T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti
Benvenuto nel T-Forum!
Connettiti in modo da farti riconoscere come membro affezionato, oppure registrati così potrai partecipare attivamente alle discussioni.
Sondaggio

Ti piace il nuovo stile del T-Forum?

51% 51% [ 73 ]
49% 49% [ 70 ]

Totale dei voti : 143

Ultimi argomenti
» ALIENTEK D8 [parte 2]
Oggi alle 15:42 Da Alessandro Smarrazzo

» vendo: Focusrite, Scarlett 2I4 2Nd Gen, 2 In 4 Out Interfaccia Audio Usb
Oggi alle 15:38 Da mumps

» cd723 + SL PG200A
Oggi alle 15:32 Da arivel

» La mia opinione sul tpa3116
Oggi alle 13:02 Da fritznet

» Ciare PH 250 - Le contro Zu in stile italiano
Oggi alle 9:08 Da Tancredi76

» INDIPENDENTEMENTE DALLA CLASSE DI FUNZIONAMENTO ...
Ieri alle 23:30 Da uncletoma

» Collegamento tra sorgenti digitali
Ieri alle 23:28 Da giucam61

» Messaggi Privati
Ieri alle 21:00 Da lello64

» volumio
Ieri alle 20:57 Da pigno

» Alimentatore Lineare Audiophonics per RaspBerry PI 3 B
Ieri alle 19:02 Da Adr2016

» casse per PC
Ieri alle 17:53 Da Kha-Jinn

» Il mio angolo e non solo
Ieri alle 17:16 Da SubitoMauro

» aiuto miglioramento sala d'ascolto
Ieri alle 16:41 Da gubos

» Upgrade pre-phono
Ieri alle 15:35 Da Curelin

» POPU VENUS
Ieri alle 14:10 Da lello64

» Quali diffusori ?
Ieri alle 12:30 Da nerone

» consiglio cuffia chiusa di ogni marca
Ieri alle 11:33 Da iceman

» nad c326bee - opinioni
Ieri alle 10:21 Da giucam61

» LECTOR
Ieri alle 8:42 Da gigetto

» Bit non-perfect
Ieri alle 0:21 Da fritznet

» Trovatemi un DAC
Sab 24 Giu 2017 - 23:32 Da Calbas

» i misteri sono tanti: io ne ho uno nuovo penso!
Sab 24 Giu 2017 - 23:16 Da Calbas

» Dual1019 testina rotta
Sab 24 Giu 2017 - 20:00 Da solitario

» Consiglio sull usato
Sab 24 Giu 2017 - 19:56 Da Gabrielefenu

» giradischi
Sab 24 Giu 2017 - 18:00 Da solitario

» [VENDO] Amplificatore finale Nad 2700 Thx. Appena revisionato
Sab 24 Giu 2017 - 16:40 Da alfarome

» COMPONENTI PER PICCOLO IMPIANTO...CHI MI AIUTA?
Sab 24 Giu 2017 - 15:11 Da BullNorris

» Marantz 1040 verso Alientek D8
Sab 24 Giu 2017 - 14:47 Da nerone

» Dynavoice SA3300
Sab 24 Giu 2017 - 13:22 Da giit141

» Denon Pma50 o tengo L'Alientek D8?
Sab 24 Giu 2017 - 8:06 Da gigetto

Statistiche
Abbiamo 10865 membri registrati
L'ultimo utente registrato è franc-1910

I nostri membri hanno inviato un totale di 789190 messaggi in 51241 argomenti
Migliori postatori
Stentor (20392)
 
DACCLOR65 (19630)
 
schwantz34 (15508)
 
Silver Black (15460)
 
nd1967 (12803)
 
flovato (12509)
 
Biagio De Simone (10261)
 
piero7 (9854)
 
wasky (9229)
 
fritznet (9066)
 

Chi è in linea
In totale ci sono 63 utenti in linea: 10 Registrati, 1 Nascosto e 52 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Alessandro Smarrazzo, AndreaFx, fritznet, Giovanni duck, mumps, Nadir81, nerone, pallapippo, portnoy1965, sportyerre

[ Vedere la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 4379 il Lun 25 Mag 2015 - 15:01
Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 


Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  




Conserva e condividi l'indirizzo di T-Forum, la vera HiFi alla portata di tutti sul tuo sito sociale bookmarking


YouTube pagherà licenza a Siae per diritti streaming

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: YouTube pagherà licenza a Siae per diritti streaming

Messaggio  alessi89 il Lun 21 Mar 2011 - 18:53

Io l' ho sempre pensata così....con l' era del digitale le nostre beneamate musiche possono essere "tranquillamente" scaricate e a qualità molto elevate....bene....ma perchè le case discografiche non usano la canzone in se come Vetrina per promuovere e aumentare il numero dei concerti (live, stadio.....quello che sia)?? Ma perchè devo andarmene ad inseguire un cantante in una sola data in Italia???? (se la fa). Paghiamo il canone RAI??? Benissimo e allora accontentate tutti, anche chi vuole ascoltare musica e vederla a casa.

La musica trasmette emozioni??? BENISSIMO e allora me le deve trasmettere dal vivo. Voglio vedere qualcuno che faccia musica davanti a me, con gli introiti di almeno tre concerti in più si pagherebbe pure il fonico che registra e che diffonde su internet.
avatar
alessi89
Membro di riguardo
Membro di riguardo

Data d'iscrizione : 08.12.10
Numero di messaggi : 575
Località : latina
Provincia (Città) : boo

Tornare in alto Andare in basso

Re: YouTube pagherà licenza a Siae per diritti streaming

Messaggio  Truman il Gio 21 Apr 2011 - 20:42

In una festa che abbiamo organizzato con tanti gruppi locali (pagati per quel poco che ci è possibile) la SIAE ci è costata 230€ per l'aver proposto spettacoli musicali (la quasi totalità dei pezzi suonati era di proprietà artistica dei gruppi) più il 10% di tutti gli incassi fatturati di bar e cucina (ed è così per tutte le feste in cui si suona, e dato che questi soldi qua servirebbero per pagare tutte le altre spese con questa voce qua si rischia d'andare in rosso anche se la festa va benissimo...).

Tra le altre cose vi do anche questa chicca, un agritur piccino che ha una chitarra cui può accedere la clientela deve pagare 46,1€ perché il solo possesso di questa presuppone che verranno suonati dei pezzi tutelati dalla SIAE e quindi si deve pagare preventivamente per evitare che questi signori guadagnino troppo poco.

Quelli della SIAE sono ladri punto.


avatar
Truman
Appassionato
Appassionato

Data d'iscrizione : 09.04.10
Numero di messaggi : 266
Località : Valligiana
Provincia (Città) : Valligiana
Impianto : SuperPro 707 + SMSL SA-S3 TA2021B + W3 Micro

Tornare in alto Andare in basso

Re: YouTube pagherà licenza a Siae per diritti streaming

Messaggio  Silver Black il Ven 22 Apr 2011 - 1:38

@Truman ha scritto:In una festa che abbiamo organizzato con tanti gruppi locali (pagati per quel poco che ci è possibile) la SIAE ci è costata 230€ per l'aver proposto spettacoli musicali (la quasi totalità dei pezzi suonati era di proprietà artistica dei gruppi) più il 10% di tutti gli incassi fatturati di bar e cucina (ed è così per tutte le feste in cui si suona, e dato che questi soldi qua servirebbero per pagare tutte le altre spese con questa voce qua si rischia d'andare in rosso anche se la festa va benissimo...).

Tra le altre cose vi do anche questa chicca, un agritur piccino che ha una chitarra cui può accedere la clientela deve pagare 46,1€ perché il solo possesso di questa presuppone che verranno suonati dei pezzi tutelati dalla SIAE e quindi si deve pagare preventivamente per evitare che questi signori guadagnino troppo poco.

Quelli della SIAE sono ladri punto.



Più che tassa, sempre il pizzo della mafia. Disagree Disagree Disagree

_________________
T-Forum, non solo classe T.
www.tforumhifi.com

Se ti piace la fotografia iscriviti a Lucegrafia, il forum di Fotografia per veri appassionati!
"Una fotografia prima la senti, poi la vedi". (Fabrizio Guerra, fotografo)
www.lucegrafia.net
avatar
Silver Black
Amministratore
Amministratore

Data d'iscrizione : 04.02.08
Numero di messaggi : 15460
Località : Veneto, Italia
Occupazione/Hobby : Software developer - Istruttore di Muay Thai
Provincia (Città) : Vicenza (Bassano del Grappa)
Impianto :
Spoiler:
Impianto: ampli: VirtueTwo.2 + JT Dynamic Power Supply (30V, 10A, 300W); diffusori: Proson Conquest 6030 MKII; sorgente: Oppo DV970; cavi segnale: Monster Cable MKII; cavi potenza: Qed Micro






http://www.silvercybertech.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: YouTube pagherà licenza a Siae per diritti streaming

Messaggio  simonluka il Gio 28 Lug 2011 - 18:25

Ho letto con molto interesse gli interventi di tutti e devo dire che ci sono stati degli spunti interessantissimi.
Per vari motivi (anche non concatenati tra loro) mi trovo a dover conoscere molto da vicino la materia in questione...
Vorrei esprimere il mio punto di vista scrivendolo in maiuscolo, ma preferisco evitare per buon costume. Laughing
Mi limito a darvi uno spunto di riflessione, che tra l'altro non può che confermare diversi concetti già espressi: i musicisti (e chi, comunque, ha cercato di vivere di musica) è da sempre stato lasciato a sé stesso, senza la benché minima tutela o garanzia. E' sempre stato visto come uno straccione senza né arte né parte, che andava ad elemosinare in giro. E qui apro una piccola parentesi: in Germania (tanto per citare un Paese che è leggermente avanti a noi in tutto) quello del musicista/strumentista/d.j./speaker/ecc. è considerato un LAVORO come qualsiasi altro e, andando ad iscriversi all'ufficio di collocamento, viene prospettata una lista con una serie di sotto-categorie (come a chiedere "in che cosa sei specializzato in particolare?") in modo che possano aiutarti a trovare l'impiego più giusto per le tue attitudini. Se in Italia vai all'ufficio di collocamento a chiedere lavoro come, che ne so, chitarrista classico (magari dopo che ti sei spaccato il (*) 10 anni al Conservatorio), ti chiedono "Che? E che lavoro è?"... Ma questo è un altro discorso...
Nonostante sia stato imposto l'obbligo di effettuare un esame (e PAGARE per questo!) per iscriversi alla Siae ed avere un minimo di "tutela" sulla paternità delle proprie opere, di fatto la Siae si differenzia da un notaio (altra categoria sulla quale non mi pronuncio) solo ed esclusivamente per il fatto che dovrebbe distribuire percentuale di denaro agli autori di un'opera che viene, ad esempio, eseguita durante un concert/festa/festino/orgia/ecc.... Infatti, in caso di sospetto plagio, l'iscritto dovrebbe comunque procedere (a proprie spese naturalmente) con una causa civile (e con avvocato pagato autonomamente), nell'ambito della quale la Siae si limiterebbe a mettere a disposizione un "perito" per il controllo degli spartiti (...).
Non si è mai capito però come mai di soldi ne entrassero sempre veramente mooooooolto pochi (parlo di ripartizioni di diritto d'autore), nonostante alcuni brani venissero suonati dal vivo almeno tre sere a settimana, per dieci mesi all'anno (non è il mio caso, ma ne conosco di gente...) . Insomma, dove finiscono questi soldi?

La legge antipirateria (che risale al 1941) è stata "aggiornata" (ed inasprita) qualche anno fa NON per tutelare gli autori/editori/musicisti/compositori che per poter realizzare qualcosa di concreto hanno magari dovuto investire milioni in strumenti, attezzature, ecc. MA a causa dell'impuntamento di un certo Mr. Bill Gates...
Infatti, nel momento in cui l'Authority ha iniziato a rompergli le palline per il discorso del browser Explorer contenuto nel suo sistema operativo (cosa che iniziava a puzzare di monopolizzazione...), l'arcisupermiliardario ha detto "Ah si? Voi rompere a me? Io rompere a voi!" ed ha chiesto (ed ottenuto a quanto pare) che tutti i Paesi si muovessero sul fronte antipirateria, considerato che i suoi softwares erano tra i più piratati al mondo... Ricordo ancora di qualche anno fa, quando ispettori della Microsoft andavano in giro per i negozi di pc fingendosi acquirenti di computer e chiedendo che gli venisse installato anche il sistema operativo... Ovviamente il negoziante glielo installava (per non perdere il cliente), ma senza licenza. E vai che partivano i controlli e le sanzioni....

Ora vi chiederete: Ma dove vuole arrivare con questo discorso?
Semplice: a dire che il mondo gira solo ed esclusivamente intorno ai soldi (e a chi ne ha "a iosa") e che, purtroppo, piove sempre sul bagnato.
Il musicista squattrinato, rimarrà sempre uno squattrinato e nulla verrà mai fatto a sua tutela. Per un Bill Gates, invece, si possono anche cambiare alcune leggi o introdurne di nuove...

Personalmente non approvo il download pirata, sia perché effettivamente oggi si possono acquistare brani a 99 centesimi (vedete il mio cd... Very Happy ) che non è proprio un'esagerazione; sia perché, comunque, a rimetterci saranno sempre e comunque quelli che intorno ad un disco ci hanno lavorato, investendo denaro, tempo, conoscenze, studi, ecc.
Sarà una questione morale, ma assolutamente personale. Quindi non biasimo assolutamente nessuno.
Ma credo che tutto si basi su una questione di "cultura" più che di necessità effettiva.
E questo ritengo non vada bene per nessuno. Perché impoverisce sia gli "addetti ai lavori" del settore, ma anche la cultura di un intero "popolo" che, oltre a "sporcarsi" per un'inezia, dà pure l'alibi a gente come la Siae per dire "Se non ci sono soldi, la colpa è di scarica gratis".

Ciao!
Simonluka
avatar
simonluka
Artista/Cantante
Artista/Cantante

Data d'iscrizione : 12.07.08
Numero di messaggi : 483
Località : Vicenza
Occupazione/Hobby : Cantautore
Provincia (Città) : Allegro
Impianto : Chario Constellation Pegasus, Phoenix
Grado SR80i, Sony MDR7506,
Yamaha AVR 5230RDS

https://itunes.apple.com/it/album/liberatemi/id599247820?i=59924

Tornare in alto Andare in basso

Re: YouTube pagherà licenza a Siae per diritti streaming

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum