T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Ultimi argomenti
» Sony uhp h1
Oggi alle 5:44 Da Luca Marchetti

» Acquisto dussun dove ?
Oggi alle 0:05 Da uncletoma

» Dubbi su Bluetooth
Oggi alle 0:02 Da Kha-Jinn

» Nuovo Douk Dac
Ieri alle 23:55 Da uncletoma

» Consiglio gruppi power metal
Ieri alle 22:59 Da TODD 80

» Consiglio per upgrade diffusori / upgrade impianto
Ieri alle 22:24 Da Kha-Jinn

» Consiglio impianto per diffusori KEF Coda 70
Ieri alle 21:44 Da Kha-Jinn

» consiglio su impianto digital
Ieri alle 21:13 Da Piper

» rumore fastidioso da dove viene?
Ieri alle 21:04 Da MaxBal

» Topic'it, nuova applicazione mobile per il T-Forum
Ieri alle 20:27 Da Luca Marchetti

» Foobar 2000 Darkone 4 come installarla!?
Ieri alle 19:19 Da H. Finn

» Fiio A5
Ieri alle 17:25 Da HeyGio'

» Dac
Ieri alle 17:25 Da ftalien77

» aiuto miglioramento sala d'ascolto
Ieri alle 17:21 Da ftalien77

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri alle 13:46 Da Bluesunshine

» Pre per behringer ep1500
Ieri alle 12:30 Da Pinve

» Feedback positivo per Ghiglie
Ieri alle 11:39 Da ghiglie

» I migliori album del 2017
Ieri alle 11:06 Da CHAOSFERE

» Collegamento behringer
Ieri alle 10:06 Da Masterix

» Douk DAC (XMOS+PCM5102/DSD1796): ne vale la pena?
Dom 15 Ott 2017 - 22:13 Da nelson1

» dac cinese...ammazzagiganti?!
Dom 15 Ott 2017 - 20:38 Da giucam61

» Quale artista Italiano contemporaneo fa CD tecnicamente ben fatti?
Dom 15 Ott 2017 - 20:03 Da settore 7-g

» problema audio con Thorens TD320MKii
Dom 15 Ott 2017 - 18:00 Da Albert^ONE

» Feedback molto positivo per MrTheCarbon
Dom 15 Ott 2017 - 15:45 Da MrTheCarbon

» ALIENTEK D8 [parte 2]
Dom 15 Ott 2017 - 14:19 Da kalium

» ALIENTEK D8 vs Nad3020 vs altro
Dom 15 Ott 2017 - 11:05 Da pigno

» Cannonball Adderley With Bill Evans ‎– Know What I Mean?
Dom 15 Ott 2017 - 10:54 Da lello64

» Buffer B1 di Nelson Pass (work in progress....)
Dom 15 Ott 2017 - 10:40 Da Tommaso Cantalice

» Audioquest Flx Slip 14/4
Dom 15 Ott 2017 - 9:47 Da ciuchino74

» [MC + sped] Vendo Proac response D28 poco usate
Dom 15 Ott 2017 - 1:40 Da luca72c

Statistiche
Abbiamo 11084 membri registrati
L'ultimo utente registrato è HeyGio'

I nostri membri hanno inviato un totale di 797257 messaggi in 51689 argomenti
I postatori più attivi della settimana
erduca
 
giucam61
 
clipper
 
ftalien77
 
Kha-Jinn
 
Masterix
 
uncletoma
 
Bluesunshine
 
GP9
 
Luca Marchetti
 

I postatori più attivi del mese
lello64
 
giucam61
 
nerone
 
dinamanu
 
ftalien77
 
Masterix
 
Kha-Jinn
 
Albert^ONE
 
kalium
 
erduca
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19633)
 
schwantz34 (15532)
 
Silver Black (15480)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10275)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9193)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 29 utenti in linea: 1 Registrato, 0 Nascosti e 28 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Tommaso Cantalice

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  sasachess il Lun 17 Gen 2011 - 18:01

flovato ha scritto:
Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP ?

Spesso ha più senso un bel buffer, piuttosto che un pre ad alto guadagno... Wink
avatar
sasachess
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 23.04.09
Numero di messaggi : 1214
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Consulente informatico
Provincia (Città) : Mah, non saprei definirlo
Impianto : Panta rei


Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  porfido il Lun 17 Gen 2011 - 19:25

sasachess ha scritto:
flovato ha scritto:
Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP ?

Spesso ha più senso un bel buffer, piuttosto che un pre ad alto guadagno... Wink

Quoto, sebbene abbia provato pochi pre...
avatar
porfido
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 23.11.08
Numero di messaggi : 5044
Località : Ronchi (GO)
Impianto :
Spoiler:


Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  pierpaolo il Lun 17 Gen 2011 - 19:39

Allora io sono a posto, il kingrex pre che ho ordinato ha anche il buffer 'diamond' che proprio non so che significa però c'è Sad

pierpaolo
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 17.12.08
Numero di messaggi : 202
Località : roma
Occupazione/Hobby : vivere meglio che posso
Provincia (Città) : benissimo
Impianto : Notebook file loseless/ dac superpro con modifica trasformatori/ trends audio TA 10.1/ gainclone/ casse pneumatiche Advent 2 vie riconate (finora le migliori) VIRTUE TWO 2 (The Best!!)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  Stentor il Lun 17 Gen 2011 - 19:42

pierpaolo ha scritto:Allora io sono a posto, il kingrex pre che ho ordinato ha anche il buffer 'diamond' che proprio non so che significa però c'è Sad

Tranquillo che il kingrex pre è un ottimo prodotto...se non ti piace me lo vendi alla solita quotazione dell'usato : metà prezzo Laughing

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  Barone Rosso il Lun 17 Gen 2011 - 19:46

sasachess ha scritto:
flovato ha scritto:
Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP ?

Spesso ha più senso un bel buffer, piuttosto che un pre ad alto guadagno... Wink

Quoto questa.
In particolare coi dac CD DVD PC i segnali di uscita hanno un livello suffumicamento alto per pilotare qualsiasi ampli, quindi il buffer dovrebbe essere più che sufficiente.
avatar
Barone Rosso
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 24.03.08
Numero di messaggi : 8036
Località :
Provincia (Città) : Altrove
Impianto : Z + X = Y

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  flovato il Lun 17 Gen 2011 - 19:49

Stentor ha scritto:
pierpaolo ha scritto:Allora io sono a posto, il kingrex pre che ho ordinato ha anche il buffer 'diamond' che proprio non so che significa però c'è Sad

Tranquillo che il kingrex pre è un ottimo prodotto...se non ti piace me lo vendi alla solita quotazione dell'usato : metà prezzo Laughing

Ehi ci sono anch'io offro 1 euro in più di Stentor, solo per evitare che li abbia tutti lui. Laughing Laughing Laughing
avatar
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  pierpaolo il Lun 17 Gen 2011 - 20:36

A questo punto sono proprio impaziente di provare il pre.
Sto facendo la modifica dei trasformatori sul dac, e molto probabilmente da essi uscirà un segnale di livello più basso ma di qualità maggiore.
Almeno queste sono le previsioni.
Se così sarà, con un pre si risolve il basso livello. E' uno dei casi in cui il pre ci vuole.
Pochi giorni e lo saprete!!

pierpaolo
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 17.12.08
Numero di messaggi : 202
Località : roma
Occupazione/Hobby : vivere meglio che posso
Provincia (Città) : benissimo
Impianto : Notebook file loseless/ dac superpro con modifica trasformatori/ trends audio TA 10.1/ gainclone/ casse pneumatiche Advent 2 vie riconate (finora le migliori) VIRTUE TWO 2 (The Best!!)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  flovato il Lun 17 Gen 2011 - 21:29

pierpaolo ha scritto:A questo punto sono proprio impaziente di provare il pre.
Sto facendo la modifica dei trasformatori sul dac, e molto probabilmente da essi uscirà un segnale di livello più basso ma di qualità maggiore.
Almeno queste sono le previsioni.
Se così sarà, con un pre si risolve il basso livello. E' uno dei casi in cui il pre ci vuole.
Pochi giorni e lo saprete!!

Comprato da playstero ?
avatar
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  pierpaolo il Lun 17 Gen 2011 - 21:53

Si ma tramite ebay.
Stessa cosa più o meno.

pierpaolo
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 17.12.08
Numero di messaggi : 202
Località : roma
Occupazione/Hobby : vivere meglio che posso
Provincia (Città) : benissimo
Impianto : Notebook file loseless/ dac superpro con modifica trasformatori/ trends audio TA 10.1/ gainclone/ casse pneumatiche Advent 2 vie riconate (finora le migliori) VIRTUE TWO 2 (The Best!!)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  Stentor il Mar 18 Gen 2011 - 1:29

pierpaolo ha scritto:A questo punto sono proprio impaziente di provare il pre.
Sto facendo la modifica dei trasformatori sul dac, e molto probabilmente da essi uscirà un segnale di livello più basso ma di qualità maggiore.
Almeno queste sono le previsioni.
Se così sarà, con un pre si risolve il basso livello. E' uno dei casi in cui il pre ci vuole.
Pochi giorni e lo saprete!!

Tranquillo ...il pre ci vuole sempre Smile

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  Cella il Mar 18 Gen 2011 - 2:20

Bene, dopo aver letto tutti i vostri messaggi arrivo io che al momento non uso un pre, anche se ammetto di averlo desiderato.

La prima volta che ho provato il Fenice 20 avevo un Tempest di Musical Fidelity che ho letteralmente fatto a pezzi a furia di provare a modificarlo, fino ad avere le piste sulla punta del saldatore. Il mio dramma era che non lo avevo mai considerato un cesso di amplificatore prima di allora e dovevo scoprire dove si perdeva la magia del TA2024.

Allora ho iniziato a mandare in ingresso il segnale prelevato dalla sezione pre del mio integrato (che avevo già modificato, sostituendo pure i transistor e l'operazionale), arrivando alla conclusione che la preamplificazione del Tempest fosse la parte peggiore del prodotto.

A livello teorico ogni blocco di amplificazione aggiunge rumore e distorsione, senza contare che deve essere disaccoppiato.
Sempre a livello teorico un blocco a maggior guadagno offre un risultato peggiore che a guadagno inferiore.

Dunque occorre trovare la giusta via di mezzo, oltre a dover adattare le impedenze tra più stadi.

Poi esiste il discorso comodità, necessità di ingressi phono, etc.

Avendo solo dispositivi digitali il compito di commutare gli ingressi lo ho affidato ai DAC ovunque.

Tuttavia provando numerosi amplificatori a commutazione basati sui Tripath sono giunto alla conclusione che in molti casi la possibilità di avere segnali elevati in ingresso con i TA2020 e TA2021 sia anche l'unico modo per apprezzarne la maggior potenza senza modificarne il guadagno.

Con i TA2024, in particolare con i Sure, questo non è possibile perché la sensibilità in ingresso o il guadagno dell'amplificatore non lo permettono ed appena sotto i 12V di alimentazione il gioco è finito. I modelli AA-AB341 entrano in distorsione con il livello di uscita delle RCA del mio televisore Philips, ma questo dipende dal regolatore del volume attivo.

Con il TA2022 non ho fatto prove, ma oggi non scriverei più a MaurArte che il suo Prefet duplica lo stadio di ingresso, perché proprio i modelli precedenti al TA2024 mi hanno fatto sorgere il dubbio della sua utilità e per ragioni banali.

Cella
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 06.04.10
Numero di messaggi : 2715
Impianto : Trends TA-10.2
Kingrex T20U
Topping TP32
Muse MU-T15, MU-15 MK2
SMSL SA-36, SA-36A, SA-S1+, SA-S3+, SA-4S
Audiophonics T-amp, Yuanjing 20, Hlly Tamp-20
Dayton DTA-1, MOKS Fenice 20 MKTII

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  flovato il Mar 18 Gen 2011 - 8:46

christian.celona ha scritto:Bene, dopo aver letto tutti i vostri messaggi arrivo io che al momento non uso un pre, anche se ammetto di averlo desiderato.

A livello teorico ogni blocco di amplificazione aggiunge rumore e distorsione, senza contare che deve essere disaccoppiato.
Sempre a livello teorico un blocco a maggior guadagno offre un risultato peggiore che a guadagno inferiore.

Avendo solo dispositivi digitali il compito di commutare gli ingressi lo ho affidato ai DAC ovunque.

Tuttavia provando numerosi amplificatori a commutazione basati sui Tripath sono giunto alla conclusione che in molti casi la possibilità di avere segnali elevati in ingresso con i TA2020 e TA2021 sia anche l'unico modo per apprezzarne la maggior potenza senza modificarne il guadagno.

Con i TA2024, in particolare con i Sure, questo non è possibile perché la sensibilità in ingresso o il guadagno dell'amplificatore non lo permettono ed appena sotto i 12V di alimentazione il gioco è finito. I modelli AA-AB341 entrano in distorsione con il livello di uscita delle RCA del mio televisore Philips, ma questo dipende dal regolatore del volume attivo.

Con il TA2022 non ho fatto prove, ma oggi non scriverei più a MaurArte che il suo Prefet duplica lo stadio di ingresso, perché proprio i modelli precedenti al TA2024 mi hanno fatto sorgere il dubbio della sua utilità e per ragioni banali.

Premesso che muoio dalla voglia di smentirmi da solo e possedere un pre KingRex mi sembra che tu sia sintonizzato con il mio pensiero e in particolare sui TA2024. Continuo a pensare che siano già a posto così.
Sta per arrivare un Trends TA 10.1 in prestito da un mio amico quindi rifarò le stesse sessioni d'ascolto che feci in passato per vedere se le ultime modifiche (cavi etc.) portano a conclusione diverse.
avatar
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  MaurArte il Mar 18 Gen 2011 - 8:52

A mio avviso il massimo è un pre a basso guadagno con uscita a bassa impedenza e senza retroazione globale (alimentazione compresa).
Naturalmente deve essere progettato e realizzato con criterio.
Poi valvole, fet o transistor... dipende dai gusti.
avatar
MaurArte
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 7289
Località : Roma
Occupazione/Hobby : Alchimista
Provincia (Città) : En verden av smart jeg er dum
Impianto : Elettrico

http://www.alchimieaudio.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  flovato il Mar 18 Gen 2011 - 21:38

MaurArte ha scritto:A mio avviso il massimo è un pre a basso guadagno con uscita a bassa impedenza e senza retroazione globale (alimentazione compresa).
Naturalmente deve essere progettato e realizzato con criterio.
Poi valvole, fet o transistor... dipende dai gusti.

Scusa la domanda da idiotprofano.
Presupponendo di non volere selettori d'ingresso è proprio necessario posizionare
il potenziometro nel pre oppure non sarebbe in teoria possibile lasciarlo a valle nel finale ?

Mi spiego meglio, il segnale arriva dalla sorgente passa per il pre (esempio valvola) che lo rinforza,
poi se ne va bello caldo all'ingresso dell'integrato dove passa per il pot.

Che differenza in meglio o in peggio c'è rispetto al modello classico pre/finale ?

Solo per curiosità, se funzionasse ci fari un pensierino io non ho bisogno di selettori e non ho voglia
di bypassare tutti gli integrati che mi passano per le mani oppure di avere due potenziometri.
avatar
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  pierpaolo il Ven 21 Gen 2011 - 12:24

Ho inserito il pre amp kingrex nella catena.
Catena: pc con file loseless + dac superpro uscita presa dai trasformatori prima degli opamp + (kingrex pre) +trends audio 10.1 + casse vintage 8 ohm woofer da 20cm ribordato con foam molto sensibile.

Prima dell'inserimento del pre, grazie alla ottima risposta in basso delle casse, avevo un dettaglio incredibile (che a me piace) ed una risposta in basso ottimale per le mie orecchie.
Ora con il pre ho perso un pò di dettaglio, i bassi sono forse eccessivi, la gamma media è leggermente più impastata e il ta 10.1 (settato solo come finale) va in distrrsione se il pre è a volume prossimo al massimo.

Per questa mia catena il pre è vero che dà più corposità al suono, ma forse se ne poteva fare a meno; oppure ha evidenziato subito il limite di casse vintage con caratteristiche che si sposavano perfettamente solo col t-amp.

Credo che il pre non possa aver peggiorato il suono, ma a questo punto le casse non vanno più bene. Sto pensando alle klipsch rb81 consigliatemi da illustri, e a quanto si dice si sposano beneal tamp vista la sensibilità.

Insomma col pre non ho fatto passi da gigante per ora.

pierpaolo
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 17.12.08
Numero di messaggi : 202
Località : roma
Occupazione/Hobby : vivere meglio che posso
Provincia (Città) : benissimo
Impianto : Notebook file loseless/ dac superpro con modifica trasformatori/ trends audio TA 10.1/ gainclone/ casse pneumatiche Advent 2 vie riconate (finora le migliori) VIRTUE TWO 2 (The Best!!)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  acvtre il Ven 21 Gen 2011 - 12:28

pierpaolo ha scritto:Ho inserito il pre amp kingrex nella catena.
Catena: pc con file loseless + dac superpro uscita presa dai trasformatori prima degli opamp + (kingrex pre) +trends audio 10.1 + casse vintage 8 ohm woofer da 20cm ribordato con foam molto sensibile.

Prima dell'inserimento del pre, grazie alla ottima risposta in basso delle casse, avevo un dettaglio incredibile (che a me piace) ed una risposta in basso ottimale per le mie orecchie.
Ora con il pre ho perso un pò di dettaglio, i bassi sono forse eccessivi, la gamma media è leggermente più impastata e il ta 10.1 (settato solo come finale) va in distrrsione se il pre è a volume prossimo al massimo.

Per questa mia catena il pre è vero che dà più corposità al suono, ma forse se ne poteva fare a meno; oppure ha evidenziato subito il limite di casse vintage con caratteristiche che si sposavano perfettamente solo col t-amp.

Credo che il pre non possa aver peggiorato il suono, ma a questo punto le casse non vanno più bene. Sto pensando alle klipsch rb81 consigliatemi da illustri, e a quanto si dice si sposano beneal tamp vista la sensibilità.

Insomma col pre non ho fatto passi da gigante per ora.
Però considera anche che il compagno perfetto del ta10.1 e il pre PA della trends. Anche se magari può non voler dire niente.
avatar
acvtre
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 15.06.09
Numero di messaggi : 1834
Località : Romans d'Isonzo (GO)
Occupazione/Hobby : studente d'ingegneria dei materiali a Trieste
Provincia (Città) : Adelante
Impianto : Sorgente: voyage pc
Dac: ???
Amplificatore: per ora un vecchio sony TA-AX250
Diffusori: linn keilidh (con basi in granito)
Mobile: tnt-flexy autocostruito
Audio portatile: smartphone sony xperia sole, superlux hd381, x-minimax


http://www.myhifi.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  Stentor il Ven 21 Gen 2011 - 12:29

pierpaolo ha scritto:Ho inserito il pre amp kingrex nella catena.
Catena: pc con file loseless + dac superpro uscita presa dai trasformatori prima degli opamp + (kingrex pre) +trends audio 10.1 + casse vintage 8 ohm woofer da 20cm ribordato con foam molto sensibile.

Prima dell'inserimento del pre, grazie alla ottima risposta in basso delle casse, avevo un dettaglio incredibile (che a me piace) ed una risposta in basso ottimale per le mie orecchie.
Ora con il pre ho perso un pò di dettaglio, i bassi sono forse eccessivi, la gamma media è leggermente più impastata e il ta 10.1 (settato solo come finale) va in distrrsione se il pre è a volume prossimo al massimo.

Per questa mia catena il pre è vero che dà più corposità al suono, ma forse se ne poteva fare a meno; oppure ha evidenziato subito il limite di casse vintage con caratteristiche che si sposavano perfettamente solo col t-amp.

Credo che il pre non possa aver peggiorato il suono, ma a questo punto le casse non vanno più bene. Sto pensando alle klipsch rb81 consigliatemi da illustri, e a quanto si dice si sposano beneal tamp vista la sensibilità.

Insomma col pre non ho fatto passi da gigante per ora.
Mi spiace ..ma se non vuoi ribaltare tutto non usarlo .... nel caso vendilo a me Smile

Se ti interessa parziale permuta con un DAC più serio di quello che hai ora Hehe Hehe Hehe

Stentor
Membro classe diamante
Membro classe diamante

Data d'iscrizione : 12.07.10
Numero di messaggi : 20392
Località : .
Impianto : .

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  merkutio il Ven 21 Gen 2011 - 12:52

Anche io ho avuto lo stesso problema con pre a valvole interfacciato alla sure 2024,
le cose migliorano molto se setti il volume del pre al massimo e " giochi " solo col volume del trends ( anche se dubito tu riesca a superare ore 11 )
in questa config sarebbe utile inserire degli attenuatori per guadagnare un pò di escursione con il pot dell'ampli
tipo questi: http://www.playstereo.com/product_info.php?cPath=16&products_id=26

nel caso contratio l'ampli va subito in saturazione, soprattutto sui picchi di segnale avendo l'effetto da te riscontrato
prova e vedrai che ritroverai tutte le doti del 2024
avatar
merkutio
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 05.05.09
Numero di messaggi : 1673
Località : Bologna
Impianto : Low cost

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  pierpaolo il Ven 21 Gen 2011 - 13:34

Giocando coi volumi del pre e del finale il problema della distorsione si risolve.
Dal dac esce un segnale pulitissimo, il pre forse lo colora troppo.
O forse sono le casse che forse rispondono male. Prima di decidere se usarlo o no dovrei provare altre casse diciamo moderne.

Poi decido se regalare il pre amp a stentor Heart broken

pierpaolo
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 17.12.08
Numero di messaggi : 202
Località : roma
Occupazione/Hobby : vivere meglio che posso
Provincia (Città) : benissimo
Impianto : Notebook file loseless/ dac superpro con modifica trasformatori/ trends audio TA 10.1/ gainclone/ casse pneumatiche Advent 2 vie riconate (finora le migliori) VIRTUE TWO 2 (The Best!!)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  flovato il Ven 21 Gen 2011 - 13:55

pierpaolo ha scritto:Ho inserito il pre amp kingrex nella catena.

Prima dell'inserimento del pre, grazie alla ottima risposta in basso delle casse, avevo un dettaglio incredibile (che a me piace) ed una risposta in basso ottimale per le mie orecchie.
Ora con il pre ho perso un pò di dettaglio, i bassi sono forse eccessivi, la gamma media è leggermente più impastata e il ta 10.1 (settato solo come finale) va in distrrsione se il pre è a volume prossimo al massimo.

Per questa mia catena il pre è vero che dà più corposità al suono, ma forse se ne poteva fare a meno;

Insomma col pre non ho fatto passi da gigante per ora.

O eccoci quà, finalmente un'esperienza non del tutto positiva.

Ho solo un timore dall'inserimento del pre nella catena, sono certo che alcuni parametri migliorano ma....

<<Hai perso un po di dettaglio...>>

Questo è il punto, la questione è tutta qui.

Non so che cavi di segnale hai usato ma ti garantisco che e un dettaglio fondamenta.

Fammi sapere. Hello

PS: Vendilo a me che lui ne ha una collezzione. Laughing Laughing Laughing
avatar
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  pierpaolo il Ven 21 Gen 2011 - 14:31

I cavi di potenza sono quelli da poco presi da leroy merlin, ma di buona sezione.
I cavi di segnale sono autocostruiti con buon cavo e connettori.

Un pò di dettaglio lo ho perso come la incredibile separazione dei canali quando montavo solo il dac uscita dai trasfo.
Però il suono si sente che è più corposo, e mi sto proprio domandando se il limite non sono le casse.
Ma non ho modo pi provarne altre, dovrei comprarle.

Poi sono certo che diventa un vortice senza fine, nel quale cadono o sono caduti tutti quelli di questo forum.
Pensavo sdi salvarmi... Crying or Very sad Suicide

pierpaolo
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 17.12.08
Numero di messaggi : 202
Località : roma
Occupazione/Hobby : vivere meglio che posso
Provincia (Città) : benissimo
Impianto : Notebook file loseless/ dac superpro con modifica trasformatori/ trends audio TA 10.1/ gainclone/ casse pneumatiche Advent 2 vie riconate (finora le migliori) VIRTUE TWO 2 (The Best!!)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  Telstar il Ven 21 Gen 2011 - 14:40

roby2k ha scritto:
Bhe il dac deve fare il dac e il pre deve fare il pre.

Le funzioni di un preamplificatore sono 3:
1) Adattare le impedenze della sorgente con quella del finale
2) Amplificare la tensione normalmente intorno alle 10 volte
3) Variare il volume in base alle esigenze dell'ascoltatore.

I primi due punti decadono con le sorgenti digitali con uscita da 1,5vrms o più.
Perché l'impedenza (specie di certe opamp) è molto bassa e si interfaccia con tutti gli ampli, e non c'è nulla da amplificare quando hai 2v in ingresso. Il guadagno dell'amplificatore finale basta e avanza (anche con ampli a basso guadagno come alcuni firstwatt).

Dov'è ora il quid? Sull'attenuazione del volume (si, serve solo attenuarlo). Ognuno ha le sue preferenze e visto che il topic è già lungo e che non c'è una prevalenza di opinioni, inutile aggiungere altro. In altri lidi ho detto la mia opinione (io sono per il LESS is more)
avatar
Telstar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 26.02.09
Numero di messaggi : 1691
Località : Milano
Provincia (Città) : Incerto
Impianto : Living:
Fanless PC > Infrasonic Quartet > MSB MVC > Firstwatt F3 + Classé CAP-100
Open baffle 2 vie attive con Beyma e Hemp | Software XO | cavi vari Siltech, DNM, autocostruiti |
Studio:
W7 PC > emu 1212m (Amanero USB work in progress) > audio-gd DAC19DSP > CK2III con finali Rohm > AT W1000X |

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  flovato il Ven 21 Gen 2011 - 15:18

Telstar ha scritto:
Le funzioni di un preamplificatore sono 3:
1) Adattare le impedenze della sorgente con quella del finale
2) Amplificare la tensione normalmente intorno alle 10 volte
3) Variare il volume in base alle esigenze dell'ascoltatore.

I primi due punti decadono ...... non c'è nulla da amplificare quando hai 2v in ingresso. Il guadagno dell'amplificatore finale basta ...

Dov'è ora il quid? Sull'attenuazione del volume (si, serve solo attenuarlo)...

Io un'idea me la sono fatta:

1) Qualcuno si prenda la briga di smentire Telstar perché nel mio caso tecnicamente condivido.
2) Insisto, i fortunati possessori di PRE sono nelle condizioni di fare dei test, li hanno fatti e a loro giudizio col PRE si sente meglio.

Ad eccezione di:

pierpaolo ha scritto:
Ora con il pre ho perso un pò di dettaglio, i bassi sono forse eccessivi, la gamma media è leggermente più impastata e il ta 10.1 (settato solo come finale) va in distrrsione se il pre è a volume prossimo al massimo.

Non mi rimane scelta, devo mettermi in condizioni di provarlo nel frattempo personalmente mi interessano le opinioni degli sfavorevoli e credo che l'unico parametro in discussione sia proprio la perdita di definizione dovuta ad un ulteriore passaggio.

E' assodato che il PRE migliora l'accoppiamento con diffusori difficili ma per chi li ha "facili" ? Smile

Mi scuso se mi ripeto ma personalmente la discussione mi appassiona molto infatti
il topic dice "nell'era dei T-AMP" quindi con i DAC che nel mio pensiero sono i PRE del futuro.


Ultima modifica di flovato il Ven 21 Gen 2011 - 18:31, modificato 1 volta
avatar
flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  pierpaolo il Ven 21 Gen 2011 - 15:38

flovato ha scritto:
Io la penso proprio come te LESS is more ma alle orecchie non si comanda. Smile

Io anche la penso così.
Ma senza la prova di buone casse sensibili e moderne non posso farmi una opinione completa.

pierpaolo
Affezionato
Affezionato

Data d'iscrizione : 17.12.08
Numero di messaggi : 202
Località : roma
Occupazione/Hobby : vivere meglio che posso
Provincia (Città) : benissimo
Impianto : Notebook file loseless/ dac superpro con modifica trasformatori/ trends audio TA 10.1/ gainclone/ casse pneumatiche Advent 2 vie riconate (finora le migliori) VIRTUE TWO 2 (The Best!!)

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  Telstar il Ven 21 Gen 2011 - 16:37

pierpaolo ha scritto:Allora io sono a posto, il kingrex pre che ho ordinato ha anche il buffer 'diamond' che proprio non so che significa però c'è Sad

http://www.tubecad.com/2009/01/08/diamond%20buffer%20topology.png
http://www.tubecad.com/2009/01/blog0155.htm

Li ti spiega cos'è: è un tipo di circuitazione molto intelligente che bufferizza e al contempo riduce anche la distorsione.
avatar
Telstar
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 26.02.09
Numero di messaggi : 1691
Località : Milano
Provincia (Città) : Incerto
Impianto : Living:
Fanless PC > Infrasonic Quartet > MSB MVC > Firstwatt F3 + Classé CAP-100
Open baffle 2 vie attive con Beyma e Hemp | Software XO | cavi vari Siltech, DNM, autocostruiti |
Studio:
W7 PC > emu 1212m (Amanero USB work in progress) > audio-gd DAC19DSP > CK2III con finali Rohm > AT W1000X |

Tornare in alto Andare in basso

Re: Ha ancora senso utilizzare un preamplificatore nell'era dei T-AMP?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum