T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you.
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 

 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» ECC99
Oggi a 0:24 Da Zio

» nuove diva 262
Oggi a 0:14 Da lello64

» Recupero vinile rovinato
Oggi a 0:05 Da potowatax

» Quale cavo ottico per il CD?
Oggi a 0:02 Da dinamanu

» NO al solito condotto reflex
Ieri a 23:17 Da Abe1977

» Lettore CD max 200 euro
Ieri a 22:21 Da Rino88ex

» impianto entry -level
Ieri a 22:17 Da CHAOSFERE

» Giradischi - quesiti & consigli
Ieri a 19:21 Da beppe61

» Confronto tra Breeze full mod. vs Drok ta2024b pareri personali e riflessioni
Ieri a 19:18 Da rx78

» Amplificatore per chiudere il cerchio
Ieri a 19:14 Da Sistox

» Monitor Audio Silver 1 vs B6W 686 s2
Ieri a 18:45 Da dinamanu

» TUTORIAL MODIFICHE TPA 3116 COMPLETO
Ieri a 18:32 Da Angel2000

» Player portatile
Ieri a 18:13 Da p.cristallini

» ALIENTEK D8 vs FX AUDIO 802C
Ieri a 18:03 Da Angel2000

» Fonometro Professionale
Ieri a 16:01 Da Docarlo

» Suono un pò duro.....
Ieri a 15:53 Da gigetto

» Stamattina... Oggi pomeriggio... Stasera... Stanotte... (parte 14)
Ieri a 15:17 Da CHAOSFERE

» Acquisto Amplificatore Integrato + Diffusori. Help me !
Ieri a 9:43 Da natale55

» RI-dividere tracce da unico file
Ieri a 9:16 Da lello64

» CAIMAN SEG
Ieri a 9:14 Da Masterix

» Chromecast audio e spotify.
Ieri a 8:04 Da sportyerre

» Rotel RA 1570 con dac incorporato.
Ieri a 6:40 Da micio_mao

» alimentatore autocostruito per alta fedeltà da 7/10 A
Ieri a 0:01 Da dinamanu

» Canale che gracchia e sparisce su Musical Fidelity A1
Gio 1 Dic 2016 - 23:45 Da dinamanu

» JRiver 22
Gio 1 Dic 2016 - 21:26 Da Nadir81

» Amplificatore per Scythe SCBKS-1100 Kro Craft Speaker Rev. B, quale migliore?
Gio 1 Dic 2016 - 21:26 Da Angel2000

» quale alimentatore già pronto all'uso per un TPA 3116?
Gio 1 Dic 2016 - 21:06 Da Angel2000

» Player hi fi
Gio 1 Dic 2016 - 20:34 Da Tasso

» (SR+SS) Kit pcb Pass Aleph 3 + componenti
Gio 1 Dic 2016 - 19:48 Da tix88

» VENDO Kit preamplificatore Sbilanciato->Bilanciato per Anaview/hypex/icepower ecc
Gio 1 Dic 2016 - 14:23 Da MrTheCarbon

» Daphile - Audiophile Music Server & Player OS
Gio 1 Dic 2016 - 12:12 Da luigigi

» Vintage VS nuovo ma new entry...
Gio 1 Dic 2016 - 10:58 Da emmeci

» Consiglio amplificatore buon rapporto qualità/prezzo
Gio 1 Dic 2016 - 10:15 Da dinamanu

» Verdi - consigli per gli acquisti
Gio 1 Dic 2016 - 10:10 Da luigigi

» Pioneer PL12 in pensione.....o forse no?
Gio 1 Dic 2016 - 9:52 Da Motogiullare

» Little Dot MKII e Little Dot I+ appena arrivati...inizia il test-confronto con le AKG K550.
Gio 1 Dic 2016 - 0:48 Da YAPO

» Messaggio per Valterneri NAD90
Mer 30 Nov 2016 - 22:28 Da beppe61

» Berlioz "symphonie fantastique
Mer 30 Nov 2016 - 21:56 Da Milanraf

» Alternativa a Volumio: Moode Audio!
Mer 30 Nov 2016 - 20:11 Da eddy1963

» Cd conviene ripararlo o....
Mer 30 Nov 2016 - 16:55 Da gigetto

» aiuto! amplificatore DENON PMA520AE e diffusori AIWA sxANS70
Mer 30 Nov 2016 - 16:52 Da giucam61

» Amplificatore morto e giradischi con presa differente
Mer 30 Nov 2016 - 16:01 Da giucam61

» Vendo Tweeter Ciare HT200 [40 euro spediti
Mer 30 Nov 2016 - 14:00 Da MrTheCarbon

» Cross-over digitale senza DAC...
Mer 30 Nov 2016 - 13:44 Da dinamanu

» Cuffie per DAC PRO-JECT HEAD BOX S USB
Mer 30 Nov 2016 - 10:12 Da sportyerre

» Cuffie bestbuy 150€ no amplificatore
Mer 30 Nov 2016 - 9:35 Da lello64

» se cambio valvole miglioro?
Mer 30 Nov 2016 - 8:59 Da dinamanu

» Scelta giradischi
Mar 29 Nov 2016 - 23:54 Da dinamanu

» Una storia di cavi
Mar 29 Nov 2016 - 22:39 Da potowatax

» Quale ampli per le mie Dynaudio M20
Mar 29 Nov 2016 - 18:41 Da giucam61

Sondaggio

Interessati alla guida per la costruzione di un server audio?

76% 76% [ 148 ]
24% 24% [ 47 ]

Totale dei voti : 195

I postatori più attivi della settimana
Angel2000
 
dinamanu
 
lello64
 
sportyerre
 
CHAOSFERE
 
gigetto
 
MaurArte
 
giucam61
 
thepescator
 
Masterix
 

Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19629)
 
schwantz34 (15476)
 
Silver Black (15370)
 
nd1967 (12784)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10213)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (8457)
 

Statistiche
Abbiamo 10359 membri registrati
L'ultimo utente registrato è bepsi

I nostri membri hanno inviato un totale di 768763 messaggi in 50031 argomenti
Chi è in linea
In totale ci sono 41 utenti in linea :: 3 Registrati, 0 Nascosti e 38 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Docarlo, francogenio, SGH

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo degli utenti in linea è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Furl  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, not just T-class. Since 2008, the affordable HiFi for you. sul tuo sito sociale bookmarking

"THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

"THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Giobax il Ven 24 Set 2010 - 21:04


Ringraziando coloro che mi hanno permesso di accedere attivamente a questa sezione, spero di far cosa gradita ad aprire questo nuovo thread che riguarderà il progetto cui ho già accennato in quello che trovate qui http://www.tforumhifi.com/diy-sorgenti-f77/ic-per-potenziometro-t9364.htm. Tutto è nato qualche mese fa, quando di comune accordo con Marco (Madqwerty) abbiamo deciso di provare alcuni chip che fungono da potenziometri digitali ed il cui controllo è affidato ad un microprocessore. Avendo già in precedenza entrambi "giocato" con i PIC (microprocessori di casa Microchip) e conoscendo qualche rudimento di programmazione abbiamo cominciato a fare delle prove. Da qui è nata l'idea di questo controller, ovvero la mia interpretazione di quello che ritengo essere un progetto interessante e utile. Con Marco ci sentiamo praticamente quotidianamente, ognuno porta avanti il "suo" progetto grazie anche alla collaborazione che c'è tra noi, concretizzatasi anche nella nascita di un "mini" group buy" che ci permette di usare praticamente gli stessi materiali, in modo da avere continui confronti e scambi di idee.
Quindi, grazie anche alle mie recenti due settimane di ferie trascorse a casa a causa del maldischiena Crying or Very sad ecco il primo prototipo della scheda di controllo:



Questa scheda nasce per essere montata sul frontale di un box (ho scelto per me un Galxy maggiorato di 23x23) ed alloggia tutta la componentistica necessaria a controllare le diverse perifiche che uno intenda montare.



Il cuore del sistema è (al momento) un PIC 16F877A, un microprocessore diffusissimo, ma è possibile montarne di più recenti e potenti con delle minime modifiche al solo software, in modo da aumentare la velocità o la complessità del programma (Marco ad esempio è già passato al più nuovo e "performante" 16F887). Allo scopo di utilizzare PIC diversi, ho preferito usare un quarzo esterno, in questo caso da 20MHz. Il microprocessore è alloggiato sotto il display LCD, che può indifferentemente essere un modello a 2 righe per 16 caratteri oppure un 4 righe per sedici caratteri.



Ho previsto diverse possibilità per quanto riguarda il controllo del volume, prevedendo di poter montare (sempre con le oportune modifiche al firmware) indifferentemente i potenziometri digitali cui accennavo sopra (MCP42XXX), o i chip dedicati tipo PGA2311 e DS1802, ovvero tutti quei sistemi che necessitano di un controllo con protocollo SPI.
Il connettore a 6 pin in alto sopra il PIC è appunto una porta SPI che ci permetterà di controllare tute le periferiche che prevedano il protocollo SPI. Non escludo poi che sulle stesse uscite della scheda si possa collegare un driver di potenza (ponte H) per il controllo dei potenziometri motorizzati. Con poche modifiche sarà inoltre possibile gestire anche i sistemi di regolazione del volume "a relè" come quello presentato tempo fa da Piero7.



Per quanto riguarda invece la gestione degli ingressi e delle uscite mi sono orientato su un altro protocollo, ovvero l' I2C. Esistono infatti degli economici IC che attraverso questo protocollo (che viaggia su 2 fili) consentono di gestire gruppi di otto uscite che potranno essere collegate (tramite ovviamente un transistor) ai relè che controlleranno appunto IN e OUT del nostro box. In questo modo si avrà la possibilità di settare indipendentemente ingressi e uscite con lo stesso encoder (di cui parliamo dopo). Funzioni a mio avviso interessanti saranno la possibiità di memorizzare per ogni ingresso un "volume normalizzato", in modo che commutando la sorgente il livello sonoro non subisca grosse variazioni qualora esistano differenze nei livelli di uscita delle sorgenti stesse. Oppure la possibilità di eseguire prove in "doppio cieco" totalmente assistite potendo memorizzare dei setting I/O e scorrendo tra gli stessi. A tal proposito mi sembra interessante prevedere una funzione che scorra tali "setting" in maniera del tutto casuale per un certo numero di volte, per poi solo alla fine mstrare sul diplay la sequenza riprodotta. Altra funzione quella di poter disporre di un fade in e fade out ad ogni commutazione. E' ovviamento prevista anche la possibilità del "balance" tra i livelli dei due canali.
Lo zoccolo a 8 pin accanto al connettore serve per l'inserimento facoltativo di una eeprom aggiuntiva, che permetterà di disporre di una ulteriore memoria in cui memorizzare i diversi settaggi.



Il controllo del volume, degli ingressi e di tutte le funzioni e menù è affidato a due encoder rotativi a 20 passi che dispongono anche di uno switch attuabile premendo l'alberino. Quello di destra per il volume e balance, quello di sinistra per la selzione degli I/O e la programmazione.
Ovviamente tutti questi controlli saranno gestibili anche tramite telecomando IR: si può usarne uno qualunque compatibile con lo standard RC-5 (Philips e molti altri marchi, e cmq TUTTI quelli universali). In pochi attimi sarà possibile far apprendere i tasti che desidereremo associare alle varie funzioni, compreso MUTE e standby (in questo caso il display e le varie periferiche vengono disalimentate e il microprocessore entra in modalità sleep, portando l'assorbimento totale del circuito al di sotto di 1mA).



Considerando le numerose porte messe a disposizione dal PIC ho implementato anche una porta RS232, allo scopo di poter accedere più facilmente attraverso la seriale di un PC a tutte le impostazioni e settaggi previsti. Ovviamente si tratta di un optional, ma considerato che quell'IC lo si trova ad un paio di euro credo ne valga la pena.

Completano la scheda una cicalino (beep quando si usa il telecomando) e diverse uscite cui è possibile collegare dei led o dei relè (in modo da poter controllare ad esempio attraverso il telecomado l'alimentazione degli altri componenti della catena audio)

Per quello che mi riguarda, intendo montare all'interno dello stesso "case" anche il PREfet, con la possibilità di poterlo o meno bypassare.

Come avete capito, le potenzialità di questa schedina sono notevoli. Il progetto è in piena fase di sviluppo ed attualmente sono state realizzate le routine per il controllo tramite encoder e telecomando IR, nonchè implementati i protolli di comunicazione necessari (SPI, I2C e RS232). In questi giorni io e Marco stiamo studiando la possibilità di affidare il controllo del volume a delle LDR (vedi Lightspeed), con la probabilità di risolvere anche uno dei problmi più grossi che le affligge, ovvero la necessità di trovarne delle copie "matchate". Infatti eventuali differenze potrebbero essere colmate adottando un controllo separato per ogni LDR, e di questo si occuperebbe il PIC.


Osservazioni, consigli e quanto altro sono estremamente graditi, anche perchè non nascondo che l'interesse di altre persone è un bello stimolo ad andare avanti nello sviluppo. Da parte mia la totale disponibilità a fornire indicazioni a chi volesse unirsi nello sviluppo di questo progetto o portarne avanti uno parallelo, esattamente come sta facendo Marco che ad esempio utilizza un linguaggio di programmazone molto più complesso ed "elegante" del mio....visto che lui programma direttamente in ASM mentre io mi affido invece ad un complitatore Mikrobasic.

Per quanti fossero interessati posso dire fin da ora che il costo del progetto (con una opportuna scelta dei rivenditori presso cui acquistare i componenti) dovrebbe attestarsi intorno ai 50€ (contenitore escluso) con la variabile piuttosto "importante" della realizzazione del pcb.
Ripeto...questo è solo un prototipo su cui sto facendo le mie prove, Marco sta portando avanti un suo progetto ma tutto quello che facciamo è "open source" e cerchiamo di tirar fuori il meglio dal lavoro di ognuno.


Bene....grazie a chi mi ha dedicato del tempo arrivando a leggere fin qui. Very Happy

Giovanni

p.s....a tutti chiedo una sola cortesia: evitiamo di quotare interi post di foto e testo "pesante" solo per rispondere con una emoticon o due parole...esiste una "netiquette" e citando testualmente wikipedia "Se si risponde ad un messaggio, evidenziare i passaggi rilevanti del messaggio originario, allo scopo di facilitare la comprensione da parte di coloro che non lo hanno letto, ma non riportare mai sistematicamente l'intero messaggio originale". Grazie Ok

Giobax
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.06.09
Numero di messaggi : 947
Località : Siena
Impianto : work in progress

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  madqwerty il Ven 24 Set 2010 - 21:17

Shocked Shocked Shocked Shocked
che presentazione ultra-profescional !!! Cool e sai che ti dico...
VE LO MERITATE, TU E LA SCHEDA !!! Cool
Clap Clap Clap Clap Clap Clap Clap Clap Clap Clap Clap Clap
Oki Oki Oki Oki Oki Oki Oki Oki Oki


Ultima modifica di madqwerty il Ven 24 Set 2010 - 21:22, modificato 1 volta

madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  giovyy il Ven 24 Set 2010 - 21:21

Shocked Shocked Shocked Shocked
Mamma mia...

Giobax sei un mito!!!


giovyy
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 08.01.10
Numero di messaggi : 1073
Località : Napoli
Impianto : Casse JBL + Proton
GC con LM3875

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Giobax il Ven 24 Set 2010 - 21:26

@ Madqwerty
Grazie socio!
Tu non c'è bisogno che leggi tutto...ti sei già sciroppato in privato le mie e-mail deliranti...Laughing e ricordati che presto dovrai farmi da beta-tester...sai quanto ci tengo! Kiss

@Giovyy
E grazie anche a te. A proposito....come vanno i tuoi "studi"?

Giovanni

Giobax
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.06.09
Numero di messaggi : 947
Località : Siena
Impianto : work in progress

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  giovyy il Ven 24 Set 2010 - 21:38

@Giobax ha scritto:

@Giovyy
E grazie anche a te. A proposito....come vanno i tuoi "studi"?

Giovanni

Un pò a rilento..ho fatto poco o nulla Sad

Visto che c'è la possibilità di usare anche il pga2311, se continuo il mio "progetto" Laughing , mi prometti di testarlo? Smile

PS: non nascondo che mi sta venendo voglia di vendere il kit che ho acquistato..

giovyy
Membro classe bronzo
Membro classe bronzo

Data d'iscrizione : 08.01.10
Numero di messaggi : 1073
Località : Napoli
Impianto : Casse JBL + Proton
GC con LM3875

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  florin il Ven 24 Set 2010 - 21:44

Complimenti,molto interessante questo progetto !!! Clap Clap Clap

florin
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 05.02.09
Numero di messaggi : 3236
Località : torino
Impianto : marantz cd4000 tweakkato,ampli truepath autocostruito,Dynamite 8,dac Florini+WaveIO in I2S

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Patrick il Ven 24 Set 2010 - 22:36

Cacchio cacchio! Complimentoni! Oki

Patrick
Musicista/Fonico
Musicista/Fonico

Data d'iscrizione : 04.03.10
Numero di messaggi : 6121
Località : Iperuranio
Occupazione/Hobby : Musicista-Insegnante di Chitarra Moderna-Tecnico Audio-Arrangiatore
Provincia (Città) : Disforico
Impianto :
Spoiler:

PC
Onkyo A-9355
Tannoy Precision 8
Cuffie, cuffie, cuffie
Cavi di Potenza:Kiss Key Foo See Gold Limited Edition.
Cavi di segnale:Kiss Puck U See Platinum - Kim EI Fire.



http://www.youtube.it/patrickfisichella

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  madqwerty il Ven 24 Set 2010 - 22:58

@Giobax ha scritto:Tu non c'è bisogno che leggi tutto...
alla fine ho letto tutto, e non mi son pentito Wink

ti sei già sciroppato in privato le mie e-mail deliranti...Laughing
a proposito di email deliranti, non hai scaricato la posta oggi pome vero? Wink


e ricordati che presto dovrai farmi da beta-tester...sai quanto ci tengo!
Kiss Kiss Kiss
però ti avverto, ho litigato con un tot di consulenti in passato, beta-testando in modo [paranoia ON] i loro firmware... Hehe Hehe Hehe

madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Tfan il Sab 25 Set 2010 - 0:31

stra complimenti con inchino Very Happy
per la pcb il problema non si pone... basta appoggiarsi a qualcuno che fa queste cose.. mi viene in mente catena di inventiamo.net
io comunque sono molto interessato a farne una Ok Ok Ok

Tfan
Membro classe argento
Membro classe argento

Data d'iscrizione : 02.09.08
Numero di messaggi : 2194
Località : apolide
Occupazione/Hobby : La ricerca del piacere
Provincia (Città) : Brighton - UK
Impianto : Pre: SonuS SB21 Reference dual mono full balanced
Finali: SonuS CM21 Reference mono PP classe A Circlotron
Sorgenti:
PIPO X7 Foobar audio server
WaveIO Xmos & BuffaloIII X-Coupled tube output
Avid Ingenium / Nagaoka MP-200

Diffusori: ProAC D15
Cavi segnale: SonuS HYbrid Silver Litz
Cavi potenza: SonuS OFC Copper Reference
2 orecchie - cervello - cuore - anima


Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Giobax il Sab 25 Set 2010 - 6:30

@Tfan ha scritto:
per la pcb il problema non si pone... basta appoggiarsi a qualcuno che fa queste cose.. mi viene in mente catena di inventiamo.net

Ovvio che ci si può appoggiare a dei service esterni per i pcb. Il mio discorso era però riferito al costo del progetto:realizzarla "in proprio" costa sui 3 o 4 euro, per ferla fare "fuori" credo che stiamo (ad occhiometro) sui 25 euro...

Giovanni.

Giobax
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.06.09
Numero di messaggi : 947
Località : Siena
Impianto : work in progress

Tornare in alto Andare in basso

Si ricominciaaaaaaaaaaa

Messaggio  Giobax il Gio 17 Mar 2011 - 19:07

Passato il forzato periodo di inattività Evil or Very Mad si riprende a lavorare al progetto. A dir la verità è un po' che mi sbattezzo per tirar fuori qualcosa di decente dalla parte "LDR" (lightspeed)....quindi oggi ho deciso di dedicarmi ad un altro dei componenti, ovvero una delle schede che gestiscono la commutazione degli ingressi, del preamplificatore (prefet MKII), e delle uscite.







eccola appena assemblata (ma non definitivamente) sul pannello posteriore del mobile che conterrà il "the linker".
I primi 4 relè (da sx) sono relativi ai 4 ingressi. I due montati verticalmente hanno lo scopo di permettere di bypassare o includere nella catena il preamplificatore interno. L'ultimo dx serve per commutare una delle due uscite.
Ovviamente devo ancora collegare il "polo caldo" del connettore RCA alla scheda...per questo sarà sufficiente uno spezzone di filo di pochi cm che andrà saldato tra l'RCA e la "piazzola" vicina al connettore sul lato opposto della scheda.



Per ultimo il connettore a pettine attraverso il quale la scheda comunica con l'elettronica.



Qui si interfaccia il modulino che vedete in basso a sx nella prima foto. Ci sono due integrati, uno dei quali altro non è che un array di darlington, ovvero 8 transistor robusti abbastanza per controllare i relè, che essendo a 12V non possono essere direttamente controllati dal microprocessore (5V). Del resto, anche usando relè a 5V la corrente erogata dal pic non sarebbe sufficiente. L'altro ic è un "port expander"...in parole povere questo IC riceve una stringa di 8 bit (un byte) in forma seriale (quindi utilizzando due soli pin del microprocessore) e ripresenta lo stato di questi singoli bit sulle sue uscite (che poi son collegate ai transistor visti prima).

La scheda montata sul pannello posteriore può ovviamente essere semplicemente collegata ad un commutatore rotativo a 4 posiszioni ed un paio di semplici switch.

Ho voluto far lo "sborone" mettendo 4 ingressi....e son finito forse un po' troppo vicino alla vaschetta di alimentazione....vabbè..vedrò di risolvere con una abbondante "paratia" di alluminio...

Vediamo dove vado a finire....ho a volte l'impressione di aver troppa carne al fuoco....Laughing

Giovanni.



Giobax
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.06.09
Numero di messaggi : 947
Località : Siena
Impianto : work in progress

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  kuki il Gio 17 Mar 2011 - 20:09

complimenti, bellissimo progetto!!! Oki Oki

kuki
Interessato
Interessato

Data d'iscrizione : 17.05.10
Numero di messaggi : 58
Località : Bo
Impianto : Behringer DDM4000 + Shure tk2050 + Scythe SDA1100 + Jbl L830 + Technics SL1200

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  rattaman il Gio 17 Mar 2011 - 20:17

Clap Clap Clap Clap ...Grande Giovanni!!!! i miei complimenti ho sempre ammirato coloro che sono bravi con elettronica Razz .

Giovanni è una persona squisita, come poche .......

Clap Clap Clap Clap NON vedo l'ora di vedere il lavoro finito......

rattaman
Falegname HiFi specializzato
Falegname HiFi specializzato

Data d'iscrizione : 27.08.08
Numero di messaggi : 5128
Località : San Giorgio a Cremano (Na)
Occupazione/Hobby : DISOCCUPATO
Provincia (Città) : PESSIMISTA FINO AL MIDOLLO
Impianto :
Spoiler:
Lettore CD :Marantz CD67 special edition.
Amplificatore: Cambridge Audio Azur 640A .

Diffusori: PSB alpha B1.
Stand: Autocostruiti.[/b]
Mie Realizzazioni:




Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Giobax il Gio 17 Mar 2011 - 21:22

@kuki ha scritto:complimenti, bellissimo progetto!!! Oki Oki

@rattaman ha scritto: Clap Clap Clap Clap ...Grande Giovanni!!!! i miei complimenti ho sempre ammirato coloro che sono bravi con elettronica Razz .
Giovanni è una persona squisita, come poche .......
Clap Clap Clap Clap NON vedo l'ora di vedere il lavoro finito......

Grazie....sinceramente anche io non vedo l'ora di vedere il lavoro finito Crying or Very sad Crying or Very sad Crying or Very sad ...l' "hardware" praticamente è pronto...c'è da metterlo insieme, riunire tutte le routine...e chissà quanti altri problemi saltano fuori...
Le LDR sono ostiche più di quello che pensavo....a Marco (Mad) e a me stanno facendo girare le @@ oltre ogni previsione nel tentativo di renderle "stabili" intorno ai 100K. Ne abbiamo approcciato il controllo da due strade differenti, ed il fatto che abbiamo gli stessi problemi ci porta a concludere che il problema non sia dei rispettivi progetti, ma proprio una caratteristica intrinseca delle LDR...ma non molliamo! Evil or Very Mad

Cmq...visto che il 3ad è nuovamente aperto, lo aggiornerò ogni volta che ci saranno dei passi avanti.

Questa è la scheda che pilota le LDR ('ste bastarde... Mad ), fondamentalmente come già detto in altro post, due DAC a 12 bit, un amplificatore operazionale quadruplo e un generatore di tensione di riferimento:



Mad

Questo invece il regolatore di tensione. In ingresso probabilmente uno switching tipo "Pincellone" , due regolatori a 5V separati uno per il "digitale" e uno per l' "analogica" (sempre le bastarde...). Il relè serve per togliere corrente ai carichi inutili (analogica e 12V relè) quando il sistema è in stand-by.



Infine (magari fosse davvero finita...Laughing) l'interfaccia tra microprocessore e scheda relè (selettore ingessi e uscite).



Queste le pcb realizzate, c'è un infiltrata di cui disconosco la paternità, vediamo se indovinate qual'è...Laughing Laughing


FORZA E CORAGGIO! Please Smile

Giovanni

Giobax
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.06.09
Numero di messaggi : 947
Località : Siena
Impianto : work in progress

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  flovato il Gio 17 Mar 2011 - 21:37

@Giobax ha scritto:


Per prima cosa complimenti, osservavo ammirato la realizzazione e mi chiedevo.
Cosa usate per fare i fori sul cabinet hi-fi2000 cosi precisi ?

Avete un tornio ?

Io ho problemi ad usare la morsa perché l'alluminio è molto dolce e si rovina facilmente.
Avete dei suggerimenti ?

flovato
UTENTE BANNATO

Data d'iscrizione : 23.12.10
Numero di messaggi : 12509
Impianto : (non specificato)

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Giobax il Gio 17 Mar 2011 - 22:08

@flovato ha scritto:
Cosa usate per fare i fori sul cabinet hi-fi2000 cosi precisi ?
Avete un tornio ?
Io ho problemi ad usare la morsa perché l'alluminio è molto dolce e si rovina facilmente.
Avete dei suggerimenti ?

No...niente tornio, anchè perchè la vedo dura far dei fori su una superficie piana con un tornio.
Io uso un trapano a colonna, un utensile che se uno ha posto dove tenerlo non costa neppure troppo,
http://cgi.ebay.it/Trapano-a-colonna-da-banco-350-W-5-Velocita-/350332276389?pt=Utensili_elettrici&hash=item51916e4ea5
questo è il primo che ho trovato su ebay con "trapano colonna". Per certi lavoretti va più che bene...io di solito ne uso uno poco migliore. Quando devo fare lavori più pesanti (spessori maggiori, materiali più "duri", maggior precisione) vado da un amico che ha un officina ben fornita e uso un trapano/fresa. Per molto tempo ho fatto i miei lavoretti con un supporto per trapano tipo questo:
http://cgi.ebay.it/SUPPORTO-A-COLONNA-PER-TRAPANO-43-MM-TAGLIO-50-MM-/280644334870?pt=Utensili_elettrici&hash=item4157b4b516

L'alluminio del posteriore degli hi-fi2000 è infimo, tenero come pochi.....certi fori li ho fatti pure con il trapano/avvitatore. Occorre un po' di manualità e esperienza.....ma nulla di troppo difficile.

Io per certi lavori (come quello in oggetto) uso farmi una stampa su carta del piano di foratura che poi attacco con del nastro sul pannello da forare. Questo ad esempio quello per montare i 12 RCA:




Con un punzone d'acciaio e una martellata secca segno il punto da forare....tolgo la carta e eseguo i fori...facendoli prima tutti diciamo da 3mm e poi allargando alla misura necessaria.

Giovanni

Giobax
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.06.09
Numero di messaggi : 947
Località : Siena
Impianto : work in progress

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  madqwerty il Gio 17 Mar 2011 - 23:37

@Giobax ha scritto:
Vediamo dove vado a finire....ho a volte l'impressione di aver troppa carne al fuoco....Laughing
Giovanni.
tranqui, non ti sta scappando nemmeno mezza costoletta Wink
gran bel lavoro cumpare, ben articolato, modulabile e "solido" Oki

..per quanto possibile Wink (fottute LDR Mad )

@Giobax ha scritto:due DAC a 12 bit
due? ho capito 'nasega io, oppure mi parlavi di un DAC per ogni LDR ? Muble

@Giobax ha scritto:
Queste le pcb realizzate, c'è un infiltrata di cui disconosco la paternità, vediamo se indovinate qual'è...Laughing Laughing

vediamo se questi indizi aiutano Very Happy

è la "seconda strada" (cronologicamente la prima Very Happy ) tracciata nei fondamentali da Giobax stesso,
e sperimentata/proseguita dal sottoscritto, ponendo il minimo dell'attenzione possibile a qualsiasi questione extra-LDR,
ahimè questa concentrazione di attenzioni non ha dato al 100% i risultati sperati,
ciononostante il robo qua sopra offre prestazioni decenti (una precisione attorno al 5-10% / -+0.5dB , a seconda dell'aspetto considerato)
ha già suonato e funge, diciamo che ha una sua dignità Very Happy

@flovato ha scritto:
Per prima cosa complimenti, osservavo ammirato la realizzazione e mi chiedevo.
Cosa usate per fare i fori sul cabinet hi-fi2000 cosi precisi ?
un metodo diy decente te l'ha già dato Giobax,
la mia ricetta è ben più ignorante Hehe (finora ho sempre posto poca attenzione all'estetica, e cmq in questo frangente l'approccio ignorante non condiziona l'estetica)
- pezzo di legno sotto il pannello da forare, segno il foro con una martellata, e il primo chiodo d'acciaio robusto che trovo sul banco Cool
- finora ho usato sempre e solo un trapanino/avvitatore a batteria, di qualità economica, anche per i fori dei potenziometri o per i selettori di ingresso..
- il segreto (di Pulcinella Very Happy ) è avere punte buone/adatte, e arrivare al diametro desiderato per gradi, più esegui fori intermedi, più il foro finale viene bene, senza sbavature o trucioli, che cmq andranno rimossi con la lima, e/o con una punta svasatrice molto larga, a termine lavoro.. per esempio, un foro da 9.5 mm (diametro classico degli RCA cinesi economici Wink ) mi viene bene facendo almeno 2 fori intermedi (3-4 mm il primo, 6-7 il secondo)
più largo è il foro / più spesso è l'alluminio, più sono i fori intermedi da fare (cmq l'alluminio si buca facile +o- sempre, è mica acciaio inox Wink )

madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Giobax il Ven 18 Mar 2011 - 1:19

@madqwerty ha scritto:
due? ho capito 'nasega io, oppure mi parlavi di un DAC per ogni LDR ? Muble

Hai ragione, mi son spiegato male. Due chip...ovvero 4 dac, uno per ogni LDR.

Giovanni

Giobax
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.06.09
Numero di messaggi : 947
Località : Siena
Impianto : work in progress

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Switters il Ven 18 Mar 2011 - 1:31

Questo thread me l'ero perso, mi sembra mooolto interessante...
Ho letto tutto ma non posso dire di aver capito tutto Embarassed
Non sono riuscito a capire sulle schede quali sono le LDR, sono quei cilindretti neri (SR2 309) delle foto postate da madqwerty e a cui sono attaccate le sonde del multimetro?
Magari è una domanda stupida ma... riguardo il matchare le LDR non sarebbe invece possibile tentare una specie di auto-calibrazione via PIC mandando una serie di valori in ingresso e misurandone le uscite? Il PIC utilizzato ha dei pin di ingresso analogici?

Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Giobax il Ven 18 Mar 2011 - 9:32

@Switters ha scritto:Questo thread me l'ero perso, mi sembra mooolto interessante...
Ho letto tutto ma non posso dire di aver capito tutto Embarassed
Non sono riuscito a capire sulle schede quali sono le LDR, sono quei cilindretti neri (SR2 309) delle foto postate da madqwerty e a cui sono attaccate le sonde del multimetro?
Magari è una domanda stupida ma... riguardo il matchare le LDR non sarebbe invece possibile tentare una specie di auto-calibrazione via PIC mandando una serie di valori in ingresso e misurandone le uscite? Il PIC utilizzato ha dei pin di ingresso analogici?

Si....lemaledette ldr sono quei cilindretti. In effetti tutto il discorso mio e di Mad é scaturito dal poter in qualche modo soprassedere alla matchatura delle ldr, visto che con un sistema di controllo a microprocessore (PIC in questo caso) queste vengono controllate singolarmente, pertanto eventuali (anzi....certissime) differenze tra di loro vengono compensate. Il discorso dell'autocalibrazione filerebbe, ma alla resa dei conti i 10 bit di risoluzione offerti dai convertitori ADC degli ingressi analogici del PIC non sono sufficenti. Altro problema sarebbe quello del parametro da utilizzare per la calibrazione: corrente assorbita dai led delle LDR e caduta di tensione sullo stesso diodo si sono rivelate non troppo proporzionali a quella che in realtà è la risposta dal lato "resistivo". Misurare e calibrare il sistema dal lato "resistivo" comporterebbe invece di introdurre un continuo monitoraggio sul ramo destinato al segnale audio: le ldr si sono rivelate particolarmente sensibili alle variazioni di temparatura, tanto che a 100Kohm una variazione di un paio di gradi fa slittare questo valore di 15Kohm. Non sarebbe quindi sufficiente una misurazione iniziale, ma occorre un continuo controllo visto che l'aumento di temperaqtura all'interno del case porterebbe a slittamenti dell'ordine di qualche dB. Con Marco stiamo affrontando il problema da due prospettive diverse (al solito...Laughing):io intendo introdurre una quinta ldr le cue variazioni vadano a modificare continuamente (in maniera analogica) la tensione sulle altre 4 ldr. Marco invece lavora sulla variazione di corrente (si parla di nanoamper) che lo slittamento termico introduce sul led.
Di strada da fare ce n'è ancora tanta....ma non ci corre dietro nessuno, per fortuna....Laughing

Giovanni.

Giobax
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.06.09
Numero di messaggi : 947
Località : Siena
Impianto : work in progress

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Switters il Ven 18 Mar 2011 - 20:30

Mmm... vi siete trovati un bel problema da risolvere... Very Happy

Sbaglio o le LDR che avete usato hanno il led incluso nel cilindretto?

Vado a ruota libera, e anche abbastanza alla "cieca" (l'ultima volta che ho messo le mani su qualcosa di simile è stato venti e passa anni fa, uno Z80... programmato in esadecimale su una tastiera che assomigliava a quella di una calcolatrice Smile Inoltre in elettronica analogica sono di un'ignoranza abissale, preferisco gli 0 e 1 Smile ) se scrivo troppe sciocchezze fermatemi Hehe

1) se non lo avete fatto, immagino che non sia possibile utilizzare una sola LDR per regolare il volume, giusto?

2) nella mia ignoranza la mia prima idea sarebbe stata quella di misurare la tensione ai capi dei lati resistivi di ogni LDR, posto che sia possibile o metterle in serie, o alimentarle con la stessa identica tensione se su circuiti indipendenti. Se non è possibile farlo sulla PCB del "THE LINKER" si potrebbe pensare ad un circuito apposito per la calibrazione che memorizzi le tabelle di risposta di ogni LDR in funzione della tensione di pilotaggio e della temperatura. Ma la cosa si complica non di poco. Sempre ammesso che l'unico fattore che influenza la risposta caratteristica di una LDR sia la temperatura, in tal caso si potrebbe pensare di utilizzare dei sensori di temperatura (se ne esistono con la risoluzione e precisione necessaria), ma da come ne parlate ho come il sospetto che queste LDR siano sfuggenti come anguille... Smile non mi stupirebbe che la loro risposta possa cambiare coll'andare del tempo...

3) quanti ADC ha il PIC utilizzato? Forse sto andando in OT, ma si potrebbe secondo voi usare due ADC per campionare la misura utilizzando un partitore di tensione? O così facendo, pur portando la risoluzione a 20 bit, si introdurrebbero delle ulteriori imprecisioni?


Switters
Membro classe oro
Membro classe oro

Data d'iscrizione : 24.02.11
Numero di messaggi : 5072
Località : Milano
Provincia (Città) : Milano
Impianto : solo stereo, non HiFi...


Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  madqwerty il Ven 18 Mar 2011 - 20:59

@Giobax ha scritto:Con Marco stiamo affrontando il problema da due prospettive diverse (al solito...Laughing):io intendo introdurre una quinta ldr le cue variazioni vadano a modificare continuamente (in maniera analogica) la tensione sulle altre 4 ldr. Marco invece lavora sulla variazione di corrente (si parla di nanoamper) che lo slittamento termico introduce sul led.
lavorava.. Crying or Very sad ho (ri)messo in piedi quel circuitino di conversione V-I , un po' a fatica, e ahimè ho rilevato anche in questo caso una forte instabilità del valore Sad
(al netto di instabilità sulla tensione di azionamento, che però tenderei ad escludere) avevi ragione te,
la tensione di giunzione del diodo, naturalmente variabile con la temperatura, non è l'unico parametro che drifta, e sicuramente quello che influisce meno.. Sad

@Switters ha scritto:(l'ultima volta che ho messo le mani su qualcosa di simile è stato venti e passa anni fa, uno Z80...
bello lo Z80, mi ci son divertito parecchio a scuola Smile
cmq in questo progetto ci vado di assembler, masochismo vintage duro a morire Laughing

@Switters ha scritto:1) se non lo avete fatto, immagino che non sia possibile utilizzare una sola LDR per regolare il volume, giusto?
ni, tendente al no Wink
se immagini il potenziometro come due resistenze variabili (la parte "sopra" il contatto mobile, e quella "sotto") vien da sè che ne servano 2...
puoi anche pensare di tenerne una fissa, con una normale resistenza (e lo si era valutato pure Wink ) ma vai incontro a fortissime limitazioni sulla dinamica di attenuazione ottenibile Sad


ma da come ne parlate ho come il sospetto che queste LDR siano sfuggenti come anguille... Smile
dici bene Sad la fortuna è che non sfuggono mai troppo lontano,
ma di fatto ogni accensione è un po' come le estrazioni del lotto (uscirà 90K? 98K? 110K? giro la ruota! Very Happy )

e cmq, c'è un ramo con due resistenze (LDR) in serie, di valore ignoto,
per poterle misurare direttamente (tramite lettura della tensione ai loro capi) devi necessariamente avere su quel ramo un resistore di valore noto e fisso,
condizione non attuabile.. Sad


3) quanti ADC ha il PIC utilizzato? Forse sto andando in OT, ma si potrebbe secondo voi usare due ADC per campionare la misura utilizzando un partitore di tensione? O così facendo, pur portando la risoluzione a 20 bit, si introdurrebbero delle ulteriori imprecisioni?
l' ADC nei PIC16 mi pare sia sempre uno solo, che però tramite multiplexer ha possibilità di leggere molti pin (uno per volta)
però, con un partitore di tensione ai capi dell'input analogico, perdi risoluzione, non la guadagni Wink
per guadagnarla (in prima battuta) servirebbe di amplificare il segnale (per passare da 10 a 20 bit dovresti amplificarlo 1024 volte Surprised ) senza peggiorare il rapporto S/N del segnale (sennò la maggiore risoluzione te la fumi in rumore Wink ) e cmq, diminuiresti la dinamica misurabile di 1024 volte Wink

cmq c'ho pensato, al tuo discorso di provarci con l'ADC, e credo continuerò a pensarci per un po' Wink

madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Giobax il Ven 18 Mar 2011 - 21:43

@Switters ha scritto:

1) se non lo avete fatto, immagino che non sia possibile utilizzare una sola LDR per regolare il volume, giusto?
Putroppo no....nelle regolazioni di volume occorre un "partitore":

dove:

inoltre per garantire che l'impedenza d'ingresso del dispositivo (di solito prossima a 25, 50 o 100 KOhm) sia costante, occorre che anche la somma (serie) delle due resistenze lo sia . Da qui la necessità di utilizzare due LDR per canale, di cui quella tra Vin e Vout viene definita "linea", quella tra Vout e massa "shunt". Quindi, per un controllo "stereo" ne occorrono 4.

@Switters ha scritto:
2) nella mia ignoranza la mia prima idea sarebbe stata quella di misurare la tensione ai capi dei lati resistivi di ogni LDR, posto che sia possibile o metterle in serie, o alimentarle con la stessa identica tensione se su circuiti indipendenti. Se non è possibile farlo sulla PCB del "THE LINKER" si potrebbe pensare ad un circuito apposito per la calibrazione che memorizzi le tabelle di risposta di ogni LDR in funzione della tensione di pilotaggio e della temperatura. Ma la cosa si complica non di poco. Sempre ammesso che l'unico fattore che influenza la risposta caratteristica di una LDR sia la temperatura, in tal caso si potrebbe pensare di utilizzare dei sensori di temperatura (se ne esistono con la risoluzione e precisione necessaria), ma da come ne parlate ho come il sospetto che queste LDR siano sfuggenti come anguille... Smile non mi stupirebbe che la loro risposta possa cambiare coll'andare del tempo...

La situazione sarebbe attuabile..in teoria, ma comporterebbe una mole impressionante di dati: considera che già per 1°C di variazione, la resistenza (per valori intorno a 100KOhm) viene "shiftata" di circa 10KOhm. Giusto per fare un esempio se la res "linea" è 98K e quella di shunt 2K abbiamo una attenuazione di circa 34dB. Se la temperatura aumenta di un grado portando Rlinea a 88K (considerando ininfluenti le variazioni di Rshunt a 2K) l'attenuazione si approssima a 33dB. Prendendo anche per accettabile un dB di variazione, occorrebbe memorizzare una tabella diversa per ogni °C di variazione. Diciamo (considerando temperatura ambiente e quella eventualmente generata dalle altre elettroniche nel case) di prendere in esame le temperature tra 15 e 30°C....quindi 16 tabelle. Mettiamo di voler "apprezzare" almeno 64dB di dinamica del potenziometro con passi di 1 dB. Ogni "posizione" del pot richiede 4 valori da memorizzare (2 per le Rshunt e due per le Rlinea). Dunque...16x64x4=4096 valori da annotarsi e memorizzare, diciamo 16 array di 256 valori da "scegliere" in base alla temperatura. A prescindere dal lavoro certosino che ne deriverebbe, c'è da considerare che con step di 1°C si rischierebbe di avere continue variazioni qualora la temperatura oscillasse intorno ai valori di soglia (quindi dovrebbe essere implementato nel software un sistema di "isteresi"...). Da qui l'esclusione di utilizzare un sistema "digitale" di compensazione della temperatura (che tra l'altro non dipende solo dalla temperatura ambiente ma si presume anche da quella generata dal led stesso).

@Switters ha scritto:
3) quanti ADC ha il PIC utilizzato? Forse sto andando in OT, ma si potrebbe secondo voi usare due ADC per campionare la misura utilizzando un partitore di tensione? O così facendo, pur portando la risoluzione a 20 bit, si introdurrebbero delle ulteriori imprecisioni?

Il Pic utilizzato ha 14 ADC a 10 bit...considerando la risposta esageratamente logaritmica delle ldr sono insuficienti. La cosa a mio avviso migliore è quella di inserire una quinta ldr alimentata da un generatore di tensione stabilissimo. A questo punto sarà proprio la sua resistenza (legata alla temperatura) a introdurre piccole variazioni all'ingresso dell'amplificatore operazionale che controlla ognuna delle altre. Sembra complicato....ma si realizza con pochi componenti e soprattutto introduce una correzione analogica (priva di "gradini). Al simulatore ho già dimensionato il tutto...appena ho un po' di tempo lo provo.

Giovanni.

Giobax
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.06.09
Numero di messaggi : 947
Località : Siena
Impianto : work in progress

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  Giobax il Ven 18 Mar 2011 - 21:50

Boia....un brain storming in piena regola....sembra quasi che ne capiamo qualcosa! E riusciamo pure a convincere qualcuno che sappiamo di cosa si parla...forse! Laughing
Che dici socio....da domani ci mettiamo a vendere intrugli dimagranti miracolosi alla Wanna Marchi? Laughing Laughing Laughing

Giovanni.

Giobax
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 29.06.09
Numero di messaggi : 947
Località : Siena
Impianto : work in progress

Tornare in alto Andare in basso

Re: "THE LINKER" un controllo digitale in filosofia T

Messaggio  madqwerty il Sab 19 Mar 2011 - 15:23

Laughing
la pancia di esempio ce la metti tu però, che la mia è ben poco attendibile! Very Happy

madqwerty
Moderatore
Moderatore

Data d'iscrizione : 11.12.08
Numero di messaggi : 6279
Località : Chivasso (TO)
Occupazione/Hobby : IT
Impianto : Powered by T-Forum :-)

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum