minidisc & Batteria
Ieri alle 9:36 Da ftalien77

» (TE) Vendo cuffia HiFiMan HE560
Ieri alle 9:13 Da 55dsl

» Vu meter audio
Ieri alle 9:05 Da clipper

» Giradischi project essential II
Ieri alle 8:57 Da Riccardo.Val

» [PA] Vendo Giradischi Project genie rpm 1.3
Ieri alle 3:37 Da mastri81

» [PA] Vendo Amplificatore Harman Kardon HK680
Ieri alle 3:26 Da mastri81

» Continuo con il Rasp o lascio perdere?
Mar 17 Ott 2017 - 20:51 Da gabri65

» Sorgente in sostituzione del Raspberry+Hifiberry
Mar 17 Ott 2017 - 20:36 Da gabri65

» Emu 1212m pci ex
Mar 17 Ott 2017 - 17:42 Da franz 01

» Am Audio A5 850 euro
Mar 17 Ott 2017 - 17:41 Da franz 01

» Sony uhp h1
Mar 17 Ott 2017 - 17:11 Da Luca Marchetti

Statistiche
Abbiamo 11085 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Davide_S.

I nostri membri hanno inviato un totale di 797431 messaggi in 51704 argomenti
I postatori più attivi della settimana
giucam61
 
Masterix
 
ftalien77
 
nicola.corro
 
clipper
 
lello64
 
Kha-Jinn
 
gabri65
 
GP9
 
Pinve
 

I postatori più attivi del mese
lello64
 
giucam61
 
nerone
 
dinamanu
 
ftalien77
 
Masterix
 
Kha-Jinn
 
Albert^ONE
 
kalium
 
erduca
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15532)
 
Silver Black (15481)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9196)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 44 utenti in linea: 2 Registrati, 0 Nascosti e 42 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

nerone, ross71

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


il GIRAGIRA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

il GIRAGIRA

Messaggio  nd1967 il Dom 30 Gen 2011 - 15:20

Ecco a voi un lavoretto interessante per iniziare a divertirsi con l'analogico (grazie a questa discussione
http://www.tforumhifi.com/t13951p45-new-entry-nell-analogico
)

Era in una pagina su Geocities che per fortuna hanno salvato (visto che Geocities non esiste più). Qui il link:

http://replay.waybackmachine.org/20091027004323/http://it.geocities.com/antonellosanti/Giragira.htm

Lo riporto integralmente qui per "salvarlo"

---------------------

GIRAGIRA


Introduzione

Difficile resistere alla tentazione del vinile, anche se l’uso che ne faccio è comunque limitato ai pochi dischi in mio possesso. Preso da mania costruttiva, una malattia per la quale non esiste cura, ho deciso di cimentarmi nella realizzazione di un giradischi. L’idea era quella di realizzare qualcosa di compatto, a telaio rigido, sufficientemente refrattario alle vibrazioni e esteticamente presentabile. Così è nato questo giradischi, dalla forma ormai piuttosto comune anche se lontana dalla più classica forma rettangolare.

Il progetto

Per limitare i danni e spese di un progetto dubbio, dovuto anche alla scarsa esperienza nel settore, sono partito da un modello della Telefunken, un “plasticone” comprato usato a 5 euro del quale non ho voluto fare neppure la foto. Verificato che il motore funzionasse, ed il piatto non presentasse giochi, ho smontato tutto, buttando via tutto ciò che era di poco interesse, (tipo avvio automatico e ritorno a fine corsa) e preso le misure per ricalcare le 2 distanze che mi interessavano: quella tra perno del piatto e rispettivamente il perno del motore ed il perno del braccio.
Ho tenuto tutto ciò che mi pareva valido: il motore, il perno del piatto, il piatto stesso, anche se di alluminio piuttosto fine e risonante e 3 piedini di supporto.
Per la base, l’idea era quella di dare una forma che limitasse l’ingombro a poco più del necessario, da qui il disegno di una struttura (simile a quella di alcuni giradischi pro-ject) a cilindro allungato, in modo da sostenere il braccio:


Per facilità di realizzazione, lo spessore (8 centimetri circa) doveva essere ottenuto tramite l’incollaggio di più fogli di spessore di 2 cm; questo per semplificare la realizzazione dei vani per il perno, motore e supporto del braccio.
La scelta del materiale era tra Mdf e multistrato: il primo garantiva una massa eccezionale, il secondo una rigidità ed estetica notevoli. Alla fine ho optato per 3 strati di l’Okumè da 2,5cm, Con un peso risultante non elevato, minore dell’Mdf, ben sapendo che ci sarebbe stato da lavorare un pò di più su piedini e supporti.

Il seguito è stato relativamente semplice: dopo aver disegnato i punti in cui mettere perni e motore, ho fatto i fori e gli alloggiamenti sulle 3 assi di Okumè. Sul pannello più in alto ho dovuto fare delle fresature per l’alloggiamento del motore, calcolando la profondità in funzione della lunghezza del perno del motore stesso in funzione dell’altezza del piatto. Sulle assi sottostanti invece ho praticato le aperture necessarie con il seghetto (non appena ho una foto del sotto scocca la aggiungo).

Dopo aver fatto le predisposizioni, ho provveduto a disegnare la forma esterna per poi provvedere al taglio con il seghetto alternativo. Consiglio di fare questa operazione dopo aver fatto le varie predisposizioni per non trovarsi a non avere lo spazio necessario per la predisposizione, ad esempio, del motore.
Consiglio vivamente di incidere con un cutter il multistrato lungo la linea di taglio: questo perché tagliando con il seghetto in direzione perpendicolare al legno si tende a frastagliare il primo foglio del multistrato, guarda caso quello più a vista. Incidendolo leggermente invece si ottiene un taglio più netto e preciso.


Una volta tagliate le assi, con una forma quanto più vicina possibile a quella finale, ho incollato il tutto (aiutandomi con 2 viti inserite dal fondo in modo da tener ferme le 3 assi) e cominciato la certosina operazione di levigatura e stondatura. Fissato il blocco al banco, per aver la massima stabilità, sono partito utilizzando carta grana 50 con la levigatrice orbitale stondando e lisciando tutti i vari difetti, scalini ed incoerenze dei 3 piani; successivamente lo stesso procedimento ho ripassato con grane sempre più fini.

Per ovviare a qualche sbeccatura dell’Okumè ho fatto una leggera fresatura a 45° nei punti non coperti dal piatto. Il risultato, anche se ovviamente non certo paragonabile a quello ottenibile industrialmente, mi ha lasciato molto soddisfatto. Alla fine come finitura ho optato per una passata di olio paglierino, per evidenziare le venature dell’Okumè, anche se ovviamente come finitura non è tra le più protettive. Un’alternativa potrebbe essere quella di verniciare il tutto con trasparente opaca, per avere un risultato stabile nel tempo.

Il montaggio del perno e del motore non ha creato avuto grosse complicazioni, tranne alcuni riadattamenti su fori e predisposizioni in corso d’opera; il motore è stato fissato tramite l’interposizione dei gommini originali, lasciando per un futuro upgrade un montaggio più raffinato. Per il braccio c’è stato da lavorare di più: recuperato un braccio usato su Ebay, headshell compresa, in sostituzione dell’originale che presentava parecchio gioco e alcune parti in plastica, ho costruito una piastrina in alluminio da utilizzare come supporto. Visto che c’ero ho dato una forma in sintonia con quella della base, avvitandolo con 3 viti alla base e altre 3 al braccio, con un risultato stabile e sicuro.








Una volta montato il tutto ho provveduto ai collegamenti: sia il cavo di alimentazione che il cavo di segnale sono direttamente saldati sfruttando i terminali di ancoraggio ripresi dal giradischi originale; non sono previste prese di sorta per ridurre il numero dei collegamenti. Durante il montaggio dei cavi ho provveduto a montare i 3 piedini ripresi dal giradischi originale, consistenti in coni in gomma vuoti, fissati tramite 3 viti. Grazie al peso maggiore del giradischi rispetto all’originale ed alla relativa morbidezza della gomma funzionano piuttosto bene smorzando le vibrazioni provenienti dal piano di appoggio.






Arrivati al fatidico momento della prova, ho montato una puntina Audio Techinca e dato il via, collegando il giradischi all’ingresso Phono dell’ampli. Il risultato è piacevole, il ronzio è limitato e udibile solo mettendo a zero il volume, ma comunque presente, dovuto a qualche vibrazione di troppo del motore. In realtà, una volta schermato leggermente la giunzione tra cavi del braccio e cavi schermati il ronzio non è praticamente più avvertibile dai diffusori ma solo in vicinanza del motore.
La timbrica, dopo aver tarato contrappeso e antiskating, è piuttosto equilibrata, con una certa asprezza alle alte, probabilmente dovuta al piatto in alluminio tendente alla risonanza, però il suno è “sano”, l’immagine buona e discretamente ampia. La dinamica, nei pochi dischi che ho anche in versione cd, non soffre di complessi di inferiorità, anzi in un caso L’Lp si fa decisamente preferire, ma a causa di una registrazione di scarsa qualità del cd (benché originale, si tratta di un concerto dal vivo dei Queen).

A questo punto il lavoro non è certo finito, anzi mancano alcuni interventi che si rendono necessari per affinare ed ottimizzare l’oggetto; però la soddisfazione del lavoro svolto ed il piacere ottenuto ascoltando musica ripaga qualsiasi sforzo.

Aggiornamenti successivi

Il primo aggiornamento riguarda il piatto, giudicato eccessivamente leggero e risonante, con una tendenza a “scampanare”. Seguendo le indicazioni su Tnt audio, è stato parzialmente riempito con stucco da vetri, con il doppio vantaggio di una tendenza minore a risuonare e una massa maggiore. Una parte dello stucco è stato posto sulla circonferenza esterna per incrementare la costanza di rotazione. Per distribuire il materiale in maniera più uniforme è stato suddiviso in palline pesate singolarmente e poi poste via via in modo equidistante, lavorandole fino a formare un corpo unico.


Ulteriori Upgrade:

Il braccio non ha né supporto né alzabraccio: con un po’ di attenzione del secondo se ne può fare a meno, mentre il primo è indispensabile.. non appena avrò trovato una forma che si abbini bene alla forma del giradischi.
Il punto di giunzione tra cavetti del braccio e cavo di segnale che va all’amplificatore non è schermato; questo causa rumore, anche se a basso livello, causato dallo stesso cavo di alimentazione e probabilmente dal motore, pertanto deve essere schermato tramite dei fogli di alluminio.
Il piatto è eccessivamente leggero e risonante; va meglio con il mat appoggiato sopra, ma sicuramente è un punto migliorabile, utilizzando sia materiali smorzanti che masse poste sulla circonferenza interna per dare più stabilità e costanza alla rotazione.

----


Ok


_________________
Bisogna assomigliare alle parole che si dicono. Forse non parola per parola, ma insomma ci siamo capiti [Saltatempo di Stefano Benni]
Chi non sa ridere non è una persona seria [Fryderyk Chopin]
avatar
nd1967
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 12803
Località : Cavaion Veronese (VR)
Occupazione/Hobby : Musica, Fotografia, Hi-Fi, Fumetti, Libri, Cinema
Provincia (Città) : Verona
Impianto : Preamplificatore Sonus Mirus AAVT
Finale TA 3020 by Vincenzo
Lettore CD Micromega Stage 2
Giradischi Project 6.9
Diffusori Dynavoice Challenger M-65 EX



http://www.google.com/+AndreaTramonte

Tornare in alto Andare in basso

Re: il GIRAGIRA

Messaggio  ph250 il Sab 19 Mar 2011 - 11:30

Interessantissimo !
Grazie per averlo postato !
avatar
ph250
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 13.02.11
Numero di messaggi : 194
Località : Terni
Impianto : Knopex ibrido+trombe autocostruite con ph250 largabanda

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum