T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio
Ti piace il nuovo stile del T-Forum?
Sì, meglio questo nuovo
49% / 21
No, era meglio quello vecchio
51% / 22
Ultimi argomenti
Ho dato una svecchiata al layout del forumOggi alle 2:46maurettoCambio diffussori da scaffale max 500euroOggi alle 0:15Luca MarchettiALIENTEK D8Oggi alle 0:06fritznetCostruzione del kit di Chiomenti Lo scherzoIeri alle 23:26giogra8Scheda audio senza preteseIeri alle 23:09Marco RavichProgetto gainclone lm3886Ieri alle 22:37Allen smitheeChromecast audio Ieri alle 22:17lello64Abbinamento Denon 4308Ieri alle 22:12Luchigno8Lettore bd per cd e networkIeri alle 22:10Luca Marchettisigla transistorIeri alle 20:58sportyerreCambio Amplificatore Ieri alle 20:35giucam61[AN] Van Den Hul D-102 MKIII HybridIeri alle 20:17Masterixrichiesta tipo pre amplificatoreIeri alle 19:39Silver BlackPOPU VENUS Ieri alle 16:54antbomDiffusori Elac.Ieri alle 15:48Lele67Casse KEF LS-50 rovinate?Ieri alle 14:24Lele67AudioNirvana Super 12" Cast Frame in cabinet 5.6MKII - risultato finaleIeri alle 13:47giucam61INDIPENDENTEMENTE DALLA CLASSE DI FUNZIONAMENTO ...Ieri alle 11:15giucam61Le mie aj174 in fase fase di lavorazione...Ieri alle 9:15Snap...and Kirishima for all!Sab 25 Mar 2017 - 22:20giucam61Smsl ad18Sab 25 Mar 2017 - 21:45giucam61Posso usare un ta 2024 Sab 25 Mar 2017 - 21:30p.cristalliniConsiglio subwoofer Sab 25 Mar 2017 - 17:56thechainHelp collegamenti......scusate l'ignoranzaSab 25 Mar 2017 - 11:05SnapLa grande sfida: Nuforce vs Hypex vs Fx audio vs SMSLSab 25 Mar 2017 - 9:24scontinposizionamento reflexVen 24 Mar 2017 - 20:13Luca MarchettiGriglie diffusoriVen 24 Mar 2017 - 20:11Luca MarchettiSostituzione condensatori uscita vecchio Pioneer PD-101Ven 24 Mar 2017 - 19:57IJGKit Buffer 6N3 cineseVen 24 Mar 2017 - 18:04neroneAutocostruzione casseVen 24 Mar 2017 - 17:46dinamanu
I postatori più attivi della settimana
1 Messaggio - 14%
1 Messaggio - 14%
1 Messaggio - 14%
1 Messaggio - 14%
1 Messaggio - 14%
1 Messaggio - 14%
1 Messaggio - 14%
I postatori più attivi del mese
283 Messaggi - 22%
244 Messaggi - 19%
142 Messaggi - 11%
140 Messaggi - 11%
111 Messaggi - 9%
85 Messaggi - 7%
81 Messaggi - 6%
68 Messaggi - 5%
68 Messaggi - 5%
62 Messaggi - 5%
Migliori postatori
Stentor (20392)
20392 Messaggi - 15%
DACCLOR65 (19630)
19630 Messaggi - 15%
schwantz34 (15499)
15499 Messaggi - 12%
Silver Black (15435)
15435 Messaggi - 11%
nd1967 (12803)
12803 Messaggi - 10%
flovato (12509)
12509 Messaggi - 9%
10260 Messaggi - 8%
piero7 (9854)
9854 Messaggi - 7%
wasky (9229)
9229 Messaggi - 7%
fritznet (8853)
8853 Messaggi - 7%
Chi è in linea
In totale ci sono 31 utenti in linea :: 1 Registrato, 0 Nascosti e 30 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

fabe-r

Vedere la lista completa

Flusso RSS

Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 
Bookmarking sociale
Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking
Condividere
Vedere l'argomento precedenteAndare in bassoVedere l'argomento seguente

Ti sembra che il tuo impianto suoni diversamente in funzione del tempo trascorso dall'accensione?

20 - 39%
15 - 29%
1 - 2%
15 - 29%
 
Totale dei voti: 51
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore
Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8020
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Re: Preriscaldamento impianto

il Mer 26 Gen 2011 - 18:09
@Stentor ha scritto:
@Barone Rosso ha scritto:
@Stentor ha scritto:

Sta di fatto che però alla prova dei fatti è il contrario e alcune apparecchiature anche a stato solido richiedono un cospicuo tempo di riscaldamento Hehe

Mi riferisco ai classe A e in particolare al Krell KSA200S

Forse la soluzione non sta solo nella conduttività ma anche in altri fattori.
Un esempio sono le valvole, che pur avendo distorsioni molto alte suonano bene.


Mah ...può darsi Smile ...o magari finché non è a regime i parametri elettrici di alcuni componenti non si stabilizzano !??!?

Puo darsi anche la tua.

Non escludei neppure che la taratura in fase di progettazione sia stata fatta coi componenti caldi.
[Ovvero alla normale temperatura di lavoro ]

avatar
Charli48
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 03.07.09
Numero di messaggi : 1810
Località : Lombardia
Provincia (Città) : Varese Prov.
Impianto : I miei gingilli
Spoiler:

Sorgente: Oppo DV-983-H
Dac: Schiit Bifrost , Beresford Bushmaster MkI
Preamp. SS : Clone ML JC-2 (John Curl) Classe A
Preamp. Tubi : UTS (Diy HiFi Supply) con E188CC Mullard
Ampli T class: Virtue 2 , Trends TA-10.2 , TA2022 Ibrido
Ampli D class: TPA 3116 con Bluetooth , Abletec ALC180-2300
Ampli Tube : APPJ PA0901A con Amperex 7025 EL84 RFT Nos
Diffusori: Focal Aria 906
Cuffie: AKG K272HD ,AKG K340


Re: Preriscaldamento impianto

il Mer 26 Gen 2011 - 18:18
Hai perfettamente ragione infatti la taratura della corrente di bias dei "vecchi" Threeshold (Nelson Pass) classe A Mod. 800,400A e 4000
si doveva fare a 45C. +/- 2C di temperatura dei dissipatori .
Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante
Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Re: Preriscaldamento impianto

il Mer 26 Gen 2011 - 18:20
@Barone Rosso ha scritto:
Non escludei neppure che la taratura in fase di progettazione sia stata fatta coi componenti caldi.
[Ovvero alla normale temperatura di lavoro ]


Anche questo mi sembra estremamente verosimile .....e nei classe A che scaldano come fornelli ovviamente ci vuole un po' di più.
avatar
iperv
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 17.06.09
Numero di messaggi : 619
Località : Cava d'aliga - Scicli (Rg)
Impianto : Eterogeneo

Re: Preriscaldamento impianto

il Mer 26 Gen 2011 - 18:43
@Stentor ha scritto:
@Barone Rosso ha scritto:
@Silver Black ha scritto:
Fisicamente, un conduttore CALDO conduce peggio la corrente. Forse siamo un po' condizionati... I see

Esattamente, e per i semiconduttori dei transistor la situazione dovrebbe essere ancora peggio.
Inoltre il caldo aumenta il rumore elettrico dei componenti.

Per le valvole la cosa potrebbe essere diversa, visto che la cattiva conduzione potrebbe far lavorare meglio i filamenti.

Sta di fatto che però alla prova dei fatti è il contrario e alcune apparecchiature anche a stato solido richiedono un cospicuo tempo di riscaldamento Hehe

Mi riferisco ai classe A e in particolare al Krell KSA200S

Beh, in realtà il BETA dei transistor aumenta linearmente con l'aumentare della temperatura, quindi più riscalda più corrente conduce.
Il dissipatore diventa importante perchè oltre un certo tempo la temperatura deve stabilizzarsi, e quindi si stabilizza anche la conduzione della corrente.
Ed è quello il momento in cui va tarato il bias degli ampli.
avatar
pallapippo
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 5040
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; dac: Geek Out 450;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.

Cuffia: Akg K270, pilotata da equalizzatore JVC Sea-10 ed ampli "CMoy by Biosciencegeek" (TLE2062);

cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor"; artigianali assemblati con RG58;
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.
distr. di rete: by bobby052cavihifi.

Re: Preriscaldamento impianto

il Ven 28 Gen 2011 - 22:49
Mmm Quindi, al momento sembrerebbe che sostanzialmente 2 impianti su 3 migliorano con il riscaldamento... Mmm

Hello
avatar
iperv
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 17.06.09
Numero di messaggi : 619
Località : Cava d'aliga - Scicli (Rg)
Impianto : Eterogeneo

Re: Preriscaldamento impianto

il Ven 4 Feb 2011 - 16:40
@pallapippo ha scritto: Mmm Quindi, al momento sembrerebbe che sostanzialmente 2 impianti su 3 migliorano con il riscaldamento... Mmm

Hello

Per preriscaldamento impianto andrebbe inteso quel lasso di tempo che è necessario perchè l'impianto (ogni componente dell'impianto ha il suo tempo di preriscaldamento) raggiunga la corretta temperatura di esercizio.
E' chiaro che questo tempo sarà tanto più lungo quanto maggiore è la temperatura da raggiungere, e che ci saranno impianti in cui sarà quasi ininfluente dato che presentano una bassa temperatura.
In generale un classe A a stadio solido necessita di una buona mezz'ora, senza dubbio.
Un nuforce non credo proprio...
Quindi è perfettamente logico e normale che alcuni impianti migliorano e altri no.
Non credo si possa dire due impianti su tre...dipende.
avatar
pallapippo
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 5040
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; dac: Geek Out 450;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.

Cuffia: Akg K270, pilotata da equalizzatore JVC Sea-10 ed ampli "CMoy by Biosciencegeek" (TLE2062);

cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor"; artigianali assemblati con RG58;
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.
distr. di rete: by bobby052cavihifi.

Re: Preriscaldamento impianto

il Ven 4 Feb 2011 - 16:51
@iperv ha scritto:
@pallapippo ha scritto: Mmm Quindi, al momento sembrerebbe che sostanzialmente 2 impianti su 3 migliorano con il riscaldamento... Mmm

Hello
.........
Non credo si possa dire due impianti su tre...dipende.
Smile Ma infatti non intendevo dire che "due impianti su tre migliorano" in assoluto: mi sono limitato a constatare il risultato dato al momento dalla modesta (e quindi poco attendbile) base statistica rappresentata dal nostro sondaggio (su 32 risposte, 22 sono per il miglioramento dopo diversi tempi dall'accensione.... sono circa 2 su 3... Wink ).

Hello


Sestante
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 21.12.10
Numero di messaggi : 132
Località : Milano
Provincia (Città) : Mi
Impianto : I - Accuphase E210a - ProAC D15 - Trends AD10 - Tascam RW2000 - Win7 - Foobar - Wasapi

II - Trends TA 10.1 - Tannoy DTM-8 - DAC provvisorio - Win XP - Foobar

Re: Preriscaldamento impianto

il Sab 5 Feb 2011 - 10:30
Il pre-riscaldamento è norma comune, i tempi relativi dipendono dalla circuitazione.
Mai visto nessuno partire con un impianto "freddo"
Albers
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 25.10.10
Numero di messaggi : 2784
Località : ----
Impianto : ----

Re: Preriscaldamento impianto

il Sab 5 Feb 2011 - 10:38
@Sestante ha scritto: ... Mai visto nessuno partire con un impianto "freddo"

visto, non ne avrai visti ... sentito da adesso si ... io, per esempio Very Happy

mai posto il problema, per me non ha alcuna importanza, se non trascurabile

am.

p.s. tranne forse i diffusori, ma nel remoto caso in cui si viva in una 'grotta' ... notoriamente priva di termosifoni Smile
avatar
pallapippo
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 20.02.08
Numero di messaggi : 5040
Provincia (Città) : Pistoia (Montecatini Terme)
Impianto :
Spoiler:
Sorgenti:
cdp: Advance Acoustic MCD 203, modificato (con GE Jan 5751)

giradischi: Pioneer PL-112D; testina: Audio-Techica AT95 EB;

liquida:Asus Eee PC 1001PX; software: wtfplay; dac: Geek Out 450;


pre: Yaqin MS-12B modificato da MaurArte (valvole Mullard CV4003 KB/D e Tungsol 12AX7)

finale: Connexelectronic TA3020 V2a con alimentatore A1000SMPS, il tutto modificato ed assemblato da Vincenzo;

casse: Sonus Faber "Concerto" Grand Piano.

Cuffia: Akg K270, pilotata da equalizzatore JVC Sea-10 ed ampli "CMoy by Biosciencegeek" (TLE2062);

cavi segnale: XLR ---> RCA by Vincenzo; Mogami "Stentor"; artigianali assemblati con RG58;
cavi potenza: Transparent HP 14-4 (biwiring)
cavi alimentazione: by Vincenzo; by bobby052cavihifi; A.V.A.
distr. di rete: by bobby052cavihifi.

Re: Preriscaldamento impianto

il Sab 19 Nov 2011 - 15:40
Stamattina, solo in casa, mi ero messo ad ascoltare musica, facendo ovviamente la mia usuale "partenza a freddo" (i miei ascolti durano ... Mmm ... diciamo dai 30 ai 60 minuti ... per cui non mi perdo in attese ... anche perché non mi era sembrato che esse portassero a miglioramenti).

Purtroppo Mad poco dopo sono stato interrotto ma, convinto di riuscire a cavarmela in pochissimo tempo, ho lasciato acceso l'impianto. Invece, sono poi rimasto impegnato per oltre un'ora Mad Mad .

Una volta libero, ho fatto finalmente ripartire il cd, e ... Happy shock


Hello


P.s.: per cui cambio la mia originaria risposta al sondaggio Embarassed
avatar
flovato
UTENTE BANNATO
Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Re: Preriscaldamento impianto

il Dom 20 Nov 2011 - 20:48
Dopo un'ora il mio suona decisamente meglio.
Non solo il pre a valvole ma anche il DAC che scalda anche lui il giusto.

Votato. Hello
avatar
belozoglu
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 13.09.11
Numero di messaggi : 941
Località : Milàn, già Mediolanum, già Medhelan
Provincia (Città) : Uless
Impianto : fra 6 e 400 watt. su 8 Ohm, ne.

Re: Preriscaldamento impianto

il Dom 20 Nov 2011 - 20:51
@flovato ha scritto:Dopo un'ora il mio suona decisamente meglio.
Non solo il pre a valvole ma anche il DAC che scalda anche lui il giusto.

Votato. Hello

Anche a me pare che sia più o meno quello il tempo... Poi non so se si tratta solo di suggestione o c'è qualcosa di concreto... Non ho neppure le conoscenze tecniche per sostenerlo o no. Mi pare a orecchio che dopo circa un'oretta tutto suoni meglio, tranne quando la batteria non è perfettamente in carica... eheh flower
avatar
traspar
Membro classe argento
Membro classe argento
Data d'iscrizione : 13.09.08
Numero di messaggi : 2726
Località : Palermo
Provincia (Città) : Allegro ma critico

Re: Preriscaldamento impianto

il Dom 20 Nov 2011 - 22:04
Nei classe AB ho sempre sentito la differenza, ascoltate il mio kenwood (che attualmente non uso) appena acceso, suono duro e piatto ma dopo 15 minuti la differenza è già evidente per poi migliorare ancora.
Mi è capitato di sentire anche peggioramenti, quando da ragazzino ci riunivamo per ascolti pomeridiani da arresto immediato, dopo qualche ora di ampli smanettati alla soglia della distorsione oltre a sporadiche bruciature di tweeter, quasi sempre notavamo che toccando l'ampi, es. un technics da 60w o Onkio da 100, sembrava di toccare un krell in pura classe A Hehe associato a un leggero ma avvertibile decadimento della qualità sonora.
avatar
burmar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 26.07.10
Numero di messaggi : 1142
Località : Genova
Occupazione/Hobby : Lavoro davanti, dietro e dentro ai computers
Provincia (Città) : Genova
Impianto :
Spoiler:
AMPLI: Aragon 2004 DAC: Lector Digitube s192 PRE: Audio Research SP9 LETTORE: Arcam Transport Delta 170 CASSE: Opera Seconda 2006
PIATTO:
Systemdek IIX 900 BRACCIO: Rega RB250 TESTINA: Denon DL-103 + AU-310
LIQUIDA: Pc IBM con Linux VoyageMPD
AMPLI E CUFFIE PC:: Fijo E10 - Superlux HD-681

Re: Preriscaldamento impianto

il Dom 20 Nov 2011 - 22:50
Secondo me, il mio Aragon, classe AB, dopo una ventina di minuti suona più sciolto... non che si scaldi in modo apprezzabile, lo sento appena tiepido con la mano, però mi pare di sentire più sciolto il medio/alto.
Ma chissà, magari sono le valvole del pre... o magari è un'impressione che ho io catalizzata dal fatto che "dovrebbe essere così"
avatar
belozoglu
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 13.09.11
Numero di messaggi : 941
Località : Milàn, già Mediolanum, già Medhelan
Provincia (Città) : Uless
Impianto : fra 6 e 400 watt. su 8 Ohm, ne.

Re: Preriscaldamento impianto

il Dom 20 Nov 2011 - 22:54
A proposito, esiste qualche studio o pseudo-studio sulla capacità della mente di concentrarsi sul suono? Ossia, sul fatto che (al di là dell'impianto che migliora) è la mente a migliorare la capacità di "rilevamento" e fruizione del suono?

avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore
Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15435
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Software developer - Istruttore di Muay Thai
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro





http://www.silvercybertech.com

Re: Preriscaldamento impianto

il Lun 21 Nov 2011 - 1:13
@belozoglu ha scritto:A proposito, esiste qualche studio o pseudo-studio sulla capacità della mente di concentrarsi sul suono? Ossia, sul fatto che (al di là dell'impianto che migliora) è la mente a migliorare la capacità di "rilevamento" e fruizione del suono?


Infatti mi chiedo anch'io se non sia solo suggestione... Ossia, il sistema suona uguale, ma dopo un po' è il nostro apparato uditivo (inteso come orecchio + cervello, ecc.) che si "scalda", ossia si predispone ad accettare al meglio il messaggio musicale.

Anche perchè un conduttore riscaldandosi dovrebbe condurre peggio...

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il forum di Fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.lucegrafia.net
avatar
belozoglu
Membro di riguardo
Membro di riguardo
Data d'iscrizione : 13.09.11
Numero di messaggi : 941
Località : Milàn, già Mediolanum, già Medhelan
Provincia (Città) : Uless
Impianto : fra 6 e 400 watt. su 8 Ohm, ne.

Re: Preriscaldamento impianto

il Lun 21 Nov 2011 - 1:24
ma dopo un po' è il nostro apparato uditivo (inteso come orecchio + cervello, ecc.) che si "scalda", ossia si predispone ad accettare al meglio il messaggio musicale.

Io ci riflettevo per due motivi:

talvolta capita che accenda l'impianto, vada a fare qualcosa, torno dopo 1 ora e il suono mi pare migliorato; quindi a favore di un adeguamento macchina.

spesso però accade che accenda l'impianto e che, semplicemente, mentre il giorno precedente il suono mi sembrava divino, adesso molto peggio; quindi a favore di un adeguamento psicologico.

Sinceramente credo davvero che, se un adeguamento macchina c'è, questo è infinitamente più lieve della predisposizione mentale che si affina col passare dei minuti. Un pò come accade con un riscaldamento adeguato prima di una performance atletica...

avatar
fritznet
Membro classe oro
Membro classe oro
Data d'iscrizione : 27.02.10
Numero di messaggi : 8853
Località : Querceto
Provincia (Città) : .
Impianto : lol-fi

Re: Preriscaldamento impianto

il Lun 21 Nov 2011 - 1:30
@belozoglu ha scritto:A proposito, esiste qualche studio o pseudo-studio sulla capacità della mente di concentrarsi sul suono? Ossia, sul fatto che (al di là dell'impianto che migliora) è la mente a migliorare la capacità di "rilevamento" e fruizione del suono?


Psicoacustica, in realtà potrebbe spiegare tantissime cose, ma poichè l'entità del suo stesso apporto non è misurabile...
Smile Smile Smile

Prova con google a cercare psicoacustica, troverai documenti molto interessanti, come qui
http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=psicoacustica&source=web&cd=3&sqi=2&ved=0CDIQFjAC&url=http%3A%2F%2Fwww.dei.unipd.it%2F~musica%2FIM%2Fcap2.pdf&ei=8pnJTr6RHMOfOoul_d0P&usg=AFQjCNG62pVLtOR94JiG7O7do6vZYy2G8g&cad=rja


avatar
flovato
UTENTE BANNATO
Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Re: Preriscaldamento impianto

il Lun 21 Nov 2011 - 8:44
@traspar ha scritto:Nei classe AB ho sempre sentito la differenza ... suono duro e piatto ma dopo 15 minuti la differenza è già evidente per poi migliorare ancora.

E poi dicono che l'alta fedeltà è un hobby esclusivamente maschile.
Guarda le analogie... sorprendenti... anche il "quel caso" si sente differenza tra A e B.
Anche in "quel caso"... duro, ma dopo 15 minuti la differenza non solo è evidente, è proprio "moscia".
Lei invece tende a migliorare ancora... ancora... ancora.

Ma che avevi capito Hehe Hehe Hehe , mi riferivo alla puntina... ma nooo, non quella del giradischi, quella li, si si. Lol eyes shut Lol eyes shut Lol eyes shut
ZuL
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 03.11.11
Numero di messaggi : 120
Località : Padova
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

Re: Preriscaldamento impianto

il Lun 21 Nov 2011 - 11:58
Premetto che nel mio impianto non sento differenze significative, ma devo anche dire che attualmente è pilotato da un t-amp che non scalda per niente..

In ogni caso, non so se esistano studi su come si "scaldi" l'orecchio in funzione degli ascolti.. In effetti il meccanismo con cui capta i suoni è meccanico, e di solito qualsiasi organo meccanico trae vantaggio da una fase di preriscaldamento, pensate ad esempio sia alle nostre articolazioni che alle nostre auto..

tuttavia, a meno che non viviamo la maggior parte delle nostre giornate in un ambiente estremamente silenzioso, il nostro apparato uditivo è costantemente eccitato, non è che prima è "spento", come il nostro impianto, e lo accendiamo quando iniziamo l'ascolto, è costantemente "acceso"

Poi ambienti totalmente silenziosi sono molto difficili da trovare, a meno che non siano stati costruiti apposta.. e leggevo che in questi ambienti, se ci si concentra, si riesce ad udire i propri battiti cardiaci e addirittura lo scorrere del proprio sangue..

Insomma, nella situazione penso abbastanza tipica in cui una persona torna a casa dopo una giornata di lavoro e accende l'impianto per rilassarsi con un po' di musica, dubito che l'orecchio abbia bisogno di scaldarsi.. Piuttosto il cervello, ma quello credo che sia un discorso ancora più complicato..
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore
Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15435
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Software developer - Istruttore di Muay Thai
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro





http://www.silvercybertech.com

Re: Preriscaldamento impianto

il Lun 21 Nov 2011 - 12:56
@ZuL ha scritto:tuttavia, a meno che non viviamo la maggior parte delle nostre giornate in un ambiente estremamente silenzioso, il nostro apparato uditivo è costantemente eccitato, non è che prima è "spento", come il nostro impianto, e lo accendiamo quando iniziamo l'ascolto, è costantemente "acceso"

Non si intende questo, ho scritto "per predisporre il sistema uditivo ad accettare al meglio il messaggio musicale" proprio per dire che quando la nostra concentrazione lo consente e quando l'orecchio è riposato, così come il nostro cervello e magari dopo un po' di predisposizione (il "riscaldamento" di questo sistema cervello-orecchio) è possibile sentire "meglio" informazioni sonore complesse come una musica.

Insomma, nella situazione penso abbastanza tipica in cui una persona torna a casa dopo una giornata di lavoro e accende l'impianto per rilassarsi con un po' di musica, dubito che l'orecchio abbia bisogno di scaldarsi.. Piuttosto il cervello, ma quello credo che sia un discorso ancora più complicato..

Dopo una giornata di lavoro pesante in cui ci sediamo stanchi davanti all'impianto, saremo anche stanchi per poter apprezzare tutte le sfumature sonore che l'impianto ci propone. Per cui in quel caso il sistema cervello-orecchio è troppo caldo, troppo sotto stress.

Io almeno la penso così.

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il forum di Fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.lucegrafia.net
ZuL
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 03.11.11
Numero di messaggi : 120
Località : Padova
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

Re: Preriscaldamento impianto

il Lun 21 Nov 2011 - 14:14
@Silver Black ha scritto:
@ZuL ha scritto:tuttavia, a meno che non viviamo la maggior parte delle nostre giornate in un ambiente estremamente silenzioso, il nostro apparato uditivo è costantemente eccitato, non è che prima è "spento", come il nostro impianto, e lo accendiamo quando iniziamo l'ascolto, è costantemente "acceso"

Non si intende questo, ho scritto "per predisporre il sistema uditivo ad accettare al meglio il messaggio musicale" proprio per dire che quando la nostra concentrazione lo consente e quando l'orecchio è riposato, così come il nostro cervello e magari dopo un po' di predisposizione (il "riscaldamento" di questo sistema cervello-orecchio) è possibile sentire "meglio" informazioni sonore complesse come una musica.

Insomma, nella situazione penso abbastanza tipica in cui una persona torna a casa dopo una giornata di lavoro e accende l'impianto per rilassarsi con un po' di musica, dubito che l'orecchio abbia bisogno di scaldarsi.. Piuttosto il cervello, ma quello credo che sia un discorso ancora più complicato..

Dopo una giornata di lavoro pesante in cui ci sediamo stanchi davanti all'impianto, saremo anche stanchi per poter apprezzare tutte le sfumature sonore che l'impianto ci propone. Per cui in quel caso il sistema cervello-orecchio è troppo caldo, troppo sotto stress.

Io almeno la penso così.

Quindi dovrebbe essere più un discorso di cervello che di orecchio, cioè psicoacustica.. in effetti ascoltare con attenzione richiede concentrazione e anche una certa fatica.. non so se ti è mai capitato di fare il mix di un brano musicale: dopo un po' che lavori ascoltando con la massima attenzione ogni minimo dettaglio ti devi prendere una pausa, altrimenti non riesci più ad ascoltare con la stessa attenzione e potresti perdere alcuni dettagli.. e quella non è altro che stanchezza che porta ad un calo di concentrazione..
avatar
burmar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo
Data d'iscrizione : 26.07.10
Numero di messaggi : 1142
Località : Genova
Occupazione/Hobby : Lavoro davanti, dietro e dentro ai computers
Provincia (Città) : Genova
Impianto :
Spoiler:
AMPLI: Aragon 2004 DAC: Lector Digitube s192 PRE: Audio Research SP9 LETTORE: Arcam Transport Delta 170 CASSE: Opera Seconda 2006
PIATTO:
Systemdek IIX 900 BRACCIO: Rega RB250 TESTINA: Denon DL-103 + AU-310
LIQUIDA: Pc IBM con Linux VoyageMPD
AMPLI E CUFFIE PC:: Fijo E10 - Superlux HD-681

Re: Preriscaldamento impianto

il Lun 21 Nov 2011 - 14:18
Magari dico una fesseria.. Shocked
ma ci saranno anche giorni in cui ci sono più o meno disturbi sulla rete di distribuzione elettrica, o sicuramente se uno è stanco o nervoso recepisce il suono in un modo diverso dal giorno precedente!!!
ZuL
Affezionato
Affezionato
Data d'iscrizione : 03.11.11
Numero di messaggi : 120
Località : Padova
Impianto : Amplificatore X + Casse Y

Re: Preriscaldamento impianto

il Lun 21 Nov 2011 - 14:37
@burmar ha scritto:Magari dico una fesseria.. Shocked
ma ci saranno anche giorni in cui ci sono più o meno disturbi sulla rete di distribuzione elettrica, o sicuramente se uno è stanco o nervoso recepisce il suono in un modo diverso dal giorno precedente!!!

Riguardo ai disturbi nella rete elettrica credo che tutti i filtri di rete che va di moda implementare negli impianti servano proprio a quello.. io ti posso dire che il mio giradischi prima che gli sostituissi il cavo era assai sensibile, e c'era quasi sempre un ronzio che però cambiava di intensità a seconda della giornata e dell'orario.. poi gli ho dissaldato il cavo originale e fissato 2 rca, ai quali ho connesso un cavo adeguatamente schermato e si è ridotto moltissimo, però anche adesso alzando molto il volume a volte si sente ancora basso basso lo stesso ronzio, assiene al rumore di fondo del pre. Visto che ho provato di tutto per farlo andare via, e che in casa mia anche altri giradischi e altri pre hanno mostrato lo stesso difetto, penso proprio che si tratti dell'impianto elettrico..

Per quanto riguarda stanchezza e nervosismo, di sicuro limitano la concentrazione, e di conseguenza l'attenzione con cui si ascolta..
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore
Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15435
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Software developer - Istruttore di Muay Thai
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro





http://www.silvercybertech.com

Re: Preriscaldamento impianto

il Lun 21 Nov 2011 - 16:44
@ZuL ha scritto:dopo un po' che lavori ascoltando con la massima attenzione ogni minimo dettaglio ti devi prendere una pausa, altrimenti non riesci più ad ascoltare con la stessa attenzione e potresti perdere alcuni dettagli.. e quella non è altro che stanchezza che porta ad un calo di concentrazione..

@ZuL ha scritto:Per quanto riguarda stanchezza e nervosismo, di sicuro limitano la concentrazione, e di conseguenza l'attenzione con cui si ascolta..

Concordo. Ok

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il forum di Fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.lucegrafia.net
Vedere l'argomento precedenteTornare in altoVedere l'argomento seguente
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum